In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

g) LEGGE PROVINCIALE 15 gennaio 1977, n. 21)
Interventi nel settore socio-sanitario

1)

Pubblicata nel B.U. 8 febbraio 1977, n. 8.

Art. 1

(1) La Provincia organizza e favorisce iniziative non previste da altre leggi provinciali, regionali o statali nel settore sanitario e assistenziale, allo scopo di responsabilizzare la popolazione nei confronti della salute individuale e collettiva, della rimozione dei rischi per la salute, dell'assistenza nei casi di difficoltà collegati al sorgere o al perdurare della malattia e della tutela della famiglia. 2)

(2) Detti scopi saranno perseguiti mediante le seguenti iniziative:

  • a)  educazione e propaganda attraverso conferenze, convegni, seminari, studi, con la diffusione di scritti, illustrazioni, con mezzi audiovisivi ed altri mezzi idonei. Tali iniziative sono dirette alla popolazione di ogni età e tendono a prendere in considerazione tutte le situazioni e circostanze nella vita che costituiscono pericolo per la salute. In modo particolare, le suddette iniziative sono dirette alla popolazione minorile e alle categorie di persone preposte all' educazione e istruzione;
  • b)  prevenzione delle malattie e forme morbose, nonché il miglioramento dei servizi sanitari comunali e dei servizi sanitari nell' ambito di istituti educativi e di assistenza sociale;
  • c)  assistenza sanitaria extra-ospedaliera e sociosanitaria a persone in particolare stato di bisogno, nonché il superamento degli ostacoli che impediscono l' accesso ai servizi sanitari;
  • d)  protezione della famiglia sotto forma di:
    • -  consulenza prematrimoniale e matrimoniale ed assistenza consultiva nei problemi educativi e di convivenza familiare;
    • -  attività ricreative, anche climatiche, in favore dei familiari che ne hanno particolarmente bisogno;
    • -  assistenza infermieristica e domestica a domicilio resasi necessaria a causa di malattie, puerperio o altri simili eventi, per assicurare la continuità assistenziale ed educativa ai familiari bisognosi di assistenza.
2)

Il comma 1 è stato sostituito dall'art. 13 della L.P. 9 giugno 1998, n. 5.

Art. 2

(1) Per lo svolgimento dell'attività di cui all'articolo precedente e per la realizzazione, manutenzione e miglioramento delle strutture necessarie, la Giunta provinciale è autorizzata:

  • -  ad assumere le spese relative alle iniziative proprie;
  • -  a concedere sovvenzioni, contributi e sussidi finanziari ad enti (ad esclusione degli enti ospedalieri), associazioni, comitati ed altre istituzioni pubbliche e private;
  • -  a concedere sussidi a singole persone per fare fronte a spese sostenute in connessione con il trapianto d' organo, escluse quelle a carico del servizio sanitario;
  • -  a concedere sussidi per spese di viaggio e soggiorno sostenute da accompagnatori di pazienti paraplegici o tetraplegici in occasione di terapie riabilitative presso strutture nazionali rispettivamente presso strutture convenzionate ai sensi dell' articolo 23 della legge provinciale 18 agosto 1988, n. 33, nonché per altre spese connesse con il reinserimento sociale di detti pazienti.
  • -  a concedere sussidi ad enti e associazioni operanti nel settore della donazione d' organi o a familiari di donatori, per il trasporto della salma del donatore al luogo di sepoltura, anche se situato fuori dal territorio provinciale, qualora l'espianto degli organi sia avvenuto presso una struttura ospedaliera provinciale. 3)
3)

L'art. 2 è stato modificato dall'art. 18 della L.P. 7 novembre 1988, n. 42, dall'art. 13 della L.P. 9 giugno 1998, n. 5, e dall'art. 38 della L.P. 26 luglio 2002, n. 11.

Art. 3

(1) I finanziamenti di cui al precedente articolo 2 sono disposti, con delibera della Giunta provinciale su proposta dell'Assessore, nelle seguenti forme:

  • 1)  le sovvenzioni sono connesse, ad integrazione di bilancio, fino al 75% delle spese ammesse per il finanziamento delle attività.
    A tal fine gli enti richiedenti devono presentare, entro il 31 marzo di ogni anno, all'Assessore competente, domanda corredata di:
    • a)  statuto o atto di fondazione, qualora si tratti di ente privato;
    • b)  programma di attività riferito allo stesso anno, con il relativo piano di finanziamento;
    • c)  relazione sull' attività svolta nell'anno precedente, con il relativo rendiconto finanziario.
  •   La Giunta provinciale approva i programmi di attività e stabilisce i criteri per la determinazione delle sovvenzioni, sulla base della spesa ammessa al finanziamento.  
  •   La Giunta provinciale determina l' ammontare della sovvenzione, in considerazione dell'efficienza e dell'importanza che le iniziative sovvenzionate rivestono nell'ambito dell'assistenza socio-sanitaria e nell'interesse della Provincia e stabilisce l'eventuale documentazione da presentarsi ai fini della liquidazione. In casi di comprovata necessità, l'Assessore può disporre la liquidazione di anticipi sulla sovvenzione concessa e adottare altri provvedimenti idonei per garantire all'ente la regolare realizzazione del programma approvato dalla Giunta.
  • 2)  I sussidi possono essere concessi ad associazioni, enti, privati e comitati, nonché alle singole persone di cui al terzo e quarto alinea dell' articolo 2, dietro motivata richiesta per interventi in particolari casi di bisogno o aventi carattere di urgenza. Nel provvedimento di concessione del sussidio vengono stabilite specifiche modalità di liquidazione. 4)
  • 3)  I contributi sono concessi per la realizzazione, la manutenzione straordinaria e il miglioramento delle strutture necessarie per lo svolgimento delle attività di cui all' articolo 1.
    Gli enti, associazioni e comitati interessati devono inoltrare, entro il 31 marzo di ogni anno, apposita domanda all'Assessore competente, corredata dei documenti di rito, secondo la natura delle spese.
    La Giunta provinciale approva la natura e l'ammontare delle spese ammesse al contributo. Con delibera della Giunta provinciale viene disposta la concessione dei contributi, i quali non possono superare il 75% della spesa ammessa. Con lo stesso atto sono stabilite anche le modalità di liquidazione.
    Eventuali anticipi fino al 50% del contributo concesso possono essere liquidati in base ad una dichiarazione del rappresentante legale dell'ente richiedente di aver preso in consegna i beni acquistati o di aver iniziato i lavori di manutenzione o miglioramento, mentre la parte restante sarà liquidata sulla base di documenti di spesa per un importo almeno pari al contributo concesso.
    Ove sia necessario, per la natura o l'urgenza delle iniziative sottoposte ai fini del finanziamento, la Giunta provinciale può disporre l'inclusione delle relative domande, anche se presentate dopo il 31 marzo, nel programma annuale, come pure la variazione dello stesso.
    Il termine di presentazione delle domande può essere modificato annualmente con decreto del Presidente della giunta provinciale. 5)
4)

Il punto 2 è stato sostituito dall'art. 18 della L.P. 7 novembre 1988, n. 42.

5)

Con D.P.G.P. 21 dicembre 1981, n. 38/SAN, il termine per la presentazione delle domande di cui ai punti 1) e 3) è stato anticipato al 31 gennaio.

Art. 3/bis   6)

6)

L'art. 3/bis è stato inserito dall'art. 14 della L.P. 26 luglio 2002, n. 11, e successivamente abrogato dall'art. 33 della L.P. 2 ottobre 2006, n. 9.

Art. 4   7)

7)

Integra l'art. 1 della L.P. 17 agosto 1976, n. 36.

Art. 5-6.   8)

8)

Omissis.

Art. 7 (Clausola di urgenza)

La presente legge è dichiarata urgente ai sensi dell'articolo 55 dello Statuto speciale per la Regione Trentino-Alto Adige ed entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionA Servizio sanitario
ActionActionB Medicina preventiva-assistenza sanitaria
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 15 settembre 1973, n. 54
ActionActionb) Legge provinciale 27 settembre 1973, n. 57 
ActionActionc) Legge provinciale 17 settembre 1973, n. 60
ActionActiond) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 30 maggio 1974, n. 41
ActionActione) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 21 settembre 1976, n. 49
ActionActionf) LEGGE PROVINCIALE 10 dicembre 1976, n. 53
ActionActiong) LEGGE PROVINCIALE 15 gennaio 1977, n. 2
ActionActionh) LEGGE PROVINCIALE 26 luglio 1978, n. 45
ActionActioni) LEGGE PROVINCIALE 1° dicembre 1978, n. 62
ActionActionj) LEGGE PROVINCIALE 7 dicembre 1982, n. 39
ActionActionk) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 aprile 1988, n. 11
ActionActionl) Legge provinciale 11 maggio 1988, n. 16 
ActionActionm) LEGGE PROVINCIALE 7 maggio 1991, n. 14
ActionActionn) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 25 febbraio 1992, n. 7
ActionActiono) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 5 maggio 1992, n. 19
ActionActionp) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 22 febbraio 2005, n. 6
ActionActionC Igiene
ActionActionD Piano sanitario provinciale
ActionActionE Salute mentale
ActionActionF Accordi di lavoro
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico