In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

46) Decreto del Presidente della Repubblica15 luglio 1988, n. 3051)
Norme di attuazione dello statuto speciale per la Regione Trentino-Alto Adige per l'istituzione delle sezioni di controllo della Corte dei conti di Trento e di Bolzano e per il personale ad esse addetto

1)
Pubblicato nella G.U. 30 luglio 1988, n. 178.

TITOLO I
Disposizioni generali

Art. 1    delibera sentenza

(1)  Nella regione Trentino-Alto Adige sono istituite due sezioni di controllo della Corte dei conti, aventi sede rispettivamente in Trento ed in Bolzano.

(2)  Ciascuna sezione di controllo è costituita da un presidente di sezione, che la presiede, e da magistrati assegnati agli uffici di controllo.

(2/bis)  Nella stessa regione le sezioni giurisdizionali della Corte dei conti e le relative procure, istituite dalla legge 14 gennaio 1994, n. 19, hanno sede nei capoluoghi delle province di Trento e di Bolzano.

(2/ter)  Per le sezioni e per la procura con sede a Bolzano è istituito il ruolo locale del personale amministrativo indicato nella tabella D di cui al comma successivo.

(2/quater)  Alle sezioni ed alle procure sono assegnate le dotazioni organiche di magistrati, dirigenti, funzionari ed impiegati indicati nelle tabelle A, B, C e D, allegate al presente decreto. I magistrati di cui alle tabelle A e C, nonché i dirigenti di cui alle tabelle B e D sono collocati in posizione di fuori ruolo. Al personale di cui alle tabelle C e D si applicano le disposizioni contenute nel titolo II del presente decreto.

(2/quinquies)  Per la copertura dei posti vacanti nelle dotazioni organiche di cui alla tabella B, il commissario del Governo per la provincia di Trento provvede all'espletamento dei concorsi su richiesta del Presidente della Corte dei conti.

(2/sexies)  Alla modifica delle suddette tabelle si provvede osservando le procedure previste dall'articolo 107 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670.2) 

massimeCorte costituzionale - sentenza 23 ottobre 2013, n. 252 - Conflitto di attribuzione tra enti – Corte dei conti – acquisizione di documentazione in forma generalizzata – censura del modo di esercizio della funzione giudiziaria – spetta alla sezione giurisdizionale della Corte dei conti
massimeCorte costituzionale - Sentenza N. 171 del 04.05.2005 - Contratto collettivo di lavoro dei dipendenti provinciali - Non è soggetto a certificazione della Corte dei conti di compatibilità con gli strumenti di programmazione e di bilancio
2)
L'art. 1 è stato modificato dall'art. 1 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 2     delibera sentenza

(1)  Il controllo sulla gestione del bilancio e del patrimonio della Regione Trentino-Alto Adige e della Provincia autonoma di Trento sono esercitati dalla sezione di controllo della Corte dei conti avente sede in Trento. 3)

(2)  Il controllo sulla gestione del bilancio e del patrimonio della Provincia autonoma di Bolzano sono esercitati dalla sezione di controllo della Corte dei conti avente sede in Bolzano.4) 3)

massimeCorte costituzionale - sentenza 14 novembre 2014, n. 237 - Impugnazione di varie disposizioni del decreto legge n. 101/2013 (Disposizioni urgenti per la razionalizzaione nelle PA) contertito dalla legge n. 125/2013 - limitazioni agli incarichi di consulenza - visite ispettive statali - assunzione di lavoratori precari interpretazione nel senso del rispetto delle competenze statutarie
3)
I commi 1 e 2 dell'art. 2 sono stati così modificati dall'art. 1, comma 1, del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166.
4)
L'art. 2 è stato sostituito dall'art. 2 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 3-45) 

5)
Abrogati dall'art. 13 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 5

(1)  Le sezioni di controllo della Corte dei conti aventi sede a Trento e a Bolzano sono altresì competenti, secondo le norme vigenti, al controllo di legittimità sugli atti e sulla gestione del bilancio e del patrimonio degli organi dello Stato aventi sede nelle due province.

(2)  I consiglieri che fanno parte delle sezioni di controllo della Corte dei conti, aventi sede in Trento e Bolzano, sono delegati al controllo dei suddetti atti dal Presidente della Corte dei conti con proprio decreto.6) 

6)
L'art. 5 è stato sostituito dall'art. 3 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 6     delibera sentenza

(1)  Per il controllo sulla gestione del bilancio e del patrimonio della Regione e delle Province autonome di Trento e di Bolzano,  degli enti locali, nonché degli altri enti pubblici di cui all'articolo79, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670  per lo svolgimento dell'attività e per il funzionamento delle sezioni di Trento e di Bolzano e dei relativi uffici di controllo, nonché per l'esercizio delle funzioni dei presidenti di sezione preposti al coordinamento si applicano, per quanto non disciplinato dal presente decreto, le leggi dello Stato che disciplinano l'ordinamento, le attribuzioni e le procedure della Corte dei conti.  Nell'ambito delle predette funzioni di controllo, la Corte può chiedere alle amministrazioni pubbliche previste dal primo periodo dati economici e patrimoniali riferiti agli enti e agli organismi privati dalle stesse partecipati o finanziati in via ordinaria.  7)

(2)  Le sezioni di controllo aventi sede a Trento e a Bolzano definiscono annualmente i programmi e i criteri di riferimento del controllo sulla gestione del bilancio e del patrimonio delle regioni e delle province autonome e ne danno comunicazione agli enti interessati.

(3)  Il controllo sulla gestione concerne il perseguimento degli obiettivi stabiliti dalle leggi di principio e di programma regionali, provinciali ovvero statali, in quanto applicabili.8) 

(3/bis) La Regione e le Province istituiscono con proprie disposizioni normative, nel rispetto dei principi stabiliti dalla normativa statale in materia, un collegio dei revisori dei conti, quale organo di vigilanza sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione dell'ente. Il collegio opera, nel quadro dell'ordinamento finanziario del titolo VI dello Statuto, in raccordo con le competenti sezioni di controllo della Corte dei conti aventi sede a Trento e a Bolzano.  9)

(3/ter)  La Regione e le Province possono richiedere ulteriori forme di collaborazione alle sezioni della Corte dei conti ai fini della regolare gestione finanziaria e dell'efficienza ed efficacia dell'azione amministrativa, nonché pareri in materia di contabilità pubblica anche per conto degli enti locali, singoli o associati, e degli altri enti e organismi individuati dall'articolo 79, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670. 10)

massimeCorte costituzionale - sentenza219 - Decreto legislativo n. 149/2011 (Meccanismi sanzionatori e premiali relativi a regioni, province e comuni) – federalismo fiscale – patto di stabilità interna – illegittimità di meccanismi premiali e sanzionatori automatici nei confronti delle regioni e province autonome – illegittimità di ulteriori forme di controllo governativo sui conti pubblici oltre a quello esercitato dalla Corte dei Conti
massimeCorte costituzionale - sentenza 26 marzo 2013, n. 60 - Corte dei Conti - poteri di vigilanza sulla finanza degli enti locali e dell'Azienda sanitaria - ulteriore controllo rispetto a quello attribuito alla Provincia
7)
L'art. 6, comma 1, è stato prima modificato dall'art. 1, comma 2, lettera a), del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166  e successivamente dall'art. 1, comma 1, lettera a), del D.Lgs. 3 marzo 2016, n. 43.
8)
L'art. 6 è stato sostituito dall'art. 4 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.
9)
Il comma 6/bis dell'art. 6 è stato aggiunto dall'art. 1, comma 2, lettera b), del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166, e successivamente così sostituito dall'art. 1, comma 1, lettera b), del D.Lgs. 3 marzo 2016, n. 43.
10)
Il comma 6/ter dell'art. 6 è stato aggiunto dall'art. 1, comma 2, lettera b), del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166.

Art. 7  11) 

11)
Gli articoli 7 e 8 sono stati abrogati dall'art. 1, comma 5, del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166.

Art. 8 11)

11)
Gli articoli 7 e 8 sono stati abrogati dall'art. 1, comma 5, del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166.

Art. 912) 

12)
L'art. 9 è stato abrogato dall'art. 1 del D.Lgs. 2 ottobre 1997, n. 385.

Art. 10   delibera sentenza

(1)  Il rendiconto generale della Regione e quello delle Province di Trento e di Bolzano sono parificati dalle Sezioni riunite nella Regione Trentino-Alto Adige, con un Collegio composto dalle Sezioni di controllo delle Province di Trento e di Bolzano in adunanza congiunta. Le Sezioni riunite regionali si riuniscono alternativamente a Trento ed a Bolzano seguendo l'alternanza delle adunanze del Consiglio Regionale. 13)

(2)  Alla decisione è unita una relazione nella quale la Corte formula le sue osservazioni intorno al modo con cui l'amministrazione interessata si è conformata alle leggi e suggerisce le variazioni o le riforme che ritenga opportuno.

(3)  La decisione e la relazione sono trasmesse al Presidente del consiglio regionale o ai presidenti dei consigli provinciali di Trento e di Bolzano, che le sottopongono ai rispettivi consigli unitamente alla relazione della giunta.

(4)  Copia della decisione e della relazione viene trasmessa ai competenti commissari del Governo.

massimeCorte costituzionale - sentenza 21 marzo 2012, n. 72 - Parificazione del rendiconto generale della Regione - pretesa della Corte dei conti di un controllo preventivo di legittimità dei regolamenti regionali - inammissibilità del ricorso
massimeCorte costituzionale - Sentenza N. 292 del 25.07.2001 - Giudizio di conto sulla gestione contabile dei consigli regionale e provinciali
13)
L'art. 10, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 3, del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166.

Art. 10/bis    delibera sentenza

(1)  Per l'attività giurisdizionale delle sezioni aventi sede a Trento e a Bolzano e delle relative procure si applicano le leggi sulla disciplina dell'ordinamento e delle procedure della Corte dei conti, salvo quanto disposto dai commi 2, 3 e 4.

(2)  Tutti i giudizi relativi ai residenti all'estero la cui ultima residenza era nei territori delle Province autonome di Trento e di Bolzano sono di competenza della rispettiva sezione giurisdizionale provinciale.

(3)  Nei giudizi presso la sezione di Bolzano si applicano le disposizioni di cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 1988, n. 574.

(4)  Spetta all'ente pubblico che ha subito il danno il risarcimento conseguente alla condanna del dipendente pubblico o dell'amministratore.14) 

massimeCorte costituzionale - Sentenza N. 184 del 12.06.2007 - Responsabilità erariale - Definizione del procedimento mediante pagamento di una percentuale del danno quantificato con la sentenza di primo grado.
14)
L'art. 10/bis è stato inserito dall'art. 5 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 11

(1)  Sono abrogate le norme contenute nel titolo V del decreto del Presidente della Repubblica 1° febbraio 1973, n. 49.

Art. 12

(1)  Le spese relative al personale ed al funzionamento delle sezioni giurisdizionali, delle procure e delle sezioni di controllo aventi sede a Trento e a Bolzano sono a carico dello Stato; le spese relative ai locali ed alla loro manutenzione sono a carico delle province autonome.15) 

15)
L'art. 12 è stato sostituito dall'art. 6 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

TITOLO II
Disposizioni per il personale di magistratura e amministrativo delle sezioni e della procura della Corte dei conti aventi sede a Bolzano16)

Art. 13

(1)  I posti di pianta organica delle sezioni e della relativa procura della Corte dei conti aventi sede a Bolzano sono riservati a cittadini appartenenti ai gruppi linguistici italiano, tedesco e ladino, in rapporto alla consistenza dei gruppi stessi quale risulta dalle dichiarazioni di appartenenza rese nell'ultimo censimento ufficiale della popolazione.17) 

17)
L'art. 13 è stato sostituito dall'art. 8 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 145) 

5)
Abrogati dall'art. 13 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 15

(1)  Per la copertura dei posti della qualifica iniziale di magistrato delle sezioni della Corte dei conti e della relativa procura aventi sede a Bolzano, sono banditi dal Presidente della Corte dei conti appositi concorsi. Il numero dei posti da mettere a concorso è determinato, in relazione alle vacanze, dal Presidente della Corte, su delibera del Consiglio di presidenza, d'intesa con la Provincia autonoma di Bolzano, rappresentata come previsto dal terzo comma dell'articolo 13 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, e successive modificazioni.18) 

(1/bis)  A detti concorsi possono partecipare anche impiegati della provincia e delle amministrazioni locali che abbiano gli altri requisiti richiesti dalla normativa in materia.18) 

(1/ter)  I concorsi di cui al primo comma si svolgono a Bolzano.18) 

(2)  La commissione d'esame, secondo quanto previsto dalle norme sui concorsi a magistrato della Corte dei conti, è nominata dal Presidente della Corte dei conti ed è composta da sei membri che conoscano la lingua italiana e la lingua tedesca, tre appartenenti al gruppo di lingua italiana e tre appartenenti al gruppo di lingua tedesca, scelti da un elenco di nomi predisposto dal consiglio di presidenza, d'intesa con la Provincia di Bolzano rappresentata come previsto dal comma 1.

(3)  Nei suddetti concorsi hanno la precedenza i candidati idonei residenti da almeno due anni nella provincia di Bolzano.

(4)  I magistrati assunti mediante i concorsi di cui al presente articolo possono essere trasferiti soltanto a domanda e dopo dieci anni dalla data di nomina.

18)
Il comma 1 è stato così sostituito dall'art. 9 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Art. 16

(1)  Le prove di concorso per i posti di cui all'articolo 15 devono tener conto anche del particolare ordinamento giuridico-amministrativo della Provincia di Bolzano.

Art. 17

(1)  Per far fronte a straordinarie esigenze di funzionamento delle sezioni della Corte dei conti è della relativa procura aventi sede a Bolzano, il Presidente della Corte stessa può provvedere con le necessarie assegnazioni di magistrati, preferibilmente a conoscenza della lingua tedesca. Tali assegnazioni non possono superare la durata di un anno.19) 

(1/bis)  Le Sezioni di controllo possono essere integrate con un componente designato rispettivamente dal Consiglio della Provincia di Trento e da quello della Provincia di Bolzano con oneri a carico delle Province, in possesso dei requisiti e per la durata previsti dall'articolo 7, comma 8/bis, della legge 5 giugno 2003, n. 131 ; la nomina è effettuata con decreto del Presidente della Repubblica, con le modalità previste dal secondo comma dell'articolo unico del decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 1977, n. 385. 20)

19)
L'art. 17 è stato sostituito dall'art. 10 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.
20)
L'art. 17, comma 1/bis, è stato aggiunto dall'art. 1, comma 4, del D.Lgs. del 14 settembre 2011, n. 166.

Art. 18

(1)  Si applicano ai magistrati di cui al presente titolo le disposizioni del titolo I, nonché quelle di cui agli articoli 18, 20, 42, commi primo e secondo, intendendosi sostituite le parole "commissario del Governo" con le parole "Presidente del Consiglio dei Ministri o Presidente della Corte dei conti in relazione al tipo di atti", e 44 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752.

(2)  Il segretario generale della Corte dei conti fornisce all'ufficio unico di cui all'articolo 24 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, i dati ed i provvedimenti previsti nell'articolo 42, terzo comma, del medesimo decreto, concernenti i magistrati in servizio in provincia di Bolzano, al fine della loro inclusione per notizia nel Bollettino Ufficiale di cui al citato articolo 42.

Art. 19

(1)  Al personale amministrativo degli uffici delle sezioni della Corte dei conti e della relativa procura aventi sede a Bolzano, di cui alla tabella D, allegata al presente decreto, si applicano le norme di cui ai titoli I e II, nonché le norme finali e transitorie del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, e successive modificazioni.21) 

21)
L'art. 19 è stato sostituito dall'art. 11 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.
16)
La rubrica del titolo II è stata modificata dall'art. 7 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

TITOLO III
Norme finali e transitorie

Art. 20

(1)  Il primo concorso per la copertura dei posti di referendario da bandirsi a norma dell'articolo 15 deve essere espletato entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

Art. 21

(1)  Entro lo stesso termine di cui all'articolo 20 devono essere espletati i concorsi per i posti vacanti nelle qualifiche funzionali del personale amministrativo.22) 

22)
Vedi l'art. 12 del D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212:

Art. 12

(l) Entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono banditi i concorsi per la copertura dei posti di cui alle tabelle B e D. Dopo la copertura di detti posti il personale dei ruoli della Regione Trentino-Alto Adige e delle Province di Trento e Bolzano in posizione di comando presso gli uffici delle sezioni e della procura sarà restituito alle amministrazioni di appartenenza.

Art. 22

(1)  In sede di prima applicazione del presente decreto è chiamato a far parte della sezione di cui all'articolo 3 un consigliere appartenente al gruppo di lingua tedesca, nominato ai sensi dell'articolo 7, terzo comma, del regio decreto 12 luglio 1934, n. 1214, e successive modificazioni.

Art. 23

(1)  I magistrati e il personale amministrativo della Corte dei conti, che risultano assegnati, alla data di entrata in vigore del presente decreto, agli uffici della Corte stessa nella provincia di Bolzano, permangono, con il loro consenso, in detta sede, anche in soprannumero rispetto alle dotazioni di cui alle tabelle C e D.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Tabella A23)

 

UFFICIO CON SEDE IN TRENTO

Personale di Magistratura

Posti

Sezioni di Controllo
Presidente di Sezione ............................................................

1

Consigliere, Primo referendario o referendario ...........................

2

Sezione giurisdizionale
Presidente di Sezione ............................................................

1

Consigliere, Primo referendario o referendario ...........................

3

Procura presso la Sezione giurisdizionale di Trento
Consigliere ............................................................................

2

Totale

9

23)
Le tabelle A, B, C e D vengono riportate nel testo allegato al D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Tabella B23)

UFFICIO CON SEDE IN TRENTO

Personale della carriera dirigenziale ed amministrativa

Sezione di controllo

Livelli-
di funzione

Qualifica o profilo

Posti

 

Dirigente .........................................................

1

VIII

Funzionario amministrativo
Funzionario amministrativo contabile .................

4

VII

Collaboratore amministrativo
Collaboratore amministrativo contabile ................

6

VI

Assistente amministrativo
Ragioniere ........................................................

4

V




Operatore amministrativo
Operatore amministrativo contabile
Stenodattilografi
Addetto ai terminali evoluti.................................

6

IV

Coadiutori
Dattilografo .......................................................

4

III

Addetto ai servizi ausiliari e di anticamera ............

2

 

Totale

27

Sezione giurisdizionale

 

Livelli-
di funzione

Qualifica o profilo

Posti

 

 

Dirigente .......................................................

1

 

IX

Direttore di cancelleria ...................................

1

 

VIII

Funzionario di cancelleria ..............................

1

 

VII

Collaboratore di cancelleria ............................

1

 

VII

Traduttore interprete .......................................

1

(*)

VI

Assistente giudiziario .....................................

0

 

V

Operatore amministrativo
Addetto ai terminali evoluti ..............................

1
2

 

IV

Dattilografo .....................................................

0

 

 

Coadiutore ......................................................

2

 

III

Addetto ai servizi ausiliari e di anticamera

2

 

 

Totale

12

 

(*) Anche per le analoghe esigenze della Procura regionale

Procura regionale presso la Sezione giurisdizionale

Livelli-
di funzione

Qualifica o profilo

Posti

 

Dirigente ...........................................

1

IX

Direttore di segreteria ...........................

1

VIII

Funzionario di segreteria .......................

1

VII

Collaboratore di segreteria .....................

1

V

Addetto ai terminali evoluti
Operatore amministrativo .......................


2

IV

Dattilografo
Coadiutore ...........................................


2

III

Addetto ai servizi ausiliari e di anticamera ..

1

 

Totale

9

 

23)
Le tabelle A, B, C e D vengono riportate nel testo allegato al D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Tabella C23)

 

UFFICIO CON SEDE IN BOLZANO

Personale di Magistratura

Posti

Sezione di Controllo
Presidente di Sezione ..........................................................

1

Consigliere, Primo referendario o referendario ........................

2

Sezione giurisdizionale
Presidente di Sezione ..........................................................

1

Consigliere, Primo referendario o referendario .........................

3

Procura presso la Sezione giurisdizionale di Bolzano
Consigliere ..........................................................................

2

Totale

9

23)
Le tabelle A, B, C e D vengono riportate nel testo allegato al D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.

Tabella D23)

UFFICIO CON SEDE IN BOLZANO

Personale della carriera dirigenziale ed amministrativa

Sezione di controllo

Livelli-
di funzione

Qualifica o profilo

Posti

E

Dirigente ............................................................

1

IX

Direttore amministrativo .......................................
Direttore amministrativo contabile .........................

1
1

VIII

Funzionario amministrativo ...................................
Funzionario amministrativo contabile .....................

2
2

VII

Collaboratore amministrativo .................................
Collaboratore amministrativo contabile ...................
Traduttore interprete .............................................

3
3
1

VI

Assistente amministrativo ......................................
Ragioniere ............................................................

3
3

V

Operatore amministrativo ........................................
Operatore amministrativo contabile ..........................
Addetto ai terminali evoluti ......................................

1
1
1

IV

Coadiutori .............................................................
Dattilografi ............................................................

2
1

III

Addetto ai servizi ausiliari e di anticamera ...............

1

 

Totale

27

Sezione giurisdizionale

Livelli-
di funzione

Qualifica o profilo

Posti

E

Dirigente...............................................

1

IX

Direttore di cancelleria...........................

1

VIII

Funzionario di cancelleria......................

1

VII

Collaboratore di cancelleria....................

1

 

Traduttore interprete...............................

1

VI

Assistente giudiziario.............................

2

V

Operatore amministrativo .......................
Addetto ai terminali evoluti......................

1
1

IV

Coadiutore............................................

1

 

Dattilografo............................................

1

III

Addetto ai servizi ausiliari e di anticamera ..

1

 

Totale

12

Procura presso la Sezione giurisdizionale

Livelli-
di funzione

Qualifica o profilo

Posti

E

Dirigente .................................................

1

IX

Direttore di segreteria................................

1

VIII

Funzionario di segreteria............................

1

VII

Collaboratore di segreteria.........................

1

 

Traduttore interprete..................................

1

V

Addetto ai terminali evoluti..........................

1

 

Operatore amministrativo ...........................

1

IV

Dattilografo
Coadiutore .................................................


1

III

Addetto ai servizi ausiliari e di anticamera ....

1

 

Totale

9

 

23)
Le tabelle A, B, C e D vengono riportate nel testo allegato al D.Lgs. 14 giugno 1999, n. 212.
ActionActionNorme costituzionali
ActionAction1) ACCORDO DI PARIGI
ActionAction2) Costituzione della Repubblica Italiana
ActionAction3) Legge 11 marzo 1972, n. 118
ActionAction4) Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670
ActionAction5) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 20 gennaio 1973, n. 48
ActionAction6) Decreto del Presidente della Repubblica 20 gennaio 1973, n. 115
ActionAction7) Decreto del Presidente della Repubblica 1° febbraio 1973, n. 49
ActionAction8) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1° febbraio 1973, n. 50
ActionAction9) Decreto del Presidente della Repubblica 1° novembre 1973, n. 686
ActionAction10) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1° novembre 1973, n. 687
ActionAction11) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1° novembre 1973, n. 689
ActionAction12) Decreto del Presidente della Repubblica 1° novembre 1973, n. 690
ActionAction13) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1° novembre 1973, n. 691 —
ActionAction14) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 marzo 1974, n. 278
ActionAction15) Decreto del Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 279
ActionAction16) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 marzo 1974, n. 280 —
ActionAction17) Decreto del Presidente della Repubblica 22 marzo 1974, n. 381
ActionAction18) Decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 1975, n. 469
ActionAction19) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 marzo 1975, n. 470
ActionAction20) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 marzo 1975, n. 471 —
ActionAction21) Decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 1975, n. 472
ActionAction22) Decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 1975, n. 473
ActionAction23) Decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 1975, n. 474
ActionAction24) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 marzo 1975, n. 475 —
ActionAction25) Decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752
ActionAction26) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 marzo 1977, n. 234
ActionAction27) Decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235
ActionAction28) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 ottobre 1977, n. 846
ActionAction29) Decreto del Presidente della Repubblica 6 gennaio 1978, n. 58
ActionAction30) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 31 luglio 1978, n. 570
ActionAction31) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 31 luglio 1978, n. 571
ActionAction32) Decreto del Presidente della Repubblica 31 luglio 1978, n. 1017
ActionAction33) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 gennaio 1980, n. 197 —
ActionAction34) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 marzo 1981, n. 215
ActionAction35) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 marzo 1981, n. 217
ActionAction36) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 marzo 1981, n. 228
ActionAction37) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 aprile 1982, n. 327 —
ActionAction38) Decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 1983, n. 89
ActionAction39) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 marzo 1983
ActionAction40) Decreto del Presidente della Repubblica 6 aprile 1984, n. 426
ActionAction41) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 novembre 1987, n. 511
ActionAction42) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 novembre 1987, n. 521
ActionAction43) Decreto del Presidente della Repubblica 19 novembre 1987, n. 526
ActionAction44) Decreto del Presidente della Repubblica 19 novembre 1987, n. 527
ActionAction45) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 301 —
ActionAction46) Decreto del Presidente della Repubblica15 luglio 1988, n. 305
ActionActionDisposizioni generali
ActionActionDisposizioni per il personale di magistratura e amministrativo delle sezioni e della procura della Corte dei conti aventi sede a Bolzano
ActionActionNorme finali e transitorie
ActionAction47) Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 1988, n. 574
ActionAction48) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 luglio 1988, n. 575
ActionAction49) Legge 30 novembre 1989, n. 386
ActionAction50) Decreto legislativo 13 settembre 1991, n. 310
ActionAction51) Decreto legislativo 16 marzo 1992, n. 265
ActionAction52) Decreto legislativo 16 marzo 1992, n. 266
ActionAction53) DECRETO LEGISLATIVO 16 marzo 1992, n. 267 —
ActionAction54) Decreto legislativo 16 marzo 1992, n. 268
ActionAction55) Decreto legislativo 21 aprile 1993, n. 133
ActionAction56) DECRETO LEGISLATIVO 21 settembre 1995, n. 429
ActionAction57) Decreto legislativo 24 luglio 1996, n. 434
ActionAction58) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 novembre 1996
ActionAction59) DECRETO LEGISLATIVO 9 settembre 1997, n. 354
ActionAction60) DECRETO LEGISLATIVO 21 dicembre 1998, n. 495 —
ActionAction61) DECRETO LEGISLATIVO 11 novembre 1999, n. 463
ActionAction62) LEGGE COSTITUZIONALE 31 gennaio 2001, n. 2
ActionAction63) Decreto legislativo 1° marzo 2001, n. 113
ActionAction64) Decreto legislativo 16 maggio 2001, n. 260
ActionAction65) Decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 280
ActionAction66) Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3
ActionAction67) DECRETO LEGISLATIVO 11 giugno 2002, n. 139
ActionAction68) Decreto legislativo 15 aprile 2003, n. 118
ActionAction69) DECRETO LEGISLATIVO 23 maggio 2005, n. 99
ActionAction70) Decreto legislativo 6 giugno 2005, n. 120
ActionAction71) DECRETO LEGISLATIVO 13 giugno 2005, n. 124
ActionAction72) DECRETO LEGISLATIVO 12 aprile 2006, n. 168
ActionAction73) Decreto legislativo 25 luglio 2006, n. 245
ActionAction74) Decreto legislativo 21 maggio 2007, n. 83
ActionAction75) Legge 23 dicembre 2009 , n. 191
ActionAction76) Decreto legislativo 19 novembre 2010 , n. 252
ActionAction77) Decreto legislativo 21 gennaio 2011 , n. 11
ActionAction78) Decreto legislativo 19 maggio 2011 , n. 92
ActionAction79) Decreto legislativo 14 settembre 2011, n. 166
ActionAction80) Decreto legislativo 14 settembre 2011, n. 172
ActionAction81) Decreto legislativo 13 settembre 2012, n. 170
ActionAction82) Decreto legislativo 5 marzo 2013, n. 28
ActionAction83) Legge 23 dicembre 2014, n. 190
ActionAction84) Decreto legislativo 29 aprile 2015, n. 75
ActionAction85) Decreto legislativo 29 aprile 2015, n. 76
ActionAction86) Decreto legislativo 13 gennaio 2016, n. 14
ActionAction87) Decreto legislativo 4 novembre 2015, n. 186
ActionAction88) Decreto legislativo 3 marzo 2016, n. 43
ActionAction89) Decreto legislativo 3 marzo 2016, n. 46
ActionAction90) Decreto legislativo 6 aprile 2016, n. 51
ActionAction91) Decreto legislativo 7 luglio 2016, n. 146
ActionAction92) Decreto legislativo 11 dicembre 2016, n. 239
ActionAction93) Decreto legislativo 11 dicembre 2016, n. 240
ActionAction94) Decreto legislativo 7 febbraio 2017, n. 16
ActionAction95) Decreto legislativo 4 maggio 2017, n. 76
ActionAction96) Decreto legislativo 19 maggio 2017, n. 77
ActionAction97) Decreto legislativo 7 settembre 2017, n. 162
ActionAction98) Legge costituzionale 4 dicembre 2017, n. 1
ActionAction99) Legge 27 dicembre 2017, n. 205
ActionAction100) Decreto legislativo 29 dicembre 2017, n. 236
ActionAction101) Decreto legislativo 29 dicembre 2017, n. 237
ActionAction102) Decreto legislativo 11 gennaio 2018, n. 9
ActionAction103) Decreto legislativo 11 gennaio 2018, n. 10
ActionAction104) Decreto legislativo 6 febbraio 2018, n. 18
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico