In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Corte costituzionale - Sentenza N. 211 del 11.05.1992
Concessione di sussidi a scuole, enti ed istituti culturali nelle zone di confine

Sentenza (4 maggio) 11 maggio 1992, n. 211, Pres. Corasaniti - Red. Casavola

 
Ritenuto in fatto: 1. Con ricorso depositato il 20 dicembre 1991, la Provincia autonoma di Bolzano ha proposto conflitto di attribuzione nei confronti dello Stato, per il regolamento di competenza in relazione al d.m.P.I. 10 luglio 1991 n. 199 (Applicazione dell'art. 12 1. 7 agosto 1990 n. 241, nelle materie di competenza della Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi. Concessione di sussidi, premi ed assegni a scuole. Enti ed Istituti Culturali nelle zone di confine delle regioni a statuto speciale).
Secondo la ricorrente, il decreto contrasterebbe con le norme costituzionali che riconoscono parità di diritti ai cittadini della Regione e violerebbe competenze ed autonomia finanziaria della Provincia autonoma di Bolzano, cui spetterebbe, in maniera esclusiva, di concedere sussidi, premi ed assegni nelle materie indicate e, quindi, disciplinarne autonomamente le modalità di erogazione. Risulterebbero pertanto violati gli artt. 2, 4, 8, comma 1 nn. 4 e 29, 9, comma 1, nn. 2 e 11, 15, ultimo comma, 16, comma 1, 19, 50, comma 4, 84, comma 2, 99 e 100 d.P.R. 31 agosto 1972 n. 670 e relative norme di attuazione (d.P.R. 1° novembre 1973 n. 689; 1° novembre 1973 n. 691; 28 marzo 1975 n. 475, e 10 febbraio 1983 n. 89), nonché l'art. 5 1. 30 novembre 1989 n. 386 e l'art. 3 Cost.
Nel titolo e nel preambolo del decreto si dice che esso è stato emanato in applicazione dell'art. 12 1. 7 agosto 1990 n. 241, ma il richiamo non sarebbe, secondo la Provincia, pertinente e, in particolare, l'art. 12 di essa non prevederebbe affatto l'erogazione di fondi unilaterali nelle zone di confine. Nell'ambito della Provincia autonoma di Bolzano si applicherebbero quindi solo i principi fondamentali della legge n. 241 del 1990 e non le sue singole disposizioni, qual è l'art. 12 cui si richiama il decreto impugnato:

decreto, dunque, che sarebbe privo di fondamento legislativo.

Secondo la ricorrente, il decreto impugnato invaderebbe, poi, le competenze attribuitele dallo Statuto speciale per il Trentino-Alto Adige (artt. 8, n. 4, 16, comma 1, e 9, nn. 2 e 11, d.P.R. 31 agosto 1972 n. 670).
Inoltre, i criteri di erogazione stabiliti dal decreto violerebbero i principi di eguaglianza fra i gruppi etnici, col prevedere unicamente iniziative che valorizzino la lingua e la cultura italiana mediante organizzazione di manifestazioni artistiche e culturali in lingua italiana, « per mantenere vivo lo sviluppo della cultura della lingua italiana e dei dialetti locali, soprattutto nelle zone mistilingue ».
Assume infine la Provincia ricorrente che il decreto impugnato violerebbe le norme costituzionali sull'autonomia finanziaria della Provincia, riconosciute dalla 1. 30 novembre 1989 n. 386. Conclude quindi la ricorrente chiedendo l'annullamento in parte qua del decreto impugnato.
2. Si è costituita, in rappresentanza del Presidente del Consiglio dei Ministri, l'Avvocatura dello Stato, contestando in primo luogo la tesi della Provincia ricorrente secondo cui lo Stato non potrebbe perseguire a Bolzano finalità di valorizzazione della lingua e della cultura italiana che può perseguire all'estero.
Non sembrano all'Avvocatura pertinenti le argomentazioni della Provincia sia sulle competenze provinciali di cui all'art. 8, nn. 4 e 29, ed all'art. 9, nn. 2 e 11, sia in ordine all'obiettivo di non creare « corsie preferenziali per l'uno o per l'altro gruppo » (destinatari di interventi per la diffusione della cultura italiana potrebbero essere proprio i cittadini del gruppo linguistico tedesco). Nè le disposizioni di legge di cui all'art. 5 1. n. 386 del 1989 impedirebbero l'intervento statale.
L'Avvocatura dello Stato conclude pertanto chiedendo che il ricorso sia dichiarato non fondato.
Considerato in diritto: 1. Nelle more del giudizio il Ministro della pubblica istruzione, con decreto 4 marzo 1992 n. 58, ha ritirato il decreto impugnato, avendo ravvisato « la necessità di procedere ad una revisione complessiva della normativa in materia, anche in considerazione delle diversificate situazioni nelle zone di confine delle regioni a statuto speciale ».
Di tanto ha dato comunicazione anche l'Avvocatura dello Stato nel corso dell'udienza pubblica.
È conseguentemente venuta meno la materia del contendere.

Per questi motivi

LA corte COSTITUZIONALE

Dichiara cessata la materia del contendere in ordine al ricorso indicato in epigrafe.
indice
ActionActionVerfassungsrechtliche Bestimmungen
ActionActionLandesgesetzgebung
ActionActionBeschlüsse der Landesregierung
ActionActionUrteile Verfassungsgerichtshof
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1995
ActionAction1994
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 30 del 03.02.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 36 del 05.02.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 38 del 05.02.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 40 del 05.02.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 75 del 28.02.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 78 del 04.03.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 123 del 25.03.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 156 del 02.04.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 188 del 22.04.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 211 del 11.05.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 220 del 25.05.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 233 del 27.05.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 244 del 03.06.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 245 del 03.06.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 279 del 17.06.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 341 del 20.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 352 del 23.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 355 del 23.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 356 del 23.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 358 del 23.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Ordinanza N. 375 del 23.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 366 del 27.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 370 del 27.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 382 del 29.07.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 407 del 29.10.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 427 del 10.11.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 461 del 19.11.1992
ActionAction Corte costituzionale - Sentenza N. 462 del 19.11.1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionAction1989
ActionAction1988
ActionAction1987
ActionAction1986
ActionAction1985
ActionAction1984
ActionAction1983
ActionAction1982
ActionActionUrteile Verwaltungsgericht
ActionActionChronologisches inhaltsverzeichnis