In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

d) LEGGE PROVINCIALE 25 ottobre 1989, n. 91)
Modifiche e integrazioni alla legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46:"Provvedimenti concernenti gli invalidi civili, i ciechi civili e i sordomuti" e alle leggi provinciali 19 agosto 1988, n. 37, e 22 novembre 1988, n. 51

1)

Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1989, n. 48.

Art. 1   2)

2)

Reca modifiche alla L.P. 21 agosto 1978, n. 46.

Art. 2 (Norme transitorie e finali)

(1) A decorrere dal 1° gennaio 1989 ai ciechi civili assoluti minorenni, in luogo della pensione per ciechi civili assoluti, verrà erogata d'ufficio l'indennità di accompagnamento per ciechi civili assoluti. Le domande dirette al conseguimento della pensione per conto di tali soggetti si intendono rivolte a conseguire detta indennità.

(2) Agli invalidi civili con riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67 ed il 73%, che possiedano gli altri requisiti previsti dalla presente legge per la concessione della pensione per invalidi civili parziali di cui al punto 2), comma 1, dell'articolo 3, come modificato dall'articolo 1 della presente legge, la pensione medesima viene erogata purché abbiano presentato la relativa domanda prima dell'entrata in vigore della presente legge.

(3) I titolari di pensione per invalidi civili parziali di cui al punto 2), comma 1, dell'articolo 3, come modificato dall'articolo 1 della presente legge, nei cui confronti sia stata accertata una riduzione della capacità lavorativa inferiore al 74%, continuano, in presenza degli altri requisiti, a percepire la pensione.

(4) L'indennità di accompagnamento per invalidi civili parziali minorenni di cui al punto 7), comma 1, dell'articolo 3, come modificato dall'articolo 1 della presente legge, rimane in vigore in via transitoria fino al 31 dicembre 1989. Fino a tale data saranno erogate le prestazioni già assegnate e concesse nuove prestazoni a coloro che abbiano presentato domanda prima dell'entrata in vigore della presente legge e siano in possesso dei requisiti per essa previsti.

(5) Le indennità di cui ai punti 10) e 11), primo comma, dell'articolo 3, come modificato dall'articolo 1 della presente legge, vengono corrisposte d'ufficio ai ciechi ed ai sordomuti che siano già titolari delle pensioni di cui al punto 4), rispettivamente 5), comma 1, dello stesso articolo, con la medesima decorrenza della relativa pensione, risalendo al massimo fino al 1° gennaio 1988.

(6) Le indennità di cui al comma precedente vengono concesse, con decorrenza dal primo giorno del mese successivo alla data di presentazione di apposita domanda, anche ai ciechi ed ai sordomuti che non abbiano diritto alle pensioni ivi indicate, purché nei loro confronti siano accertate le minorazioni di cui al punto 4), rispettivamente 5), comma 1, dell'articolo 5, come modificato dall'articolo 1 della presente legge. Qualora la domanda venga presentata entro il termine di 40 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, la prestazione è concessa, con effetto retroattivo a decorrere dal 1° gennaio 1989.

(7) A far tempo dall'entrata in vigore della presente legge non saranno più concesse prestazioni a cittadini iscritti negli elenchi dei censiti residenti all'estero (A.I.R.E.). Restano salvi i diritti acquisiti dei cittadini che già beneficiano di prestazioni o abbiano presentato la relativa domanda alla data di entrata in vigore della presente legge.

(8) Per i titolari di indennità di accompagnamento quali invalidi e ciechi di cui ai punti 6) e 8), comma 1, dell'articolo 3, come modificato dall'articolo 1 della presente legge, è prevista la possibilità di richiedere l'erogazione della prestazione più favorevole; la nuova indennità decorre dal primo giorno del mese successivo alla relativa domanda.

(9) L'articolo 26 della legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, è soppresso.

Art. 3 (Ufficio - Personale)

(1) A parziale modifica dell'articolo 24 della legge provinciale 21 dicembre 1987, n. 33, all'ufficio assistenza invalidi civili, ciechi civili e sordomuti, istituito nell'ambito della ripartizione VIII, è assegnato il numero 191 anzichè 184.

(2) Per sopperire alle maggiori esigenze di personale legate al costante aumento delle domande di prestazioni, nonché all'esplicazione della presente legge la dotazione organica del ruolo amministrativo è aumentata di un posto della IV qualifica funzionale e di un posto della VI qualifica funzionale.

Art. 4 (Testo unificato)

(1) La Giunta provinciale è autorizzata a riordinare in forma di testo unificato, senza introdurre modifica alcuna, la legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, e successive modifiche e integrazioni.

Art. 5-6.   3)

3)

Omissis.

Art. 7   4)

4)

Reca modifiche all'art. 1 della L.P. 19 agosto 1988, n. 37.

Art. 8   5)

5)

Reca modifiche all'art. 3 della L.P. 22 novembre 1988, n. 51.

Art. 9 (Clausola d'urgenza)

(1) La presente legge è dichiarata urgente ai sensi dell'articolo 55 dello Statuto speciale per la Regione Trentino-Alto Adige ed entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActiona) Legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46
ActionActionb) LEGGE PROVINCIALE 1° agosto 1980, n. 29
ActionActionc) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 novembre 1981, n. 40
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 25 ottobre 1989, n. 9
ActionActionArt. 1   
ActionActionArt. 2 (Norme transitorie e finali)
ActionActionArt. 3 (Ufficio - Personale)
ActionActionArt. 4 (Testo unificato)
ActionActionArt. 5-6.   
ActionActionArt. 7   
ActionActionArt. 8   
ActionActionArt. 9 (Clausola d'urgenza)
ActionActione) Legge provinciale12 ottobre 2007, n. 9
ActionActionf) Legge provinciale 16 luglio 2018, n. 12
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico