In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

b) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 31 maggio 1995, n. 251) 2)
Regolamento in materia di procedure negoziate e d'acquisti e servizi in economia

Visualizza documento intero
1)
Pubblicato nel B.U. 4 luglio 1995, n. 31.
2)
Il titolo è stato prima sostituito dall'art. 1 del D.P.P. 23 dicembre 2003, n. 57, e poi così modificato dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 14 aprile 2015, n. 8.

Art. 12  (Servizio economale)

(1)I servizi di cassa che possono essere gestiti da parte dell'economato e degli altri uffici periferici e centrali in quanto specificatamente competenti in base al decreto del Presidente della Giunta provinciale 25 giugno 1996, n. 21, e successive modifiche, e dalle altre strutture organizzative della Provincia, concernono:

  1. riscossioni:
    1. di sanzioni amministrative pecuniarie per contravvenzioni o infrazioni alle leggi o ai regolamenti vigenti;
    2. di diritti per prestazioni ed analisi presso laboratori, gabinetti scientifici o istituti provinciali;
    3. di diritti di segreteria, di costi per il rilascio di copie fotostatiche o su supporto magnetico di documenti ed elaborati tecnici di qualsiasi genere, nella misura fissata con apposito regolamento;
    4. di diritti per concessioni, autorizzazioni, licenze, abilitazioni, nulla osta, permessi o altro atto il cui rilascio sia subordinato al pagamento degli stessi dalle leggi o dai regolamenti vigenti;
    5. di proventi derivanti dalla vendita di oggetti, mobili fuori uso e di materiale di magazzino;
    6. di ogni altra somma secondo i casi previsti dalle leggi o dai regolamenti vigenti;
  2. pagamenti:
    1. di spese postali, telegrafiche, telefoniche, di acquisto di valori bollati e di spedizione a mezzo servizio postale o corriere;
    2. di imposte, tasse, diritti, contributi e canoni obbligatori dovuti per disposizioni di legge;
    3. di spese per oneri contrattuali e legali, di registrazione e visure, spese di notifica e legali di modesta entità;
    4. di indennità di missione al personale provinciale e indennità ai membri della Giunta provinciale;
  3. pagamenti di non rilevante entità, ovvero fino a un importo massimo di 10.000,00 euro, al netto dell’imposta sul valore aggiunto, necessari per sopperire con immediatezza e urgenza a esigenze funzionali dell’amministrazione:
    1. di libri, giornali, riviste, pubblicazioni, abbonamenti vari, nonché materiale didattico di ogni tipo;
    2. di stampati, modulistica, cancelleria e materiale d’ufficio;
    3. di spese per pubblicità e diffusione di bandi e manifesti;
    4. di spese per riparazioni, manutenzioni, pedaggi, parcheggio e noleggio di veicoli, nonché per l’acquisto di materiale di ricambio, combustibili e lubrificanti;
    5. di spese per l’acquisto e la manutenzione di abbigliamento di servizio e indumenti di lavoro;
    6. di spese per l’acquisto, riparazione e manutenzione di beni mobili, macchine e attrezzature per ufficio, nonché di attrezzature ed impianti di telecomunicazione;
    7. di servizi di facchinaggio e relative attrezzature, per trasporto di materiali, per imballaggio e magazzinaggio;
    8. di spese per pulizie straordinarie, disinfestazione e acquisto di relativo materiale per lo smaltimento di rifiuti speciali;
    9. di spese per cerimonie, ricevimenti, onoranze, attività di rappresentanza, relazioni istituzionali ed altro;
    10. di provviste di generi alimentari, derrate alimentari, vettovaglie, vasellame, suppellettili e attrezzature varie da cucina;
    11. di spese per le quali è necessario corrispondere specifiche anticipazioni di cassa;
    12. di altre spese necessarie per fronteggiare necessità urgenti e per soddisfare fabbisogni correnti.

(2)  Gli importi riscossi di cui al comma 1, lettera a), sono versati alla cassa provinciale in base a reversali di incasso emesse dalla Ripartizione provinciale Finanze e imputati ai singoli capitoli di entrata del bilancio provinciale.

(3)  L’utilizzo del sistema telematico di acquisto di cui all’articolo 6/bis della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche è facoltativo per le spese economali di cui al comma 1, lettera b), numero 1), e lettera c), che non superano l’importo massimo di 1.500,00 euro, al netto dell’imposta sul valore aggiunto.

(4)  Fermi restando gli obblighi di trasparenza e pubblicità previsti dalle norme vigenti, alle spese economali di cui al comma 1, lettere b) e c), non si applicano gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all’articolo 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136, e successive modifiche. 24)

24)
L'art. 12 è stato prima modificato dall'art. 1 del D.P.G.P. 24 settembre 1998, n. 27, e poi sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 14 aprile 2015, n. 8.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionA Finanziamento di opere pubbliche
ActionActionB Espropriazioni per causa pubblica utilità
ActionActionC Disposizioni procedurali
ActionActiona) Legge provinciale 21 ottobre 1992, n. 38
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 31 maggio 1995, n. 25
ActionAction Art. 1 (Oggetto del provvedimento)   
ActionAction Art. 2 (Titolare delle procedure negoziate)
ActionAction Art. 3 (Svolgimento delle procedure negoziate)
ActionAction Art. 4 (Svolgimento delle procedure negoziate tramite gara informale)
ActionAction Art. 5 (Formazione ed esecuzione del contratto)
ActionAction Art. 6 (Rinvio)
ActionAction Art. 7 (Pubblicazione dei bandi di gara sopra la soglia comunitaria)
ActionAction Art. 7/bis (Redazione e modalità di pubblicazione e termini)
ActionAction Art. 8 (Beni e servizi in economia)    
ActionAction Art. 9 (Manifestazioni di riconoscimento)
ActionAction Art. 10 (Relazioni informative)
ActionAction Art. 10/bis (Responsabilità)
ActionAction Art. 11
ActionAction Art. 12  (Servizio economale)
ActionAction Art. 13
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 5 luglio 2001, n. 41
ActionActiond) Decreto del Presidente della Provincia 6 maggio 2002, n. 14
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia25 marzo 2004, n. 11 
ActionActionf) Legge provinciale 16 novembre 2007, n. 12
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 26 ottobre 2009 , n. 48
ActionActionh) Legge provinciale 19 gennaio 2012, n. 3
ActionActioni) Legge provinciale 17 dicembre 2015, n. 16
ActionActionj) Legge provinciale 27 gennaio 2017, n. 1
ActionActionk) Legge provinciale 9 luglio 2019, n. 3
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico