In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

e) Decreto del Presidente della Provincia 10 settembre 2009 , n. 421)
Regolamento sui compiti e sulla formazione dell'operatore o dell'operatrice socioassistenziale

1)

Pubblicato nel B.U. 24 novembre 2009, n. 48.

Art. 1 (Ambito di applicazione)

(1) Il presente regolamento disciplina i compiti e la formazione dell’operatore o dell’opera-trice socio-assistenziale con formazione complementare in assistenza sanitaria.

Art. 2 (Compiti)

(1) L’operatore ovvero l’operatrice socio-assistenziale opera nelle strutture e nei servizi sociali, socio-sanitari e scolastici, dove assicura prestazioni sociali, psico-sociali, assistenziali - queste ultime anche sanitarie - ed educative.

Art. 3 (Assistenza sociale)

(1) Il campo di attività dell’operatore o dell’operatrice socio-assistenziale comprende l’accompagnamento e l’assistenza dellapersona nel suo ambiente abituale quale la casa, in centri di degenza e strutture residenziali, in centri diurni, in strutture occupazionali e nelle strutture scolastiche.

(2) L’operatore ovvero l’operatrice socio-assis-tenziale lavora in autonomia e collabora in modo integrato con altri gruppi professionali al fine di mantenere e migliorare la qualità della vita di persone, famiglie e gruppi sul piano sociale, socioculturale, nei rapporti interpersonali e nelle attività pratiche della vita quotidiana. Le attività di assistenza globale sono inoltre rivolte al mantenimento della salute, alla promozione ed allo sviluppo della autosufficienza, nonché ad un generale aiuto e sostegno.

(3) Nei servizi e nelle strutture l’operatore, ovvero l’operatrice socio-assistenziale, assicura in particolare le seguenti prestazioni:

  1. elabora il programma assistenziale individuale o di gruppo, volto a mantenere e migliorare le facoltà intellettive e le capacità fisiche delle persone assistite, ne verifica i risultati e/o partecipa all’elaborazione del programma stesso ed alla valutazione degli obiettivi raggiunti;
  2. accompagna le persone ai vari servizi;
  3. sostiene la persona assistita e la aiuta a mantenersi autosufficiente ed a condurre una vita autonoma;
  4. nello svolgere compiti educativi e di assistenza in seno alla famiglia assume le veci della persona titolare della responsabilità educativa, in particolare in caso di sua assenza o malattia e, in casi di particolare necessità, assume la completa gestione della casa;
  5. elabora, assieme al personale specializzato dei servizi sociali e dei servizi sanitari, specifiche rilevazioni dei bisogni delle persone e dei gruppi da assistere e collabora alla stesura dei modelli d’intervento e dei piani d’azione da realizzare sul territorio e nei servizi;
  6. promuove e sostiene forme d’aiuto da parte del vicinato e da parte del volontariato e le include nell’ambito degli interventi di sostegno e dell’assistenza programmata;
  7. informa e consiglia le persone nel loro contesto sociale e nelle situazioni di vita del momento;
  8. promuove e favorisce contatti all’interno ed all’esterno in situazioni sociali difficili;
  9. istruisce nuovi collaboratori e tirocinanti sul posto di lavoro;
  10. svolge le attività amministrative ed organizzative necessarie e collegate all’assolvimento dei propri compiti e prepara la documentazione occorrente al fine di assicurare la valutazione dei risultati e la qualità degli stessi.

Art. 4 (Assistenza sanitaria)

(1) In osservanza del piano d’assistenza predisposto dall’infermiere ovvero infermiera responsabile e conformemente alle direttive dell’infermiere ovvero infermiera, oppure sotto la sua supervisione, l’operatore ovvero l’operatrice socio-assistenziale svolge i seguenti compiti:

  1. somministrazione, per via naturale, della terapia prescritta;
  2. somministrazione delle diete;
  3. terapia intramuscolare e sottocutanea;
  4. bagni terapeutici, impacchi medicali e frizioni;
  5. rilevazione e annotazione di alcuni parametri vitali, quali la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria, la temperatura e la rilevazione della glicemia capillare;
  6. raccolta di escrezioni e secrezioni a scopo diagnostico;
  7. medicazioni semplici e bendaggi;
  8. clisteri;
  9. mobilizzazione della persona non auto-sufficiente per la prevenzione di decubiti ed alterazioni cutanee;
  10. disinfezione, lavaggio e preparazione del materiale per la sterilizzazione e relativa conservazione secondo i protocolli in uso;
  11. disinfezione, pulizia e sterilizzazione delle apparecchiature e attrezzature sanitarie, nonché dei dispositivi medici e relativa conservazione secondo i protocolli in uso;
  12. raccolta e stoccaggio differenziati dei rifiuti sanitari;
  13. trasporto del materiale biologico a fini diagnostici, secondo le norme ed i protocolli vigenti;
  14. sorveglianza delle fleboclisi.

Art. 5 (Programmi di formazione)

(1) Le scuole provinciali per le professioni sociali integrano i programmi formativi per il conseguimento del diploma di qualifica professionale di operatore od operatrice socio-as-sistenziale con i contenuti previsti dall’Accor-do nella Conferenza permanente Stato-Regioni del 22 febbraio 2001 per l’operatore socio-sanitario e con quelli previsti dall’Accordo nella Conferenza permanente Stato-Regioni del 16 gennaio 2003 per l’operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria.

(2) Oltre al diploma di qualifica professionale di operatore od operatrice socio-assistenziale gli allievi ottengono anche l’attestato di qualifica/diploma di qualifica professionale di operatore od operatrice socio-sanitaria con formazione complementare in assistenza sanitaria.

Art. 6 (Formazione integrativa)

(1) Le scuole provinciali per le professioni sociali offrono moduli di formazione integrativa, mediante i quali gli operatori socio-assisten-ziali, gli assistenti per soggetti portatori di handicap e gli assistenti geriatrici e familiari, formati in base alle norme vigenti anteriormente all’entrata in vigore del presente regolamento possono conseguire l’attestato di operatore socio-sanitario od operatrice socio-sani-taria con formazione complementare in assistenza sanitaria.

Art. 7 (Rapporti di collaborazione)

(1) Le ripartizioni per la formazione professionale, gli enti gestori dei servizi sociali e l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige stipulano accordi, al fine di:

  1. trasmettere in modo ottimale, nella teoria e nella pratica, i contenuti formativi relativi al lavoro sociale ed all’assistenza;
  2. organizzare i moduli di tirocinio pratico nei servizi sociali e nei servizi sanitari.

Art. 8 (Abrogazione)

(1) Il decreto del Presidente della Giunta provinciale 28 dicembre 1999, n. 72, è abrogato.

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActiona) Legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13
ActionActionb) LEGGE PROVINCIALE 10 dicembre 1992, n. 43 —
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30
ActionActiond) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 7 febbraio 2007, n. 14
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 10 settembre 2009 , n. 42
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2 (Compiti)
ActionActionArt. 3 (Assistenza sociale)
ActionActionArt. 4 (Assistenza sanitaria)
ActionActionArt. 5 (Programmi di formazione)
ActionActionArt. 6 (Formazione integrativa)
ActionActionArt. 7 (Rapporti di collaborazione)
ActionActionArt. 8 (Abrogazione)
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2011 , n. 28
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 4 gennaio 2012, n. 1
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 3 giugno 2013, n. 13
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 7 agosto 2017, n. 26
ActionActionj) Decreto del Presidente della Provincia 8 giugno 2018, n. 16
ActionActionk) Decreto del Presidente della Provincia 21 febbraio 2019, n. 5
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico