In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera N. 2591 del 17.07.2006
Approvazione dei requisiti standard per la formazione aziendale di apprendisti, di cui alla L.P. del 20 marzo 2006, n. 2

Allegato
 
Requisiti standard per la formazione aziendale di apprendisti
 
Le condizioni minime per l'autorizzazione alla formazione di apprendisti, di cui all'art. 9, comma 4 della L.P. del 20.03.2006, n. 2, sono definiti nei seguenti standard per la formazione aziendale:
 
1) Requisiti professionali
Il collaboratore o il titolare dell'azienda responsabile della formazione dell'apprendista, in seguito titolato “tutor”, deve  dimostrare di essere in possesso di una delle seguenti qualifiche:
 

>diploma di lavorante artigiano o diploma di fine apprendistato e successivi due anni di pratica professionale

>diploma conseguito presso una scuola superiore ad indirizzo tecnico-professionale (maturità), di un istituto superiore di qualificazione professionale oppure di un'università e successivi due anni di pratica professionale

>diploma di scuola triennale ad indirizzo tecnico-professionale e successivi tre anni di pratica professionale

>titolare d'azienda con cinque anni di pratica professionale nel ramo e certificazione di frequenza di corsi di formazione professionale.

 
Nella verifica dei requisiti professionali la pratica professionale rappresenta inequivocabilmente un aspetto rilevante.
 
2) Requisiti pedagogici professionali
Il tutor possiede una competenza di pedagogia professionale riconosciuta dall'Amministrazione provinciale. Il relativo corso di preparazione avrà una durata minima di 16 ore; i partecipanti certificano la loro competenza pedagogico-professionale tramite un ulteriore colloquio. Questo corso base qualifica il tutor alla formazione aziendale di apprendisti e la certificazione viene riconosciuta come credito formativo nell'esame per maestro artigiano. Tutte le qualifiche di pedagogia  professionale equipollenti nazionali o estere sono riconosciute. La decisione sull'equipollenza e sul relativo riconoscimento spetta al direttore della Formazione Professionale.
 
La formazione alla competenza pedagogica professionale comprende i seguenti contenuti pratici:
1° campo d'azione
1.1 Inizio e regole per i futuri formatori
1.2 Ruolo e importanza  sociale dei formatori
1.3 La formazione degli apprendisti nel quadro del  sistema didattico generale
 
2° campo d'azione

2.1 Reclutamento, selezione, assunzione di apprendisti, il primo giorno in azienda, il periodo di prova

2.2 Il piano formativo aziendale
 
3° campo d'azione
3.1 Programmazione concreta della formazione, dimostrare, indicare e istruire

Trasmissione delle basi delle nostre tecniche di apprendimento e di lavoro, motivazione e incoraggiamento

3.2 Comportamento deviante, riconoscimento di conflitti, problemi d'integrazione e relative tecniche di soluzione

 
4° campo d'azione
4.1 Preparazione all'esame di fine apprendistato
4.2 Formazione continua
 
3) Requisiti aziendali
La dotazione tecnica e organizzativa dell'azienda deve essere strutturata in modo tale che permetta

1°  la formazione di un apprendista nella rispettiva professione nel rispetto di quanto previsto dal quadro formativo aziendale

2° garantire le condizioni necessarie a preparare l'apprendista all'esame di lavorante artigiano o rispettivamente di fine apprendistato nel rispetto del programma di esame in vigore.

I  requisiti aziendali generali vengono rilevati nel modo seguente:
controllo dell'iscrizione nel registro camerale (attività e settore economico) o o nell'albo professionale ufficiale.
 
Per le aziende formatrici dei seguenti settori valgono inoltre i criteri sotto elencati per l'autorizzazione:
 
Commercio:
L'autorizzazione può essere concessa sia ad aziende di commercio al dettaglio che all'ingrosso, sempre che la vendita avvenga mediante colloquio di vendita individuale con corrispondente consulenza al cliente. Esercizi discount sono esclusi dalla possibilità di assumere apprendisti commessi di vendita.
Nel caso di commercio itinerante l'autorizzazione può essere concessa nel caso in cui l'azienda disponga di almeno tre postazioni fisse e possa dar prova di almeno 180 giornate lavorative all'anno. La verifica di queste giornate lavorative avviene mediante un'autocertificazione dell'avvenuto versamento della tassa di occupazione superficie.
 
 
Gastronomia:
Servizio: rifugi, ristori di montagna, snack-bar, bar senza servizio ai tavoli, mense, self-service e garnì sono esclusi dall'assunzione di apprendisti.
Cucina: devono venire offerti minimo  cinque primi piatti caldi, tre secondi (piatti a base di carne) e dessert. Si tiene conto anche delle variazioni stagionali delle pietanze e dell'intensità di lavoro.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction Delibera N. 217 del 30.01.2006
ActionAction Delibera N. 307 del 06.02.2006
ActionAction Delibera N. 324 del 06.02.2006
ActionAction Delibera N. 335 del 06.02.2006
ActionAction Delibera N. 428 del 13.02.2006
ActionAction Delibera N. 477 del 13.02.2006
ActionAction Delibera N. 675 del 27.02.2006
ActionAction Delibera 13 marzo 2006, n. 794
ActionAction Delibera N. 801 del 13.03.2006
ActionAction Delibera N. 858 del 13.03.2006
ActionAction Delibera 27 marzo 2006, n. 901
ActionAction Delibera 27 marzo 2006, n. 902
ActionAction Delibera 27 marzo 2006, n. 1022
ActionAction Delibera N. 1107 del 03.04.2006
ActionAction Delibera N. 1148 del 03.04.2006
ActionAction Delibera N. 1193 del 10.04.2006
ActionAction Delibera N. 1262 del 10.04.2006
ActionAction Delibera N. 1271 del 10.04.2006
ActionAction Delibera 18 aprile 2006, n. 1347
ActionAction Delibera N. 1354 del 18.04.2006
ActionAction Delibera N. 1485 del 02.05.2006
ActionAction Delibera N. 1749 del 22.05.2006
ActionAction Delibera N. 1868 del 29.05.2006
ActionAction Delibera N. 1986 del 06.06.2006
ActionAction Delibera N. 1998 del 06.06.2006
ActionAction Delibera N. 2033 del 06.06.2006
ActionAction Delibera 19 giugno 2006, n. 2215
ActionAction Delibera N. 2352 del 26.06.2006
ActionAction Delibera N. 2441 del 03.07.2006
ActionAction Delibera N. 2591 del 17.07.2006
ActionAction Delibera N. 2673 del 24.07.2006
ActionAction Delibera N. 2723 del 24.07.2006
ActionAction Delibera N. 2742 del 24.07.2006
ActionAction Delibera N. 2858 del 11.08.2006
ActionAction Delibera N. 2985 del 28.08.2006
ActionAction Delibera N. 3461 del 25.09.2006
ActionAction Delibera N. 3922 del 30.10.2006
ActionAction Delibera N. 4047 del 06.11.2006
ActionAction Delibera N. 4054 del 06.11.2006
ActionAction Delibera 27 novembre 2006, n. 4274
ActionAction Delibera N. 4394 del 27.11.2006
ActionAction Delibera N. 4520 del 04.12.2006
ActionAction Delibera N. 4830 del 18.12.2006
ActionAction Delibera N. 5071 del 29.12.2006
ActionAction Delibera N. 5072 del 29.12.2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico