In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 10 maggio 2016, n. 497
Corsi serali per adulti della scuola secondaria di secondo grado in lingua tedesca

...omissis...

di approvare i seguenti criteri per l’organizzazione della scuola serale in lingua tedesca:

Art. 1
Organizzazione, luoghi e struttura dei corsi

1. La scuola serale è gestita dall’Ufficio Amministrazione scolastica dell’Intendenza scolastica tedesca in collaborazione con le scuole secondarie di secondo grado.
A questo scopo viene siglato un accordo tra il direttore dell’ufficio Amministrazione scolastica e la dirigenza delle rispettive scuole secondarie di secondo grado. Le attività di coordinamento nell'ambito dell'insegnamento e degli esami vengono svolte dai dirigenti scolastici e dai docenti delle scuole secondarie di secondo grado e scuole professionali.

2. La scuola serale viene offerta a Bolzano, Bressanone, Brunico e Merano, e su richiesta anche in altre località della Provincia.

3. La scuola serale consente di concludere le classi inferiori con un esame di idoneità e prepara i candidati all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione.

4. La scuola serale è strutturata come segue:

  1. Anno di preparazione (1° e 2° classe)
  2. 1° anno di corso (3° e 4° classe)
  3. 2° anno di corso (5° classe).

5. Il numero minimo di partecipanti nel 1° anno di corso è 10 , nel 2° anno di corso 8.
In casi eccezionali è possibile derogare al numero minimo di partecipanti. Il numero massimo per ogni anno di corso è di norma 20 persone. Inoltre possono essere istituite anche classi combinate, formate da gruppi di alunni di diversi tipi di scuola.

6. L’anno di preparazione (anche per singole settimane) è offerto in maniera modulare secondo necessità. Per questi corsi non è previsto un numero minimo di partecipanti.

7. Per lo svolgimento delle lezioni vanno utilizzate, per quanto possibile, strutture provinciali.

Art. 2
Destinatarie e destinatari

1. Alla scuola serale possono partecipare solo persone che abbiano compiuto il 18° anno d’età o che lo compiono entro l’anno solare di iscrizione.
In casi gravi e documentati, nei quali per esempio la frequenza della scuola statale diurna non è possibile per motivi di salute, il suddetto limite d’età può essere abbassato, nel 1° anno di corso, a 17 anni.

2. Se didatticamente sostenibile, al corso serale possono essere ammesse persone anche nel 2° semestre, a condizione che abbiano già compiuto il 18° anno d’età.

3. Per la preparazione agli esami possono essere ammessi a partecipare alle lezioni di singole discipline anche uditrici o uditori, purché la loro presenza sia didatticamente sostenibile.

Art.3
Calendario scolastico

1. Le lezioni si svolgono sulla base del calendario scolastico corrente. I corsi iniziano entro e non oltre una settimana dall’inizio delle lezioni stabilito dal calendario scolastico.

Art. 4
Tabella orario e programmi d’insegnamento

1. Il corso comprende due anni e un totale di almeno 1.400 ore del monte ore annuale, di norma distribuite su 5 giorni della settimana. La suddivisione del monte ore annuale totale tra le singole materie viene generalmente effettuata sulla base dei piani orari previsti dalle Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli. Gli studenti hanno un obbligo di frequenza pari al 75% delle ore previste per ogni anno.

2. L’amministrazione potrà consentire agli studenti di preparare alcune materie mediante studio autonomo.
In questo caso gli studenti riceveranno adeguati materiali didattici e di supporto (anche sotto forma di e - learning).

3. I programmi d’insegnamento sono definiti nell’accordo di cui all’art. 1 tenendo conto del curricolo specifico della scuola.

Art. 5
Personale docente

1. Le attività d’insegnamento vengono svolte da docenti delle scuole secondarie di secondo grado e delle scuole professionali. Se il servizio non può essere garantito dal personale interno verranno incaricate quali relatrici o relatori persone esterne.

2. I docenti della scuola serale possono essere impiegati anche come membri della commissione d’esame, o appartenere al consiglio di classe davanti al quale si svolgerà l’esame preliminare all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione.

3. I docenti, sulla base del loro rapporto di lavoro dipendente, ricevono un incarico aggiuntivo con specifica retribuzione ai sensi dell’art. 9. Le ore d’insegnamento possono anche essere tratte dall’organico provinciale.

Art. 6
Valutazione

1. La valutazione degli alunni viene effettuata nella scuola secondaria di secondo grado cui fa riferimento la scuola serale: dalla 1ª alla 4ª classe come esame d’idoneità o esame integrativo davanti a una commissione d’esame e nella 5ª classe come esame preliminare all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione davanti al consiglio di classe.

2. La modalità degli esami si basa sulle competenze da raggiungere. Ciascuna scuola decide se gli esami si svolgono due volte l’anno, alla fine di ogni semestre, o una volta alla fine dell’anno scolastico.

3. Nel caso di non superamento dell’esame di idoneità per il livello richiesto, ogni singola disciplina, per la quale i/le candidati/e abbiano ottenuto una valutazione positiva, costituisce credito formativo per ogni successivo esame di idoneità concernente la stessa disciplina e la stessa classe dello stesso tipo e indirizzo di scuola. Ne consegue che non sarà nuovamente esaminata, nell’esame d’idoneità successivo, la stessa disciplina riferita alla stessa classe.

4. Ogni disciplina valutata negativamente all’esame d’idoneità verrà nuovamente esaminata nell’esame d’idoneità successivo. La valutazione positiva complessiva di superamento di una determinata classe verrà attribuita solo quando la/il candidata/o sarà valutato positivamente in ogni disciplina.

5. Le/I candidate/i che nell’ambito dell’esame d’idoneità alla fine dell’anno scolastico siano stati valutati negativamente in non più di tre discipline, hanno il diritto di partecipare agli esami di recupero secondo la normativa vigente, tutti gli altri devono ripetere l’anno scolastico anche solo come uditori nelle materie valutati negativamente presso la scuola serale.

Art. 7
Certificazioni

1. Il dirigente scolastico della scuola secondaria di secondo grado a cui fa riferimento la scuola serale, rilascia un certificato sulle materie valutate positivamente oppure sull’idoneità complessiva.

Art. 8
Percorso formativo e riconoscimento di crediti formativi

1. Il riconoscimento delle parti del percorso formativo precedente valutate positivamente spetta al dirigente scolastico della scuola secondaria di secondo grado a cui fa riferimento la scuola serale. A questo fine la deliberazione della giunta provinciale n. 470 del 21.04.15 riguardante la permeabilità tra i percorsi formativi della scuola secondaria di secondo grado viene applicata come segue:

a) I candidati che hanno concluso con successo la 1° classe di una scuola secondaria di secondo grado o di una scuola professionale, possono frequentare la 2° classe senza dover sostenere esami di idoneità.

b) I candidati che hanno concluso con successo la 2° classe di una scuola secondaria di secondo grado o di una scuola professionale, possono frequentare una 3° classe senza l’esame di idoneità. Gli esami integrativi previsti nelle singole materie devono essere svolti nel corso del primo anno di corso.

c) I candidati che non hanno concluso la 2° classe di una scuola secondaria di 2° grado o di una scuola professionale, devono sostenere un esame di idoneità per il superamento della 2° classe. Le materie dei primi 2 anni di corso che non compaiono più nei piani orario delle classi superiori e che non costituiscono una base importante per le materie specifiche dell’indirizzo, non vengono valutate.

Art. 9
Compensi

1. Al personale docente delle scuole a carattere statale e delle scuole professionali, viene corrisposto l’importo di euro 40 € per unità oraria di lezione. Per le lezioni con modalità e-learning, l’amministrazione può applicare, in caso di necessità, una tariffa più elevata. Inoltre, l’amministrazione può retribuire straordinari amministrativi per esempio per la preparazione di materiale didattico, per l’esecuzione degli esami.

2. Per l’attività di coordinamento sono previsti i seguenti importi forfettari:
a) 2.000 – 3.000 € per ogni luogo di corso e in aggiunta, per ogni classe seguita, tra 1.600 € e 2.500 €, a seconda del numero di tipi di scuola, di indirizzi e di alunne e alunni;
b) 115 € per ogni classe, se la sede d’esame non corrisponde al luogo in cui si sono svolte le lezioni.

3. I compensi per le attività di insegnamento e di coordinamento sono remunerati dagli uffici stipendi competenti, mediante i fondi assegnati dalla deliberazione sui contingenti per i compensi a favore del personale docente della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado, per la prestazione di ore straordinarie.

4. Per le attività di coordinamento in alternativa ai compensi sopra menzionati può essere prevista una riduzione dell’orario di insegnamento.

5. Il personale incaricato con contratto d’opera o con lo scambio di corrispondenza commerciale appartiene a una delle seguenti categorie di reddito fiscale e viene retribuito come segue:
a) reddito di lavoro autonomo professionale: compenso per unità oraria di lezione euro 40 € più IVA ed eventuali contributi previdenziali
b) reddito di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co): compenso per unità oraria di lezione euro 40 € meno eventuali contributi obbligatori INPS e INAIL a carico del mandatario.
I relatori, tuttavia, possono appartenere anche ad altre categorie di reddito fiscale oppure svolgere le loro lezioni nell'ambito di un’attività imprenditoriale.

6. Al personale docente statale e al personale docente delle scuole professionali vengono rimborsate le spese di viaggio dalla residenza o dalla sede di servizio (se più vicino) al luogo della prestazione del servizio.

7. Le spese di viaggio per i relatori sono corrisposte ai sensi del regolamento provinciale nel trattamento di missione e si riferiscono alla distanza da casa al luogo di servizio.
Il tasso dell’indennità chilometrica sarà regolato in dettaglio nell’ambito dell’incarico.

Art. 10
Quote

1. Gli studenti dovranno versare una quota composta da una quota d’iscrizione e una quota di frequenza.

2. La quota d’iscrizione è di 100 €, da corrispondere al momento dell’ iscrizione. La quota d’iscrizione va alla scuola in qui si svolge la lezione della scuola serale ed è destinata a coprire le spese materiali e di pulizia.

3. La quota di frequenza per il 1° e il 2° anno di corso ammonta a 900 €. Deve essere pagata in due rate da 450 €. Per i ripetenti tali importi saranno ridotti della metà.

4. Per le alunne e gli alunni del corso di preparazione nonché per eventuali uditori la quota di frequenza dipende dal numero delle lezioni effettivamente seguite, ovvero:
Le prime 50 ore saranno detratte dalla quota di iscrizione. Per tutte le altre lezioni verrà richiesto l’importo di 2 € l’ora.

5. Per i ripetenti l’importo calcolato viene ridotto della metà. Nei corsi con meno di 7 alunni/e la quota sarà aumentata in proporzione.

6. Per la fornitura del materiale didattico l’amministrazione può raccogliere quote aggiuntive in caso di necessità.

7. In casi particolarmente gravosi è possibile essere esonerati dalla quota di frequenza. In caso di interruzione della frequenza della scuola serale una parte della quota di frequenza può essere restituita. L’importo da restituire dipende dalla durata della frequenza scolastica. La quota d’iscrizione deve essere versata in ogni caso e non può essere rimborsata. È data anche la possibilità di un buono trasferibile all’anno scolastico successivo. L’esonero, il rimborso o il trasferimento avviene mediante provvedimento motivato del direttore dell’Ufficio amministrazione scolastica.
Le entrate derivanti dalle quote di frequenza sono accertate annualmente al capitolo E03100.0240 del bilancio finanziario della Provincia Autonoma di Bolzano.

Art. 11
Abrogazione di norme

È abrogata la deliberazione del 27.08.2012, n. 1254.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction Delibera 26 gennaio 2016, n. 62
ActionAction Delibera 19 gennaio 2016, n. 42
ActionAction Delibera 2 febbraio 2016, n. 95
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 104
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 126
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 143
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 167
ActionAction Delibera 23 febbraio 2016, n. 187
ActionAction Delibera 23 febbraio 2016, n. 211
ActionAction Delibera 8 marzo 2016, n. 270
ActionAction Delibera 15 marzo 2016, n. 292
ActionAction Delibera 15 marzo 2016, n. 294
ActionAction Delibera 22 marzo 2016, n. 301
ActionAction Delibera 22 marzo 2016, n. 310
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 349
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 354
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 362
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 364
ActionAction Delibera 12 aprile 2016, n. 376
ActionAction Delibera 12 aprile 2016, n. 398
ActionAction Delibera 19 aprile 2016, n. 420
ActionAction Delibera 19 aprile 2016, n. 421
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 437
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 438
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 441
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 442
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 448
ActionAction Delibera 3 maggio 2016, n. 470
ActionAction Delibera 10 maggio 2016, n. 497
ActionActionOrganizzazione, luoghi e struttura dei corsi
ActionActionDestinatarie e destinatari
ActionActionCalendario scolastico
ActionActionTabella orario e programmi d’insegnamento
ActionActionPersonale docente
ActionActionValutazione
ActionActionCertificazioni
ActionActionPercorso formativo e riconoscimento di crediti formativi
ActionActionCompensi
ActionActionQuote
ActionActionAbrogazione di norme
ActionAction Delibera 17 maggio 2016, n. 535
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 542
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 545
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 562
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 566
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 570
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 583
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 597
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 612
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 614
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 615
ActionAction Delibera 14 giugno 2016, n. 629
ActionAction Delibera 14 giugno 2016, n. 631
ActionAction Delibera 14 giugno 2016, n. 633
ActionAction Delibera 21 giugno 2016, n. 678
ActionAction Delibera 21 giugno 2016, n. 681
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 706
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 738
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 739
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 740
ActionAction Delibera 5 luglio 2016, n. 760
ActionAction Delibera 5 luglio 2016, n. 764
ActionAction Delibera 12 luglio 2016, n. 777
ActionAction Delibera 12 luglio 2016, n. 778
ActionAction Delibera 12 luglio 2016, n. 789
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 805
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 811
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 816
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 817
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 819
ActionAction Delibera 26 luglio 2016, n. 832
ActionAction Delibera 26 luglio 2016, n. 846
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 868
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 872
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 886
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 893
ActionAction Delibera 23 agosto 2016, n. 923
ActionAction Delibera 30 agosto 2016, n. 948
ActionAction Delibera 13 settembre 2016, n. 989
ActionAction Delibera 13 settembre 2016, n. 990
ActionAction Delibera 13 settembre 2016, n. 993
ActionAction Delibera 20 settembre 2016, n. 1008
ActionAction Delibera 20 settembre 2016, n. 1018
ActionAction Delibera 27 settembre 2016, n. 1036
ActionAction Delibera 4 ottobre 2016, n. 1051
ActionAction Delibera 4 ottobre 2016, n. 1072
ActionAction Delibera 11 ottobre 2016, n. 1079
ActionAction Delibera 11 ottobre 2016, n. 1098
ActionAction Delibera 18 ottobre 2016, n. 1127
ActionAction Delibera 25 ottobre 2016, n. 1164
ActionAction Delibera 25 ottobre 2016, n. 1176
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1187
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1188
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1197
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1198
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1223
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1227
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1236
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1241
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1245
ActionAction Delibera 22 novembre 2016, n. 1290
ActionAction Delibera 22 novembre 2016, n. 1294
ActionAction Delibera 22 novembre 2016, n. 1296
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1322
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1323
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1331
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1334
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1350
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1359
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1362
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1365
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1366
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1367
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1368
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1375
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1376
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1386
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1404
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1407
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1415
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1436
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1439
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1447
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1462
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1457
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1458
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1475
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1477
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1478
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1493
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1512
ActionAction Delibera 21 giugno 2016, n. 667
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico