In vigore al

RICERCA:

Aufgrund von Wartungsarbeiten steht der Dienst am 24. Oktober 2019 von 00:00 Uhr bis 02:00 Uhr nicht zur Verfügung.

Il giorno 24 ottobre 2019 il servizio non sará disponibile dalle ore 00:00 alle ore 02:00 per manutenzione.

Ultima edizione

d) LEGGE PROVINCIALE 20 luglio 1988, n. 231)
Formazione degli educatori in convitti ed operatori pedagogici nel Servizio giovani

1)

Pubblicata nel B. U. 22 luglio 1988, n. 32 - Numero Straordinario.

Art. 1 (Istituzione dei corsi)

(1) La Giunta provinciale è autorizzata ad istituire e gestire, nell'ambito della formazione professionale di cui alla legge provinciale 27 agosto 1962, n. 9, modificata con le leggi provinciali 5 settembre 1964, n. 14, 29 novembre 1965, n. 16, 19 maggio 1968, n. 6, 6 dicembre 1972, n. 36, e 22 gennaio 1975, n. 9, corsi di formazione per educatori in convitti ed operatori pedagogici nel Servizio giovani.

Art. 2 (Titoli di ammissione ai corsi)

(1) Per l'ammissione ai corsi di formazione di cui al precedente articolo è richiesto il diploma di istituto d'istruzione secondaria di secondo grado.

Art. 3 (Durata dei corsi)

(1) I corsi di cui all'articolo 1 hanno una durata minima di due anni scolastici e devono prevedere complessivamente non meno di 2000 ore di insegnamento, di cui la metà di tirocinio pratico.

Art. 4 (Programma di insegnamento)

(1) Il programma di insegnamento comprende:

  • a)  parte teorica:
    • 1)  studio sistematico dello sviluppo della personalità nei suoi aspetti biologici, fisiologici e psichici, con particolare riferimento ai giovani, e conoscenza dei metodi e presupposti atti a favorire il loro inserimento nella società;.
    • 2)  conoscenza dei ritardi fisici e psichici nell' evoluzione del giovane e dei loro riflessi sull'ambiente di gruppo;
    • 3)  informazione, sperimentazione e riflessione su problemi di dinamica di gruppo e su rapporti interpersonali al fine di permettere l' acquisizione di un tipo di comportamento idoneo ad un lavoro con i giovani e di collaborazione con gli adulti;
    • 4)  capacità di organizzare la vita convittuale e l' impiego del tempo libero dei giovani con efficacia pedagogica e di curare la collaborazione con educatori e genitori;
    • 5)  approfondimento della cultura generale.
  • b)  parte pratica:
    • 1)  Il tirocinio pratico fa parte integrante del corso e deve essere condotto principalmente nel contesto della vita convittuale e/o del Servizio giovani.
    • 2)  L' acquisizione di conoscenza, abilità e capacità avviene sia tramite l'insegnamento, sia attraverso seminari, escursioni, viaggi di studio e piani di lavoro.
    • 3)  Ulteriori disposizioni sui contenuti del programma di insegnamento sono fissate con decreto del Presidente della giunta provinciale, previa delibera della Giunta provinciale, sentito il comitato per la formazione professionale di cui alla legge provinciale 27 agosto 1962, n. 9.

Art. 5 (Esami - Commissione)

(1) A conclusione del corso è previsto l'espletamento di un esame finale consistente in prove scritte, orali e pratiche. L'ammissione agli esami finali è subordinata alla frequenza di almeno 4/5 delle lezioni teoriche e allo svolgimento integrale del tirocinio. I criteri di svolgimento delle prove saranno fissati con deliberazione della Giunta provinciale.

(2) Le prove si svolgono innanzi ad apposite commissioni d'esame, distinte per gruppo linguistico e nominate dalla Giunta provinciale, e costituite da un presidente scelto fra il personale direttivo della formazione professionale provinciale e dagli insegnanti delle materie d'esame, in numero non inferiore a 3 e non superiore a 9.

(3) Funge da segretario della commissione un funzionario della formazione professionale di qualifica funzionale non inferiore alla VI.

Art. 6 (Giudizi della commissione)

(1) Le commissioni esaminatrici, di cui al precedente articolo, per le prove finali esprimono una valutazione complessiva dei candidati in trentesimi.

(2) Contro il giudizio espresso dalla commissione è ammesso ricorso entro 30 giorni dalla data di pubblicazione dei risultati alla Giunta provinciale, esclusivamente per motivi di legittimità.

(3) Per i gettoni di presenza ai membri della commissione si applicano le disposizioni in vigore presso l'Amministrazione provinciale.

Art. 7 (Attestati)

(1) Ai candidati che abbiano superato l'esame finale è rilasciato un attestato con la denominazione: "diploma di idoneità per educatore di convitti ed operatore pedagogico nel Servizio giovani".

(2) L'attestato di idoneità di cui sopra è valido ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 5 del D.P.R. 1° novembre 1973, n. 689, ed è requisito per l'ammissione ai concorsi che la Giunta provinciale indice per la nomina in ruolo e per gli incarichi di educatore in convitti e di operatore pedagogico nel Servizio giovani ed in istituzioni socio-pedagogiche.

(3) Inoltre l'attestato è valido per il riconoscimento della qualifica di esperto pedagogico ai fini dell'articolo 5 della legge provinciale 1° giugno 1983, n. 13.

Norme transitorie

Art. 8

(1) Nei tre anni successivi alla data di entrata in vigore della presente legge, possono partecipare agli esami di cui al precedente articolo 5, previa frequenza di appositi corsi di preparazione svolti in base alla legge provinciale 10 agosto 1977, n. 29, anche candidati che alla data suddetta siano in servizio quali educatori in convitti o operatori pedagogici nel Servizio giovani e siano in possesso di un diploma di scuola media di secondo grado e abbiano prestato servizio socio-pedagogico ininterrotto per almeno due anni.

(2) Al primo concorso dopo l'entrata in vigore della presente legge, per educatori in convitti ed operatori pedagogici nel Servizio giovani bandito dalla Giunta provinciale, si può prescindere dal limite massimo di età.

Art. 9

(1) Le dotazioni organiche del ruolo speciale del personale addetto all'istruzione pubblica provinciale ed alla formazione professionale in lingua tedesca di cui al sesto comma dell'articolo 4 della legge provinciale 29 aprile 1975, n. 22, e successive modifiche e integrazioni, sono aumentate rispettivamente di:

  • -  2 posti di cui alla lettera b) dell' articolo menzionato;
  • -  3 posti di cui alla lettera d) dell' articolo menzionato.

(2) È istituito 1 posto di commesso bidello per la scuola professionale delle località ladine.

Art. 10

(1) La dotazione organica del ruolo speciale del personale addetto all'istruzione pubblica provinciale ed alla formazione professionale in lingua italiana di cui alla lettera a) del sesto comma dell'articolo 4 della legge provinciale 29 aprile 1975, n. 22, e successive modifiche e integrazioni, è aumentata di 1 posto.

Art. 11   2)

2)

Il comma 1 modifica l'art. 45 della L.P. 21 febbraio 1972, n. 4, e il comma 2 abroga l'art. 10 della L.P. 23 luglio 1982, n. 11.

Art. 12   3)

3)

L'art. 12 modifica l'art. 75 della L.P. 29 giugno 1987, n. 12.

Norme finali

Art. 13

(1) Con l'entrata in vigore della presente legge è abrogata la legge provinciale 17 agosto 1976, n. 33.

(2) L'attestato di idoneità per istitutore in convitto, rilasciato ai sensi dell'articolo 8 della legge provinciale 17 agosto 1976, n. 33, è da considerarsi requisito valido per la nomina ai posti di ruolo e per gli incarichi per la qualifica di educatore in convitto.

(3) L'attestato di idoneità per istitutore per handicappati, rilasciato ai sensi dell'articolo 8 della legge provinciale 17 agosto 1976, n. 33, è da considerarsi requisito valido per la nomina ai posti di ruolo e per gli incarichi per le qualifiche di insegnante laureato e insegnante diplomato, tecnico per soggetti portatori di handicap.

Art. 14-15.   4)

4)

Omissis.

Art. 16

(1) La presente legge è dichiarata urgente ai sensi dell'articolo 55 dello Statuto speciale per la Regione Trentino-Alto Adige ed entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionA Ordinamento della formazione professionale
ActionActionB Formazione nel settore sanitario
ActionActionC Corsi di diploma nel settore sociale
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 15 luglio 1981, n. 19
ActionActionb) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 19 aprile 1984, n. 10
ActionActionc) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 25 agosto 1987, n. 12
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 20 luglio 1988, n. 23
ActionActionArt. 1 (Istituzione dei corsi)
ActionActionArt. 2 (Titoli di ammissione ai corsi)
ActionActionArt. 3 (Durata dei corsi)
ActionActionArt. 4 (Programma di insegnamento)
ActionActionArt. 5 (Esami - Commissione)
ActionActionArt. 6 (Giudizi della commissione)
ActionActionArt. 7 (Attestati)
ActionActionNorme transitorie
ActionActionNorme finali
ActionActione) LEGGE PROVINCIALE 6 giugno 1997, n. 9
ActionActionD Riconoscimento delle qualifiche professionali
ActionActionE Provvidenze per la formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico