In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

t'') Contratto collettivo 27 agosto 2020 1)
Contratto collettivo provinciale decentrato concernete i permessi per motivi di studio per l'anno scolastico 2020-2021

1)
Pubblicato nel B.U. 10 settembre 2020, n. 37.

PREMESSA

  1. L’articolo 3 del D.P.R. n. 395 del 23 agosto 1988 prevede che il personale della scuola ha titolo a beneficiare, nel corso dell’anno solare, di permessi straordinari retribuiti per motivi di studio nella misura massima di 150 ore.
  2. Il Ministro della Funzione Pubblica, con C.M. del 05/04/1989, ha demandato alle singole Amministrazioni la definizione delle modalità procedurali da seguire per la concessione dei permessi.
  3. Il Ministro della P.I., con C.M. n. 319 del 24/10/91, ha definito le modalità di concessione dei permessi al personale direttivo, docente ed educativo della scuola.
  4. Secondo l’articolo 5 dell’allegato 4 del testo unico dei Contratti Collettivi Provinciali per il personale docente ed educativo delle scuole elementari e secondarie di primo e secondo grado della Provincia di Bolzano del 23 aprile 2003 i permessi per motivi di studio vengono utilizzati secondo le modalità e i limiti da stabilirsi nella contrattazione decentrata con le Intendenze scolastiche, tenendo conto dei principi desumibili dalla disciplina generale del diritto allo studio nell’ambito del pubblico impiego.

Il presente accordo regola i permessi per motivi di studio in modo unitario per l’intero personale della scuola a carattere statale della Provincia di Bolzano nel rispetto della normativa di cui sopra.

Art. 1
Personale avente diritto

1. Ha titolo a beneficiare dei permessi per motivi di studio il personale docente e educativo con contratto di lavoro a tempo indeterminato e determinato dal 14.09.2020 fino ad almeno il 30.04.2021, con trattamento economico di almeno 9/18 o 11/22. Tali condizioni devono sussistere al momento della data di scadenza per la presentazione delle domande.

2. In caso di più contratti a tempo determinato il numero di ore va sommato.

3. Non ha diritto ai permessi per conseguire una seconda laurea il personale già in possesso di laurea o di un titolo equivalente valido per l’insegnamento nelle scuole primarie o secondarie di primo o secondo grado.

Art. 2
Contingente provinciale e riparto tra i diversi gradi d’istruzione

1. Per i permessi per motivi di studio è a disposizione un contingente orario determinato nel modo seguente:

  1. 3% dell’organico di fatto delle scuole primarie moltiplicato per 87 ore;
  2. 3% dell’organico di fatto delle scuole secondarie di primo grado moltiplicato per 79 ore;
  3. 3% dell’organico di fatto delle scuole secondarie di secondo grado moltiplicato per 79 ore.

2. In ciascun grado d’istruzione, l’80% del contingente è riservato al personale docente con contratto di lavoro a tempo determinato che richiede i permessi per motivi di studio retribuiti per la frequenza dei corsi previsti dall’art. 4 comma 1 lettera a) o comma 2 lettera a). In tutti gli altri casi ha precedenza il personale docente con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Art. 3
Tempi e modalità di presentazione delle domande

1. Le domande vanno presentate tramite il dirigente scolastico o la dirigente scolastica all’Intendenza scolastica competente risp. alla Ripartizione Amministrazione istruzione e formazione. Il termine per la presentazione delle domande e i dati da inserire nelle domande vengono fissati  dagli Intendenti scolastici competenti o dalla Direttrice della Direzione provinciale Scuole.

Art. 4
Formazione delle graduatorie

1. Le graduatorie del personale docente delle scuole primarie che ha presentato domanda sono formate sulla base dei seguenti parametri, indicati in ordine di priorità:

a) Frequenza dei seguenti corsi di studio:

  1. Corso di laurea magistrale in scienze della formazione primaria;
  2. Laurea magistrale in scienze religiose ad indirizzo pedagogico-didattico (quinquennale);
  3. corsi di formazione per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria;
  4. corsi di specializzazione per l’insegnamento su posti di sostegno nella scuola primaria,
  5. corsi finalizzati al conseguimento della specializzazione per il tedesco risp. italiano come seconda lingua e lingua straniera per le alunne e alunni con background migratorio (classi di concorso 23/bis e 23/ter).

b) frequenza di corsi di studio finalizzati al conseguimento di un grado accademico di almeno 180 CFU nell’ambito pedagogico che non rientra nelle fattispecie di cui alla lettera a);

c) frequenza dei seguenti corsi:

  1. corsi post universitari;
  2. corsi per l’insegnamento ad indirizzo didattico differenziato Montessori riconosciuti dall’Amministrazione scolastica oppure per l’insegnamento in ospedale (Heilstättenpädagogik”).

d) frequenza di corsi di studio finalizzati al conseguimento di un grado accademico di almeno 180 CFU che non rientra nelle fattispecie di cui alle lettere a) e b).

e) Tirocinio che i docenti devono sostenere nell’ambito del concorso per la formazione e l’assunzione di dirigenti scolastici.

2. Le graduatorie del personale docente delle scuole secondarie che ha presentato domanda sono formate sulla base dei seguenti parametri, indicati in ordine di priorità:

a) frequenza dei seguenti corsi di studio:

  1. corso di tirocinio formativo attivo (TFA) oppure corso di studio per il conseguimento dell’abilitazione per l’insegnamento nelle scuole secondarie;
  2. corsi di specializzazione per l’insegnamento su posti di sostegno nella scuola secondaria di primo e secondo grado.

b) frequenza di corsi finalizzati al conseguimento

  1. della laurea (L) o del diploma accademico di primo livello nonché della laurea magistrale (LM) o del diploma accademico di secondo livello di cui al DM 249/2010;
  2. della Laurea magistrale in scienze religiose ad indirizzo pedagogico-didattico;
  3. del corso di studio “Lehramt”;
  4. della specializzazione per il tedesco risp. italiano come seconda lingua e lingua straniera per le alunne e alunni con background migratorio (classi di concorso 23/bis e 23/ter) e di titoli utili all’insegnamento di Tedesco come Lingua 2/straniera (“DAF/DAZ”) e di Italiano come Lingua 2/straniera.

c) frequenza dei seguenti corsi:

  1. Corsi universitari per l’insegnamento della materia nella seconda lingua o nella lingua straniera (CLIL);
  2. corsi per l’insegnamento ad indirizzo didattico differenziato Montessori riconosciuti dall’Amministrazione scolastica oppure per l’insegnamento in ospedale (Heilstättenpädagogik”).

d) conseguimento di una seconda abilitazione all’insegnamento;

e) frequenza di corsi finalizzati al conseguimento di

  1. titoli di studio in corsi post universitari;
  2. titoli richiesti per l’insegnamento della disciplina in cui si sta prestando servizio;
  3. 24 CFU in ambito antropopsicopedagogico e metodologie e tecnologie didattiche (massimo 40 ore di permessi studio).

f) frequenza di corsi finalizzati al conseguimento di un diploma di laurea magistrale che non rientra nella fattispecie delle lettere b) – e).

g) Tirocinio che i docenti devono sostenere nell’ambito del concorso per la formazione e l’assunzione di dirigenti scolastici.

3. I titoli di studio elencati alle singole lettere dei commi 1 e 2 hanno la stessa valenza.

4. Il personale con contratto di lavoro a tempo parziale o con orario ridotto ha diritto ai permessi per motivi di studio nel caso in cui il contingente non sia esaurito da parte del personale docente con contratto di lavoro a tempo pieno.

5. A parità di posizione nell’ordine previsto dai commi 1 e 2, nell’ambito della stessa lettera, la precedenza è determinata dalla maggiore anzianità di servizio. In caso di parità di ordine e di anzianità di servizio la precedenza è determinata dalla maggiore età anagrafica. La precedenza tra il personale docente con contratto di lavoro a tempo parziale o con orario ridotto è determinata dal maggiore numero di ore.

6. Il rinnovo annuale dei permessi per motivi di studio finalizzati alla prosecuzione dei corsi di studio autorizzati avviene con priorità rispetto a nuove domande.

7. I permessi per motivi di studio non utilizzati all’interno di un grado di scuola sono distribuiti, a necessità, fra gli altri gradi di scuola.

8. Nel rispetto del contingente orario complessivo determinato ai sensi dell’art. 2, in caso di necessità, le ore a disposizione di una Intendenza, rispettivamente di una Direzione provinciale Scuole,   possono essere concesse in fruizione ad altra Direzione provinciale Scuole o, rispettivamente, ad altra Intendenza scolastica.

9. Le graduatorie sono pubblicate entro il termine stabilito dall’Intendente scolastico competente risp. dalla Direttrice della Direzione provinciale Scuole.

Art. 5
Durata e modalità di fruizione dei permessi per motivi di studio

1. I permessi per motivi di studio possono essere fruiti al massimo per 6 anni scolastici.

2. I permessi per motivi di studio possono essere fruiti dal 1° settembre al 31 agosto. Eventuali ore d’insegnamento non fruite entro tale data possono essere fruite nell’anno scolastico successivo, fino alla data di concessione dei nuovi permessi per motivi di studio.

3. I docenti di classe della scuola primaria con contratto di lavoro a tempo pieno possono fruire di un massimo di 87 ore di insegnamento annue, i docenti di religione e di seconda lingua della scuola primaria e i docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado con contratto di lavoro a tempo pieno possono fruire di un massimo di 79 ore di insegnamento. In caso di lavoro a tempo parziale l’ammontare di ore previsto viene proporzionalmente ridotto. In relazione al numero di richieste di permessi presentate, il competente Intendente scolastico oppure la Direttrice della Direzione provinciale Scuole, in preventivo accordo con le organizzazioni sindacali, può ridurre tale numero di ore così da concedere tali benefici al maggior numero di docenti possibile tra quelli che frequentano i corsi indicati all’articolo 4 comma 1 lettera a) e comma 2 lettera a). Resta ferma la disposizione di cui al comma 7 e al comma 8 nei limiti dell’ammontare individuale massimo delle ore.

4. Ai docenti che frequentano corsi online che prevedono anche lo svolgimento di attività in presenza effettiva, possono essere concessi i permessi nella misura massima indicata al precedente comma 3. Qualora i corsi online non prevedano attività in presenza possono essere concessi permessi con le modalità previste dai commi 7 e 8.

5. I provvedimenti formali di concessione dei permessi sono predisposti dal dirigente scolastico e dalla dirigente scolastica competente sulla base  delle autorizzazioni concesse dall’Intendente scolastico oppure dalla Direttrice della Direzione provinciale Scuole.

6. Il permesso per motivi di studio può essere utilizzato integralmente per la frequenza dei corsi e dei tirocini. Il personale insegnante informa tempestivamente il dirigente scolastico del calendario di fruizione dei permessi.

7. Il permesso per motivi di studio, può essere fruito per un massimo di 44 ore di insegnamento dal personale docente della scuola primaria con contratto a tempo pieno o 40 ore di insegnamento per il personale docente di seconda lingua e di religione della scuola primaria e della scuola secondaria con contratto a tempo pieno anche per la preparazione degli esami, o - limitatamente a 2 anni scolastici - per la redazione della tesi di laurea o per il lavoro conclusivo del percorso di studi. Le predette ore possono essere fruite al massimo in due soluzioni.

8. I limiti di cui al comma 7 sono aumentati a 66 o, rispettivamente, a 60 ore di insegnamento qualora la fruizione delle stesse avvenga in un’unica soluzione ovvero con riduzione delle ore di completamento nella scuola secondaria di I o di II grado o delle ore di compresenza nella scuola primaria. È considerata unica soluzione anche la soluzione interrotta da giorni festivi e giorni di non insegnamento, a condizione che non comporti oneri aggiuntivi.

9. Nei confronti del personale docente con contratto di lavoro a tempo parziale le ore di insegnamento di cui ai commi 7 e 8 sono ridotte in relazione all’orario del contratto di lavoro a tempo parziale.

10. Dalla quota individuale di ore spettanti per permesso per motivi di studio, vengono detratte solamente le ore di cui agli articoli 5 e 6 del Contratto Collettivo Provinciale del 23.04.2003, anche se il permesso comprende attività funzionali di cui all’art. 8 del CCP 23.4.2003. La richiesta di fruizione di permessi orari per motivi di studio che coincidono esclusivamente con lo svolgimento di attività funzionali all’insegnamento, può essere accolta solo per la partecipazione ad attività di frequenza.

Art. 6
Controversie interpretative

1. Qualora insorgano controversie sull’interpretazione delle norme, le parti che le hanno sottoscritte s’incontrano, entro 5 giorni dalla richiesta, per definire consensualmente il significato della clausola controversa.

Art. 7
Validità del contratto collettivo decentrato

1. Il presente contratto collettivo vale per l’anno scolastico 2020/2021.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionA Struttura dirigenziale
ActionActionB Disposizioni speciali concernenti servizi di settore
ActionActionC Assunzione in servizio e profili professionali
ActionActionD Disposizioni generali sullo stato giuridico dei dipendenti provinciali
ActionActionE Contratti collettivi
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 13 agosto 1990, n. 17
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 aprile 1991, n. 10
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 27 giugno 1991, n. 18
ActionActiond) Contratto collettivo 4 gennaio 1996
ActionActione) Contratto collettivo 18 dicembre 1998
ActionActionf) Contratto collettivo 13 aprile 1999 —
ActionActiong) Contratto collettivo 23 febbraio 2000
ActionActionh) Contratto di comparto
ActionActioni) Contratto collettivo 28 agosto 2001 —
ActionActionj) Contratto collettivo 25 marzo 2002
ActionActionk) Contratto di comparto 4 luglio 2002
ActionActionl) Contratto collettivo 3 ottobre 2002 —
ActionActionm) Contratto collettivo 9 dicembre 2002
ActionActionn) Contratto collettivo 13 marzo 2003
ActionActiono) Testo unico del 23 aprile 2003
ActionActionp) Contratto collettivo 16 maggio 2003
ActionActionq) Contratto collettivo 17 settembre 2003 —
ActionActionr) Contratto di comparto 5 novembre 2003 
ActionActions) Contratto collettivo 13 luglio 2004
ActionActiont) Contratto collettivo 6 dicembre 2004
ActionActionu) Contratto collettivo 7 aprile 2005 —
ActionActionv) Contratto collettivo 14 giugno 2005 —
ActionActionw) Contratto collettivo 4 agosto 2005
ActionActionx) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActiony) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActionz) Contratto collettivo 8 marzo 2006
ActionActiona') Contratto collettivo 21 giugno 2006
ActionActionb') Contratto collettivo 6 ottobre 2006 
ActionActionb') CONTRATTO COLLETTIVO 17 maggio 2007
ActionActionc') Contratto collettivo 5 luglio 2007
ActionActiond') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActione') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActionf') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActiong') Contratto collettivo 8 ottobre 2007
ActionActionh') Contratto collettivo 23 novembre 2007
ActionActioni') Contratto collettivo 12 febbraio 2008
ActionActionj') Contratto collettivo 22 aprile 2008
ActionActionk') Contratto collettivo 8 ottobre 2008
ActionActionl') Contratto collettivo 3 febbraio 2009
ActionActionm') Contratto collettivo 17 febbraio 2009
ActionActionn') Contratto collettivo 22 ottobre 2009
ActionActiono') Contratto di comparto 11 novembre 2009
ActionActionp') Contratto di comparto 24 novembre 2009, n. 0
ActionActionq') Contratto collettivo 24 novembre 2009
ActionActionr') Accordo24 novembre 2009
ActionActions') Contratto collettivo 13 giugno 2013, n. 01
ActionActiont') Contratto di comparto 27 giugno 2013
ActionActionu') Contratto collettivo intercompartimentale 26 gennaio 2015, n. 0
ActionActionv') Contratto collettivo 16 marzo 2015, n. 0
ActionActionw') Contratto di comparto 13 luglio 2015, n. 0
ActionActionx') Contratto di comparto 3 settembre 2015, n. 0
ActionActiony') Contratto di comparto 22 dicembre 2015, n. 00
ActionActionz') Contratto collettivo 23 maggio 2016
ActionActiona'') Contratto di comparto 19 luglio 2016, n. 0
ActionActionb'') Contratto collettivo 6 ottobre 2016
ActionActionc'') Contratto collettivo intercompartimentale 28 ottobre 2016, n. 0
ActionActiond'') Contratto collettivo 6 dicembre 2016
ActionActione'') Contratto collettivo 13 dicembre 2016, n. 001
ActionActionf'') Contratto di comparto 13 dicembre 2016, n. 0001
ActionActiong'') Contratto collettivo 21 dicembre 2016, n. 00001
ActionActionh'') Contratto di comparto 20 febbraio 2018, n. 0
ActionActioni'') Contratto collettivo intercompartimentale 19 giugno 2018, n. 0
ActionActionj'') Contratto di comparto 27 settembre 2018, n. 00
ActionActionk'') Contratto di comparto 16 gennaio 2019, n. 0
ActionActionl'') Contratto di comparto 27 maggio 2019, n. 00
ActionActionm'') Contratto di comparto 11 giugno 2019, n. 0
ActionActionn'') Contratto collettivo intercompartimentale 4 dicembre 2019, n. 0
ActionActiono'') Contratto di comparto 9 gennaio 2020
ActionActionp'') Contratto collettivo 23 gennaio 2020, n. 23
ActionActionq'') Contratto di comparto 24 gennaio 2020
ActionActionr'') Contratto collettivo 7 maggio 2020
ActionActions'') Contratto di comparto 16 giugno 2020
ActionActiont'') Contratto collettivo 27 agosto 2020
ActionActionPREMESSA
ActionActionPersonale avente diritto
ActionActionContingente provinciale e riparto tra i diversi gradi d’istruzione
ActionActionTempi e modalità di presentazione delle domande
ActionActionFormazione delle graduatorie
ActionActionDurata e modalità di fruizione dei permessi per motivi di studio
ActionActionControversie interpretative
ActionActionValidità del contratto collettivo decentrato
ActionActionu'') Contratto collettivo intercompartimentale 28 agosto 2020
ActionActionv'') Contratto collettivo intercompartimentale 3 dicembre 2020
ActionActionw'') Contratto collettivo intercompartimentale 10 dicembre 2020
ActionActionF Dotazioni organiche e ruoli
ActionActionG Divise di servizio
ActionActionH Cessazione dal servizio e relative provvidenze
ActionActionI Trasferimento di personale di altri enti
ActionActionJ Giunta provinciale
ActionActionK Consiglio provinciale
ActionActionL Procedimento amministrativo
ActionActionM Referendum ed elezione del Consiglio provinciale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico