In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

a) Legge provinciale 27 ottobre 1988, n. 411)
Riorganizzazione dei servizi di tutela dell'ambiente e del lavoro 1

1)
Pubblicata nel B.U. 8 novembre 1988, n. 50.

TITOLO I
Disposizioni generali

Art. 1-12 2)

2)
Riportati al n. XXIII - B/i.

Art. 13 (Proporzionale degli organi collegiali)

(1) La composizione degli organi collegiali previsti nella presente legge deve adeguarsi alla consistenza dei gruppi linguistici risultante dall'ultimo censimento generale della popolazione.

TITOLO II
Disposizioni in materia di sicurezza del lavoro

Art. 14 (Competenze della Provincia)   delibera sentenza

(1) Le attribuzioni in materia di sicurezza del lavoro, delle macchine e degli impianti, di cui al D.P.R. 28 marzo 1975, n. 474, e successive modifiche, sono esercitate nel territorio della Provincia secondo le modalità stabilite nella presente legge nel regolamento d'esecuzione.

(2) Nelle attribuzioni in materia di sicurezza del lavoro, delle macchine e degli impianti, trasferite alla Provincia autonoma di Bolzano ai sensi dell'articolo 1 del D.P.R. 26 gennaio 1980, n. 197sono compresi:

  1. i compiti di cui all'articolo 7 del D.P.R. 19 marzo 1955, n. 520, e all'articolo 4 della legge 22 luglio 1961, n. 628;
  2. i compiti di cui all'articolo 2 dello Statuto dell'ENPI approvato con D.P.R. 18 dicembre 1954, n. 1512;
  3. i compiti di cui all'articolo 1 del R.D. L. 9 luglio 1926, n. 1331, e all'articolo 2 dello Statuto dell'ANCC approvato con R.D. 23 dicembre 1926, n. 2339.

(3) Restano ferme le competenze riservate allo Stato ai sensi dell'articolo 3 del D.P.R. 28 marzo 1975, n. 474, e successive modifiche.

massimeDelibera 27 dicembre 2016, n. 1493 - Integrazione della deliberazione della Giunta provinciale n. 134 dd. 28 gennaio 2013 e ss. i. e m. (sicurezza del lavoro) per estendere il progetto sperimentale dell' e-Learning di cui all'Accordo sancito dalla Conferenza Stato - Regioni il 7 luglio 2016
massimeDelibera 28 gennaio 2013, n. 134 - Formazione delle lavoratrici e dei lavoratori, dei preposti e dei dirigenti ai sensi delle disposizioni del Testo Unico sulla sicurezza del lavoro (D.lgs. 9.4.2008, n. 81 e successive modifiche) per le aziende private e pubbliche dell’Alto Adige (modificata con delibera n. 634 del 22.04.2013 e delibera n. 1493 del 27.12.2016)
massimeDelibera N. 1111 del 08.04.2002 - Piano provinciale sicurezza, salute ed igiene nei luoghi di lavoro, tutela sociale del lavoro ed emersione del lavoro sommerso

Art. 15 3)

3)
Abrogato dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 16 (Poteri e facoltà del personale ispettivo)  delibera sentenza

(1) Al personale di cui all'articolo 15, spettano, ai sensi dell'articolo 1 del D.P.R. 28 marzo 1975, n. 474, e successive modifiche, i poteri e le facoltà di cui agli articoli 8 e 9 del D.P.R. 19 marzo 1955, n. 520.

(2) Il personale di cui all'articolo 15 che, nel corso dell'ispezione, del controllo tecnico e della verifica, rilevi manchevolezze circa la tutela del lavoro, riguardanti le disposizioni vigenti o le norme tecniche o di buona tecnica, ordina al datore di lavoro, o al responsabile della ditta, o dei lavori, l'attuazione di condizioni di sicurezza da realizzarsi entro un termine di tempo il più breve possibile.

(3) Le disposizioni devono essere fatte su modulo di verbale di ispezione, o di verifica, contenente tutti i dati d'identificazione dell'ufficio e del procedente; il verbale viene sottoscritto per ricezione dalla persona presente all'ispezione, alla quale ne viene consegnata copia. Se la persona presente all'ispezione non è il datore di lavoro, essa dovrà far pervenire il verbale d'ispezione o di verifica nel più breve tempo possibile al datore di lavoro.4)

(4) Il verbale non accettato dalla persona presente all'ispezione viene inviato a cura dell'ufficio competente al datore di lavoro o responsabile del luogo di lavoro e dell'impianto, mediante lettera raccomandata.

(5) Qualora, entro il termine stabilito, il datore di lavoro o responsabile del luogo di lavoro o dell'impianto, non abbia ottemperato alle disposizioni impartite, nei confronti dello stesso viene applicata la sanzione prevista.4)

(6) Qualora l'esecuzione delle disposizioni richieda più tempo di quello preventivato, il datore di lavoro, o responsabile della ditta o dei lavori può chiedere al direttore dell'ufficio competente una proroga del termine prescritto.4)

(7) La proroga può essere concessa qualora il richiedente possa attribuire il ritardo a cause oggettive e provveda nel frattempo a contenere il pericolo con altri provvedimenti, anche organizzativi, atti a tutelare efficacemente i lavoratori, o utenti dell'impianto o della macchina.

massimeT.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 9 del 27.01.1998 - Impiegato provinciale - inquadramento di un segretario Impiegato provinciale - ispettore del lavoro - transito dallo Stato - stato giuridico - titolo di studio e mansioni
4)
I commi 3, 5 e 6 sono stati modificati dall'art. 2 della L.P. 15 maggio 1996, n. 9.

Art. 17 3)

3)
Abrogato dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 18 (Ricorsi)

(1) Contro le disposizioni impartite dagli ispettori del lavoro. è ammesso ricorso gerarchico all'assessore provinciale competente, che si esprime con provvedimento definitivo su parere conforme di un collegio tecnico per i ricorsi, composto da:

  1. il direttore della ripartizione XI;
  2. il direttore dell'ufficio sicurezza del lavoro;
  3. il direttore dell'ufficio tecnica della sicurezza;
  4. il direttore dell'ufficio impianti a pressione e prevenzione incendi;
  5. il direttore dell'ufficio per la tutela dell'aria.

(2) Il ricorso va presentato all'Ufficio provinciale competente, entro il termine fissato per l'esecuzione delle disposizioni e contenuto nel verbale d'ispezione o di verifica, o comunque entro 15 giorni dalla notifica del verbale.

(3) Il ricorso ha effetto sospensivo sulle disposizioni fino alla decisione dell'assessore provinciale competente, purché il ricorrente indichi, contestualmente al ricorso, i provvedimenti di sicurezza che egli ritiene idonei a ridurre efficacemente il rischio, fino alla decisione del ricorso, e che intenda nel frattempo attuare; oppure deve opportunamente motivare perché non intenda attuare alcun provvedimento. Trascorso il termine di tre mesi dalla data di presentazione del ricorso senza che sia stata comunicata la decisione all'interessato, il provvedimento impugnato diventa definitivo.5)

5)
L'art. 18 è stato modificato dall'art. 2 della L.P. 15 maggio 1996, n. 9.

Art. 19 (Servizi di consulenza)

(1) I servizi di consulenza possono essere richiesti al direttore della ripartizione XI da ditte, da datori di lavoro, utenti di macchine e impianti, da enti pubblici e privati e da ogni altro interessato, per macchine e impianti del cui uso ne sono responsabili.

Art. 20 (Servizi a pagamento)  delibera sentenza

(1) I servizi di collaudo, verifiche di macchine, impianti e apparecchi sono soggetti al pagamento di un diritto a favore dell'amministrazione provinciale.

(2) Tali servizi sono gratuiti se svolti a favore dell'amministrazione provinciale.

(3) I diritti per i servizi a pagamento sono determinati con deliberazione della Giunta provinciale, tenuto conto di un costo base orario onnicomprensivo per funzionario di lire 55.000, aumentabile fino al 50% nel caso di impiego di strumentazione. I diritti possono essere periodicamente rideterminati con deliberazione della Giunta provinciale, tenendo conto dell'evoluzione del costo della vita secondo l'indice ISTAT.

massimeDelibera N. 2828 del 10.08.2008 - Rideterminazione dei diritti per prestazioni relative al servizio di collaudo, verifica degli apparecchi a pressione o generatori di vapore. Revoca della deliberazione n. 2384 del 07.07.2008

Art. 21 (Modalità di pagamento dei diritti)

(1) I diritti per i servizi di cui all'articolo 20 devono essere pagati entro 30 giorni dalla data di ricevimento della richiesta secondo le modalità ivi indicate.

(2) Se il pagamento avviene successivamente alla scadenza del termine prefissato, va corrisposta una penale pari al 10% dell'importo dovuto oltre agli interessi legali. I relativi importi sono recuperati ai sensi del decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 46.6)

6)
Il comma 2 è stato modificato dall'art. 68 della L.P. 29 gennaio 2002, n. 1.

Art. 22  7)

7)
L'art. 22 è stato abrogato dall'art. 19, comma 1, lettera h), della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.

Art. 23  8)

8)
L'art. 23 è stato abrogato dall'art. 19, comma 1, lettera h), della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.

Art. 24 9)

9)
Abrogato dall'art. 3 della L.P. 15 maggio 1996, n. 9.

Art. 25 (Elenchi dei conduttori, manutentori e montatori di gru e altri apparecchi di sollevamento e trasporto)

(1) Sono istituiti, ferme restando le responsabilità ed i doveri stabiliti dalle norme vigenti in materia di prevenzione infortuni, presso l'ufficio sicurezza del lavoro gli elenchi provinciali dei conduttori, manutentori e montatori di gru e altri apparecchi di sollevamento e trasporto, ai quali si accede previa acquisizione del certificato di abilitazione, rilasciato dall'ufficio.

(2) Presso l'ufficio sicurezza del lavoro sono istituite le commissioni d'esami per l'abilitazione dei conduttori, manutentori e montatori di gru, e altri apparecchi di sollevamento e trasporto, composte dai seguenti membri:

  1. un ingegnere dell'ufficio sicurezza del lavoro, con funzioni di presidente;
  2. un tecnico addetto al servizio ispettivo per gli apparecchi di sollevamento e trasporto;
  3. un tecnico esperto in costruzione o montaggio o manutenzione delle gru e altri apparecchi di sollevamento e trasporto.

(3) Per ciascun membro effettivo è nominato un membro supplente. Funge da segretario della commissione un impiegato dell'ufficio sicurezza del lavoro.

(4) Per essere ammessi all'esame i candidati devono possedere i seguenti requisiti:

  1. età compresa fra 18 e 65 anni, abbassabile a 16 anni per apprendimento ed esercitazione sotto la vigilanza di persona abilitata;
  2. certificato di sana costituzione fisica, con senso visivo e auditivo normali, e, per i montatori e manutentori di gru l'idoneità all'esecuzione di lavori sospesi nel vuoto a notevole altezza dal suolo;
  3. aver effettuato un periodo di tirocinio pratico sotto la direzione di persona abilitata non inferiore a 3 mesi per la conduzione di mezzi, non inferiore ad un anno per montatori e manutentori;
  4. conoscenze teoriche, pratiche e normative inerenti all'attività specifica, stabilite nel regolamento di esecuzione alla presente legge.

(5) L'esame verrà regolamentato nei dettagli mediante il regolamento d'esecuzione alla presente legge. Con regolamento di esecuzione verrà altresì determinata la classificazione delle gru e degli apparecchi di sollevamento e trasporto, nonché i conseguenti vari gradi di difficoltà degli esami per l'abilitazione dei conduttori di gru ed altri apparecchi di sollevamento e trasporto.

(6)10)

(7) In sede di prima applicazione della presente legge possono richiedere di essere iscritti nell'elenco, senza esame, coloro che soddisfino ai requisiti di cui ai punti a), b) del comma 4, esercitino la professione da almeno 5 anni e al momento della richiesta, risiedano in provincia di Bolzano o esplichino ivi la loro attività.

(8) L'iscrizione nell'elenco provinciale può avvenire altresì previa regolare e proficua frequenza di corsi specifici organizzati dall'amministrazione provinciale o da questa approvati, e dopo superamento di un esame teorico-pratico. I corsi devono essere conformi ai contenuti previsti per l'esame di cui al comma 2. Il programma di detti corsi e della prova teorico-pratica d'esame viene stabilito, previa intesa con gli uffici provinciali competenti, con apposito regolamento di esecuzione.11)

10)
L'art. 25, comma 6, è stato abrogato dall'art. 17, comma 1, della L.P. 10 giungo 2008, n. 4.
11)
Il comma 8 è stato aggiunto dall'art. 2, comma 2, della L.P. 21 maggio 1996, n. 11.

Art. 25/bis (Piano di sicurezza)

(1) Il piano di sicurezza, previsto dalle norme vigenti, è tenuto in cantiere al fine della sua diretta applicazione e per essere esibito agli ispettori del lavoro dell'ufficio provinciale sicurezza del lavoro, in sede di controllo ispettivo.

(2) Per lavori edili, di scavo e in sotterraneo la cui durata preventivata è maggiore di 2 anni, il piano di sicurezza deve essere trasmesso all'ufficio provinciale sicurezza del lavoro prima dell'inizio dei lavori di allestimento del cantiere.

(3) La vigilanza sull'applicazione delle disposizioni previste dal piano di sicurezza è affidata all'ufficio provinciale sicurezza del lavoro, che la esercita mediante i propri ispettori del lavoro, secondo le modalità previste dagli articoli 16, 18 e 26 della presente legge.12)

12)
L'art. 25/bis è stato inserito dall'art. 14 della L.P. 16 giugno 1992, n. 18.

Art. 25/ter (Formazione in materia di pronto soccorso)

(1) La Provincia autonoma di Bolzano disciplina con regolamento le modalità e i criteri per il riconoscimento della formazione in materia di pronto soccorso ai sensi dell'articolo 12, comma 1, lettere b) e c), e dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modifiche.13)

13)
L'art. 25/ter è stato inserito dall'art. 19 della L.P. 23 luglio 2004, n. 4.

Art. 25/quater (Riferimenti)

(1) Ogni riferimento agli “esperti della sicurezza” ovvero alla relativa formazione, come prevista dalla pertinente disciplina provinciale, contenuto in provvedimenti di legge o norme di rango secondario è da intendersi, in quanto compatibile, a persone che possano dimostrare la frequenza di un corso con le seguenti caratteristiche:

  1. abbia riguardato almeno i concetti generali della sicurezza del lavoro, la pianificazione e l’organizzazione della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, nonché i rischi e i pericoli specifici dei vari ambienti di lavoro e la relativa prevenzione;
  2. abbia avuto una durata non inferiore di 120 ore;
  3. sia stata conclusa con positiva verifica dell’apprendimento. 14)
14)
L'art. 25/quater è stato inserito dall'art. 16, comma 1, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.

Art. 26 (Sanzioni amministrative)

(1) Coloro che, legalmente richiesti dall'ufficio tecnica della sicurezza o dall'ufficio sicurezza del lavoro o dall'ufficio impianti a pressione e prevenzione incendi o dal personale ispettivo di fornire notizie, non le forniscano o le diano scientemente errate o incomplete, sono soggetti al pagamento di una sanzione amministrativa da Euro 461 a Euro 921.15)

(2) Chi impedisca od ostacoli in modo grave il personale ispettivo nell'esecuzione di una ispezione di controllo della sicurezza o di un'inchiesta di infortunio è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa da Euro 461 a Euro 921.15)

(3) Coloro che non eseguano in tempo utile le prescrizioni impartite dagli ispettori del lavoro, sono soggetti al pagamento di una sanzione amministrativa da Euro 921 a Euro 1.835.15)

(4) La contestazione delle violazioni e l'applicazione delle sanzioni amministrative avviene secondo le modalità di cui alla legge provinciale 7 gennaio 1977, n. 9, e successive modifiche e integrazioni.

15)
Gli importi sono stati così sostituiti dall'art. 1, comma 18, del D.P.P. 19 luglio 2006, n. 34.

Art. 27 16)

16)
L'art. 27 è stato abrogato dall'art. 52 della L.P. 19 febbraio 2001, n. 4.

Art. 28-29 17)

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

17)
Omissis.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionA Mercato del lavoro
ActionActionB Collocamento dei lavoratori
ActionActionC Orientamento professionale
ActionActionD Tutela tecnica del lavoro
ActionActiona) Legge provinciale 27 ottobre 1988, n. 41
ActionActionDisposizioni generali
ActionActionDisposizioni in materia di sicurezza del lavoro
ActionActionb) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 24 agosto 1990, n. 19
ActionActionc) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 4 maggio 1992, n. 18
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 2 luglio 1993, n. 13 —
ActionActione) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 21 luglio 1994, n. 33
ActionActionf) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 25 novembre 1994, n. 56 —
ActionActiong) LEGGE PROVINCIALE 15 maggio 1996, n. 9
ActionActionh) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 aprile 1999, n. 16
ActionActioni) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 ottobre 1999, n. 60
ActionActionj) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 13 giugno 2005, n. 25
ActionActionk) Decreto del Presidente della Provincia 2 novembre 2009 , n. 51
ActionActionl) Decreto del Presidente della Provincia 2 marzo 2010 , n. 15
ActionActionm) Decreto del Presidente della Provincia 8 marzo 2012, n. 7
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 5 giugno 2015, n. 16
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico