In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

a) Legge provinciale 30 aprile 1991, n. 131)
Riordino dei servizi sociali in Provincia di Bolzano

Visualizza documento intero
1)
Pubblicata nel B.U. 21 maggio 1991, n. 22.

Art. 20/bis (Concessione di contributi)          delibera sentenza

(1)  La Provincia può concedere contributi, in conto capitale e in conto corrente, in misura non superiore all'85 per cento della spesa riconosciuta ammissibile ad enti pubblici o privati senza fine di lucro che operano in provincia di Bolzano e svolgono per statuto attività socio-assistenziali ai sensi della vigente legislazione provinciale in materia, per lo svolgimento di attività a copertura parziale di determinate spese e per concorrere nelle spese inerenti allo svolgimento dei compiti istituzionali in relazione:

  1. alla gestione di servizi ed allo svolgimento di attività socio-assistenziali previsti dalla legislazione provinciale vigente in materia di servizi sociali e tendenti in generale alle finalità di cui all'articolo 1,
  2. alla gestione di colonie, campeggi e case di soggiorno,
  3. ad attività rivolte alla cura della vita di relazione e promozione dei rapporti sociali delle persone e gruppi di cui all'articolo 1, comma 3, lettera c), della vita comunitaria, quali attività di club, di tempo libero, di educazione sociale, soggiorni di vacanza e simili,
  4. all'attuazione di progetti di sperimentazione di nuove modalità assistenziali,
  5. allo svolgimento di attività di consulenza o di patronato nonché di aggregazione sociale a favore di persone in particolare stato di bisogno sociale,
  6. allo svolgimento di iniziative di informazione e di sensibilizzazione della popolazione su temi di interesse sociale e sui servizi sociali,
  7. allo svolgimento di iniziative di formazione, riqualificazione ed aggiornamento del personale e del volontariato operante nei servizi sociali,
  8. allo svolgimento di studi e ricerche nel campo sociale,
  9. allo svolgimento di iniziative di autoaiuto,
  10. alla locazione di immobili destinati a scopi socio-assistenziali,
  11. all'acquisto, alla costruzione, alla ristrutturazione generale o parziale, al riadattamento ed alla manutenzione di immobili destinati in tutto o in parte ad attività socio-assistenziali, nonché all'acquisto ed al riadattamento di mobili, arredamento, mezzi di trasporto ed altre attrezzature occorrenti per lo svolgimento dell'attività socio-assistenziale,
  12. all'attività di federazione e di coordinamento fra enti.

(1/bis)La Provincia rimborsa agli enti competenti per la gestione di residenze per anziani accreditate le spese sostenute per l’acquisto o la locazione finanziaria di apparecchiature, attrezzature, arredi ed altri beni mobili ad uso sanitario e relativi accessori, necessari per l’assistenza sanitaria agli ospiti. La Giunta provinciale determina le apparecchiature, le attrezzature, gli arredi e gli altri beni mobili ad uso sanitario finanziabili, nonché i relativi importi massimi delle spese rimborsabili. Sono rimborsati anche i costi dei relativi ricambi, purché non venga superato l’importo del contributo concesso ed i costi complessivi non ammontino ad una somma superiore a quella massima fissata per il relativo bene. 56)

(1/ter) La Provincia può concedere agli enti di cui al comma 1-bis contributi per spese correnti per la copertura totale o parziale della maggiore spesa derivante dal trasferimento in altra struttura degli ospiti delle residenze per anziani in corso di ristrutturazione. I contributi sono erogati su domanda degli enti gestori interessati, secondo criteri e modalità fissati dalla Giunta provinciale. Possono inoltre essere concessi contributi per spese correnti per coprire i maggiori oneri derivanti rispettivamente dalla riapertura o apertura di residenze per anziani nel periodo immediatamente anteriore all’inizio dell'effettiva attività gestionale. 57)

(2)  Con deliberazione della Giunta provinciale  sono determinati i criteri e le modalità per la concessione e la liquidazione dei contributi, la documentazione richiesta ai medesimi fini e la data di presentazione delle domande. 58)

(2/bis)  I beni agevolati sono soggetti ad un vincolo di destinazione all'attività socio-assistenziale. Con la presentazione della domanda di agevolazione gli enti si obbligano al rispetto di tale vincolo di destinazione. Nella deliberazione della Giunta provinciale  di cui al comma 2 sono definiti durata e modalità del vincolo per le diverse tipologie di beni agevolati, così come le modalità di restituzione del contributo nel caso di alienazione o modifica della destinazione del bene agevolato. 59)

(3) Nella deliberazione della Giunta provinciale  di cui al comma 2 sono disciplinati anche i casi, nei quali per la presenza di un fabbisogno temporaneo ed eccezionale il contributo massimo erogabile dell'85 per cento di cui al comma 1 può essere elevato fino ad un limite massimo pari al 95 per cento della spesa riconosciuta ammissibile. 60)

(3/bis)  Nel caso di domande presentate da soggetti privati che hanno stipulato accordi o convenzioni con gli enti gestori secondo quanto previsto dall'articolo 12, comma 2, il contributo massimo erogabile per l'acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili può essere elevato dall'85 al 95 per cento della spesa ammissibile a contributo. Nel caso di alienazione o cambio di destinazione, il contributo deve essere restituito. 61)

(4)  Allo scopo di garantire la continuità delle attività degli enti di cui al comma 1 e su richiesta degli enti interessati, il Direttore della Ripartizione provinciale servizio sociale può concedere, anche impegnando la spesa ai sensi del comma 6 dell'articolo 50 della legge provinciale 26 aprile 1980, n. 8, anticipazioni pari al 70 per cento dei contributi complessivamente concessi nel corso dell'esercizio finanziario precedente a quello cui si riferisce la richiesta, prescindendosi dall'approvazione dei piani annuali. Tali anticipazioni possono essere concesse esclusivamente per spese di gestione.

(5)  L'ufficio provinciale competente per la liquidazione dei contributi può chiedere in ogni momento in visione la documentazione contabile in originale ed effettuare ispezioni presso le sedi degli enti beneficiari.62) 

massimeDelibera 10 aprile 2018, n. 332 - Criteri per la concessione di contributi ad enti pubblici e privati attivi in ambito sociale - Revoca della deliberazione della Giunta provinciale 13 giugno 2017, n. 661 (modificata con delibera n. 443 del 04.06.2019)
massimeDelibera 4 luglio 2017, n. 742 - Criteri per il rimborso delle spese per l’assistenza sanitaria degli ospiti delle residenze per anziani
massimeDelibera 14 marzo 2017, n. 286 - Linee guida "Interventi per persone senza dimora"
massimeDelibera N. 189 del 07.02.2011 - Contributi per spese correnti e investimenti ad enti pubblici e privati senza scopo di lucro - proroga del termine d'inoltro per le domande per l'anno 2011
massimeDelibera N. 1374 del 17.08.2010 - Ampliamento del progetto per l'inserimento lavorativo di persone con disabilità “Plus +35"
56)
L'art. 20/bis, comma 1/bis, è stato inserito dall'art. 12, comma 11, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10, e successivamento così sostituito dall'art. 21, comma 6, della L.P. 6 luglio 2017, n. 8.
57)
L'art. 20/bis, comma 1/ter, è stato inserito dall'art. 12, comma 11, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.
58)
L'art. 20/bis, comma 2, è stato così modificato dall'art. 12, comma 12, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.
59)
L'art. 20/bis, comma 2/bis, è stato inserito dall'art. 3, comma 3, della L.P. 13 maggio 2011, n. 3, e successivamente così modificato dall'art. 12, comma 13, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.
60)
L'art. 20/bis, comma 3, è stato così modifcato dall'art. 12, comma 13, della L.P. 24 maggio 2016, n. 10.
61)
Il comma 3/bis è stato aggiunto dall'art. 16, comma 1 della L.P. 26 luglio 2002, n. 11.
62)
L'art. 20/bis è stato inserito dall'art. 13 della L.P. 11 novembre 1997, n. 16, e successivamente integrato dall'art. 16 della L.P. 26 luglio 2002, n. 11, e dall'art. 23 della L.P. 18 novembre 2005, n. 10.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActiona) Legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13
ActionActionArt. 1 (Finalità dei servizi sociali)    
ActionActionArt. 2 (Piano sociale provinciale)   
ActionActionArt. 3 (Partecipazione)   
ActionActionArt. 4 (Sezione ricorsi)  
ActionActionArt. 5 (Destinatari)      
ActionActionArt. 6 (Diritti degli utenti)  
ActionActionArt. 7 (Concorso nelle spese)      
ActionActionArt. 7/bis (Assistenza economica sociale)  
ActionActionArt. 7/ter (Procedure per il pagamento della partecipazione alle tariffe dei servizi residenziali per anziani)   
ActionActionArt. 7/quater (Posti letto in residenze per anziani)
ActionActionArt. 8 (Compiti della Provincia)                     
ActionActionArt. 8/bis (Procedura per la determinazione della retta dei servizi residenziali per anziani)
ActionActionArt. 8/ter (Controllo sugli atti delle Aziende pubbliche di servizi alla persona)
ActionActionArt. 9 (Formazione professionale)
ActionActionArt. 10 (Delega ai comuni)       
ActionActionArt. 11 (Compiti dei comuni)
ActionActionArt. 11/bis (Servizi sociali per anziani)
ActionActionArt. 11/ter (Servizi di assistenza aperta per anziani)
ActionActionArt. 11/quater (Servizi di assistenza semiresidenziale e residenziale per anziani)   
ActionActionArt. 12 (Gestione dei servizi sociali)   
ActionActionArt. 12/bis (Azienda Servizi Sociali)  
ActionActionArt. 13 (Costi e tariffe)      
ActionActionArt. 14 (Modalità organizzative)            
ActionActionArt. 15 (Il distretto)   
ActionActionArt. 15/bis (Sportello unico per l’assistenza e cura)  
ActionActionArt. 16 
ActionActionArt. 17 (La sede di distretto)
ActionActionArt. 18 (Servizi multizonali)
ActionActionArt. 19 (Aziende pubbliche di servizi alla persona) 
ActionActionArt. 20 (Enti privati)    
ActionActionArt. 20/bis (Concessione di contributi)         
ActionActionArt. 21 (Sistema informativo socio-assistenziale)
ActionActionArt. 22 (Studi e ricerche)
ActionActionArt. 23 (Personale)   
ActionActionArt. 23/bis (Finanziamento di fondi perequativi per oneri straordinari di personale delle istituzioni assistenziali)
ActionActionArt. 24 (Patrimonio)
ActionActionArt. 25 (Opere edili della Provincia)
ActionActionArt. 26 (Acquisto di arredo, impianti e attrezzature)
ActionActionArt. 27 
ActionActionArt. 28 (Finanziamento dei servizi sociali)
ActionActionArt. 29 (Fondo sociale provinciale)    
ActionActionArt. 30 (Programmi, rendiconti ed erogazione fondi)  
ActionActionArt. 30/bis      
ActionActionArt. 31  
ActionActionArt. 32 (Norme transitorie e finali)  
ActionActionArt. 33 (Soppressione e scioglimento di servizi e strutture e nomina di commissari liquidatori)
ActionActionArt. 34  
ActionActionArt. 35-36 
ActionActionArt. 37 (Norma transitoria ed abrogazioni)
ActionActionb) LEGGE PROVINCIALE 10 dicembre 1992, n. 43 —
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30
ActionActiond) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 7 febbraio 2007, n. 14
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 10 settembre 2009 , n. 42
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2011 , n. 28
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 4 gennaio 2012, n. 1
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 3 giugno 2013, n. 13
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 7 agosto 2017, n. 26
ActionActionj) Decreto del Presidente della Provincia 8 giugno 2018, n. 16
ActionActionk) Decreto del Presidente della Provincia 21 febbraio 2019, n. 5
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico