In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

c) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 13 novembre 2006, n. 611)
Regolamento di esecuzione circa la costruzione e l'esercizio di impianti a fune in servizio pubblico

Visualizza documento intero
1)
Pubblicato nel B.U. 19 dicembre 2006, n. 51.

Art. 18 (Domanda di collaudo)

(1) La domanda di collaudo è corredata di:

  • a)  dichiarazione della ditta costruttrice sulle caratteristiche dei materiali impiegati e sulle saldature effettuate da parte di personale specializzato nell' infrastruttura dell'impianto eRIKE>, in particolare, nelle strutture di essa aventi speciale importanza ai fini della sicurezza, nonché sulla completa ultimazione dell'opera a regola d'arte;
  • b)  ricevuta comprovante l’avvenuto versamento a favore del bilancio provinciale, a titolo di acconto, pari all’80% dell’importo preventivato per onorari e rimborsi, di cui all’articolo 20 comma 3, ai collaudatori, salvo conguaglio; 7)
  • c)  su richiesta dell' Ufficio, certificati di origine dei materiali impiegati nell'infrastruttura dell'impianto;
  • d)  su richiesta dell' Ufficio, certificati delle prove e verifiche effettuate o da effettuare sull'impianto;
  • e)  verbali relativi all' esame magnetoinduttivo delle funi;
  • f)  dichiarazione sull' avvenuta installazione degli impianti di messa a terra elettrica e relativa verifica;
  • g)  certificazione sull' avvenuto deposito presso la Ripartizione provinciale Edilizia e servizio tecnico del certificato di collaudo statico per le opere in cemento armato normale e precompresso, nonché per le costruzioni in acciaio, eseguito a cura dell'ingegnere nominato o dell'ingegnera nominata dal concessionario;
  • h)  convenzione con le organizzazioni coinvolte per il soccorso delle persone in linea;
  • i)  dichiarazione, firmata dal o dalla progettista generale dell' impianto e dal costruttore dell'impianto, attestante che i sottosistemi ed i componenti di sicurezza impiegati sono compatibili sia reciprocamente che con l'infrastruttura del relativo impianto;
  • j)  dichiarazioni di conformità dei componenti di sicurezza e sottosistemi ed attestati di esame CE di cui all' articolo 12, comma 1, lettere n), e comma 3, se non già presentate con il progetto definitivo.

(2) Nella domanda di collaudo, il direttore o la direttrice dei lavori indica le eventuali lievi, giustificate varianti introdotte nel corso dei lavori e attesta di aver eseguito personalmente tutte le prove di funzionamento e di carico, atte a verificare il regolare funzionamento dell'impianto ai fini della sicurezza e della regolarità del servizio. Nella domanda sono altresì indicate le ore di preesercizio effettuate.

(3) Le modalità di collaudo di cui all'articolo 25 comma 5 della legge in linea di massima sono:

  • a)  esame della documentazione tecnica riguardante l' opera;
  • b)  accertamento della corrispondenza dell' opera alle caratteristiche principali del progetto;
  • c)  accertamento che dalle verifiche e prove di carico e di funzionamento effettuate nel corso della visita, i cui risultati sono riportati nel modello di relazione di collaudo predisposto dall' Ufficio, non sono emerse sostanziali discordanze rispetto a quanto dichiarato dalla direzione lavori.
7)
La lettera b) dell'art. 18, comma 1, è stata così sostituita dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 28 dicembre 2017, n. 46.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionA Disciplina delle linee di trasporto funiviario
ActionActiona) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 8 maggio 2001, n. 21
ActionActionb) Legge provinciale 30 gennaio 2006, n. 1
ActionActionc) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 13 novembre 2006, n. 61
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2 (Definizioni)
ActionActionArt. 3 (Caratteristiche dei veicoli)
ActionActionArt. 4 (Domanda e documentazione)
ActionActionArt. 5 (Procedimento in caso di concorrenza)
ActionActionArt. 6 (Modifica della concessione)
ActionActionArt. 7 (Rinnovo della concessione)
ActionActionArt. 8 (Cessione della linea)
ActionActionArt. 9 (Indennità per la revoca della concessione)
ActionActionArt. 10 (Sistema di linea)
ActionActionArt. 11 (Progetto preliminare)
ActionActionArt. 12 (Progetto funiviario definitivo)
ActionActionArt. 13 (Progetto funiviario esecutivo)
ActionActionArt. 14 (Analisi e relazione di sicurezza)
ActionActionArt. 15 (Assenza di pericolo da frane e valanghe)
ActionActionArt. 16 (Relazione sulle finalità dell'impianto)
ActionActionArt. 17 (Ammontare del deposito cauzionale)
ActionActionArt. 18 (Domanda di collaudo)
ActionActionArt. 19 (Tariffe, orari, assicurazioni)
ActionActionArt. 20 (Oneri di sorveglianza e di collaudo)
ActionActionArt. 21 (Regolamento di esercizio)
ActionActionArt. 22 (Sorveglianza sugli impianti)
ActionActionArt. 23 (Revisioni speciali degli impianti)
ActionActionArt. 24 (Revisioni generali degli impianti)
ActionActionArt. 25 (Contrassegno distintivo)
ActionActionArt. 25/bis (Contratti di servizio)
ActionActionArt. 25/ter (Elenco degli impianti di risalita di paese e degli impianti a fune dei piccoli comprensori sciistici)  
ActionActionArt. 25/quater (Disposizione transitoria)
ActionActionArt. 25/quinquies (Disposizione transitoria)
ActionActionArt. 26 (Entrata in vigore)
ActionActionArt. 27 (Abrogazione)
ActionActionAllegato A (articolo 9 e 20)
ActionActionAllegato B (articolo 19)
ActionActionMinimi di garanzia per l'assicurazione della responsabilità civile per le linee funiviarie
ActionActionContributo per spese di sorveglianza
ActionActionCompenso professionale per collaudo di impianti a fune
ActionActionContrassegno distintivo di riconoscimento dell'addetto agli impianti funiviari a contatto con il pubblico
ActionAction(Articolo 25/ter)Elenco degli impianti di risalita di paese e degli impianti a fune dei piccoli comprensori sciistici  
ActionActiond) Decreto del Presidente della Provincia 5 dicembre 2012, n. 45
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 28 dicembre 2017, n. 46
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 26 gennaio 2018, n. 2
ActionActionB Provvedimenti per la costruzione e la gestione di impianti funiviari
ActionActionC Provvedimenti per il trasporto di persone su strada
ActionActionD Disposizioni varie
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico