In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera N. 2691 del 25.07.2005
Direttive per le utenze di innevamento artificiale

…omissis…

di revocare la propria delibera 23.1.1995,  n. 216, e di stabilire le seguenti prescrizioni per le utenze d’acqua per l’innevamento artificiale, che sono integrative a quelle già contenute nelle esistenti concessioni di derivazione d’acqua.

 

1. Procedimento autorizzativo

Per la realizzazione di un nuovo impianto di innevamento artificiale o per varianti ad impianti esistenti sono necessari le seguenti fasi di approvazione:

1. giudizio di idoneità

2. concessione d’acqua ed eventuale autorizzazione ambientale

3. collaudo

 

2. Giudizio di idoneità

Per la produzione di neve artificiale può essere utilizzata solo acqua per la quale esiste un giudizio di idoneità chimica e microbiologica dei laboratori dell’Agenzia provinciale per l’ambiente che soddisfa ai requisiti di qualità sotto indicati; il giudizio si dovrà basare normalmente su 3 analisi d’acqua durante il periodo di derivazione dell’acqua.

 

3. Concessione d’acqua

Si rimanda alle norme vigenti in materia. L’Ufficio competente è l’Ufficio gestione risorse idriche che nei casi previsti si avvale del parere Via.

 

4. Collaudo degli impianti di innevamento

Nuovi impianti di innevamento e varianti sostanziali di impianti esistenti devono essere sottoposti a collaudo ai sensi delle norme sulle derivazioni d’acqua. Al collaudo di nuovi impianti di derivazione verranno invitati anche i laboratori dell’Agenzia provinciale per l’ambiente che effettueranno i prelievi di campioni d’acqua necessari.

 

5. Controlli di qualità interni e d’ufficio

Ogni gestore è obbligato ad assicurarsi che la qualità dell’acqua utilizzata per la produzione di neve artificiale sia conforme ai requisiti di qualità prescritti. A tal scopo effettua controlli di qualità interni mediante laboratori incaricati. Questi controlli vanno effettuati almeno una volta all’anno presso il sistema di distribuzione ed utilizzo dell’acqua. Vengono rilevati i parametri microbiologici ed almeno i seguenti parametri chimici: nitrati, nitriti, ammonio, conduttività elettrica specifica, pH, ossidabilità, solfato, durezza totale. Nei decreti di concessione il numero e il modo dei controlli di qualità possono essere fissati anche diversamente.

Nel caso in cui i risultati non risultino conformi ai requisiti di qualità, la derivazione e rispettivamente l’utilizzo dell’acqua non potrà avvenire se non dopo aver adottato misure appropriate ed ottenuto un esito positivo delle analisi.

I controlli d’ufficio sulla qualità dell’acqua vengono effettuati dall’Ufficio gestione risorse idriche e dai laboratori competenti dell’Agenzia provinciale per l’ambiente. Quando i parametri di qualità nel sistema di distribuzione ed utilizzo dell’acqua non risultano rispettate, l’Ufficio gestione risorse idriche può ordinare l’immediata sospensione dell’l’utilizzazione. In ogni caso devono essere adottate le misure appropriate che vanno comunicate all’Ufficio gestione risorse idriche. Il riutilizzo dell’acqua potrà avvenire solo dopo aver presentato all’Ufficio gestione risorse idriche i risultati delle analisi di qualità interni, che attestano il rispetto dei requisiti di qualità.

 

6. Requisiti di qualità d’acqua

All’acqua non possono essere aggiunte sostanze di alcun tipo, neanche sostanze disinfettanti.

Va distinto fra sistema di derivazione e raccolta (captazione, adduzione, accumulo, trattamento) e fra sistema di utilizzo dell’acqua (distribuzione con i punti di prelievo per la produzione della neve artificiale). Nel citato sistema di utilizzo devono essere rispettate le caratteristiche di qualità prescritte, in caso di necessità anche tramite idonei impianti di trattamento dell’acqua. Quando l’innevamento avviene in zone di tutela dell’acqua potabile, devono essere osservati requisiti di qualità più severi, gli impianti devono essere appositamente contrassegnati.

 

Qualità microbiologica

Devono essere rispettati i seguenti valori limite:

escherichia coli (E.coli) 200ufc /100ml

enterococchi 100ufc /100ml

 

Qualità chimica

Vengono applicati i valori limite del decreto legislativo del 02.02.2001 n. 31, allegato 1 parti B e C (qualità dell’acqua potabile), rilevando normalmente solo i parametri sotto indicati. Nel caso in cui le sostanze risultino di origine geogena, nel giudizio di qualità potranno essere ammessi valori più alti di quelli indicati sopra. Questa deroga non è applicabile all’acqua utilizzata nelle aree di tutela dell’acqua potabile.

 

Parametri utilizzati per il giudizio di idoneità:

 

Parameter/Parametro

Grenzwert

Valore limite

Maßeinheit

Unità di misura

Antimon/Antimonio5,0µg/l
Arsen/Arsenico10µg/l
Kupfer/Rame1,0mg/l
Fluoride/Fluoruri1,50mg/l
Nitrate ausgedrückt in NO3
Nitrati espressi in NO3
50mg/l
Nitrite ausgedrückt in NO2
/Nitriti espressi in NO2
0,50mg/l
Selen/Selenio10µg/l
Ammonium ausgedrückt in NH4
/Ammonio espresso in NH4
0,50mg/l
Chloride/Cloruri250mg/l
Spezifische elektrische Leitfähigkeit / Conduttività elettrica specifica2500µScm-120°C
Wasserstoffionenkonzentration (pH-Wert)
Concentrazioni ioni idrogeno (pH)
6,5 e 9,5
Eisen/Ferro200µg/l
Mangan/Manganese50µg/l
Oxidierbarkeit/Ossidabilità5,0mg/l O2
Sulfat/Solfato250mg/l
Gesamthärte/Durezza totale-

Französiche Härtegrade/ °Francesi


7. Esercizio degli impianti di innevamento

La derivazione d’acqua può essere attuata soltanto durante i periodi di utilizzo stabiliti nella concessione d’acqua ed alle condizioni ivi indicate (portata residua, portata media e massima derivabile ecc.).

I risultati di tutti i controlli di qualità interni riferiti all’anno corrente nonché ai due anni precedenti devono essere esibiti in caso di controlli d’ufficio.

Alle opere di captazione e nel sistema di distribuzione ed utilizzo dell’acqua vanno predisposti punti di prelievo per i controlli di qualità interni e d’ufficio.

Alle opere di captazione sono da installare apparecchi di misura di portata adeguati e le quantità d’acqua prelevate vanno comunicate entro il giugno di ogni anno all’Ufficio gestione risorse idriche.

 

8. Uso razionale dell’acqua

Se non sono disponibili grandi fonti di approvvigionamento (fiumi, laghi), l’innevamento potrà avvenire in modo razionale e nel rispetto dell’ambiente soltanto mediante l’impiego di serbatoi di accumulo. Va suggerita una capacità d’invaso di 700 m³ per ha di pista.

Per un ettaro di pista viene concessa una portata d’acqua media non superiore a 0,4 l/s.

9. Disposizioni transitorie

Gli impianti di innevamento esistenti devono essere adattati entro il 01.11.2005 alle presenti prescrizioni.

La parte dispositiva della presente deliberazione sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.

indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction Delibera 24 gennaio 2005, n. 102
ActionAction Delibera 31 gennaio 2005, n. 208
ActionAction Delibera N. 311 del 14.02.2005
ActionAction Delibera N. 342 del 14.02.2005
ActionAction Delibera N. 637 del 07.03.2005
ActionAction Delibera N. 842 del 21.03.2005
ActionAction Delibera N. 848 del 21.03.2005
ActionAction Delibera 4 aprile 2005, n. 1072
ActionAction Delibera N. 1270 del 18.04.2005
ActionAction Delibera N. 1303 del 26.04.2005
ActionAction Delibera N. 1317 del 26.04.2005
ActionAction Delibera N. 1533 del 09.05.2005
ActionAction Delibera N. 1626 del 17.05.2005
ActionAction Delibera N. 1705 del 17.05.2005
ActionAction Delibera N. 1749 del 23.05.2005
ActionAction Delibera N. 1884 del 30.05.2005
ActionAction Delibera N. 1999 del 06.06.2005
ActionAction Delibera N. 2039 del 13.06.2005
ActionAction Delibera N. 2225 del 20.06.2005
ActionAction Delibera N. 2260 del 20.06.2005
ActionAction Delibera N. 2297 del 27.06.2005
ActionAction Delibera 25 luglio 2005, n. 2634
ActionAction Delibera N. 2691 del 25.07.2005
ActionAction Delibera N. 2750 del 10.08.2005
ActionAction Delibera N. 2912 del 10.08.2005
ActionAction Delibera N. 3300 del 12.09.2005
ActionAction Delibera N. 3351 del 12.09.2005
ActionAction Delibera N. 3553 del 26.09.2005
ActionAction Delibera N. 3618 del 03.10.2005
ActionAction Delibera 3 ottobre 2005, n. 3647
ActionAction Delibera 3 ottobre 2005, n. 3652
ActionAction Delibera N. 3733 del 10.10.2005
ActionAction Delibera N. 3793 del 10.10.2005
ActionAction Delibera N. 3988 del 24.10.2005
ActionAction Delibera N. 4038 del 31.10.2005
ActionAction Delibera N. 4039 del 31.10.2005
ActionAction Delibera N. 4707 del 05.12.2005
ActionAction Delibera N. 4753 del 12.12.2005
ActionAction Delibera N. 4897 del 19.12.2005
ActionAction Delibera N. 5035 del 30.12.2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico