In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 19 maggio 2015, n. 573
Approvazione dei criteri per la concessione di contributi per iniziative per l’incremento economico e della produttività – legge provinciale 28 novembre 1973, n. 79, e successive modifiche

Allegato

Criteri per la concessione di contributi per iniziative volte a favorire l’incremento economico e della produttività

CAPO I
Disposizioni generali

Art. 1
Ambito di applicazione

1. I presenti criteri disciplinano, ai sensi dell’articolo 2, comma 2, della legge provinciale 28 novembre 1973, n. 79, e successive modifiche, la concessione di contributi per iniziative volte a favorire l’incremento economico e della produttività, nonché l’aggiornamento e la specializzazione nei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio, dei servizi e del turismo, incluse le iniziative atte a favorire l’innovazione e la cooperazione in tali ambiti.

2. I contributi sono concessi ai sensi del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”.

Art. 2
Beneficiari

1. I contributi possono essere concessi ad associazioni di categoria e loro cooperative nonché ad istituti, enti e organizzazioni che svolgono attività aventi ricaduta prevalente nel territorio della Provincia, per iniziative che perseguono gli scopi di cui alla legge provinciale 28 novembre 1973, n. 79, e successive modifiche.

Art. 3
Iniziative ammissibili

1. Possono essere ammesse a contributo le iniziative di cui all’articolo 1 della legge provinciale 28 novembre 1973, n. 79, e successive modifiche, secondo quanto specificato ai capi II e III dei presenti criteri.

2. Le iniziative devono essere rivolte a utenti esterni al soggetto richiedente.

Art. 4
Presentazione delle domande

1. Le domande devono essere presentate prima della realizzazione dell’iniziativa e devono essere corredate della documentazione di cui all’articolo 9 o 22.

2. È ammessa la presentazione di più domande all’anno.

Art. 5
Concessione e liquidazione dei contributi

1. I contributi sono concessi dal direttore/dalla direttrice di ripartizione competente e liquidati dietro presentazione della documentazione di cui all’articolo 21 o 31.

Art. 6
Obblighi

1. Nella domanda di contributo va dichiarato che per le medesime iniziative e spese ammissibili non è stata presentata domanda ad altri enti o istituzioni pubbliche. In caso contrario la relativa agevolazione va dichiarata come entrata ed è detratta dalla spesa ammessa a contributo ai sensi dei presenti criteri.

2. I beneficiari si impegnano, pena la revoca del contributo, a mettere a disposizione dell’ufficio provinciale competente la documentazione che lo stesso riterrà opportuna al fine di verificare la sussistenza dei requisiti richiesti per la concessione e la liquidazione del contributo.

Art. 7
Controlli

1. Ai sensi dell’articolo 2, comma 3, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche, sono effettuati controlli a campione su almeno il 6 per cento delle iniziative agevolate.

2. L’individuazione delle iniziative da sottoporre a controllo avviene secondo il principio di casualità applicato alla lista dei contributi liquidati nell’anno di riferimento.

3. Sono inoltre sottoposti a controllo tutti i casi ritenuti dubbi dall’ufficio provinciale competente.

4. Il controllo mira a verificare l’effettiva realizzazione e la regolare esecuzione delle iniziative agevolate e può essere effettuato:

a) tramite sopralluoghi e ispezioni;

b) mediante richiesta di idonea documentazione.

5. Per l’effettuazione dei controlli l’ufficio provinciale competente può avvalersi del supporto di altre ripartizioni dell’amministrazione provinciale.

Art. 8
Revoca del contributo

1. Fermo restando quanto disposto dalle vigenti disposizioni di legge in caso di indebita percezione di vantaggi economici, il contributo è revocato per inosservanza delle disposizioni di cui ai presenti criteri.

2. In caso di revoca il contributo va restituito alla Provincia, maggiorato degli interessi legali maturati e dell’eventuale rivalutazione monetaria.

CAPO II
Contributi per artigianato, industria, commercio, servizi, innovazione e cooperazione

Art. 9
Documentazione

1. Alle domande di contributo va allegata la seguente documentazione:

a) preventivi di spesa o distinta dettagliata delle spese;

b) descrizione dell’iniziativa, con indicazione degli obiettivi, dei tempi di realizzazione nonché delle ricadute e degli effetti nei rispettivi settori economici;

c) piano di finanziamento;

d) eventuali ulteriori documenti richiesti dall’ufficio provinciale competente.

Art. 10
Iniziative ammissibili

1. Possono essere ammesse a contributo le seguenti iniziative, purché raggiungano una spesa ammessa minima di 2.000,00 euro:

a) studi, ricerche, analisi e progetti di sviluppo, comprese iniziative di marketing, limitatamente ai relativi settori, rami economici o professioni nonché ai prodotti o alle zone geografiche di rispettivo interesse, senza alcuna pubblicità aziendale;

b) iniziative volte a migliorare le tecnologie, l’organizzazione e la gestione aziendale, a pianificare la successione d’impresa, a promuovere l’etica in economia, a incrementare la qualità in generale, ad aumentare il livello di tutela dell’ambiente, del lavoro e della salute sul posto di lavoro, nonché altre iniziative per lo sviluppo dei rispettivi settori, rami economici o professioni;

c) organizzazione di convegni, congressi, seminari, corsi e altre iniziative di formazione;

d) partecipazione a convegni, congressi, seminari, corsi e altre iniziative di formazione;

e) partecipazione a ed organizzazione di manifestazioni fieristiche ed espositive nel territorio della Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol. In via straordinaria può essere ammessa anche la partecipazione a o l’organizzazione di manifestazioni fuori del territorio regionale, se essa avviene in accordo con l’Organizzazione Export Alto Adige (EOS) o se quest’ultima la ritiene importante. Le esposizioni artigianali e le mostre dell’economia di carattere locale devono svolgersi a livello comprensoriale, includendo più comuni della stessa comunità;

f) consulenze aziendali;

g) costituzione di cooperazioni aziendali in forma di consorzio, cooperativa o altra forma giuridica;

h) progetti o iniziative nell’ambito di programmi dell’Unione europea.

Art. 11
Spese ammissibili per le iniziative di formazione

1. Per l’organizzazione delle iniziative di formazione di cui all’articolo 10, comma 1, lettera c), sono ammissibili le seguenti spese:

a) compensi degli organizzatori e dei relatori;

b) affitto di locali e di attrezzature tecniche nonché servizi di interpretariato e traduzione;

c) costi del materiale relativo al programma e del materiale didattico.

2. Per la partecipazione alle iniziative di formazione di cui all’articolo 10, comma 1, lettera d), sono ammissibili le seguenti spese:

a) iscrizione e corso;

b) costi del materiale relativo al programma e del materiale didattico;

c) vitto e alloggio fino ad un massimo di 150,00 euro al giorno;

d) spese di viaggio fino ad un massimo di 200,00 euro per iniziative che si svolgono in Italia o in un altro paese europeo e di 400,00 euro per iniziative che si svolgono in altri paesi.

Art. 12
Spese ammissibili per manifestazioni fieristiche

1. Per le manifestazioni fieristiche ed espositive di cui all’articolo 10, comma 1, lettera e), sono ammissibili le seguenti spese:

a) costi di organizzazione;

b) affitto dell’area espositiva;

c) affitto, montaggio e smontaggio, allestimento e decorazione dello stand e dei relativi accessori;

d) costi degli addetti allo stand;

e) trasporto, pulizia, copertura assicurativa, custodia dello stand e dei relativi accessori;

f) costi delle attività di informazione ed educazione del consumatore.

2. Il totale delle spese ammissibili non può superare l’importo di 150.000,00 euro.

Art. 13
Spese ammissibili per consulenze aziendali

1. Per le consulenze aziendali di cui all’articolo 10, comma 1, lettera f), sono ammissibili le seguenti spese:

a) compensi dei consulenti;

b) costi della documentazione di consulenza.

Art. 14
Spese ammissibili per cooperazioni aziendali

1. Per le cooperazioni aziendali di cui all’articolo 10, comma 1, lettera g), sono ammissibili le seguenti spese:

a) spese di costituzione e consulenza;

b) spese di tutoraggio e di personale, limitatamente ai primi tre anni di attività e fino ad un massimo di 50.000,00 euro all’anno;

c) affitto e altre spese amministrative, limitatamente ai primi tre anni di attività e fino ad un massimo di 30.000,00 euro all’anno.

Art. 15
Spesa massima per relatori e consulenti

1. La spesa massima ammissibile per giornata/relatore, giornata/consulente è di 900,00 euro.

Art. 16
Programmi dell’Unione europea

1. Per i progetti o le iniziative agevolabili nell’ambito di programmi dell’Unione europea, di cui all’articolo 10, comma 1, lettera h), possono essere applicati i tassi di finanziamento ivi previsti.

2. Possono essere inoltre ammesse a contributo tutte le spese considerate agevolabili anche nell’ambito di tali programmi.

Art. 17
Spese amministrative interne

1. Per le iniziative di cui all’articolo 10 possono essere inoltre ammesse le spese amministrative interne del richiedente relative all’iniziativa agevolata, nella misura massima del 10 per cento delle spese esterne ammissibili ai sensi del presente capo.

2. Le spese amministrative interne non devono essere documentate, bensì indicate nel preventivo di spesa e nel piano di finanziamento.

Art. 18
IVA

1. Se il beneficiario non è soggetto all’IVA e quest’ultima rappresenta un fattore di costo, l’IVA può essere ammessa come spesa agevolabile.

Art. 19
Spese non ammissibili

1. Non sono ammissibili a contributo:

a) le spese relative a pasti, rinfreschi, buffet, omaggi o premi di ogni tipo;

b) le spese per iniziative a carattere prettamente comunale e locale, culturale o sportivo, oppure riconducibili a feste o eventi popolari o folcloristici.

Art. 20
Ammontare del contributo

1. Per le iniziative di cui all’articolo 10 può essere concesso un contributo fino al 50 per cento della spesa ammessa.

2. In caso di iniziative di formazione e di consulenza obbligatorie per legge, può essere concesso un contributo fino al 40 per cento della spesa ammessa.

Art. 21
Liquidazione

1. La liquidazione del contributo avviene in un’unica soluzione o in più rate, dietro presentazione dei documenti originali di spesa, muniti di regolare quietanza o di estratto conto comprovante l’avvenuto pagamento. La spesa documentata deve essere di importo almeno pari a quella ammessa. I documenti di spesa devono essere intestati al richiedente o alle società collegate che ne gestiscono il patrimonio e non ad un singolo socio.

2. Se l’importo della spesa documentata risulta inferiore a quello della spesa ammessa, il contributo è ridotto in proporzione. L’ufficio provinciale competente ha comunque la facoltà di richiedere la documentazione dell’intera spesa dell’iniziativa agevolata.

CAPO III
Contributi per il turismo

Art. 22
Documentazione

1. Alle domande di contributo va allegata la seguente documentazione:

a) preventivi di spesa o distinta dettagliata delle spese;

b) descrizione dell’iniziativa, con indicazione degli obiettivi e dei tempi di realizzazione nonché delle ricadute e degli effetti nel settore turismo;

c) piano di finanziamento;

d) eventuali ulteriori documenti richiesti dall’ufficio provinciale competente.

Art. 23
Iniziative ammissibili

1. Possono essere ammesse a contributo le seguenti iniziative, purché raggiungano una spesa ammessa minima di 2.000,00 euro:

a) manifestazioni e iniziative di particolare rilevanza turistica, preferibilmente di carattere interregionale. Sono escluse dal contributo le piccole manifestazioni organizzate a livello locale dalle organizzazioni turistiche nello svolgimento della propria attività istituzionale;

b) studi, ricerche, analisi e progetti di sviluppo, comprese le iniziative di marketing nel settore turistico;

c) organizzazione di e partecipazione a convegni, congressi, seminari, fiere ed altre iniziative di informazione e formazione non obbligatorie per legge.

Art. 24
Spese ammissibili

1. Per le manifestazioni e iniziative di cui all’articolo 23, comma 1, lettera a), sono ammissibili le seguenti spese:

a) spese pubblicitarie e di comunicazione;

b) materiale informativo;

c) materiale pubblicitario;

d) spese per il programma collaterale;

e) vitto, alloggio e viaggi;

f) compensi degli artisti;

g) affitto di locali e di attrezzature tecniche;

h) spese di trasporto;

i) spese di sicurezza;

j) altre prestazioni strettamente connesse con lo svolgimento della manifestazione o dell’iniziativa.

2. Per gli studi, le ricerche, le analisi e i progetti di sviluppo di cui all’articolo 23, comma 1, lettera b), sono ammesse le seguenti spese:

a) compensi dei consulenti;

b) traduzioni;

c) materiale pubblicitario;

d) materiale informativo;

e) assistenza siti web.

3. Per le iniziative di informazione e formazione di cui all’articolo 23, comma 1, lettera c), sono ammesse le seguenti spese:

a) costi di organizzazione;

b) compensi dei relatori;

c) vitto, alloggio e viaggi dei relatori;

d) affitto di locali e di attrezzature tecniche;

e) materiale informativo;

f) affitto, montaggio e smontaggio dello stand;

g) assistenza software.

Art. 25
Spesa massima per relatori e consulenti

1. La spesa massima ammissibile per giornata/relatore, giornata/consulente è di 900,00 euro.

Art. 26
Spese amministrative interne

1. Per le iniziative di cui all’articolo 23 sono inoltre ammissibili le spese amministrative interne del richiedente relative all’iniziativa agevolata, nella misura massima del 10 per cento delle spese esterne ammissibili ai sensi del presente capo.

2. Le spese amministrative interne non devono essere documentate, bensì indicate nel preventivo di spesa e nel piano di finanziamento.

Art. 27
IVA

1. Se il beneficiario non è soggetto all’IVA e quest’ultima rappresenta un fattore di costo, l’IVA può essere ammessa come spesa agevolabile.

Art. 28
Spese non ammissibili

1. Non sono ammissibili le spese relative a omaggi o premi di ogni tipo.

2. Per le iniziative di cui all’articolo 23, comma 1, lettera c), non sono inoltre ammissibili le spese relative a pasti, rinfreschi e buffet.

Art. 29
Spese di gestione dell’Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'Alto Adige

1. All’Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'Alto Adige, in considerazione delle attività che essa svolge per il perseguimento degli scopi di cui alla legge provinciale 28 novembre 1973, n. 79, e successive modifiche, può essere concesso un contributo per le spese di gestione nella misura massima del 30 per cento della spesa ammessa.

2. Per le spese di gestione è ammessa la presentazione di una sola domanda all’anno, che va presentata prima dell’inizio del relativo anno di gestione. Alla domanda va allegata la seguente documentazione:

a) distinta dettagliata delle spese;

b) piano di finanziamento;

c) descrizione esaustiva delle attività e dei progetti effettuati e programma annuale;

d) relazione conclusiva sulle attività svolte nell’anno precedente, con il riepilogo delle entrate e delle uscite.

3. Le spese di gestione possono comprendere le seguenti voci:

a) costi per l’acquisto di merci:

1) materiali di consumo;

2) materiale di cancelleria e stampati;

3) acquisto di prodotti finiti;

b) costi per il personale:

1) salari e stipendi;

2) oneri sociali;

3) trattamento di fine rapporto;

4) accantonamenti Casse di Previdenza;

5) rimborsi per missioni, viaggi, vitto e alloggio;

6) altri costi del personale;

c) spese correnti:

1) spese per i locali e spese amministrative come canoni di locazione, energia elettrica, telefono, riscaldamento, pulizia e altre spese di gestione corrente;

2) spese di trasporto;

3) canoni di leasing e spese per contratti di leasing;

4) consulenze contabili e fiscali;

5) polizze assicurative;

6) assistenza software.

4. I costi per il personale possono essere rendicontati entro il limite massimo dello stipendio lordo del personale provinciale. Gli importi di riferimento sono quelli stabiliti dal vigente contratto collettivo per le corrispondenti qualifiche funzionali. Sono inoltre riconosciuti gli ulteriori costi del personale, inclusi i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro. Non sono invece considerate le indennità individuali di produttività e i corrispettivi per le ore di lavoro straordinario.

5. Non sono ammesse a contributo le seguenti spese:

a) ammontare dell’IVA detraibile;

b) interessi passivi;

c) disavanzo degli esercizi precedenti;

d) ammortamenti;

e) interessi di mora e sanzioni;

f) acquisto di beni destinati alla vendita;

g) altre spese non documentate o non adeguatamente documentate;

h) offerte e altri contributi di solidarietà.

Art. 30
Ammontare del contributo

1. Per le iniziative di cui all’articolo 23 può essere concesso un contributo fino al 50 per cento della spesa ammessa.

2. In caso di organizzazioni turistiche l’ammontare massimo del contributo è pari al 70 per cento della spesa ammessa.

Art. 31
Liquidazione

1. La liquidazione del contributo avviene in un’unica soluzione o in più rate, dietro presentazione dei documenti originali di spesa, muniti di regolare quietanza o di estratto conto comprovante l’avvenuto pagamento e intestati al richiedente. La spesa documentata deve essere di importo almeno pari a quella ammessa.

2. Per la rendicontazione dei costi per il personale va presentato un elenco riepilogativo degli stipendi lordi suddiviso per persone e qualifiche funzionali, firmato dal/dalla legale rappresentante.

3. Se l’importo della spesa documentata risulta inferiore a quello della spesa ammessa, il contributo è ridotto in proporzione. L’ufficio provinciale competente ha comunque la facoltà di richiedere la documentazione dell’intera spesa dell’iniziativa agevolata.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction Delibera 13 gennaio 2015, n. 29
ActionAction Delibera 20 gennaio 2015, n. 56
ActionAction Delibera 20 gennaio 2015, n. 57
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 94
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 98
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 106
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 127
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 128
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 130
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 134
ActionAction Delibera 10 febbraio 2015, n. 166
ActionAction Delibera 24 febbraio 2015, n. 204
ActionAction Delibera 24 febbraio 2015, n. 207
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 229
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 231
ActionAction Delibera 10 marzo 2015, n. 275
ActionAction Delibera 17 marzo 2015, n. 299
ActionAction Delibera 17 marzo 2015, n. 302
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 347
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 351
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 385
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 389
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 394
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 390
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 419
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 422
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 423
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 435
ActionAction Delibera 21 aprile 2015, n. 470
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 486
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 505
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 522
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 524
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 532
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 543
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 558
ActionAction Delibera 19 maggio 2015, n. 573
ActionActionAllegato
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 651
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 699
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 703
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 712
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 713
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 714
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 721
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 733
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 734
ActionAction Delibera 23 giugno 2015, n. 743
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 784
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 796
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 808
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 816
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 830
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 832
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 834
ActionAction Delibera 21 luglio 2015, n. 842
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 869
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 873
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 890
ActionAction Delibera 11 agosto 2015, n. 923
ActionAction Delibera 11 agosto 2015, n. 924
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 979
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 990
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1004
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1013
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1017
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1022
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1027
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1047
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1058
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1096
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1100
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1104
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1112
ActionAction Delibera 6 ottobre 2015, n. 1136
ActionAction Delibera 6 ottobre 2015, n. 1160
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1162
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1171
ActionAction Delibera 27 ottobre 2015, n. 1236
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1251
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1274
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1275
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1300
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1301
ActionAction Delibera 17 novembre 2015, n. 1328
ActionAction Delibera 24 novembre 2015, n. 1358
ActionAction Delibera 1 dicembre 2015, n. 1366
ActionAction Delibera 1 dicembre 2015, n. 1373
ActionAction Delibera 9 dicembre 2015, n. 1407
ActionAction Delibera 9 dicembre 2015, n. 1420
ActionAction Delibera 15 dicembre 2015, n. 1438
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1475
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1492
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1517
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1544
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico