In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 25 maggio 2021, n. 452
Aiuto Covid 2021 – Misura di sostegno a favore di persone e nuclei familiari

ALLEGATO A

“Aiuto Covid 2021” – Misura di sostegno a favore di persone e nuclei familiari

Articolo 1
Ambito di applicazione

I presenti criteri disciplinano la concessione di misure di sostegno in attuazione di quanto previsto dall’articolo 11 (Misure straordinarie di sostegno in ambito sociale) della legge provinciale 17 marzo 2021, n. 3, recante “Variazioni al bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano 2021-2023 e altre disposizioni“, che autorizza la Provincia alla provvisoria gestione diretta di misure di assistenza economica sociale di cui all’articolo 7/bis della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13, e successive modifiche, o all’adozione di nuove misure di sostegno con finalità similari. Le misure di sostegno di cui ai presenti criteri sono equiparate alle prestazioni dell’assistenza economica sociale ai sensi dell’articolo 7/bis della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13, e successive modifiche.

Articolo 2
Oggetto della misura di sostegno

1. Oggetto della misura di sostegno è l’“Aiuto Covid 2021”, finalizzato all’integrazione del reddito di lavoratori, lavoratrici e loro nuclei familiari, penalizzati a livello economico dalle restrizioni imposte a causa della pandemia di Covid-19.

2. La misura di sostegno “Aiuto Covid 2021” consiste nelle seguenti prestazioni:

a) “Integrazione dell’aiuto immediato Covid-19” ai sensi dell’articolo 54 del decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30, e successive modifiche;

b) “Aiuto immediato Covid 2021”;

c) “Contributo Covid al canone di locazione e per le spese accessorie 2021”.

3. Le persone o i nuclei familiari ai quali il distretto sociale competente ha già concesso, nel periodo dal 10 dicembre 2020 al 30 aprile 2021, la prestazione “Aiuto immediato Covid-19”, hanno diritto esclusivamente alla prestazione di cui alla lettera a).

4. Le persone o i nuclei familiari che invece, nel periodo dal 10 dicembre 2020 al 30 aprile 2021, non hanno presentato domanda o ai quali il distretto sociale competente non ha concesso la prestazione “Aiuto immediato Covid-19”, hanno diritto esclusivamente alle prestazioni di cui alle lettere b) e c).

Articolo 3
Aventi diritto

1. Possono beneficiare dell’“Aiuto Covid 2021” di cui ai presenti criteri le persone o i nuclei familiari che percepiscono il proprio reddito da un’attività lavorativa e che, a causa dello stato di emergenza da Covid-19 e delle conseguenti misure restrittive, hanno subito una perdita di reddito o delle entrate derivanti da questa attività in misura tale che il loro reddito è sceso al di sotto dei limiti di cui all’articolo 7; inoltre la persona interessata o, nel caso di nuclei familiari, almeno uno/una dei suoi componenti deve soddisfare i seguenti requisiti:

a) in caso di persona che percepisce il proprio reddito da lavoro subordinato (lavoratore/lavoratrice dipendente): la persona ha subito, nel periodo dal 1° settembre 2020 fino alla data di presentazione della domanda, un’interruzione dell’attività lavorativa di almeno 30 giorni lavorativi, anche non consecutivi, in seguito alle restrizioni imposte a causa del Covid-19 da norme statali o provinciali, per uno dei seguenti motivi:

1) riduzione delle ore lavorative previste dal contratto di lavoro;

2) sospensione dell’attività lavorativa;

3) licenziamento oppure revoca della ripresa concordata dell’attività lavorativa;

oppure

b) in caso di persona che ricava il proprio reddito da un’attività lavorativa diversa da un lavoro dipendente (lavoratore autonomo o occasionale o agricoltore/lavoratrice autonoma o occasionale o agricoltrice e similari):

1) la persona ha subito, nel periodo dal 1° settembre 2020 fino alla data di presentazione della domanda, un’interruzione dell’attività lavorativa di almeno 30 giorni, anche non consecutivi, oppure

2) la persona non ha potuto esercitare la propria attività lavorativa in seguito alle restrizioni imposte a causa del Covid-19 da norme statali o provinciali.

2. In caso di nuclei familiari composti da più persone:

a) tutti i componenti minorenni e maggiorenni del nucleo familiare devono avere la stessa residenza anagrafica del/della richiedente, al fine di poter essere considerati nel calcolo della prestazione.

3. La domanda va presentata dal/dalla componente del nucleo familiare che soddisfa i requisiti di cui al comma 1 del presente articolo.

4. Non hanno diritto alla misura di sostegno “Aiuto Covid 2021” ovvero alle relative prestazioni le persone e i nuclei familiari richiedenti che non soddisfano i requisiti previsti dai presenti criteri, oppure che superano i limiti di reddito e patrimonio di cui all’articolo 7 per la concessione delle prestazioni “Aiuto immediato Covid 2021” e “Contributo Covid al canone di locazione e per le spese accessorie 2021” di cui all’articolo 2, comma 2.

Articolo 4
Aventi diritto all’“Integrazione dell’aiuto immediato Covid-19”

1. Per la concessione della prestazione di cui all’articolo 2, comma 2, lettera a), oltre ai requisiti di cui all'articolo 3, commi 1, 2 e 3, deve sussistere anche il seguente requisito:

a) nel periodo dal 1° dicembre 2020 al 30 aprile 2021 il distretto sociale competente ha concesso ed erogato al/alla richiedente o a uno/una dei componenti del nucleo familiare di cui all’articolo 3, comma 2, la prestazione “Aiuto immediato Covid-19“, ai sensi dell’articolo 54 del decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30, per almeno tre mesi e in misura pari a uno dei seguenti importi mensili:

euro 500,00

euro 700,00

euro 900,00.

Nella domanda va indicato il distretto sociale che ha concesso la prestazione.

Articolo 5
Aventi diritto all’“Aiuto immediato Covid 2021” e al “Contributo Covid al canone di locazione e per le spese accessorie 2021”

1. Per la concessione delle prestazioni di cui all’articolo 2, comma 2, lettere b) e c), oltre ai requisiti di cui all'articolo 3, commi 1, 2 e 3, devono sussistere i seguenti requisiti:

a) nel periodo dal 1° settembre 2020 fino alla data di presentazione della domanda, il/la richiedente deve avere la residenza anagrafica in Alto Adige e aver lavorato o lavorare in Alto Adige oppure essere un lavoratore transfrontaliero/una lavoratrice transfrontaliera e aver quindi lavorato o lavorare in Svizzera o in Austria;

b) la domanda di concessione delle prestazioni deve riportare inoltre quanto segue:

1) il reddito netto del/della richiedente ai sensi dell’articolo 6, commi 1, 2 e 3, dei presenti criteri, e di ogni altro componente maggiorenne del nucleo familiare di cui all’articolo 3, comma 2;

2) il patrimonio finanziario complessivo del/della richiedente ai sensi dell’articolo 6, comma 4, dei presenti criteri, e quello di ogni altro componente maggiorenne del nucleo familiare di cui all’articolo 3, comma 2;

c) nella domanda non vanno indicati il reddito netto e il patrimonio finanziario né dei componenti minorenni del nucleo familiare né dei componenti del nucleo familiare le cui entrate sono costituite per più del 50 per cento da pensioni di qualsiasi tipo, e neppure dei componenti che, nell’ultima dichiarazione dei redditi, risultano fiscalmente a carico di uno dei componenti del nucleo familiare di cui all’articolo 3, comma 3. Il reddito netto e il patrimonio della persona richiedente vanno indicati in ogni caso;

d) per la concessione della prestazione di cui all’articolo 2, comma 2, lettera c), nella domanda deve essere dichiarato quanto segue:

1) che almeno uno/una dei componenti maggiorenni del nucleo familiare di cui all’articolo 3, comma 2, è titolare di un contratto di locazione ad uso abitativo ai sensi della legge 27 luglio 1978, n. 392, recante “Disciplina delle locazioni di immobili urbani”, e successive modifiche, e della legge 9 dicembre 1998, n. 431, recante “Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo”, e successive modifiche, regolarmente registrato per l’unità immobiliare nella quale il nucleo familiare ha stabilito la propria residenza anagrafica;

2) che il locatore è una persona privata oppure un ente privato (ad esempio: cooperativa, società, associazione, istituzione religiosa). Tale dato è da riportare nella domanda, alla sezione “altro”.

2. In caso di alloggi in locazione dell’Istituto per l’edilizia sociale o del comune e in tutti gli altri casi (ad esempio: diritto di proprietà, di usufrutto o di abitazione), la persona o il nucleo familiare riceve per l’alloggio in cui ha la residenza anagrafica la prestazione “Contributo Covid al canone di locazione e per le spese accessorie 2021” esclusivamente per le spese accessorie. La prestazione di cui all’articolo 2, comma 2, lettera c), non spetta se l’alloggio è abitato oppure concesso o preso in locazione per motivi di studio.

3. Le prestazioni di cui ai presenti criteri non sono cumulabili con le seguenti prestazioni, se riferite in tutto o in parte al medesimo periodo, a prescindere dal fatto che siano state o vengano richieste o percepite dalla stessa persona richiedente oppure da un altro/un’altra componente del nucleo familiare:

a) “Reddito minimo di inserimento” di cui all’articolo 19 del decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30, e successive modifiche;

b) “Contributo al canone di locazione e per le spese accessorie” di cui all’articolo 20 del decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30, e successive modifiche;

c) “Reddito di emergenza” di cui all’articolo 82 del decreto- legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, e successive modifiche;

d) “Reddito di cittadinanza” di cui all’articolo 1 del decreto- legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, e successive modifiche;

e) limitatamente al/alla richiedente, direttamente o tramite partecipazione a una società o ad altro soggetto giuridico: sussidi Covid-19 a sostegno dell'economia della Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige di cui alla legge provinciale 13 febbraio 1997, n. 4, e successive modifiche, o altri sussidi Covid provinciali previsti per altri settori per l’anno 2021, indipendentemente dal periodo di riferimento.

4. In caso di concessione o liquidazione in corso di una prestazione di cui al comma 3, lettere a) o b), questa, su richiesta del cittadino/della cittadina, può essere sospesa dal distretto sociale competente per i tre mesi in cui viene erogato l’”Aiuto Covid 2021”.

5. In deroga parziale al comma 3, i sussidi Covid-19 a sostegno dell'economia della Provincia di cui alla legge provinciale 13 febbraio 1997, n. 4, e successive modifiche, o gli altri sussidi Covid provinciali di cui al comma 3, lettera e), sono cumulabili con le prestazioni di cui all’articolo 2, comma 2, lettere b) e c), dei presenti criteri, se sono stati o vengono richiesti o percepiti da componenti del nucleo familiare diversi dal/dalla richiedente; in tal caso si applicano le disposizioni dell’articolo 8, comma 5.

Articolo 6
Reddito e patrimonio

1. Per il calcolo del reddito netto di una persona di cui all’articolo 3, comma 1, lettera a), si considera la media delle entrate nette dei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021, percepite dal/dalla richiedente e da tutti i componenti maggiorenni del nucleo familiare, anche se riferite a periodi diversi:

a) il reddito netto derivante dall’attività lavorativa;

b) tutte le entrate derivanti da eventuali benefici economici di sostegno al reddito previsti da norme statali o provinciali in ragione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19;

c) tutte le entrate derivanti dall’indennità di disoccupazione.

2. Ai fini del calcolo del reddito netto non si considerano i seguenti importi:

a) importi non derivanti da un’attività lavorativa, come per esempio l’“Assegno per minori Covid- 19”, l’assegno di cura o l’indennità di accompagnamento per invalidi civili, tutte le tipologie di assegni familiari provinciali o statali, gli alimenti versati a favore dei figli minori, le entrate assimilate al reddito da lavoro dipendente (es. pensioni, pensioni di invalidità, rendite INAIL, borse di studio).

3. Per il calcolo del reddito netto di una persona di cui all’articolo 3, comma 1, lettera b), si considerano le seguenti entrate, percepite nel periodo di cui al comma 1 del presente articolo:

a) tutti gli importi percepiti derivanti da attività lavorativa, al netto dell’imposta sul valore aggiunto;

b) benefici economici di sostegno al reddito previsti da norme statali o provinciali in ragione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

4. Per il calcolo del patrimonio finanziario complessivo del/della richiedente e di tutti i componenti maggiorenni del nucleo familiare, rilevato al 31 dicembre 2020, si considerano i seguenti elementi:

a) depositi e conti correnti bancari e postali;

b) titoli di stato;

c) obbligazioni;

d) azioni;

e) polizze assicurative;

f) assicurazioni miste sulla vita;

g) carte di credito ricaricabili;

h) fondi di investimento.

5. Ai fini del calcolo del patrimonio finanziario complessivo non si considera il patrimonio aziendale.

Articolo 7
Limiti di reddito e patrimonio

1. Per beneficiare delle prestazioni di cui all’articolo 2, comma 2, lettere b) e c), non si possono superare i seguenti limiti di reddito e patrimonio:

a) la somma delle entrate nette complessive di cui all’articolo 6, riferite a tutti i componenti del nucleo familiare di cui all’articolo 3, comma 2, non deve essere superiore a 1.400,00 euro mensili nel caso di un nucleo familiare composto da una sola persona, e a 2.800,00 euro mensili nel caso di nucleo familiare composto da più di una persona;

b) il patrimonio finanziario complessivo di cui all’articolo 6, riferito alla persona o al nucleo familiare di cui all’articolo 3, comma 2, non deve essere superiore a 60.000,00 euro.

Articolo 8
Ammontare delle prestazioni

1. L’ammontare dell’integrazione di cui all’articolo 2, comma 2, lettera a), è costituito dalla differenza tra l’importo mensile dichiarato a titolo di “Aiuto immediato Covid-19” di cui all’articolo 4, comma 1, lettera a), moltiplicato per tre e il seguente importo mensile moltiplicato per tre:

Componenti del nucleo familiare

Importo mensile

1

    700,00 euro

2

    900,00 euro

3

1.100,00 euro

4

1.300,00 euro

5

1.500,00 euro

6 o più persone

1.700,00 euro

2. L’ammontare della prestazione di cui all’articolo 2, comma 2, lettera b), è calcolato moltiplicando per tre i seguenti importi mensili:

Componenti del nucleo familiare

Importo mensile

1

    700,00 euro

2

    900,00 euro

3

1.100,00 euro

4

1.300,00 euro

5

1.500,00 euro

6 o più persone

1.700,00 euro

3. L’ammontare della prestazione di cui all’articolo 2, comma 2, lettera c), è calcolato moltiplicando per tre i seguenti importi mensili relativi alle spese accessorie:

Componenti del nucleo familiare

Importo mensile

1

    115,00 euro

2

    125,00 euro

3

    140,00 euro

4

    140,00 euro

5 o più persone

    155,00 euro

4. Per le persone o i nuclei familiari che hanno un contratto di locazione regolarmente registrato di cui all’articolo 5, comma 1, lettera d), la prestazione “Contributo Covid al canone di locazione e per le spese accessorie 2021” di cui all’articolo 2, comma 2, lettera c), si calcola moltiplicando per tre i seguenti importi; questi ultimi comprendono sia il canone di locazione che le spese accessorie:

Componenti del nucleo familiare

Importo mensile

1

    565,00 euro

2

    655,00 euro

3

    705,00 euro

4

    705,00 euro

5 o più persone

    745,00 euro

5. Nel caso di cui all’articolo 5, comma 5, ossia qualora un/una componente del nucleo familiare abbia richiesto o intenda richiedere per l’anno 2021 un sussidio Covid-19 a sostegno dell'economia della Provincia di cui alla legge provinciale 13 febbraio 1997, n. 4, e successive modifiche, o un altro sussidio Covid provinciale riferito ad un altro settore, per compensare la perdita delle sue entrate, questa persona non viene considerata nel calcolo dei componenti familiari ai fini del calcolo dell’ammontare della prestazione, ma viene considerata ai fini del calcolo del reddito e del patrimonio.

Articolo 9
Presentazione delle domande

1. La domanda va presentata online, tramite il servizio e-government dell’Amministrazione provinciale.

2. Quale data di presentazione fa fede la data in cui la domanda viene registrata nel sistema. La domanda si considera presentata regolarmente, se il/la richiedente riceve dal sistema la relativa conferma. Quest’ultima viene inviata dal sistema al/alla richiedente tramite e-mail subito dopo la ricezione della domanda. Tutte le comunicazioni verranno inviate al/alla richiedente e anche ai patronati, qualora la domanda fosse stata inviata tramite questi ultimi.

3. L’accesso ai servizi e-government da parte dei/delle richiedenti avviene esclusivamente mediante le identità digitali Sistema Pubblico di Identità digitale (SPID), Carta d’Identità Elettronica (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS), oppure tramite un patronato, che, su incarico del/della richiedente, accede al sistema e-government e compila la domanda di concessione della prestazione.

4. Il/La richiedente dichiara in un’autocertificazione la sussistenza dei requisiti previsti dai presenti criteri per poter beneficiare della misura di sostegno.

Articolo 10
Istruttoria delle domande

1. L’ufficio provinciale competente evade le domande pervenute in ordine cronologico di presentazione.

Articolo 11
Concessione della misura di sostegno

1. La concessione della misura di sostegno “Aiuto Covid 2021” è disposta con decreto del direttore di ripartizione delegato/della direttrice di ripartizione delegata e competente in materia, per tre mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda. La misura di sostegno è concessa una tantum e quindi può essere richiesta una sola volta.

Articolo 12
Liquidazione

1. La liquidazione dell’“Aiuto Covid 2021” spettante è disposta in un’unica soluzione dal direttore/dalla direttrice dell’ufficio provinciale competente sulla base di quanto dichiarato nella domanda.

Articolo 13
Clausola di salvaguardia

1. La concessione della misura di sostegno di cui ai presenti criteri avviene nei limiti degli stanziamenti assegnati ai pertinenti capitoli del bilancio finanziario provinciale. Nel caso in cui i mezzi finanziari messi a disposizione siano insufficienti a soddisfare tutte le domande degli aventi diritto, le domande saranno archiviate d’ufficio.

Articolo 14
Controlli e sanzioni

1. In attuazione dell’articolo 11, comma 2, della legge provinciale 17 marzo 2021, n. 3, l’Azienda Servizi Sociali di Bolzano o la Comunità comprensoriale competente, a seconda del comune di residenza del/della richiedente, gestisce il procedimento dei controlli a campione di cui alla legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche, fermo restando quanto previsto al comma 2 del presente articolo.

2. L’ufficio provinciale competente seleziona le domande da sottoporre a controllo e le trasmette successivamente all’Azienda Servizi Sociali di Bolzano o alla Comunità comprensoriale competente entro 60 giorni.

3. I controlli a campione si effettuano su almeno il 6 per cento delle domande approvate.

4. L’individuazione delle domande da sottoporre al controllo a campione avviene mediante sorteggio dall’elenco degli “Aiuti Covid 2021” liquidati nell’anno di riferimento. Vengono inoltre effettuati controlli in tutti i casi in cui lo si ritenga opportuno.

5. I controlli da parte dell’Azienda Servizi Sociali di Bolzano o della Comunità comprensoriale competente si effettuano ai sensi della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche.

6. Su richiesta, i beneficiari devono mettere a disposizione dell’autorità competente la documentazione che la stessa riterrà opportuna per verificare la sussistenza dei requisiti richiesti per beneficiare della misura di sostegno.

7. L’Azienda Servizi Sociali di Bolzano o la Comunità comprensoriale competente avvia il procedimento di controllo, comunicando ai beneficiari i termini entro i quali essi saranno sottoposti al controllo stesso. Con tale comunicazione si invitano i beneficiari a produrre la documentazione necessaria per la verifica. Se necessario, il controllo potrà essere effettuato anche mediante un sopralluogo.

8. Entro 120 giorni dalla ricezione delle domande selezionate di cui al comma 2, l’Azienda Servizi Sociali di Bolzano o la Comunità comprensoriale competente trasmette l’esito dei controlli all’ufficio provinciale competente unitamente alla documentazione necessaria e a una lettera accompagnatoria, nella quale sono elencati i controlli eseguiti e il relativo esito.

9. Ferme restando le eventuali conseguenze penali nel caso di indebita percezione di vantaggi economici, la violazione delle disposizioni di cui ai presenti criteri comporta la revoca della misura di sostegno e l’obbligo di restituire il relativo importo, maggiorato degli interessi legali decorrenti dalla data della sua erogazione. L’intero procedimento di controllo deve concludersi entro 180 giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 7.

Articolo 15
Applicazione

1. I presenti criteri si applicano alle domande presentate al più tardi a partire dall’11 giugno 2021 ed entro le ore 12:00 del 30 settembre 2021.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2022
ActionAction2021
ActionAction Delibera 19 gennaio 2021, n. 15
ActionAction Delibera 19 gennaio 2021, n. 18
ActionAction Delibera 19 gennaio 2021, n. 31
ActionAction Delibera 26 gennaio 2021, n. 39
ActionAction Delibera 26 gennaio 2021, n. 43
ActionAction Delibera 26 gennaio 2021, n. 48
ActionAction Delibera 26 gennaio 2021, n. 49
ActionAction Delibera 26 gennaio 2021, n. 61
ActionAction Delibera 2 febbraio 2021, n. 69
ActionAction Delibera 2 febbraio 2021, n. 71
ActionAction Delibera 2 febbraio 2021, n. 73
ActionAction Delibera 9 febbraio 2021, n. 102
ActionAction Delibera 9 febbraio 2021, n. 111
ActionAction Delibera 16 febbraio 2021, n. 157
ActionAction Delibera 24 febbraio 2021, n. 159
ActionAction Delibera 24 febbraio 2021, n. 167
ActionAction Delibera 24 febbraio 2021, n. 175
ActionAction Delibera 24 febbraio 2021, n. 177
ActionAction Delibera 2 marzo 2021, n. 186
ActionAction Delibera 2 marzo 2021, n. 189
ActionAction Delibera 2 marzo 2021, n. 190
ActionAction Delibera 2 marzo 2021, n. 194
ActionAction Delibera 9 marzo 2021, n. 205
ActionAction Delibera 9 marzo 2021, n. 211
ActionAction Delibera 9 marzo 2021, n. 212
ActionAction Delibera 9 marzo 2021, n. 213
ActionAction Delibera 9 marzo 2021, n. 225
ActionAction Delibera 9 marzo 2021, n. 227
ActionAction Delibera 9 marzo 2021, n. 228
ActionAction Delibera 16 marzo 2021, n. 237
ActionAction Delibera 16 marzo 2021, n. 245
ActionAction Delibera 16 marzo 2021, n. 247
ActionAction Delibera 16 marzo 2021, n. 259
ActionAction Delibera 16 marzo 2021, n. 264
ActionAction Delibera 23 marzo 2021, n. 269
ActionAction Delibera 23 marzo 2021, n. 277
ActionAction Delibera 30 marzo 2021, n. 282
ActionAction Delibera 30 marzo 2021, n. 284
ActionAction Delibera 30 marzo 2021, n. 289
ActionAction Delibera 30 marzo 2021, n. 301
ActionAction Delibera 30 marzo 2021, n. 307
ActionAction Delibera 13 aprile 2021, n. 313
ActionAction Delibera 13 aprile 2021, n. 334
ActionAction Delibera 20 aprile 2021, n. 349
ActionAction Delibera 20 aprile 2021, n. 352
ActionAction Delibera 20 aprile 2021, n. 353
ActionAction Delibera 27 aprile 2021, n. 359
ActionAction Delibera 27 aprile 2021, n. 370
ActionAction Delibera 27 aprile 2021, n. 373
ActionAction Delibera 4 maggio 2021, n. 389
ActionAction Delibera 11 maggio 2021, n. 408
ActionAction Delibera 11 maggio 2021, n. 410
ActionAction Delibera 11 maggio 2021, n. 412
ActionAction Delibera 11 maggio 2021, n. 413
ActionAction Delibera 18 maggio 2021, n. 430
ActionAction Delibera 25 maggio 2021, n. 448
ActionAction Delibera 25 maggio 2021, n. 452
ActionActionALLEGATO A
ActionAction Delibera 25 maggio 2021, n. 465
ActionAction Delibera 1 giugno 2021, n. 469
ActionAction Delibera 1 giugno 2021, n. 472
ActionAction Delibera 1 giugno 2021, n. 483
ActionAction Delibera 8 giugno 2021, n. 493
ActionAction Delibera 8 giugno 2021, n. 494
ActionAction Delibera 15 giugno 2021, n. 519
ActionAction Delibera 15 giugno 2021, n. 527
ActionAction Delibera 15 giugno 2021, n. 529
ActionAction Delibera 22 giugno 2021, n. 535
ActionAction Delibera 22 giugno 2021, n. 538
ActionAction Delibera 22 giugno 2021, n. 541
ActionAction Delibera 29 giugno 2021, n. 554
ActionAction Delibera 29 giugno 2021, n. 567
ActionAction Delibera 6 luglio 2021, n. 575
ActionAction Delibera 13 luglio 2021, n. 604
ActionAction Delibera 20 luglio 2021, n. 645
ActionAction Delibera 20 luglio 2021, n. 646
ActionAction Delibera 27 luglio 2021, n. 665
ActionAction Delibera 2 agosto 2021, n. 667
ActionAction Delibera 10 agosto 2021, n. 679
ActionAction Delibera 10 agosto 2021, n. 680
ActionAction Delibera 10 agosto 2021, n. 682
ActionAction Delibera 10 agosto 2021, n. 689
ActionAction Delibera 10 agosto 2021, n. 693
ActionAction Delibera 10 agosto 2021, n. 694
ActionAction Delibera 10 agosto 2021, n. 696
ActionAction Delibera 24 agosto 2021, n. 716
ActionAction Delibera 24 agosto 2021, n. 741
ActionAction Delibera 24 agosto 2021, n. 743
ActionAction Delibera 24 agosto 2021, n. 744
ActionAction Delibera 31 agosto 2021, n. 753
ActionAction Delibera 14 settembre 2021, n. 785
ActionAction Delibera 14 settembre 2021, n. 787
ActionAction Delibera 14 settembre 2021, n. 791
ActionAction Delibera 14 settembre 2021, n. 797
ActionAction Delibera 14 settembre 2021, n. 799
ActionAction Delibera 14 settembre 2021, n. 800
ActionAction Delibera 14 settembre 2021, n. 802
ActionAction Delibera 21 settembre 2021, n. 806
ActionAction Delibera 28 settembre 2021, n. 822
ActionAction Delibera 28 settembre 2021, n. 824
ActionAction Delibera 28 settembre 2021, n. 825
ActionAction Delibera 5 ottobre 2021, n. 857
ActionAction Delibera 12 ottobre 2021, n. 870
ActionAction Delibera 12 ottobre 2021, n. 874
ActionAction Delibera 12 ottobre 2021, n. 875
ActionAction Delibera 26 ottobre 2021, n. 917
ActionAction Delibera 2 novembre 2021, n. 925
ActionAction Delibera 2 novembre 2021, n. 939
ActionAction Delibera 9 novembre 2021, n. 947
ActionAction Delibera 16 novembre 2021, n. 959
ActionAction Delibera 16 novembre 2021, n. 961
ActionAction Delibera 16 novembre 2021, n. 962
ActionAction Delibera 16 novembre 2021, n. 963
ActionAction Delibera 16 novembre 2021, n. 964
ActionAction Delibera 16 novembre 2021, n. 966
ActionAction Delibera 23 novembre 2021, n. 970
ActionAction Delibera 23 novembre 2021, n. 975
ActionAction Delibera 30 novembre 2021, n. 977
ActionAction Delibera 23 novembre 2021, n. 989
ActionAction Delibera 23 novembre 2021, n. 1009
ActionAction Delibera 30 novembre 2021, n. 1018
ActionAction Delibera 30 novembre 2021, n. 1020
ActionAction Delibera 7 dicembre 2021, n. 1049
ActionAction Delibera 7 dicembre 2021, n. 1056
ActionAction Delibera 7 dicembre 2021, n. 1061
ActionAction Delibera 7 dicembre 2021, n. 1062
ActionAction Delibera 14 dicembre 2021, n. 1083
ActionAction Delibera 14 dicembre 2021, n. 1100
ActionAction Delibera 21 dicembre 2021, n. 1119
ActionAction Delibera 21 dicembre 2021, n. 1122
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1131
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1132
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1135
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1136
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1137
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1146
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1147
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1148
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1153
ActionAction Delibera 28 dicembre 2021, n. 1157
ActionAction2020
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico