In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera N. 2740 del 09.11.2009
Criteri e condizioni per l’applicazione dell’articolo 50, comma 5 della legge provinciale 11 agosto 1997, n. 13 e successive modifiche

Allegato

Criteri e condizioni per l’applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 50, comma 5, legge provinciale 11 agosto 1997, n.13 e successive modifiche  “Legge urbanistica provinciale”

I presenti criteri disciplinano le condizioni per l’applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 50, comma 5 della legge provinciale 11 agosto 1997, n.13 e successive modifiche.

 

B. Applicazione

1. L’ente competente per le zone produttive con provvedimento motivato, su domanda, può annullare i divieti assunti, qualora vengano garantiti gli obiettivi delle zone per insediamenti produttivi di cui alla successiva  lettera B, in presenza delle condizioni indicate alla successiva lettera D.

 

B. Obiettivi

1. La previsione di una zona produttiva, la sua gestione e l’insediamento di imprese perseguono l’obiettivo di rafforzare l’economia locale e la localizzazione economica in generale.

2. L’intervento da parte dell’ente competente è finalizzato ad un uso razionale del territorio e pertanto per raggiungere determinati obiettivi di natura economica o urbanistica, possono essere preferite categorie, settori o attività specifici.

3. Inoltre nelle zone produttive si perseguono le medesime finalità proprie della politica economica generale della Provincia:

-la promozione, la crescita e la diffusione della ricerca, dell’innovazione e dello sviluppo tecnologico;

-la tutela ambientale e paesaggistica;

-l’incremento del livello occupazionale in particolare da un punto di vista qualitativo

 

4. Nelle zone produttive le varie procedure amministrative e d’insediamento devono informarsi, nel rispetto delle previsioni normative, ai principi di economicità, speditezza ed efficienza.

5. Le disposizioni che regolano le procedure di assegnazioni nelle zone produttive mirano, fra l’altro, alla repressione dei comportamenti speculativi delle imprese assegnatarie.

 

C. Inadempimento

1. Fatto salvo quanto previsto dall’articolo 51ter della legge provinciale 11 agosto 1997, n.13 e successive modifiche, in caso di inadempimento degli obblighi assunti da parte delle imprese assegnatarie, trovano applicazioni le disposizioni normative in vigore al momento dell’adozione della deliberazione di assegnazione definitiva, oltre a quanto fissato nella convenzione rispettivamente nell’atto unilaterale d’obbligo sottoscritto dall’impresa assegnataria.

 

D. Condizioni

1. Le condizioni per l’annullamento dei divieti sono riepilogate nella tabella allegata sub A.

2. E´ comunque ammessa la cessione di parti del tutto irrilevanti dell’immobile rispettivamente degli immobili assegnati, se necessaria e meramente finalizzata alla realizzazione del progetto di edificazione e/o al corretto accatastamento dell’edificio rispettivamente degli edifici realizzati. In questi casi l’ente competente rilascia apposito nulla osta e le parti interessate non devono impegnarsi ai sensi dell’articolo 51 della legge urbanistica.

 

E. Mancato inizio attività aziendale

1. Qualora sussistano giustificati motivi l’ente competente può prorogare i termini previsti per l’inizio dell’attività aziendale.

 
Tabella A

ALIENAZIONE IMMOBILE ASSEGNATO

CONDIZIONE

PRIMA DELL’INIZIO ATTIVITA‘

ENTRO 5 ANNI DALL’INIZIO ATTIVITA‘

DAL 6°ANNO DALL’INIZIO DELL’ATTIVITA  FINO ALLA SCADENZA DEL VINCOLO VENTENNALE

L’acquirente è un‘impresa con i requisiti standard(1)e stipula con l’ente competente per le zone produttive un contratto ai sensi dell’articolo 51 della legge urbanistica provinciale rispettivamente subentra nell’assegnazione con l’assunzione dei vincoli

Restituzione del beneficio economico fruito(3)

Restituzione di metà del beneficio economico fruito(3)

__

L’acquirente è un‘impresa “innovativa”(2)e stipula con l’ente competente per le zone produttive un contratto ai sensi dell’articolo 51 della legge urbanistica provinciale rispettivamente subentra nell’assegnazione con l’assunzione dei vincoli

Restituzione di metà del beneficio economico fruito(3)

__

__

Confronto con le disposizioni della legge urbanistica provinciale dalle quali si può prescindere in presenza delle condizioni sopraindicate

Nullità e revoca

Due volte il prezzo di assegnazione rivalutato

Differenza valore di mercato e prezzo assegnazione rivalutato, ridotto in proporzione al tempo mancante alla scadenza dei vincoli

(1)Impresa con i requisiti standard“: impresa che svolge attività ammessa in zona produttiva.

(2)„Impresa innovativa“: impresa che opera nei settori considerati strategici dal piano provinciale per l‘innovazione o che investe in modo rilevante in ricerca e sviluppo.

(3)Beneficio economico  corrisponde alla differenza fra il valore di mercato dell’immobile assegnato, stabilito al momento dell’alienazione, e il prezzo di assegnazione corrisposto rivalutato in base agli indici sul costo della vita, al netto delle agevolazioni concesse direttamente all’impresa assegnataria per l’acquisto dell’immobile.

 

COSTITUZIONE DIRITTI REALI

CONDIZIONE

PRIMA DELL’INIZIO ATTIVITA‘

ENTRO 5 ANNI DALL’INIZIO ATTIVITA‘

DAL 6°ANNO DALL’INIZIO DELL’ATTIVITA  FINO ALLA SCADENZA DEL VINCOLO VENTENNALE

L’avente causa è un’impresa con i requisiti standard(1)rispettivamente un’impresa “innovativa(2)e l’assegnatario presenta richiesta di annullare i divieti prima della stipulazione del relativo contratto.

Pagamento di metà dell’importo stabilito in caso di alienazione

Pagamento di metà dell’importo stabilito in caso di alienazione

__

Confronto con le disposizioni della legge urbanistica provinciale dalle quali si può prescindere in presenza delle condizioni sopraindicate

 

Nullità e revoca

La metà della sanzione prevista per la vendita.

La metà della sanzione prevista per la vendita.

(1)Impresa con i requisiti standard“: impresa che svolge attività ammessa in zona produttiva.

(2)Impresa innovativa“: impresa che opera nei settori considerati strategici dal piano provinciale per l‘innovazione o che investe in modo rilevante in ricerca e sviluppo.

 

AFFITTO/LOCAZIONE

CONDIZIONE

PRIMA DELL’INIZIO ATTIVITA‘

ENTRO 5 ANNI DALL’INIZIO ATTIVITA‘

DAL 6°ANNO DALL’INIZIO DELL’ATTIVITA  FINO ALLA SCADENZA DEL VINCOLO VENTENNALE

L’affittuario o il locatario è un’impresa con i requisiti standard(1)rispettivamente un’impresa “innovativa(2)e l’assegnatario presenta richiesta di annullare i divieti prima della stipulazione del relativo contratto.

Annualmente pagamento di un importo pari al 5% del canone annuale previsto dal contratto di affitto

__

L’affittuario o il locatario è un’impresa con i requisiti standard(1)rispettivamente un’impresa “innovativa(2)e l’assegnatario presenta richiesta di annullare i divieti anche dopo la stipulazione del relativo contratto.

Annualmente pagamento di un importo pari al 10% del canone annuale previsto dal contratto di affitto

Annualmente pagamento di un importo pari al 5% del canone annuale previsto dal contratto di affitto

Confronto con le disposizioni della legge urbanistica provinciale dalle quali si può prescindere in presenza delle condizioni sopraindicate

Sanzione proporzionata alla durata del contratto e alla percentuale di immobile affittato (>15% risp.>30%)

[parametro: prezzo di affitto a m² stimato da Ufficio estimo provinciale]

(1)Impresa con i requisiti standard“: impresa che svolge attività ammessa in zona produttiva.

(2)Impresa innovativa“: impresa che opera nei settori considerati strategici dal piano provinciale per l‘innovazione o che investe in modo rilevante in ricerca e sviluppo.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction Delibera N. 2 del 12.01.2009
ActionAction Delibera N. 74 del 19.01.2009
ActionAction Delibera N. 135 del 19.01.2009
ActionAction Delibera N. 189 del 26.01.2009
ActionAction Delibera N. 243 del 02.02.2009
ActionAction Delibera N. 278 del 02.02.2009
ActionAction Delibera N. 331 del 09.02.2009
ActionAction Delibera N. 333 del 09.02.2009
ActionAction Delibera N. 478 del 16.02.2009
ActionAction Delibera N. 625 del 09.03.2009
ActionAction Delibera N. 755 del 16.03.2009
ActionAction Delibera N. 829 del 23.03.2009
ActionAction Delibera N. 922 del 30.03.2009
ActionAction Delibera N. 1150 del 27.04.2009
ActionAction Delibera N. 1185 del 27.04.2009
ActionAction Delibera 27 aprile 2009, n. 1181
ActionAction Delibera N. 1195 del 27.04.2009
ActionAction Delibera N. 1196 del 27.04.2009
ActionAction Delibera 4 maggio 2009, n. 1257
ActionAction Delibera 4 maggio 2009, n. 1264
ActionAction Delibera N. 1273 del 04.05.2009
ActionAction Delibera N. 1274 del 04.05.2009
ActionAction Delibera N. 1438 del 25.05.2009
ActionAction Delibera N. 1440 del 25.05.2009
ActionAction Delibera N. 1508 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1510 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1526 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1544 del 08.06.2009
ActionAction Delibera 8 giugno 2009, n. 1572
ActionAction Delibera 15 giugno 2009, n. 1600
ActionAction Delibera N. 1588 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1605 del 15.06.2009
ActionAction Delibera N. 1665 del 22.06.2009
ActionAction Delibera N. 1703 del 22.06.2009
ActionAction Delibera N. 1816 del 06.07.2009
ActionAction Delibera N. 1853 del 13.07.2009
ActionAction Delibera N. 1829 del 13.07.2009
ActionAction Delibera N. 1931 del 27.07.2009
ActionAction Delibera N. 1958 del 27.07.2009
ActionAction Delibera N. 1977 del 13.08.2009
ActionAction Delibera N. 2049 del 13.08.2009
ActionAction Delibera N. 2201 del 07.09.2009
ActionAction Delibera 24 agosto 2009, n. 2077
ActionAction Delibera N. 2209 del 07.09.2009
ActionAction Delibera 14 settembre 2009, n. 2264
ActionAction Delibera N. 2321 del 21.09.2009
ActionAction Delibera N. 2325 del 21.09.2009
ActionAction Delibera N. 2398 del 28.09.2009
ActionAction Delibera 28 settembre 2009, n. 2406
ActionAction Delibera N. 2510 del 19.10.2009
ActionAction Delibera N. 2717 del 09.11.2009
ActionAction Delibera N. 2740 del 09.11.2009
ActionAction Delibera N. 2756 del 16.11.2009
ActionAction Delibera N. 2780 del 16.11.2009
ActionAction Delibera N. 2789 del 16.11.2009
ActionAction Delibera Nr. 2800 vom 23.11.2009
ActionAction Delibera 23 novembre 2009, n. 2813
ActionAction Delibera 14 dicembre 2009, n. 2911
ActionAction Beschluss N. 2913 del 14.12.2009
ActionAction Delibera N. 2916 del 14.12.2009
ActionAction Delibera 14 dicembre 2009, n. 2978
ActionAction Delibera N. 3088 del 21.12.2009
ActionAction Delibera N. 3167 del 30.12.2009
ActionAction Delibera N. 3197 del 30.12.2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico