In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera N. 2260 del 20.06.2005
Modalità di gestione del fondo speziale „Assegno provinciale al nucleo familiare“

Allegato A
 

Modalità di gestione del Fondo per l'assegno provinciale al nucleo familiare

 

Articolo 1

Struttura del Fondo provinciale

1. Il Fondo provinciale per l'assegno al nucleo familiare di cui all'articolo 23-ter della legge provinciale 21 dicembre 1987, n. 33, è gestito in termini di cassa ai sensi dell'art. 65 della legge provinciale 29 gennaio 2002, n. 1.

2. Per l'erogazione dell'assegno al nucleo familiare è tenuta, ai fini della programmazione, della rendicontazione e del controllo, una distinta contabilità dei movimenti di cassa per singole voci di entrata ed uscita ed evidenze patrimoniali.

 

Articolo 2

Programma di attivitá e piano finanziario

1. Entro il 31 ottobre di ogni anno sono presentati alla Giunta provinciale il programma di attività ed il piano finanziario per l'esercizio successivo, che lo approva previo parere della Ripartizione provinciale Finanze e Bilancio.

2. La Giunta provinciale approva il piano finanziario preventivo secondo l'allegato schema.

3. Gli importi iscritti alle singole voci del piano finanziario hanno valore indicativo e non sono vincolanti per la gestione.

 

Articolo 3

Gestione del Fondo provinciale

1. I movimenti di cassa sono contabilizzati, all'interno del conto, sia in termini finanziari che in termini patrimoniali, secondo lo schema di piano dei conti deliberato dalla Giunta provinciale.

2. Fanno parte della consistenza patrimoniale:

a)     quali attività: il fondo cassa e i crediti,

b)     quali passività: i debiti.

3. Le registrazioni contabili di cassa devono rispecchiare le operazioni del tesoriere per ciascun conto.

4. I limiti di spesa sono rappresentati dalle disponibilità di cassa sul conto.

5. Gli interessi bancari sono versati direttamente al bilancio provinciale. Gli interessi derivanti dalla restituzione, anche rateale, di prestazioni indebite ed altri ricavi rimangono nel fondo per essere destinati all'erogazione della prestazione.

6. Le spese derivanti dalle operazioni di riscossione coattiva sono a carico del debitore.

7. Le prestazioni non incassate dai beneficiari perché deceduti sono accreditate al Fondo e riliquidate su richiesta, agli eredi.
8. Le prestazioni non incassate dai beneficiari per altri motivi e commutate in entrata rimangono nel fondo e sono riliquidate su richiesta, in quanto dovute.
 

Articolo 4

Coordinamento con l'assegno regionale al nucleo familiare

1. Ai fini del coordinamento con la gestione dell'assegno regionale al nucleo familiare di cui all'articolo 3 della legge regionale 18 febbraio 2005, n. 1,

a) l'assegno provinciale al nucleo familiare e quello regionale sono erogati in un'unica soluzione alle stesse scadenze;

b) a tale scopo la quota regionale viene trasferita dal Fondo speciale di previdenza integrativa regionale al Fondo per l'assegno provinciale al nucleo familiare ai fini dell'emis-sione di un unico mandato di pagamento.

 

Articolo 5

Rendiconto

1. Il rendiconto annuale con i risultati della gestione finanziaria e patrimoniale è redatto secondo l'allegato schema e secondo le modalità di rendicontazione delle gestioni fuori bilancio ai sensi dell'articolo 65 comma 2 della legge provinciale 29 gennaio 2002, n. 1 e relativo al regolamento di esecuzione.

 
Allegato B …omissis…
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction Delibera 24 gennaio 2005, n. 102
ActionAction Delibera 31 gennaio 2005, n. 208
ActionAction Delibera N. 311 del 14.02.2005
ActionAction Delibera N. 342 del 14.02.2005
ActionAction Delibera N. 637 del 07.03.2005
ActionAction Delibera N. 842 del 21.03.2005
ActionAction Delibera N. 848 del 21.03.2005
ActionAction Delibera 4 aprile 2005, n. 1072
ActionAction Delibera N. 1270 del 18.04.2005
ActionAction Delibera N. 1303 del 26.04.2005
ActionAction Delibera N. 1317 del 26.04.2005
ActionAction Delibera N. 1533 del 09.05.2005
ActionAction Delibera N. 1626 del 17.05.2005
ActionAction Delibera N. 1705 del 17.05.2005
ActionAction Delibera N. 1749 del 23.05.2005
ActionAction Delibera N. 1884 del 30.05.2005
ActionAction Delibera N. 1999 del 06.06.2005
ActionAction Delibera N. 2039 del 13.06.2005
ActionAction Delibera N. 2225 del 20.06.2005
ActionAction Delibera N. 2260 del 20.06.2005
ActionAction Delibera N. 2297 del 27.06.2005
ActionAction Delibera 25 luglio 2005, n. 2634
ActionAction Delibera N. 2691 del 25.07.2005
ActionAction Delibera N. 2750 del 10.08.2005
ActionAction Delibera N. 2912 del 10.08.2005
ActionAction Delibera N. 3300 del 12.09.2005
ActionAction Delibera N. 3351 del 12.09.2005
ActionAction Delibera N. 3553 del 26.09.2005
ActionAction Delibera N. 3618 del 03.10.2005
ActionAction Delibera 3 ottobre 2005, n. 3647
ActionAction Delibera 3 ottobre 2005, n. 3652
ActionAction Delibera N. 3733 del 10.10.2005
ActionAction Delibera N. 3793 del 10.10.2005
ActionAction Delibera N. 3988 del 24.10.2005
ActionAction Delibera N. 4038 del 31.10.2005
ActionAction Delibera N. 4039 del 31.10.2005
ActionAction Delibera N. 4707 del 05.12.2005
ActionAction Delibera N. 4753 del 12.12.2005
ActionAction Delibera N. 4897 del 19.12.2005
ActionAction Delibera N. 5035 del 30.12.2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico