In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

l) Decreto del Presidente della Provincia 31 luglio 2006, n. 381)
Formazione del trainer del benessere/della trainer del benessere

1)
Pubblicato nel B.U. 24 ottobre 2006, n. 43.

Art. 1 (Ambito di applicazione)

(1) Il presente regolamento disciplina la formazione del trainer del benessere e della trainer del benessere ai sensi dell'articolo 53decies della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58, e successive modifiche.

Art. 2 (Attività)

(1) Il trainer del benessere esegue le prestazioni che contribuiscono al benessere psichico e fisico del cliente, escluse le prestazioni mediche o riservate ai professionisti sanitari.

(2) Il trainer del benessere è abilitato a svolgere le seguenti prestazioni: applicazioni di benessere, di tecniche motorie e di metodi di rilassamento, esecuzione di massaggi non terapeutici rilassanti, estetici e stimolanti il senso di benessere, sauna e solarium, consulenza finalizzata ad un modo di vivere sano.

Art. 3 (Requisiti)

(1) Possono esercitare l'attività di trainer del benessere coloro che hanno compiuto il diciottesimo anno di età, hanno assolto l'obbligo scolastico ed hanno inoltre sostenuto positivamente l'esame di diploma di cui all'articolo 10 della legge provinciale 12 novembre 1992, n. 40, e successive modifiche, relativo alla qualifica professionale di trainer del benessere.

Art. 4 (Iscrizione ai corsi)

(1) Possono iscriversi al corso di trainer del benessere coloro che hanno compiuto il diciottesimo anno di età o rispettivamente hanno assolto l'obbligo formativo. In particolare è richiesto il possesso di:

  • a)  una qualifica professionale nell' ambito della cura del corpo (estetista), delle professioni sanitarie e sociali e delle scienze motorie;
  • b)  un diploma di maturità o qualifica professionale diverso da quelli di cui alla lettera a) e la frequenza di corsi specifici per un totale di almeno 100 ore;
  • c) un diploma di scuola secondaria di primo grado e gli attestati di frequenza a corsi specifici di cui alla lettera b), nonché almeno 80 ore di frequenza a corsi di formazione e aggiornamento nei settori della comunicazione, dello sviluppo della personalità e delle lingue. 2)

(2) Gli interessati devono superare il colloquio di ammissione, vertente soprattutto sulle capacità di relazione sociale, in particolare comunicative ed espressive, e sui requisiti fisici.

2)
La lettera c) dell'art. 4, comma 1, è stata aggiunta dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 10 luglio 2017, n. 23.

Art. 5 (Programma dei corsi e degli esami)

(1) Il programma dei corsi e degli esami per la qualifica di trainer del benessere è approvato dalla Giunta provinciale ai sensi dell'articolo 10 della legge provinciale 12 novembre 1992, n. 40,e successive modifiche. Sono compresi i seguenti moduli:

  • a)  scienze motorie e outdoor;
  • b)  cultura dell' alimentazione;
  • c)  tecniche di rilassamento e tecniche corporee;
  • d)  benessere e strategie del benessere;
  • e)  motivazione e consulenza.

Art. 6 (Esercizio dell'attività)

(1) Al trainer del benessere è consentito esercitare la propria attività in strutture gestite da enti pubblici o da società a partecipazione pubblica, così come negli esercizi ricettivi pubblici.

Art. 7 (Riconoscimento dei diplomi)

(1) Il Direttore o la Direttrice della Ripartizione provinciale competente per la formazione professionale, previo parere obbligatorio della commissione esaminatrice nominata ai sensi della legge provinciale 12 novembre 1992, n. 40, e successive modifiche, si esprime ai sensi dell'articolo 53/octies della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58, in merito al riconoscimento di altri diplomi acquisiti.

Art. 8 (Norme transitorie)

(1) Coloro che, prima dell'entrata in vigore del presente regolamento, dimostrano in un periodo di 5 anni almeno tre anni di esperienza professionale pertinente e la frequenza di un corso di almeno 100 ore nel campo del rilassamento e della tecnica corporea, sono abilitati ad esercitare l'attività di trainer del benessere, previo riconoscimento da parte del Direttore o della Direttrice della Ripartizione provinciale Turismo dopo aver acquisito il parere obbligatorio delle ripartizioni provinciali per la formazione professionale. La documentazione comprovante i requisiti di cui sopra deve essere presentata entro 24 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento.

Art. 9 (Entrata in vigore)

Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionA Ordinamento della formazione professionale
ActionActiona) Legge provinciale 7 ottobre 1955, n. 3
ActionActionb) Legge provinciale 27 novembre 1967, n. 15
ActionActionc) Legge provinciale 10 agosto 1977, n. 29
ActionActiond) Legge provinciale 15 luglio 1981, n. 20
ActionActione) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 13 dicembre 1990, n. 33
ActionActionf) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 14 dicembre 1990, n. 34
ActionActiong) Legge provinciale 12 novembre 1992, n. 40
ActionActionh) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 9 settembre 1993, n. 35
ActionActioni) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 22 dicembre 1994, n. 63
ActionActionj) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 25 novembre 1996, n. 45
ActionActionk) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 15 marzo 1999, n. 11
ActionActionl) Decreto del Presidente della Provincia 31 luglio 2006, n. 38 —
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2 (Attività)
ActionActionArt. 3 (Requisiti)
ActionActionArt. 4 (Iscrizione ai corsi)
ActionActionArt. 5 (Programma dei corsi e degli esami)
ActionActionArt. 6 (Esercizio dell'attività)
ActionActionArt. 7 (Riconoscimento dei diplomi)
ActionActionArt. 8 (Norme transitorie)
ActionActionArt. 9 (Entrata in vigore)
ActionActionm) Legge provinciale 14 marzo 2008, n. 2
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 10 settembre 2013, n. 25
ActionActiono) Decreto del Presidente della Provincia 16 agosto 2018, n. 22
ActionActionp) Decreto del Presidente della Provincia 4 settembre 2018, n. 23
ActionActionB Formazione nel settore sanitario
ActionActionC Corsi di diploma nel settore sociale
ActionActionD Riconoscimento delle qualifiche professionali
ActionActionE Provvidenze per la formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico