In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera N. 974 del 20.06.2011
Linee guida sulle caratteristiche di qualità dell'acqua, la vigilanza e la gestione delle piscine naturali pubbliche

Allegato A

Linee guida sulle caratteristiche di qualità dell'acqua, la vigilanza e la gestione delle piscine naturali pubbliche

 

Art. 1

CAMPO DI APPLICAZIONE

1.  Le presenti linee guida disciplinano la qualità dell'acqua, la vigilanza e la gestione delle piscine naturali pubbliche.
 

Art. 2

DEFINIZIONI

a) Piscine naturali: laghetti artificiali con pareti impermeabili, provvisti o meno di impianti tecnici, svuotabili e all'aperto, la cui superficie è inferiore a 1,5 ettari,  destinati alla balneazione. Essi sono provvisti di una zona di rigenerazione.

b) Piscine naturali pubbliche: laghetti accessibili al pubblico, costruiti e gestiti per l'uso natatorio e per l'attività di balneazione. Le piscine naturali annesse agli esercizi ricettivi sono escluse dal campo di applicazione delle presenti linee guida.

c) Impianti tecnici: impianti tecnici per il ricircolo dell'acqua e per la disinfezione biologica e fisica dell'acqua;

d) Impianti accessori: strutture annesse all'impianto natatorio come spogliatoi, docce e impianti sanitari e simili;

e) Acqua di riempimento: acqua utilizzata per il riempimento della piscina naturale e per il costante reintegro dell'acqua;

f) Acqua di vasca: acqua contenuta nella piscina naturale;

g) Acqua trattata: acqua che dopo aver subito un trattamento (rigenerazione o altri metodi) è reintrodotta nella vasca.

h) Zona di rigenerazione: zona della piscina naturale nella quale avviene l'autodepurazione dell'acqua ad opera di diversi organismi.

 

Art. 3

CARATTERISTICHE DI QUALITÀ DELL'ACQUA DI RIEMPIMENTO

1. L'acqua di riempimento può derivare da:

a) servizio idropotabile,
b) pozzi o sorgenti,
c) da acque superficiali.
2. Da un punto di vista microbiologico l'acqua deve essere esente da germi indicatori d'inquinamento fecale.
3. L'acqua che proviene da approvvigionamenti superficiali è da sottoporre almeno a filtrazione.
4. L'acqua non deve contenere sostanze chimiche in concentrazioni tali da poter nuocere alla salute dei bagnanti.
5. Il contenuto di fosforo totale non può superare i 10  µg/L.
 

Art. 4

CARATTERISTICHE DI QUALITÀ DELL'ACQUA DI VASCA:

1. L'acqua deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
a) Requisiti microbiologici:
Escherichia colimax 100 ufc (MPN)/100 ml
Enterococchimax 50 ufc (MPN)/100 ml
Pseudomonas aeuruginosamax 10 KbE/100 ml

b) Requisiti chimico-fisici:
 
Saturazione d'ossigenotra 60% - 120%
Trasparenzaalmeno 2 m, ovvero a profondità inferiori, visibilità del fondo nel punto più profondo
Fosforo totalemax 15 µg/l
pH6 – 9

Temperatura dell'acquaValore guida < 24°C

In caso di superamento del valore guida le analisi di cui all'art. 8, comma 2, lettera c) sono eseguite settimanalmente.
 

Art. 5

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ

1. L'esercizio di una piscina naturale pubblica è soggetto a dichiarazione d'inizio attività da inoltrare almeno 30 giorni prima della messa in esercizio al Servizio igiene e sanità pubblica del Comprensorio sanitario territorialmente competente. A tal fine è utilizzata la modulistica elaborata dai Servizi Igiene e sanità pubblica.
 

Art. 6

COMPETENZE

1. Il Servizio Igiene e sanità pubblica del Comprensorio sanitario territorialmente competente effettua la vigilanza ed il prelievo ufficiale di campioni d'acqua.
2. L'Agenzia provinciale per l'ambiente svolge le analisi dei campioni d'acqua prelevati nell'ambito del controllo ufficiale.
 

Art. 7

CONTROLLI UFFICIALI

1. Nell'ambito del controllo ufficiale sono verificati i seguenti aspetti:
a) i requisiti di qualità dell'acqua, eventualmente compresi i microrganismi patogeni e le alghe tossiche;
b) l'idoneità e la funzionalità degli impianti tecnici;
c) lo stato generale della piscina naturale e degli impianti accessori.
2.     In caso di superamento dei valori limite dei parametri di cui all'art. 4 il Servizio Igiene e sanità pubblica del Comprensorio sanitario territorialmente competente comunica al Sindaco le prescrizioni necessarie a tutela della salute pubblica.
 

Art. 8

CONTROLLI INTERNI

1. L'utilizzo di disinfettanti chimici non è ammesso nelle piscine naturali, ne deriva che,  rispetto alle piscine tradizionali, sono maggiori i rischi di natura microbiologica per i bagnanti. Per questo motivo è indispensabile l'attento monitoraggio dei parametri di qualità dell'acqua.
2. Il gestore di una piscina naturale pubblica deve svolgere i seguenti controlli interni:

-Prima dell'inizio della stagione balneare

a) svolge opportune analisi dell'acqua e misurazioni al fine di documentare il rispetto dei valori limite dei parametri chimici, fisici, microbiologici dell'acqua di cui all'art. 4;

-Durante la stagione balneare deve:

b) controllare giornalmente la temperatura dell'acqua e la trasparenza;
c) ogni due settimane vanno effettuate le analisi dei seguenti parametri:
- pH
- saturazione d'ossigeno
- Escherichia coli, enterococchi e Pseudomonas aeruginosa.
I campioni per la ricerca batteriologica nell'acqua di vasca devono essere prelevati almeno 3 ore dopo l'inizio dell'attività balneatoria. I campioni vanno prelevati in fase di attiva balneazione, in punti rappresentativi, ad una profondità di ca. 30 cm e  alla distanza di almeno 50 cm dalla sponda.
3. I controlli giornalieri previsti alla lettera b) vanno annotati per iscritto in un quaderno di servizio, ove sono riportati anche i casi di eventuali scostamenti dai valori limite e i provvedimenti adottati. Quaderno di servizio e referti di laboratorio vanno conservati per 3 anni.
 

Art. 9

REQUISITI GENERALI

1. L'intera zona attorno alla piscina naturale va recintata.
2. Va evitata la permanenza nella piscina naturale di pesci e uccelli acquatici.
3. Non è ammesso l'accesso di animali domestici alla piscina naturale.
4. Non è ammesso l'utilizzo di prodotti chimici per il trattamento dell'acqua.
5. Spazi d'acqua separati destinati ai bambini, rappresentano una situazione di rischio da un punto di vista igienico. Tali spazi devono essere integrati nel ciclo dell'acqua della piscina naturale.
6. I gestori delle piscine naturali devono esporre all'entrata della piscina, in una zona ben visibile, il regolamento di balneazione che contiene regole d'igiene personale e di comportamento in acqua a tutela della qualità dell'acqua di piscina e della sicurezza dei bagnanti.
7. Deve essere previsto un numero adeguato di spogliatoi, docce, impianti sanitari.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction Delibera N. 11 del 17.01.2011
ActionAction Delibera 24 gennaio 2011, n. 50
ActionAction Delibera N. 86 del 24.01.2011
ActionAction Delibera N. 139 del 07.02.2011
ActionAction Delibera N. 189 del 07.02.2011
ActionAction Delibera N. 372 del 14.03.2011
ActionAction Delibera N. 423 del 14.03.2011
ActionAction Delibera 21 marzo 2011, n. 435
ActionAction Delibera N. 474 del 21.03.2011
ActionAction Delibera N. 477 del 21.03.2011
ActionAction Delibera N. 535 del 04.04.2011
ActionAction Delibera N. 601 del 11.04.2011
ActionAction Delibera N. 683 del 21.04.2011
ActionAction Delibera N. 742 del 09.05.2011
ActionAction Delibera N. 743 del 09.05.2011
ActionAction Delibera N. 786 del 16.05.2011
ActionAction Delibera N. 849 del 23.05.2011
ActionAction Delibera N. 850 del 23.05.2011
ActionAction Delibera 23 maggio 2011, n. 856
ActionAction Delibera N. 859 del 23.05.2011
ActionAction Delibera N. 860 del 23.05.2011
ActionAction Delibera 30 maggio 2011, n. 868
ActionAction Delibera 30 maggio 2011, n. 892
ActionAction Delibera N. 923 del 06.06.2011
ActionAction Delibera 20 giugno 2011, n. 932
ActionAction Delibera N. 934 del 20.06.2011
ActionAction Delibera N. 974 del 20.06.2011
ActionAction Delibera 27 giugno 2011, n. 998
ActionAction Delibera 27 giugno 2011, n. 1015
ActionAction Delibera 4 luglio 2011, n. 1020
ActionAction Delibera N. 1094 del 18.07.2011
ActionAction Delibera 25 luglio 2011, n. 1136
ActionAction Delibera 8 agosto 2011, n. 1189
ActionAction Delibera 6 settembre 2011, n. 1356
ActionAction Delibera 19 settembre 2011, n. 1429
ActionAction Delibera 19 settembre 2011, n. 1432
ActionAction Delibera 26 settembre 2011, n. 1445
ActionAction Delibera 26 settembre 2011, n. 1449
ActionAction Delibera 10 ottobre 2011, n. 1537
ActionAction Delibera 24 ottobre 2011, n. 1605
ActionAction Delibera 14 novembre 2011, n. 1715
ActionAction Delibera 28 novembre 2011, n. 1825
ActionAction Delibera 28 novembre 2011, n. 1835
ActionAction Delibera 5 dicembre 2011, n. 1898
ActionAction Delibera 12 dicembre 2011, n. 1906
ActionAction Delibera 19 dicembre 2011, n. 2006
ActionAction Delibera 19 dicembre 2011, n. 2007
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2025
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2026
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2031
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2057
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2081
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2087
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico