In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

k) Legge provinciale 21 maggio 2002, n. 71)
Disposizioni per favorire il superamento o l'eliminazione delle barriere architettoniche

1)
Pubblicata nel B.U. 11 giugno 2002, n. 25.

Art. 1 (Finalità)

(1) La presente legge detta norme per favorire il superamento o l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, pubblici e privati aperti al pubblico nonché negli spazi e servizi pubblici e nei luoghi aperti al pubblico, al fine di facilitare la vita di relazione delle persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale.

Art. 2 (Definizioni)

(1) Per barriera architettonica si intende ogni ostacolo che limita o impedisce l'uso autonomo a tutti i cittadini di spazi, edifici, servizi, strutture e, in particolare, ostacola la mobilità delle persone con difficoltà motoria, sensoriale o psichica, di natura permanente o temporanea, dipendente da qualsiasi causa.

(2) Per luoghi aperti al pubblico si intendono quelli in cui l'accesso, anche se subordinato a determinate condizioni, è consentito ad un numero indeterminato di persone senza bisogno di invito o permesso.

Art. 3 (Centro di consulenza e di documentazione)

(1) Presso la Ripartizione provinciale servizio sociale è istituito il Centro di consulenza e di documentazione sulle barriere architettoniche, il quale:

  1. esegue studi, ricerche e rilevamenti sulla consistenza delle barriere architettoniche nel territorio provinciale;
  2. promuove iniziative di sensibilizzazione e di informazione finalizzate al raggiungimento degli obiettivi della presente legge;
  3. promuove iniziative di formazione, aggiornamento e addestramento finalizzate al raggiungimento degli obiettivi della presente legge;
  4. fornisce consulenza tecnica agli enti pubblici e ai privati proprietari di edifici, costruzioni e impianti soggetti alle prescrizioni tecniche sulle barriere architettoniche, nonché ai liberi professionisti operanti nel settore edile;
  5. raccoglie la documentazione utile sulla normativa vigente nonché sulle soluzioni edilizie e tecniche adottate o adottabili, volte a migliorare l'accessibilità e la visitabilità degli edifici;
  6. verifica e segnala eventuali violazioni della normativa sul superamento o sull'eliminazione delle barriere architettoniche.

Art. 4 (Coordinamento con le norme edilizie)

(1) Le norme in materia di superamento o eliminazione delle barriere architettoniche prevalgono sulle disposizioni contenute nei regolamenti edilizi comunali e sui piani e programmi urbanistici contrastanti con esse. In ogni caso devono essere rispettate le distanze legali previste dal codice civile.

Art. 5 (Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati)

(1) I progetti relativi alla costruzione di nuovi edifici privati o alla ristrutturazione di interi edifici, compresi quelli di edilizia agevolata, sono redatti in osservanza delle prescrizioni tecniche previste dall'articolo 7.

(2) La progettazione deve comunque prevedere:

  1. accorgimenti tecnici idonei alla installazione di meccanismi per l'accesso ai piani superiori, ivi compresi i servoscala;
  2. idonei accessi alle parti comuni degli edifici e alle singole unità immobiliari;
  3. almeno un accesso in piano, rampe prive di gradini o idonei mezzi di sollevamento;
  4. l'installazione, nel caso di immobili con più di tre livelli fuori terra, di un ascensore per ogni scala principale raggiungibile mediante rampe prive di gradini, salvo che si tratti di edifici residenziali unifamiliari o plurifamiliari privi di parti comuni. Vengono considerati livelli fuori terra il piano terra e tutti i livelli costruiti sopra il piano terra.

(3) Il conteggio dei livelli include eventuali porticati, compreso il livello dove si trova l'unico accesso alla più alta unità immobiliare. Non vengono conteggiati i livelli dove si trovano esclusivamente locali tecnici.

(4) Nell'assegnazione di eventuali posti macchina di pertinenza degli edifici, va riconosciuto il diritto di precedenza ai condomini in possesso del contrassegno di cui all'articolo 12 del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503, tenendo conto delle specifiche esigenze della persona in situazione di handicap.

Art. 6 (Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico)

(1) Tutte le opere edilizie riguardanti edifici pubblici e privati aperti al pubblico nonché quelli dell'edilizia residenziale pubblica sono eseguite in conformità alle prescrizioni tecniche di cui all'articolo 7.

(2) Non sono soggette alle norme della presente legge gli esercizi ricettivi nonché le strutture di ristorazione non raggiungibili con mezzi di trasporto pubblico o privato.

(3)Non sono soggette alle disposizioni della presente legge le strutture ricettive ai sensi della legge provinciale 11 maggio 1995, n. 12, e successive modifiche. 2)

(4) Le strutture con capacità ricettiva superiore ai limiti di cui al comma 3 e fino ai 25 posti letto sono soggette alle disposizioni della presente legge nella misura del 10 per cento della capacità ricettiva. Queste strutture devono avere tutte le parti e servizi comuni, specificati nel regolamento di esecuzione, accessibili a persone con ridotta o impedita capacità motoria.

(5) Le disposizioni di cui ai commi 1, 2, 3 e 4 si applicano anche per gli interventi di ristrutturazione parziale di edifici privati aperti al pubblico, ovvero per gli interventi di altro tipo, limitatamente allo specifico intervento progettato.

2)
L'art. 6, comma 3, è stato così sostituito dall'art. 11, comma 1, della L.P. 23 aprile 2014, n. 10.

Art. 7 (Prescrizioni tecniche)

(1) Con regolamento di esecuzione sono fissate le prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e dell'edilizia abitativa agevolata.

(2) Con regolamento di esecuzione sono altresì fissate le prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità di edifici e spazi pubblici e privati aperti al pubblico e di quelli dell'Istituto per l'Edilizia sociale.

(3) Le prescrizioni tecniche di cui ai commi 1 e 2 sono derogabili per gli edifici o loro parti che, nel rispetto di normative tecniche specifiche, non possono essere realizzati senza dar luogo a barriere architettoniche o per singoli locali tecnici il cui accesso è riservato a soli addetti specializzati.

Art. 8 (Immobili soggetti a particolari vincoli)

(1) Nell'ambito del procedimento di approvazione dei progetti relativi alla costruzione o alla ristrutturazione di edifici privati, soggetti ai vincoli in materia di tutela delle cose di interesse artistico e storico e di protezione delle bellezze naturali, va acquisito da parte dell'autorità di tutela competente il parere non vincolante del centro di consulenza e documentazione di cui all'articolo 3.

(2) Per gli edifici pubblici e privati aperti al pubblico soggetti ai vincoli di cui al comma 1, per i quali le autorità competenti alla tutela non rilasciano il nulla osta, la conformità alle norme in materia di accessibilità e di superamento delle barriere architettoniche può essere realizzata con opere provvisionali, come definite dall'articolo 7 del decreto del Presidente della Repubblica 7 gennaio 1956, n. 164, che vanno approvate dalle stesse autorità previo parere del centro di consulenza e documentazione di cui all´articolo 3.

Art. 9 (Accessibilità urbana e utilizzabilità dei mezzi di trasporto pubblico)

(1) Le amministrazioni comunali adottano misure atte a garantire a persone portatrici di minorazioni l'individuazione e la realizzazione di percorsi accessibili per una fruizione autonoma dei servizi, degli spazi urbani ed ambientali. Tali percorsi devono presentare caratteristiche che garantiscano, oltre all'autonomia, anche la sicurezza delle persone, mediante accorgimenti che suppliscano alle problematiche legate al fondo stradale, ai dislivelli dei percorsi, agli impianti semaforici, agli arredi urbani, alla segnaletica stradale e a quant'altro impedisca una libera fruizione degli spazi.

(2) Le amministrazioni comunali, la Provincia e gli enti e società da esse dipendenti intervengono affinchè venga assicurata la possibilità di spostamento sul territorio tramite mezzi pubblici di trasporto, garantendo anche a persone portatrici di minorazioni di fruire in modo autonomo e sicuro dei mezzi stessi.

Art. 10 (Circolazione su strade in territori vincolati)

(1) Sulle strade in territori vincolati il transito dei veicoli a motore che trasportano persone in situazione di handicap è disciplinato dalla legge provinciale 8 maggio 1990, n. 10, e successive modifiche.

Art. 11 (Piano di adattamento per gli edifici pubblici della Provincia e degli enti pubblici locali)

(1) La Provincia, gli enti pubblici da essa dipendenti o il cui ordinamento rientra nella competenza legislativa propria o delegata nonché le aziende e gli enti da essa dipendenti, i comuni, le comunità comprensoriali, le aziende dei servizi sociali, l’Azienda sanitaria e l’Istituto provinciale per l’edilizia sociale adottano un piano di intervento finalizzato alla rimozione delle barriere architettoniche negli edifici destinati allo svolgimento della loro attività entro un anno dall’entrata in vigore del regolamento di esecuzione. Le opere ivi previste sono eseguite in base alle prescrizioni dettate dal regolamento di esecuzione di cui ai commi 1 e 2 dell’articolo 7.

(2) Sono esclusi dal piano di intervento gli edifici che all’entrata in vigore del regolamento di esecuzione di cui ai commi 1 e 2 dell’articolo 7 risultano conformi a quanto previsto dal decreto del Ministro per i lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236, e dal decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503. 3)

3)
L'art. 11 è stato così sostituito dall'art. 46, comma 1, della L.P. 9 aprile 2009, n. 1.

Art. 12 (Norma transitoria)

(1) Fino all'emanazione del regolamento di esecuzione di cui all'articolo 7 si applicano le disposizioni di cui al decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503, e di cui al decreto del ministro per i lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236.

Art. 13 (Sanzioni)

(1) Fatta salva l'applicazione delle sanzioni penali in materia, è disposta la demolizione delle opere realizzate in difformità alle prescrizioni tecniche in materia di superamento o eliminazione delle barriere architettoniche e la restituzione in pristino in conformità al progetto approvato.

Art. 14-15 4)

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

4)
Omissis.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 17 settembre 1973, n. 59 —
ActionActionb) LEGGE PROVINCIALE 9 dicembre 1978, n. 65
ActionActionc) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 11 agosto 1980, n. 23 —
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 16 agosto 1980, n. 33
ActionActione) Legge provinciale 30 giugno 1983, n. 20
ActionActionf) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 dicembre 1989, n. 32
ActionActiong) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 4 settembre 1990, n. 24
ActionActionh) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 20 dicembre 1990, n. 35
ActionActioni) LEGGE PROVINCIALE 8 aprile 1998, n. 3
ActionActionj) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 10 agosto 2001, n. 46
ActionActionk) Legge provinciale 21 maggio 2002, n. 7
ActionAction Art. 1 (Finalità)
ActionAction Art. 2 (Definizioni)
ActionAction Art. 3 (Centro di consulenza e di documentazione)
ActionAction Art. 4 (Coordinamento con le norme edilizie)
ActionAction Art. 5 (Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati)
ActionAction Art. 6 (Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico)
ActionAction Art. 7 (Prescrizioni tecniche)
ActionAction Art. 8 (Immobili soggetti a particolari vincoli)
ActionAction Art. 9 (Accessibilità urbana e utilizzabilità dei mezzi di trasporto pubblico)
ActionAction Art. 10 (Circolazione su strade in territori vincolati)
ActionAction Art. 11 (Piano di adattamento per gli edifici pubblici della Provincia e degli enti pubblici locali)
ActionAction Art. 12 (Norma transitoria)
ActionAction Art. 13 (Sanzioni)
ActionAction Art. 14-15
ActionActionl) Decreto del Presidente della Provincia 9 novembre 2009 , n. 54
ActionActionm) Legge provinciale 14 luglio 2015, n. 7
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 6 dicembre 2017, n. 44
ActionActiono) Decreto del Presidente della Provincia 2 febbraio 2018, n. 3
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico