In vigore al

RICERCA:

Aufgrund von Wartungsarbeiten steht der Dienst am 24. Oktober 2019 von 00:00 Uhr bis 02:00 Uhr nicht zur Verfügung.

Il giorno 24 ottobre 2019 il servizio non sará disponibile dalle ore 00:00 alle ore 02:00 per manutenzione.

In vigore al: 11/09/2012

T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 281 del 06.06.2002
Appalti pubblici - relazione di periti su offerte anomale - lingua da usare - omessa indicazione del termine e dell'autorità cui è possibile ricorrere - impugnabilità di clausole del bando - normativa sopravvenuta in corso di procedimento - motivazione per relationem - motivazione ricavabile dagli atti del procedimento - offerte anomale - verifica e rigorosità della prova dell'affidabilità

Sentenza del 6 giugno 2002, n. 281; Pres. Widmair – Est. Mosna
 
Le relazioni dei privati incaricati dall'Amministrazione di verificare le giustificazioni su offerte anomale fornite da imprese partecipanti a gare d'appalto, non rientrano in alcuna delle categorie di atti per la redazione dei quali è prescritto – ai sensi dell'art. 4 commi 1 e 2 del D.P.R. 15 luglio 1988 n. 574 – l'uso congiunto delle lingue italiana e tedesca, essendo tali relazioni destinate, e quindi dirette, al solo organo della P.A. che ha indetto la procedura concorsuale.
 
La violazione del 4° comma dell'art. 3 L. n. 241/90 per omessa indicazione dei termini e dell'autorità avanti alla quale è possibile ricorrere, non inficia il provvedimento, ma può avere come sola conseguenza la rimessione in termini per errore scusabile.
 
Le clausole del bando ritenute illegittime devono essere immediatamente impugnate solo quando la loro applicazione impedisca al ricorrente di partecipare alla gara, sussistendo in tal caso un pregiudizio diretto ed attuale che determina una lesione immediata del suo interesse.
 
Il bando di gara, una volta adottato sulla base della legislazione vigente all'epoca, continua, quale lex specialis, a disciplinare con detta normativa tutte le fasi della procedura d'appalto, senza che le disposizioni di legge sopravvenute possano avere influenza sull'iter procedurale, non potendosi applicare il principio del “tempus regit actum” alle singole fasi del procedimento stesso; e ciò al fine di assicurare la par condicio tra tutti i partecipanti alla gara, che hanno valutato le loro offerte in base alle disposizioni contenute nel bando.
 
Dal disposto dell'art. 34 commi 1, 2 e 3 L.P. 17 giugno 1998 n. 6, si desume che la pubblicazione del bando avviene alla data di affissione nell'albo dell'Amministrazione committente o in quella del Comune ove questa ha la propria sede, integrata, nel caso di appalti di importo pari o superiore ad una determinata soglia, dalla pubblicazione nell'albo della Provincia e sulla gazzetta ufficiale delle Comunità europee; ciò in quanto il bando è idoneo a produrre effetti giuridici ergaomnes sin dalla data d'inizio dell'affissione dello stesso nell'albo ove venga per primo (in senso cronologico), pubblicato.
 
E' legittima la motivazione per relationem del provvedimento, ex art. 3 co. 3 L. 241/90, quando l'Amministrazione adempie all'obbligo di esplicitare le indicazioni per una esatta individuazione e reperimento dell'atto richiamato, indicazioni che peraltro possono essere contenute anche nella comunicazione del provvedimento. Non è quindi necessario che la motivazione a cui si fa riferimento venga integralmente riportata, e nemmeno che l'Amministrazione indichi le ragioni per le quali la motivazione stessa viene condivisa e fatta propria.
 
Un provvedimento amministrativo non è da annullare soltanto perché formalmente privo di sufficiente motivazione (per mancata esternazione dei motivi), allorché l'esame degli atti del procedimento consenta di verificare, in concreto, il corretto esercizio della potestà amministrativa, come avviene nel caso che da detti atti istruttori si ricavi la prova dell'esistenza di previ accertamenti e di valutazioni che, pur non essendo enunciati nel contesto dell'atto impugnato, ne costituiscono tuttavia la reale premessa ed il concreto fondamento.
 
Anche se non previsto dal bando, l'autorità di gara può correttamente delegare persone esperte nella materia, estranee alla stessa Amministrazione, a verificare la congruità delle offerte ritenute anomale, rientrando un tale potere nella discrezionalità della P.A..
 
Risponde a principi di efficienza e di buon andamento della pubblica amministrazione la facoltà dell'Ente appaltante di avvalersi dei direttori dei lavori per l'analisi e la valutazione dell'anomalia delle offerte – stante l'assenza di divieto posto dall'art. 52 L.P. 17 giugno 1998 n. 6 – considerato che detti tecnici, in ragione dell'incarico di dirigere l'esecuzione delle opere appaltate, sono forniti di competenza e professionalità specifica in relazione a tale compito.
 
I proponenti di offerte particolarmente basse, e quindi ritenute anomale, possono bensì superare, attraverso la procedura di verifica, la presunzione di poca serietà, ma resta a loro carico l'onere della prova in ordine alla affidabilità e serietà dell'offerta: prova che deve essere particolarmente rigorosa, come rigorosa dev'essere la valutazione delle giustificazioni da parte dell'Amministrazione.
 
Il provvedimento con il quale l'autorità di gara valuta non giustificata l'anomalia deve essere congruamente motivato, costituendo le valutazioni dell'Amministrazione espressione di un potere di natura tecnico-discrezionale attinente al merito amministrativo, non sindacabile dal giudice amministrativo se non per aspetti di manifesta irrazionalità e di travisamento dei fatti.
 
Pur non applicandosi nella provincia di Bolzano la legge 11 febbraio 1994 n. 109, sussiste anche nella stessa provincia la possibilità, nella verifica delle offerte anomale, di procedere alla valutazione delle singole voci di prezzo senza la necessità di formulare una valutazione complessiva dell'offerta, non essendo ciò espressamente richiesto dall'art. 52 L.P. 17 giugno 1998 n. 6.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 33 vom 31.01.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 35 del 31.01.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 42 del 31.01.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 49 vom 31.01.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 64 del 02.02.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 59 del 05.02.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 66 del 08.02.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 82 del 15.02.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 94 del 25.02.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 97 del 25.02.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 98 del 25.02.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 118 del 04.03.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 121 del 05.03.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 131 del 12.03.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 154 del 28.03.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 158 del 28.03.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 164 vom 08.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 165 del 08.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 170 del 22.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 171 del 23.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 173 del 23.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 179 del 24.04.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 180 vom 24.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 182 del 24.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 188 del 29.04.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 199 del 07.05.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 200 del 07.05.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 201 vom 10.05.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 255 del 28.05.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 259 del 28.05.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 264 del 29.05.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 277 del 31.05.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 281 del 06.06.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 283 del 06.06.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 305 vom 20.06.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 325 del 28.06.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 339 del 09.07.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 347 del 15.07.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 349 vom 16.07.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 350 del 16.07.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 358 del 24.07.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 377 del 12.08.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 379 del 12.08.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 402 del 29.08.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 411 del 03.09.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 420 del 20.09.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 434 del 30.09.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 439 vom 30.09.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 439 del 30.09.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 440 del 07.10.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 446 del 15.10.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 465 vom 05.11.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 466 vom 05.11.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 468 del 07.11.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 474 del 07.11.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 494 vom 11.11.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 495 del 11.11.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 529 del 29.11.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 534 del 29.11.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 537 del 29.11.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 538 vom 29.11.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 579 del 18.12.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 584 vom 18.12.2002
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 595 del 23.12.2002
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 33 vom 31.01.2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1989
ActionActionIndice cronologico