In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

c) Decreto del Presidente della Provincia 15 ottobre 2012, n. 351)
Regolamento relativo al servizio di coordinamento per l'integrazione 2) e alla consulta provinciale per l'immigrazione

1)
Pubblicato nel B.U. 30 ottobre 2012, n. 44.
2)
La denonominazione „Servizio di coordinamento di immigrazione“ è stata sostiuita dalla denominazione „Servizio di coordinamento per l'integrazione“, dall'art. 6, comma 3, del D.P.P. 16 maggio 2014, n. 17.

TITOLO I
Disposizioni generali

Art. 1 (Ambito di applicazione)

(1) Il presente regolamento disciplina le funzioni e le attività del Servizio di coordinamento per l’integrazione 2) in attuazione dell’articolo 3, comma 2, della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12, nonché le modalità di nomina dei membri della Consulta provinciale per l’immigrazione in qualità di rappresentanti delle cittadine e dei cittadini stranieri, in attuazione dell’articolo 6, comma 3, lettera h), della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12.

2)
La denonominazione „Servizio di coordinamento di immigrazione“ è stata sostiuita dalla denominazione „Servizio di coordinamento per l'integrazione“, dall'art. 6, comma 3, del D.P.P. 16 maggio 2014, n. 17.

TITOLO II
Servizio di coordinamento immigrazione

Art. 2 (Funzioni e attività del Servizio)

(1) Il Servizio di coordinamento immigrazione, di seguito denominato Servizio, svolge attività di sensibilizzazione, informazione e consulenza in tema di immigrazione e integrazione.

(2) Il Servizio propone corsi di formazione a favore del personale provinciale, volti all’apprendimento di una cultura dell’integrazione.

(3) Il Servizio promuove l’organizzazione di eventi e di convegni sul tema dell’immigrazione e integrazione.

Art. 3 (Attività di relazione e collaborazione)

(1) Il Servizio coordina la rete delle ripartizioni provinciali e degli enti strumentali della Provincia Autonoma di Bolzano, interessati alla tematica dell’immigrazione e integrazione, che nominano una loro referente qualificata o un loro referente qualificato.

(2) Il Servizio collabora con i componenti delle Giunte comunali e comprensoriali incaricati delle questioni inerenti all’integrazione delle cittadine e dei cittadini stranieri, ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12.

(3) Il Servizio facilita uno scambio di buone pratiche e promuove reti con soggetti pubblici e privati che operano nel settore dell’immigrazione e dell’integrazione.

Art. 4 (Osservazione del fenomeno migratorio)

(1) Il Servizio monitora il fenomeno migratorio e le iniziative nell’ambito dell’integrazione e delle migrazioni in provincia di Bolzano tramite la raccolta di dati e documenti quantitativi e qualitativi, in collaborazione con l’Istituto provinciale di statistica (ASTAT) e l’Osservatorio del mercato del lavoro, e può rivolgersi anche ad altri enti ed istituti di ricerca e gestori di dati statistici.

(2) Il Servizio redige un rapporto annuale sull’immigrazione e sull’integrazione in provincia di Bolzano. Per la stesura del rapporto il Servizio può avvalersi anche della collaborazione di enti pubblici e privati, di università ed esperti del settore.

Art. 5 (Pianificazione e progettazione)

(1) Il Servizio collabora alla stesura del programma pluriennale sull’immigrazione di cui all’articolo 4 della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12.

(2) Il Servizio coordina, attua e collabora a progetti rivolti alle tematiche dell’immigrazione e dell’integrazione.

Art. 6 (Organizzazione)

(1)3)

(2) Il Servizio si avvale per il proprio funzionamento di personale con comprovata qualificazione professionale nel settore.

3)
L'art. 6, comma 1, è stato abrogato dall'art. 6, comma 4, del D.P.P. 16 maggio 2014, n. 17.

TITOLO III
Consulta provinciale per l’immigrazione

CAPO I
Nomina dei membri della Consulta provinciale per l’immigrazione

Art. 7 (Modalità operative per la comunicazione delle candidature)

(1) La presentazione delle candidature per la nomina dei rappresentanti delle cittadine e dei cittadini stranieri all’interno della Consulta provinciale per l’immigrazione, di seguito denominata Consulta, ha luogo in seguito a:

  1. lettera dell’Assessore o dell’Assessora competente per l’immigrazione, con la quale si invitano le Consulte per le cittadine ed i cittadini stranieri dei comuni con più di 20.000 abitanti a presentare la candidatura di due dei propri membri, nonché le associazioni e le comunità delle cittadine e dei cittadini stranieri presenti sul territorio a comunicare la candidatura dei propri rappresentanti;
  2. comunicati a mezzo stampa ed avvisi tramite media e sul sito web della Ripartizione Lavoro, recanti l’invito dell’Assessore o dell’Assessora competente per l’immigrazione a comunicare le candidature, anche individuali, al Servizio di coordinamento immigrazione, nonché ulteriori eventuali iniziative, anche di carattere pubblico, per illustrare ruolo, funzioni della Consulta e modalità di partecipazione.

Art. 8 (Termini per l’invio delle candidature)

(1) Le candidature devono pervenire con nota scritta al Servizio di coordinamento immigrazione entro 30 giorni dalla relativa richiesta.

Art. 9 (Requisiti d’idoneità alla candidatura)

(1) Le candidate ed i candidati di cui all’articolo 6, comma 3, lettera h), della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12, devono possedere uno dei seguenti requisiti:

  1. cittadinanza di uno Stato estero appartenente o non appartenente all’Unione Europea oppure doppia cittadinanza, italiana e straniera;
  2. aver ottenuto la concessione della cittadinanza italiana.

(2) La candidata o il candidato di cui all’articolo 6, comma 3, lettera h), della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12, deve possedere i seguenti requisiti di idoneità:

  1. maggiore età;
  2. iscrizione all'anagrafe dei residenti in uno dei comuni della Provincia Autonoma di Bolzano;
  3. assenza di condanne penali, di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di condanne all’interdizione dai pubblici uffici, di decisioni civili e provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa e di procedimenti penali pendenti.

(3) La candidata o il candidato dimostra il possesso dei requisiti di cui ai commi 1 e 2 tramite dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, da presentare al momento della richiesta di candidatura.

(4) Le cittadine ed i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea devono essere in possesso di un regolare titolo di soggiorno valido o in corso di rinnovo, comprovato da copia del titolo di soggiorno posseduto.

Art. 10 (Criteri di valutazione delle candidature)

(1) La procedura di verifica e valutazione delle candidature, verte sui seguenti criteri:

  1. presenza dei requisiti di idoneità alla candidatura, previsti dal presente regolamento di esecuzione;
  2. comprovata esperienza, competenza ed impegno in materia di immigrazione e nell’area dell’integrazione della candidata o del candidato;
  3. valutazione dell’anzianità di residenza della candidata o del candidato e relativo legame con il territorio.

(2) L’individuazione dei membri della Consulta rappresentanti dei cittadini e delle cittadine stranieri, ha luogo in base alla rappresentanza attuale delle nazionalità presenti sul territorio provinciale, suddivise nelle seguenti macro-regioni continentali: Paesi UE, Paesi europei non appartenenti all’UE, Africa, America, Asia, e tenuto conto del trend dei flussi migratori e della flessibilità dei relativi mutamenti numerici.

(3) Per quanto attiene la rappresentanza di genere si applicano le disposizioni di cui alla legge provinciale 8 marzo 2010, n. 5, e successive modifiche.

(4) Per ciascun membro effettivo è nominato un membro supplente.

(5) Il venir meno di uno dei requisiti d’idoneità di cui ai punti precedenti, comporta la decadenza dalla carica di membro della Consulta.

CAPO II
Convocazione e svolgimento delle sedute

Art. 11 (Convocazione delle sedute)

(1) La Consulta è convocata dal o dalla Presidente.

(2) Ai membri effettivi e supplenti viene comunicato, almeno sette giorni prima della riunione, l’invito scritto con l’indicazione dell’ora, del luogo e dell’ordine del giorno. L’invito può pervenire anche solo tramite e-mail.

Art. 12 (Svolgimento delle sedute)

(1) Le sedute della Consulta sono valide se è presente almeno la metà più uno dei relativi membri.

(2) I pareri, le proposte e le delibere della Consulta vengono adottate a maggioranza dei presenti.

(3) L’elezione della o del Vicepresidente della Consulta avviene, nella prima riunione, a maggioranza assoluta dei membri; se dopo due votazioni non viene raggiunta la maggioranza richiesta, è sufficiente la maggioranza dei presenti.

(4) La Consulta può organizzarsi in sottocommissioni per l'assolvimento di adempimenti particolari.

(5) La o il Presidente della Consulta può invitare alle sedute, in relazione a particolari tematiche oggetto di trattazione, esperte ed esperti esterni, dirigenti e funzionari e funzionarie dell’Amministrazione provinciale competenti per materia.

Art. 13 (Disposizioni finali)

(1) Per quanto non espressamente previsto dal presente regolamento trovano applicazione le disposizioni generali relative all’ordinamento degli organi collegiali provinciali.

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 19 marzo 1991, n. 5 —
ActionActionb) Legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 15 novembre 2012, n. 36
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 15 ottobre 2012, n. 35
ActionActionDisposizioni generali
ActionActionServizio di coordinamento immigrazione
ActionActionConsulta provinciale per l’immigrazione
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico