In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

g) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 9 marzo 1989, n. 51)
Criteri fondamentali per lo svolgimento del corso di formazione per massaggiatori e massofisioterapisti

1)

Pubblicato nel B.U. 18 aprile 1989, n. 19.

Art. 1

(1) La durata del corso di formazione per massofisioterapisti è biennale per complessive 2000 ore di insegnamento teorico e pratico.

(2) L'insegnamento teorico e pratico comprende le seguenti materie:

Materie  Piano di studi

  1° anno  2° anno

Anatomia 50

Fisiologia 50

Patologia  80

Educazione sanitaria  20

Igiene 20

Chimica e fisica 20

Legislazione sanitaria 20

Psicologia 20  20

Seconda lingua 40  40

Pronto soccorso e medicazioni  20

Metodologia della massofisioterapia 60  30

Fisioterapia strumentale  40

Esercitazioni pratiche 720  750

TOTALE  1000  1000

Art. 2

(1) Sono ammessi al corso cittadini italiani e stranieri con precedenza assoluta per i candidati residenti in Provincia di Bolzano.

(2) Gli aspiranti alla scuola devono possedere i seguenti requisiti:

  1. diploma di scuola secondaria di primo grado o titolo di studio straniero equiparato;
  2. età non inferiore ad anni 16.

Art. 3

(1) Il numero minimo e massimo di allievi ammessi al corso di formazione per massofisioterapisti è stabilito in base alla programmazione provinciale dell'attività formativa per il personale socio-sanitario.

(2) Qualora il numero degli aspiranti al corso sia superiore al numero massimo di posti stabiliti, si procede ad una selezione, stilando una graduatoria - punteggio sulla base di titoli di preferenza e di un esame scritto.

(3) I punteggi di valutazione sono stabiliti come segue:

  1. fino ad un massimo di 20 punti per il giudizio riportato nel diploma di scuola media o di un istituto superiore;
  2. fino ad un massimo di 10 punti per la frequenza di scuole, corsi, seminari, convegni in materie sanitarie;
  3. fino ad un massimo di 10 punti per servizio prestato in attività sanitarie presso enti pubblici e privati;
  4. fino ad un massimo di 50 punti per l'esame scritto.

Art. 4

(1) Gli allievi hanno l'obbligo della frequenza.

(2) Non sono ammessi al secondo anno di corso o all'esame di diploma coloro che non abbiano frequentato almeno un terzo delle lezioni teoriche o del tirocinio pratico.

(3) I docenti verificano regolarmente il profitto degli allievi.

(4) Al termine dell'insegnamento delle singole materie l'idoneità dell'allievo ad essere ammesso al corso successivo o a sostenere l'esame di diploma è valutata da una commissione della quale fanno parte:

  1. il docente della materia esaminata;
  2. il direttore didattico;
  3. l'istruttore didattico.

(5) Funge da verbalizzante il segretario del corso.

Art. 5

(1) Sono ammessi gli esami di riparazione tra il primo e secondo anno di corso in non più di tre materie.

Art. 6

(1) Può sostenere l'esame di diploma l'allievo che abbia conseguito una valutazione positiva sia nelle materie teoriche che nel tirocinio pratico.

(2) L'esame di diploma consiste:

  1. in una prova scritta o nella presentazione di una tesi svolta dal candidato durante il secondo anno di corso;
  2. in una discussione multidisciplinare attinente la prova scritta o la tesi presentata;
  3. in una prova pratica ove vengono valutate tecniche di massoterapia applicate a pazienti di diversa patologia.

(3) L'esame di diploma può essere ripetuto solamente una volta.

Art. 7

(1) La commissione d'esame è nominata con delibera dell' U.S.L. ed è composta:

  1. dal Presidente dell' U.S.L. o un suo delegato, quale presidente;
  2. dal Direttore didattico del corso;
  3. da un docente del corso;
  4. dal massofisioterapista docente;
  5. da un rappresentante dell'Assessorato degli affari sociali e sanità.

(2) Le mansioni amministrative sono svolte dal segretario della scuola.

Art. 8

(1) Il diploma viene predisposto a cura dell'Assessorato agli affari sociali e sanità e firmato dall'Assessore competente, dal presidente della commissione d'esame e dal Direttore didattico del corso.

indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionA Ordinamento della formazione professionale
ActionActionB Formazione nel settore sanitario
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 21 settembre 1978, n. 17
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 22 dicembre 1978, n. 28
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 4 settembre 1979, n. 36
ActionActiond) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 marzo 1981, n. 8
ActionActione) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 20 ottobre 1986, n. 21
ActionActionf) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 23 ottobre 1986, n. 22
ActionActiong) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 9 marzo 1989, n. 5
ActionActionArt. 1
ActionActionArt. 2
ActionActionArt. 3
ActionActionArt. 4
ActionActionArt. 5
ActionActionArt. 6
ActionActionArt. 7
ActionActionArt. 8
ActionActionh) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 17 giugno 1992, n. 22
ActionActioni) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 4 marzo 1993, n. 8
ActionActionj) Legge provinciale 26 ottobre 1993, n. 18
ActionActionk) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 4 dicembre 1996, n. 47
ActionActionl) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 7 luglio 1999, n. 37
ActionActionm) Legge provinciale 15 novembre 2002, n. 14
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 20 ottobre 2003, n. 46
ActionActiono) Decreto del Presidente della Provincia 7 gennaio 2008, n. 4 —
ActionActionC Corsi di diploma nel settore sociale
ActionActionD Riconoscimento delle qualifiche professionali
ActionActionE Provvidenze per la formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico