In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

b) Legge provinciale 18 maggio 2006, n. 31)
Interventi in materia di dipendenze

1)
Pubblicata nel B.U. 30 maggio 2006, n. 22.

Art. 1 (Ambito di applicazione)  delibera sentenza

(1)  La presente legge disciplina gli interventi relativi al consumo di sostanze psicoattive illegali, alcol, tabacco e farmaci psicotropi nonché al gioco d'azzardo, attraverso un sistema di servizi.

massimeCorte costituzionale - Sentenza N. 253 del 23.07.2009 - Uso di sostanze psicotrope su bambini e adolescenti - disciplina del c.d. consenso informato - competenza statale

Art. 2 (Sistema dei servizi)   delibera sentenza

(1)  Il sistema dei servizi è composto da:

  1. i servizi sanitari specialistici per le dipendenze (Ser.D.);
  2. i medici di medicina generale, i distretti sanitari, i presidi ospedalieri, le strutture di degenza ed i servizi territoriali del servizio sanitario provinciale;
  3. le strutture terapeutiche residenziali e semiresidenziali;
  4. i servizi sociali distrettuali;
  5. i servizi sociali residenziali e semiresidenziali specialistici;
  6. le seguenti ripartizioni provinciali:
    1. Enti Locali;
    2. Cultura tedesca e famiglia;
    3. Cultura italiana;
    4. Intendenza scolastica tedesca;
    5. Intendenza scolastica italiana;
    6. Formazione professionale italiana;
    7. Formazione professionale tedesca e ladina;
    8. Formazione professionale agricola, forestale e di economia domestica;
    9. Cultura e Intendenza scolastica ladina;
    10. Lavoro;
    11. Sanità;
    12. Politiche sociali;
    13. Artigianato, Industria e Commercio;
    14. Turismo;
    15. Mobilità.
  7. le organizzazioni private. 2)

(2)  Il sistema dei servizi, nell'ambito delle singole competenze, ha il compito di prevenire e contrastare il fenomeno delle diverse forme di dipendenza, favorire il trattamento e la riabilitazione, promuovere una cultura della salute e delle scelte responsabili e contenere i processi di emarginazione sociale.

(3)  I rapporti fra i singoli servizi sono regolati da protocolli di intesa.

(4)  I reparti ospedalieri e le strutture di degenza del servizio sanitario provinciale garantiscono i posti letto necessari per i trattamenti di disassuefazione da oppiacei, da alcol e da altre sostanze psicoattive.

massimeCorte costituzionale - Sentenza N. 180 del 29.04.1991 - Tossicodipendenza - Decreto ministeriale - Concessione di contributi per la costruzione ed il potenziamento di immobili destinati a sedi di comunità terapeutiche - Carattere straordinario ed aggiuntivo per garantire interventi omogenei sull'intero territorio nazionale
2)
La lettera g) dell'art. 2, comma 1, è stata così modificata dall'art. 35, comma 1, della L.P. 11 luglio 2018, n. 10.

Art. 3 (Interventi)

(1)  Gli interventi relativi al consumo di sostanze psicoattive illegali, alcol, tabacco e farmaci psicotropi nonché quelli relativi al gioco d'azzardo sono:

  1. la prevenzione universale e selettiva;
  2. il trattamento e la riabilitazione sanitaria nonché la riabilitazione sociale;
  3. la riduzione dei rischi e dei danni.

(2)  Con deliberazione della Giunta provinciale, da pubblicarsi nel Bollettino Ufficiale della Regione, sono definiti i criteri e le modalità degli interventi dei singoli servizi.

Art. 4 (Guida di auto- e motoveicoli)

(1)  I servizi di cui all'articolo 2, comma 1, lettere a), b) e g), e l'ufficio patenti attuano gli interventi di prevenzione e i trattamenti sanitari per quanto concerne le persone segnalate per guida di auto- e motoveicoli in stato di coscienza alterata da sostanze psicoattive.

Art. 5 (Istruzione e formazione del personale dei servizi)

(1)  La Provincia, a partire dall'anno scolastico 2007-2008, promuove l'introduzione di tematiche specifiche inerenti le forme di dipendenza nei piani di studio per le professioni sociali e sanitarie delle scuole provinciali e dell'università e realizza gli interventi formativi per il personale dei servizi sanitari e sociali pubblici e delle organizzazioni private. 3)

3)
L'art. 5, comma 1, è stata così modificata dall'art. 35, comma 1, della L.P. 11 luglio 2018, n. 10.

(1) Das Land, die Sanitätsbetriebe und die im Sinne von Artikel 10 des Landesgesetzes vom 30. April 1991, Nr. 13, in geltender Fassung, delegierten Gebietskörperschaften können Abkommen mit öffentlichen Körperschaften und privaten Organisationen zur Führung der Dienste im Bereich der Abhängigkeitserkrankungen abschließen.

 

 

Art. 6 (Disposizioni in materia di alcol)   

(1)  È vietata la somministrazione e la vendita di bevande alcoliche ai minori di 18  anni e a coloro che si trovino in stato di manifesta ubriachezza, presso bar, pubs, chioschi, discoteche, locali notturni, clubs, ristoranti, negozi, supermercati ed esercizi similari e comunque in tutti gli esercizi commerciali nonché in occasione di pubbliche manifestazioni, anche ricreative, concerti, feste popolari, campestri ed altre feste, manifestazioni sportive, fiere e mercati, e comunque in tutti i luoghi aperti al pubblico. 4)

(2)  Le bevande alcoliche vendute negli esercizi organizzati con il sistema di vendita del libero servizio devono essere collocate separatamente rispetto alle bevande non alcoliche. Negli esercizi commerciali devono essere esposti avvisi di divieto di somministrazione e vendita di bevande alcoliche ai minori di 18  anni. 5)

(3)  I gestori degli esercizi e gli organizzatori degli eventi di cui al comma 1 devono garantire la disponibilità per la somministrazione o vendita di almeno due tipi di bevande fredde alternative non alcoliche a prezzo inferiore alla bevanda alcolica più economica. Fanno eccezione le degustazioni enologiche e i mercati degli agricoltori.

(4)  È vietata la pubblicità di bevande alcoliche:

  1. trasmessa all'interno di programmi rivolti in modo specifico ai minori e nei quindici minuti precedenti e successivi alla trasmissione degli stessi;
  2. che attribuisca efficacia o indicazioni terapeutiche che non sono espressamente riconosciute dal Ministero della salute;
  3. che rappresenti minori intenti al consumo di alcol.

(5)  È vietata la pubblicità radiotelevisiva di bevande alcoliche nella fascia oraria dalle 16.00 alle 19.00.

(6)  È vietata in qualsiasi forma la pubblicità di bevande alcoliche:

  1. sulla stampa giornaliera e periodica destinata ai minori;
  2. nelle sale cinematografiche in occasione della proiezione di film destinati alla visione dei minori.

(7)  È vietata la pubblicità di bevande alcoliche in occasione di manifestazioni indirizzate ai minori di 18 anni ed in luoghi che vengono esclusivamente o prevalentemente frequentati dagli stessi. Qualora le manifestazioni indirizzate a minori di 18 anni si svolgano in luoghi o strutture utilizzate anche per manifestazioni destinate ad un pubblico adulto, il materiale pubblicitario ivi istallato durevolmente non deve essere rimosso.

(8)  I comuni della provincia di Bolzano possono adottare con proprio regolamento misure restrittive per il rilascio delle autorizzazioni relative a:

  1. pubblicità delle bevande alcoliche, stabile o temporanea, in tutte le strutture, negli impianti sportivi e in tutte le manifestazioni;
  2. iniziative di riduzione temporanea dei prezzi delle bevande alcoliche rispetto alle tabelle ufficiali;
  3. iniziative promozionali in tutti i luoghi pubblici e nelle manifestazioni di cui al comma 1.

(9)  La violazione delle disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria di cui agli articoli 54, comma 3, e 55, comma 3, della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58.

(10)  La violazione delle disposizioni di cui ai commi 4, 5, 6 e 7 e la mancata richiesta o l'inosservanza delle autorizzazioni di cui al comma 8 sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 500,00 euro a 1.500,00 euro. La sanzione è raddoppiata per ogni ulteriore trasgressione.

(11)  I divieti di cui al comma 4, lettera a), al comma 5 e al comma 6, lettera a), valgono solo per le emittenti radiotelevisive locali e per la stampa locale. I divieti di cui al comma 4, lettera a), e al comma 5 non valgono per i programmi esteri trasmessi dalle emittenti radiotelevisive locali.

4)
L'art. 6, comma 1, è stato così modificato dall'art. 7, comma 1, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.
5)
L'art. 6, comma 2, è stato così modificato dall'art. 24, comma 1, della L.P. 18 ottobre 2016, n. 21.

Art. 6/bis (Disposizioni in materia di gioco d’azzardo) 6)

(1)  Al fine di tutelare determinate categorie di persone e di prevenire il gioco d’azzardo patologico ovvero la dipendenza da gioco, per l'autorizzazione all'esercizio di sale da giochi e di attrazione per i giochi leciti individuati dall'articolo 110, comma 6, del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modifiche, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 5-bis della legge provinciale 13 maggio 1992, n. 13, e successive modifiche, e all’articolo 11 della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58, e successive modifiche.

(2)  Per le finalità di cui al comma 1, le limitazioni spaziali e temporali sono estese anche alle rivendite di generi di monopolio di cui alla legge 22 dicembre 1957, n. 1293, e successive modifiche, e agli esercizi commerciali di cui alla legge provinciale 17 febbraio 2000, n. 7, e successive modifiche.

(3)  Su tutto il territorio provinciale è vietata la collocazione di “totem” presso rivendite di generi di monopolio ed esercizi pubblici, qualora tali apparecchi distribuiscano premi, sia pure sotto forma di punti spendibili online, o altri vantaggi, anche se non monetari. 7)

(4)  L’utilizzo dei “totem” in violazione del comma 3, comporta la sospensione dell’attività dell’esercizio da parte dell’autorità competente per un periodo da 15 giorni a tre mesi. 8)

6)
Vedi anche l'art. 20, comma 6, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.
7)
L'art. 6/bis è stato inserito dall'art. 7, comma 2, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.
8)
L'art. 6/bis, comma 4, è stato aggiunto dall'art. 34, comma 1, della L.P. 7 agosto 2017, n. 12.

Art. 7 (Coordinamento provinciale)

(1)  Presso il Dipartimento alla sanità e alle politiche sociali è istituita un'unità di coordinamento nel settore delle dipendenze.

(2)  L'unità di coordinamento è nominata dalla Giunta provinciale ed è composta da:

  1. una persona in rappresentanza della Ripartizione provinciale Sanità;
  2. una persona in rappresentanza della Ripartizione provinciale Politiche sociali;
  3. una persona scelta fra una terna di nominativi proposta dalle organizzazioni private; 9)
  4. una persona scelta fra una terna di nominativi proposta dai servizi sanitari specialistici pubblici;
  5. una persona scelta fra una terna di nominativi proposta dai servizi sociali specialistici pubblici.

(3)  L'unità di coordinamento si avvale anche della collaborazione di rappresentanti delle istituzioni giovanili, della scuola, del mondo del lavoro, dell'economia e dei comuni.

(4)  L'unità di coordinamento ha il compito di elaborare linee di indirizzo, piani di intervento e progetti nel settore delle dipendenze, di monitorare il fenomeno e redigere rapporti periodici sulle dipendenze nonché di garantire il coordinamento e l'integrazione fra uffici, servizi e strutture che operano nel settore delle dipendenze.

9)
La lettera c), dell'art. 7, comma 2, è stata così sostituita dall'art. 35, comma 1, della L.P. 11 luglio 2018, n. 10.

Art. 8 (Convenzioni e contributi)     delibera sentenza

(1)  La Provincia, le aziende sanitarie e gli enti territoriali delegati ai sensi dell'articolo 10 della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13, e successive modifiche, possono stipulare convenzioni con enti pubblici e con organizzazioni private per la gestione di servizi nel settore delle dipendenze. 10)

(2)  Per garantire il funzionamento dei servizi di cui all'articolo 2, comma 1, lettere c) e g), la Provincia può concedere contributi per spese correnti nella misura massima del 90 per cento della somma riconosciuta ammissibile e contributi per spese in conto capitale nella misura massima dell'80 per cento della somma riconosciuta ammissibile.

(3)  Per gli interventi socio-assistenziali la Provincia può concedere contributi ai sensi dell'articolo 20/bis della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13, e successive modifiche.

massimeDelibera N. 478 del 16.02.2009 - Approvazione delle rette di ricovero di tossicodipendenti ed alcoldipendenti nelle sedi delle comunità terapeutiche gestite dalle associazioni “La Strada-der Weg" e “Hands" di Bolzano per l'anno 2009
massimeDelibera N. 1459 del 02.05.2007 - Criteri per la concessione di contributi ad istituzioni pubbliche o private e ad organizzaioni private accreditate, ai sensi della legge provinciale del 18 maggio 2006, n. 3 "interventi in materia di dipendenze".
10)
L'art. 8, comma 1, è stato così modificato dall'art. 35, comma 1, della L.P. 11 luglio 2018, n. 10.

Art. 911) 

11)
Sostituisce la lettera h) del comma 1 dell'articolo 10 della L.P. 30 aprile 1991, n. 13. 

Art. 10 (Abrogazione di norme)   delibera sentenza

(1)  Sono abrogati:

  1. la legge provinciale 7 dicembre 1978, n. 69, e successive modifiche;
  2. la cifra 1) della lettera f) del comma 1 dell'articolo 10 della legge provinciale 30 aprile 1991, n.13;
  3. la cifra 2) della lettera g) del comma 1 dell'articolo 10 della legge provinciale 30 aprile 1991, n.13;
  4. la cifra 2) della lettera l) del comma 1 dell'articolo 10 della legge provinciale 30 aprile 1991, n.13;
  5. la cifra 1) della lettera o) del comma 1 dell'articolo 10 della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13;
  6. il comma 11 dell'articolo 26 della legge provinciale 17 febbraio 2000, n. 7, e successive modifiche.
massimeCorte costituzionale - Sentenza N. 31 del 22.02.1983 - Sostanze stupefacenti - Prevenzione e cura della tossicodipendenza.

Art. 11 (Disposizione finanziaria)

(1)  La presente legge non comporta maggiori spese a carico dell'esercizio in corso. Alle spese per gli interventi disposti dalla presente legge si fa fronte, per l'anno 2006, con la quota ancora disponibile degli stanziamenti di spesa autorizzati a carico del bilancio di previsione dell'esercizio finanziario 2006 per gli interventi delle disposizioni di legge abrogate con l'articolo 10 della presente legge.

(2)  La spesa a carico degli esercizi successivi è autorizzata con legge finanziaria annuale.

Art. 12 (Entrata in vigore)

(1)  La presente legge entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 7 dicembre 1994, n. 59
ActionActionb) Legge provinciale 18 maggio 2006, n. 3
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2 (Sistema dei servizi)  
ActionActionArt. 3 (Interventi)
ActionActionArt. 4 (Guida di auto- e motoveicoli)
ActionActionArt. 5 (Istruzione e formazione del personale dei servizi)
ActionActionArt. 6 (Disposizioni in materia di alcol)   
ActionActionArt. 6/bis (Disposizioni in materia di gioco d’azzardo) 
ActionActionArt. 7 (Coordinamento provinciale)
ActionActionArt. 8 (Convenzioni e contributi)    
ActionActionArt. 9 
ActionActionArt. 10 (Abrogazione di norme)  
ActionActionArt. 11 (Disposizione finanziaria)
ActionActionArt. 12 (Entrata in vigore)
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 1 ottobre 2007, n. 53 —
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico