In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 29 dicembre 2020, n. 1087
Covid-19 – Misure nel settore sociale (modificata con delibera n. 902 del 26.10.2021)

...omissis...

- di approvare le seguenti modifiche e deroghe alle disposizioni elencate nei punti che seguono:

1. Criteri “Residenze per anziani dell’Alto Adige” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 1419 del 18 dicembre 2018

1.1. Fatto salvo quanto previsto dalle restanti disposizioni dei criteri, alle residenze per anziani, a eccezione di quelle di cui all’articolo 1, comma 3, spettano, per il periodo di sospensione delle ammissioni, determinato a tutela degli/delle ospiti con decreto dell’Assessore/Assessora competente per le Politiche sociali, su proposta della Task Force Anziani, o prescritto in casi specifici dalle autorità competenti, per ogni giorno di mancata occupazione di un posto letto autorizzato per ammissioni a tempo indeterminato o determinato, l’importo unitario e gli importi aggiuntivi previsti dall’articolo 52 nonché l’importo aggiuntivo previsto dal contratto collettivo di intercomparto, calcolati su una occupazione del 98 per cento; alle suindicate residenze spettano inoltre gli importi aggiuntivi per ogni giorno di mancata occupazione di un posto letto autorizzato per le forme di assistenza specifica di cui all’articolo 43.

Per il medesimo periodo non trovano applicazione i parametri relativi all’occupazione di cui agli articoli 47, comma 13, e 52, comma 3.

1.2. A copertura dei costi derivanti dalle mancate entrate per tariffe base o assegni di cura, l’importo unitario e, per ammissioni a tempo determinato, l’importo aggiuntivo sono aumentati, per il periodo di cui sopra, di 55,00 euro ai sensi dell’articolo 50, comma 4, sulla base del medesimo tasso di occupazione.

1.3. Per il periodo di cui sopra, per il personale di assistenza e cura diretta, assunto aggiuntivamente a causa dell’emergenza COVID-19 oltre i parametri di personale previsti, all’ente gestore spetta un importo forfettario annuo massimo pari a 46.000,00 euro, calcolato in rapporto al periodo di lavoro, qualora tale personale sia stato pagato direttamente della struttura.

1.4. Alle residenze per anziani che, per garantire l’intera liquidazione dei premi Covid legittimamente spettanti a collaboratori e collaboratrici, hanno anticipato con mezzi propri l’importo mancante di 1,00 euro a giorno e posto letto spetta il rimborso di tale importo nella misura di cui sopra. Il rimborso è liquidato alle residenze nell’anno 2021, con la terza rata (saldo) di cui all’articolo 53, comma 2, che rappresenta l’ultima rata del finanziamento relativo all’anno 2020.

1.5. Gli importi di finanziamento previsti dal presente punto sono erogati agli enti gestori ai sensi dell’articolo 53, comma 2, con la terza rata (saldo) oppure in forma di una rata aggiuntiva.

1.6. Fatto salvo quanto previsto alle restanti disposizioni dei criteri di cui all‘allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 1419 del 18 dicembre 2018, alle residenze per anziani, a eccezione di quelle di cui all‘articolo 1, comma 3, spettano, per i periodi di cui al punto 1.1, per ogni giorno di mancata presenza riferito a un posto letto di isolamento previsto dal punto 14.9 dell’allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 842 del 27 ottobre 2020, e successive modifiche, gli importi di cui al punto 1.1. e al punto 1.2.

1.7 Qualora nei mesi da luglio a dicembre 2021 si verifichi una discrepanza tra il personale dell’assistenza diretta, per il tempo libero/le attività diurne previsto in base all’occupazione dei posti letto e lo stesso personale effettivamente in servizio, alle residenze per anziani spetta, su richiesta documentata, un importo aggiuntivo calcolato in base alle disposizioni di cui ai seguenti punti 1.8, 1.9 e 1.10.

1.8 Alla fine di ogni mese (giorno di riferimento) viene rilevata la differenza tra il personale dell’assistenza diretta, per il tempo libero/le attività diurne effettivamente in servizio e lo stesso personale previsto in base all’occupazione dei posti letto. Nel calcolo si tiene conto delle forme di assistenza specifica di cui al capo V della deliberazione della Giunta provinciale n. 1419 del 18 dicembre 2018, e successive modifiche. Se possibile, la residenza per anziani deve avvalersi di quanto previsto dall’articolo 37, comma 4 della stessa deliberazione.

1.9 L’importo spettante per ogni mese all’ente gestore della residenza per anziani risulta dalla seguente formula: differenza di cui al punto 1.8 moltiplicata per 3.700,00 euro. Ai fini del calcolo, la differenza di cui al punto 1.8 va arrotondata per difetto ad una cifra dopo la virgola.

1.10 L’importo complessivo risultante dal calcolo di cui al punto 1.9 viene liquidato con il secondo acconto relativo all’anno 2022 di cui all’articolo 53, comma 2 della deliberazione della Giunta provinciale 1419/2018, alla condizione che nel conto economico dell’anno 2021 dell’ente gestore risulti una perdita.

2. Criteri “Sistema di finanziamento per le spese correnti degli enti gestori dei servizi sociali delegati ai sensi della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13”, di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 764 del 3 maggio 2010, e successive modifiche

2.1. Salvo quanto previsto dalle restanti disposizioni dei criteri, per il solo periodo determinato con decreto dell’Assessore/Assessora competente per le Politiche sociali su proposta della Task Force Sociale o prescritto in casi specifici dalle autorità competenti, ai servizi sociali sono riconosciute le spese per rette dovute a enti erogatori di servizi, pubblici o privati, convenzionati o legati al servizio sociale attraverso altri contratti, che in questo periodo non hanno erogato servizi o che li hanno erogati solo in forma ridotta o alternativa; il riconoscimento avviene in base alle vigenti disposizioni specifiche di settore o alle convenzioni o ad altri contratti ovvero, in assenza di disposizioni specifiche, nella misura del tasso medio di occupazione delle strutture o del servizio nel mese di gennaio 2020.

Se non finanziati attraverso rette giornaliere o orarie, ai suddetti gestori di servizi che non abbiano potuto erogare i propri servizi a causa delle prescrizioni per il contrasto al COVID-19 o che li abbiano erogati solo in forma ridotta o alternativa, sono riconosciute le spese, purché adeguatamente documentate.

2.2. Ai suddetti gestori di servizi sono riconosciute le suddette spese e quelle di cui al punto 4.1 delle presenti disposizioni relative all’anno 2020, anche al di fuori dei periodi determinati con deliberazione della Giunta provinciale n. 619 del 25 agosto 2020, e successive modifiche, qualora possano dimostrare che non hanno potuto erogare i propri servizi o li hanno erogati solo in forma ridotta o alternativa a causa di specifiche prescrizioni per il contrasto al COVID-19 impartite dalle autorità competenti.

2.3. Per il periodo di cui al punto 2.1., ai servizi sociali spetta una compensazione per le mancate entrate da tariffe dovute alla chiusura o alle limitazioni all’erogazione del servizio.

3. Servizi per minori

3.1. Per il finanziamento dei servizi semiresidenziali socio-pedagogici e socio-pedagogici integrati per minori di cui ai seguenti provvedimenti:

- “Criteri per l’autorizzazione e l’accreditamento dei servizi socio-pedagogici residenziali e semiresidenziali per minori” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 390 del 4 aprile 2017;

- “Criteri per l’autorizzazione e l’accreditamento dei servizi socio-sanitari residenziali e semiresidenziali per minori” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 1418 del 18 dicembre 2018;

- decreto dell’Assessora provinciale alla Salute, allo Sport, alle Politiche sociali e al Lavoro n. 24467/2016 del 21 dicembre 2016, recante “Strutture residenziali e semiresidenziali per minori – Rette giornaliere ed orarie 2017”;

si riconosce, esclusivamente per il periodo previsto al punto 2.1 della presente deliberazione, la seguente retta giornaliera:

a) importo base tramite l’ente gestore del servizio sociale territorialmente competente per la struttura, a quota fissa;

b) più il 65 per cento dell’importo di prestazione tramite il servizio inviante per i minori accolti al momento della chiusura, i minori che si trovano in quarantena e i minori che, per motivi di sicurezza, in accordo con il Servizio sociale competente non frequentano, temporaneamente, il servizio semiresidenziale e il cui accompagnamento è comunque garantito in forma alternativa dal personale del centro diurno. Questa regola vale fino alla loro riammissione;

c) più il 40 per cento dell’importo di prestazione tramite il servizio inviante per i minori accolti al momento della chiusura, i minori che si trovano in quarantena e i minori che, per motivi di sicurezza, in accordo con il Servizio sociale competente non frequentano, temporaneamente, il servizio semiresidenziale e che non vengono accompagnati in forma alternativa dal personale del centro diurno. Questa regola vale fino alla loro riammissione.

3.2. Quanto al finanziamento dei servizi sociali residenziali socio-pedagogici, socio-pedagogici integrati e socioterapeutici per minori di cui ai seguenti provvedimenti:

- “Criteri per l’autorizzazione e l’accreditamento dei servizi socio-pedagogici residenziali e semiresidenziali per minori” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 390 del 4 aprile 2017;

- “Criteri per l’autorizzazione e l’accreditamento dei servizi socio-sanitari residenziali e semiresidenziali per minori” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 1418 del 18 dicembre 2018;

- decreto dell’Assessora provinciale alla Salute, allo Sport, alle Politiche sociali e al Lavoro n. 24467/2016 del 21 dicembre 2016, recante “Strutture residenziali e semiresidenziali per minori – Rette giornaliere ed orarie 2017”;

viene corrisposto, esclusivamente per il periodo previsto al punto 2.1 della presente deliberazione, dal 31° giorno di assenza, oltre all’importo base, anche il 40 per cento dell’importo di prestazione.

4. Servizi per persone con disabilità, con malattia psichica o dipendenza patologica

4.1. In deroga a quanto disposto dai seguenti criteri:

- “Criteri per i servizi per l'occupazione lavorativa e per l’accompagnamento socio-pedagogico diurno dei servizi sociali” di cui all’Allegato della deliberazione della Giunta provinciale n. 883 del 4 settembre 2018;

- “Criteri per l’autorizzazione e l’accreditamento dei servizi sociali per le persone con disabilità” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 795 del 18 luglio 2017;

- “Criteri di autorizzazione e di accreditamento dei servizi sociali residenziali e semiresidenziali per le persone con malattia psichica” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 821 del 1° luglio 2014;

- “Criteri di autorizzazione e di accreditamento dei servizi sociali per persone con dipendenza patologica” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 733 del 24 luglio 2018;

vale quanto segue:

Per il periodo di cui al punto 2.1. della presente deliberazione, i giorni o le ore di assenza dovuti alla chiusura totale o parziale dei servizi per l’occupazione lavorativa, dei servizi di riabilitazione lavorativa e del centro di training professionale, decisa dagli enti gestori in relazione alle misure di contrasto al COVID-19, sono conteggiati, al fine della corresponsione dell’indennità, alla stregua dei giorni e delle ore di presenza, nella misura dell’importo medio individuale. Le persone che rinunciano alla frequenza del servizio di propria iniziativa non percepiscono l’indennità.

4.2. In deroga all’articolo 5 delle “Modalità di assegnazione dell’indennità per le convenzioni individuali per l’occupazione lavorativa” di cui all’Allegato A del decreto dell’Assessora provinciale alla Famiglia, agli Anziani, al Sociale e all’Edilizia abitativa n. 2629/2019 del 04.03.2019, i giorni o le ore di assenza nel periodo di cui al punto 2.1. della presente deliberazione, dovuti alla chiusura totale o parziale delle aziende, alla graduale ripresa delle attività delle aziende o alla necessità di tutelare la salute delle persone con disabilità ai sensi della legge provinciale 14 luglio 2015, n. 7, e successive modifiche, alle misure di contrasto al COVID-19 adottate o a relativa malattia, sono conteggiati ai fini della corresponsione dell’indennità alla stregua dei giorni o delle ore di presenza, nella misura specificata nelle singole convenzioni individuali per l’occupazione lavorativa.

5. “Criteri per il riconoscimento dello stato di non autosufficienza e per l’erogazione dell’assegno di cura” di cui all’Allegato 1 della deliberazione della Giunta provinciale n. 1246 del 14 novembre 2017, e successive modifiche

5.1. Il comma 6 dell’articolo 10/bis è così sostituito:

“6. Gli assegni di cura relativi ai livelli assistenziali assegnati d’ufficio sono erogati per 18 mesi, fatta salva l’eventuale maggiore validità prevista dal comma 3 dell’articolo 18. Se il livello assistenziale è accertato su richiesta della persona interessata ai sensi del comma 2, la durata di erogazione è determinata ai sensi del comma 3 dell’articolo 18.”

5.2. Il comma 4 dell’articolo 13 è così sostituito:

“4. La persona non autosufficiente o il suo/la sua legale rappresentante può presentare richiesta di modifica o annullamento della prescrizione dei buoni servizio. La richiesta scritta va inoltrata alla Ripartizione provinciale Politiche Sociali, Servizio di valutazione della non autosufficienza e deve contenere tutte le informazioni relative alle variazioni della situazione assistenziale. L’unità di valutazione decide in merito all’eventuale modifica o annullamento della prescrizione dei buoni servizio sulla base di una visita di verifica non annunciata o della documentazione presentata.”

5.3. In deroga all’articolo 13, comma 7, i buoni servizio non utilizzati nel periodo dal 1° febbraio 2020 al 31 luglio 2020 sono rimborsabili. I buoni servizio non utilizzati dal 1° agosto 2020 sono rimborsabili esclusivamente qualora il servizio di assistenza domiciliare venga limitato o sospeso a livello comprensoriale in relazione al COVID-19.

5.4. In deroga all’articolo 18, comma 3, la scadenza dell’erogazione dell’assegno di cura è sospesa dal 1° febbraio 2020 al 30 giugno 2021. La validità delle domande originariamente in scadenza in detto periodo è prolungata di 12 mesi.

5.5. La lettera a) del comma 3 dell’articolo 18 è così sostituita:

“a) l’assegno di cura viene erogato per 18 mesi se il competente medico di medicina generale attesta nel certificato che le limitazioni funzionali sono prevalentemente riconducibili a un evento acuto al quale segue un programma di riabilitazione, per cui si rende necessaria una nuova valutazione del fabbisogno assistenziale;”

5.6. La lettera c) del comma 3 dell’articolo 18 è così sostituita:

“c) l’assegno di cura viene erogato a tempo indeterminato quando nell’anno di scadenza dell’erogazione la persona non autosufficiente ha raggiunto o raggiunge l’età di 85 anni; fa eccezione il caso di cui alla lettera a);”

5.7. Per il conteggio del limite di 10 giorni di calendario previsto all’articolo 18, comma 13, non vengono considerate le giornate aggiuntive di aspettativa retribuita ai sensi del decreto “Cura Italia” (decreto- legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27) o di altre misure similari.

6. Criteri “Disciplina di autorizzazione e accreditamento dei servizi sociali e sociosanitari” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 535 del 25 giugno 2019, e successive modifiche

6.1. In deroga agli articoli 8 e 11, le autorizzazioni e gli accreditamenti dei servizi sociali nonché gli adempimenti connessi, incluse le prescrizioni imposte ai sensi dell’articolo 6, comma 3, che scadono a partire dalla data di applicazione delle presenti disposizioni, sono prorogati d’ufficio di 12 mesi dalla rispettiva scadenza.

6.2. Restano esclusi dalla proroga di cui al punto 6.1:

a) le comunicazioni con contestuale domanda di cui all’articolo 8, comma 3;

b) gli accreditamenti provvisori di cui all’articolo 7;

c) i rinnovi di autorizzazioni e accreditamenti di cui all’articolo 8, comma 2, per i quali alla data di applicazione delle presenti disposizioni è già stata presentata la relativa domanda;

d) le autorizzazioni e gli accreditamenti che devono essere rilasciati in casi particolari.

7. “Criteri per la concessione di contributi ad enti pubblici e privati attivi in ambito sociale” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 332 del 10 aprile 2018, e successive modifiche

7.1. In deroga a quanto stabilito da detti criteri, per l’anno 2021 è previsto quanto segue:

a) il riconoscimento e la rendicontazione delle spese effettivamente sostenute dagli enti beneficiari in relazione ad attività non svolte o solo parzialmente svolte nei periodi di limitazione dei servizi e delle attività a causa dell’emergenza sanitaria da COVID-19 nel periodo di cui al punto 2.1. della presente deliberazione, fermo restando il ricorso agli strumenti di ammortizzazione sociale nei casi in cui questo risulti possibile. Fanno eccezione i contributi per la gestione delle strutture per l’accoglienza dei profughi individuate in base ad accordi tra la Provincia e i competenti organi statali, di cui all’articolo 7, comma 1, lettera g), per i quali si applicano le disposizioni specifiche;

b) un contributo aggiuntivo pari al 95 per cento delle spese sostenute dall’inizio dell’emergenza per le misure di prevenzione del rischio di contagio previste dal Servizio Igiene per tutte le strutture di accoglienza, spettante agli enti gestori delle strutture per l’accoglienza dei profughi di cui all’articolo 7, comma 1, lettera g), per il periodo di cui al punto 2.1. della presente deliberazione. Tale contributo spetta ai citati enti gestori anche per le spese sostenute in relazione alle misure straordinarie prescritte dal Servizio Igiene nel caso in cui nelle strutture siano presenti persone contagiate dal virus;

c) le modifiche al tipo e alle modalità delle attività offerte e gli spostamenti delle voci di spesa tra macro-voci possono essere effettuati dai beneficiari senza preventiva comunicazione e autorizzazione, a condizione che vengano rispettate le finalità previste dai rispettivi criteri di finanziamento;

d) la durata dei progetti pilota presentati ed autorizzati di cui all’articolo 11, comma 1, lettera b) può essere prorogata di un anno, se le prestazioni previste nel progetto non hanno potuto essere svolte o hanno potuto essere svolte solo in parte nell’anno 2020;

e) nel concedere i contributi per le spese correnti nell’area disabilità, psichiatria sociale e dipendenze per l’anno 2021 non si considerano gli importi massimi di cui all’articolo 14, comma 5, lettera a), così da poter tenere conto dei maggiori costi sostenuti a causa dell’emergenza COVID-19;

f) il termine per la rendicontazione delle spese correnti 2020, fissato dai criteri al 30 aprile dell’anno successivo, per l’anno 2021 è prolungato di un mese, e pertanto fissato al 31 maggio 2021.

8. “Criteri per il rimborso delle spese per l’assistenza sanitaria degli ospiti delle residenze per anziani” di cui all’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 742 del 4 luglio 2017

8.1. In deroga a quanto previsto dai criteri, tutti i termini per la rendicontazione dei contributi che fanno riferimento all’anno 2020 concessi per investimenti e rimborsi ivi previsti sono prorogati fino alla fine dell’anno 2020.

9. In riferimento alle percentuali di riparto dei diversi profili professionali previsti dai seguenti criteri:

- “Criteri per l'autorizzazione e l'accreditamento dei servizi sociali per le persone con disabilità” - Delibera della Giunta provinciale 18 luglio 2017, n. 795, e successive modifiche;

- "Criteri di autorizzazione e di accreditamento dei servizi sociali residenziali e semiresidenziali per persone con malattia psichica" – Delibera della Giunta provinciale 1° luglio 2014, n. 821, e successive modifiche;

- "Criteri di autorizzazione e di accreditamento dei servizi sociali per persone con dipendenza patologica” - Delibera della Giunta provinciale 24 luglio 2018, n. 733, e successive modifiche;

- "Residenze per anziani dell’Alto Adige" - Delibera della Giunta provinciale 18 dicembre 2018, n. 1419, e successive modifiche;

- "Criteri per l'autorizzazione e l'accreditamento del servizio Centro di assistenza diurna per anziani" - Delibera della Giunta provinciale 19 settembre 2011, n. 1432, e successive modifiche;

- "Criteri per l'autorizzazione e l'accreditamento dei servizi dell'assistenza domiciliare" - Delibera della Giunta provinciale 16 novembre 2009, n. 2780, e successive modifiche;

- Criteri per l'autorizzazione e l'accreditamento dei servizi socio-pedagogici per minori – Delibera della Giunta provinciale 4 aprile 2017, n. 390, e successive modifiche;

- “Criteri per l’autorizzazione e l’accreditamento dei servizi socio-sanitari residenziali e semiresidenziali per minori” – Delibera della Giunta provinciale 18 dicembre 2018, n. 1418, e successive modifiche;

- Criteri per l'autorizzazione e l'accreditamento del servizio Casa delle donne – Delibera della Giunta provinciale 22 agosto 2017, n. 909, e successive modifiche;

vale quanto segue:

Per il periodo di durata dello stato di emergenza sanitaria dichiarato dal Consiglio dei Ministri il 31 gennaio 2020, ed eventuali ulteriori proroghe, e allo scopo di salvaguardare l’offerta dei servizi, gli enti gestori possono derogare temporaneamente alle percentuali di riparto dei diversi profili professionali previsti nei rispettivi criteri di autorizzazione e accreditamento, fermo restando che il gestore del servizio deve garantire la sicurezza e un’assistenza adeguata al tipo di utenza così come il rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro.

- La concessione delle agevolazioni di cui alla presente deliberazione avviene nei limiti degli stanziamenti assegnati alle pertinenti missioni del bilancio finanziario provinciale. Qualora i mezzi finanziari messi a disposizione non fossero sufficienti, la misura dell’agevolazione è ridotta oppure le domande di agevolazione sono rigettate d’ufficio.

La deliberazione della Giunta provinciale n. 619 del 25 agosto 2020, e successive modifiche, nonché il punto 3 della parte dispositiva della deliberazione della Giunta provinciale n. 842 del 27 ottobre 2020 sono revocati.

La presente deliberazione sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione, ai sensi dell’articolo 2, comma 1, in combinato disposto con l’articolo 28, comma 2, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2021
ActionAction2020
ActionAction Delibera 14 gennaio 2020, n. 8
ActionAction Delibera 21 gennaio 2020, n. 28
ActionAction Delibera 28 gennaio 2020, n. 49
ActionAction Delibera 4 febbraio 2020, n. 71
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 81
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 94
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 96
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 105
ActionAction Delibera 18 febbraio 2020, n. 118
ActionAction Delibera 21 febbraio 2020, n. 130
ActionAction Delibera 3 marzo 2020, n. 132
ActionAction Delibera 3 marzo 2020, n. 139
ActionAction Delibera 3 marzo 2020, n. 141
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 159
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 160
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 170
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 179
ActionAction Delibera 17 marzo 2020, n. 185
ActionAction Delibera 17 marzo 2020, n. 187
ActionAction Delibera 17 marzo 2020, n. 198
ActionAction Delibera 24 marzo 2020, n. 206
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 207
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 217
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 220
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 221
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 223
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 236
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 239
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 240
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 244
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 246
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 248
ActionAction Delibera 15 aprile 2020, n. 251
ActionAction Delibera 15 aprile 2020, n. 258
ActionAction Delibera 15 aprile 2020, n. 263
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 272
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 274
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 275
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 284
ActionAction Delibera 28 aprile 2020, n. 295
ActionAction Delibera 28 aprile 2020, n. 303
ActionAction Delibera 5 maggio 2020, n. 309
ActionAction Delibera 12 maggio 2020, n. 327
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 336
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 342
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 343
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 348
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 352
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 355
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 356
ActionAction Delibera 26 maggio 2020, n. 367
ActionAction Delibera 26 maggio 2020, n. 374
ActionAction Delibera 26 maggio 2020, n. 378
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 385
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 387
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 389
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 399
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 401
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 417
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 423
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 433
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 436
ActionAction Delibera 23 giugno 2020, n. 451
ActionAction Delibera 30 giugno 2020, n. 466
ActionAction Delibera 30 giugno 2020, n. 468
ActionAction Delibera 30 giugno 2020, n. 482
ActionAction Delibera 7 luglio 2020, n. 491
ActionAction Delibera 7 luglio 2020, n. 494
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 512
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 513
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 516
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 530
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 532
ActionAction Delibera 21 luglio 2020, n. 540
ActionAction Delibera 21 luglio 2020, n. 543
ActionAction Delibera 21 luglio 2020, n. 544
ActionAction Delibera 28 luglio 2020, n. 559
ActionAction Delibera 28 luglio 2020, n. 569
ActionAction Delibera 11 agosto 2020, n. 584
ActionAction Delibera 11 agosto 2020, n. 604
ActionAction Delibera 25 agosto 2020, n. 618
ActionAction Delibera 25 agosto 2020, n. 654
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 661
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 662
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 669
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 678
ActionAction Delibera 8 settembre 2020, n. 684
ActionAction Delibera 8 settembre 2020, n. 685
ActionAction Delibera 8 settembre 2020, n. 692
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 698
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 699
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 701
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 705
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 714
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 716
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 718
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 729
ActionAction Delibera 6 ottobre 2020, n. 754
ActionAction Delibera 6 ottobre 2020, n. 755
ActionAction Delibera 6 ottobre 2020, n. 761
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 785
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 789
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 790
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 795
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 796
ActionAction Delibera 20 ottobre 2020, n. 805
ActionAction Delibera 27 ottobre 2020, n. 821
ActionAction Delibera 27 ottobre 2020, n. 832
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 843
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 848
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 849
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 850
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 855
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 856
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 857
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 858
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 866
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 867
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 869
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 873
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 875
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 887
ActionAction Delibera 17 novembre 2020, n. 893
ActionAction Delibera 17 novembre 2020, n. 895
ActionAction Delibera 17 novembre 2020, n. 898
ActionAction Delibera 24 novembre 2020, n. 931
ActionAction Delibera 24 novembre 2020, n. 940
ActionAction Delibera 24 novembre 2020, n. 942
ActionAction Delibera 1 dicembre 2020, n. 948
ActionAction Delibera 1 dicembre 2020, n. 976
ActionAction Delibera 1 dicembre 2020, n. 980
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 989
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 990
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 995
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 998
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 1009
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 1018
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1025
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1028
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1043
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1044
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1085
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1087
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1092
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1093
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1096
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1103
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico