In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

a) Legge provinciale 9 giugno 1978, n. 281)
Pesca

Visualizza documento intero
1)
Pubblicata nel B. U. 11 luglio 1978, n. 34.

Art. 8 (Acquicoltura)

(1) Le acque da pesca devono essere coltivate secondo le norme del regolamento della pesca, nonché secondo le prescrizioni supplementari da emanare eventualmente dall'ufficio provinciale competente per la pesca.

(2) Le norme e le prescrizioni di cui sopra devono regolare, in particolare, la specie, la misura e la quantità dei pesci da seminare annualmente, il tipo e il numero dei permessi di pesca da emettere, nonché la preda giornaliera ammissibile.

(3) Per garantire una itticoltura più efficiente, la Giunta provinciale, sentiti i titolari dei diritti esclusivi di pesca ed acquicoltori interessati, può dividere le acque da pesca in singoli tratti che possono comprendere più diritti di pesca e che a loro volta non possono essere suddivisi. Qualora in un tratto d'acqua esistano più diritti di pesca, compresi i diritti di mensa (limitati alla necessità della famiglia), la coltivazione dell'acqua deve avvenire d'intesa tra gli aventi diritto. Qualora l'accordo non sia raggiunto l'ufficio provinciale competente per la pesca emette, sentiti gli aventi diritto, disposizioni sulla coltivazione dell'acqua vincolanti per tutti gli interessati.8)

(4) In linea di principio la coltivazione deve basarsi sulla produttività naturale dell'acqua da pesca. L'ufficio provinciale competente per la pesca può tuttavia permettere l'emissione di permessi di pesca per singole acque da pesca oltre la produttività naturale, alla condizione che non vengano danneggiate le acque da pesca confinanti.9)

(5) Gli acquicoltori sono obbligati a trasmettere all'ufficio provinciale competente per la pesca, entro il 20 dicembre di ogni anno il piano di coltivazione per l'anno seguente.

(6) Gli acquicoltori sono obbligati a contrassegnare le acque da pesca applicando scritte e/o cartelli. I proprietari e i possessori dei terreni adiacenti alle sponde sono obbligati a tollerare la contrassegnazione, che non deve recare danni a piante e a fabbricati.

(7) Ai fini della protezione delle specie autoctone di pesci e di gamberi e delle relative biocenosi l’ufficio provinciale competente in materia di pesca può allontanare dalle acque da pesca e, con il consenso del relativo gestore, anche dalle acque chiuse le tartarughe palustri immesse. 10)

8)
Il comma 3 è stato integrato dall'art. 3 della L.P. 25 agosto 1983, n. 36, e successivamente modificato dall'art. 1 della L.P. 11 febbraio 2000, n. 4.
9)
Il comma 4 è stato modificato dall'art. 1 della L.P. 11 febbraio 2000, n. 4.
10)
L'art. 8, comma 7, è stato aggiunto dall'art. 1, comma 2, della L.P. 12 dicembre 2011, n. 14.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionA Pesca
ActionActiona) Legge provinciale 9 giugno 1978, n. 28
ActionActionArt. 1 (Diritto di pesca)
ActionActionArt. 2 (Concessione del diritto di pesca)
ActionActionArt. 3 (Nuove acque pubbliche)
ActionActionArt. 4 (Acque da pesca)
ActionActionArt. 5 (Straripamento e recupero dei pesci)
ActionActionArt. 6 (Acque chiuse)
ActionActionArt. 7 (Acquicoltore)
ActionActionArt. 8 (Acquicoltura)
ActionActionArt. 9 (Accesso alle acque da pesca)
ActionActionArt. 10 (Pesca)
ActionActionArt. 11 (Esercizio alla pesca)
ActionActionArt. 11/bis (Abilitazione alla pesca)
ActionActionArt. 11/ter (Licenza di pesca)
ActionActionArt. 11/quater (Permesso di pesca)
ActionActionArt. 12 (Ordinamento della pesca)
ActionActionArt. 13 (Bandite)
ActionActionArt. 14 (Misure a tutela dei pesci e per la conservazione delle acque da pesca)
ActionActionArt. 15 (Particolari misure a tutela dei pesci)
ActionActionArt. 15/bis (Conservazione delle specie)
ActionActionArt. 15/ter (Prestazione di cauzione)
ActionActionArt. 16 (Vigilanza)
ActionActionArt. 17 (Sanzioni amministrative)
ActionActionArt. 17/bis
ActionActionArt. 18
ActionActionArt. 19 (Estinzione dei diritti di pesca)
ActionActionArt. 20 (Misure a favore della pesca)
ActionActionArt. 21 (Disposizioni transitorie)
ActionActionArt. 21/bis
ActionActionArt. 22
ActionActionArt. 23 (Contributi ad acquicoltori)
ActionActionb) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 8 maggio 2001, n. 19 —
ActionActionB Caccia
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico