In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 3 novembre 2020, n. 857
Criteri per la determinazione dei canoni idrici per l'utilizzo di acque pubbliche (modificata con delibera n. 103 del 09.02.2021)

...omissis...

1. di approvare i criteri per la determinazione dei canoni idrici per l’utilizzo di acque pubbliche, di cui all’allegato A, che costituisce parte integrante della presente deliberazione;

2. di azzerare, data l'emergenza epidemiologica da COVID-19, per l’anno 2020, i canoni di cui all’articolo 6 dell’Allegato A,

3. al fine di garantire gli equilibri finanziari dell’ente, la Ripartizione Finanze è autorizzata a limitare la natura autorizzatoria degli stanziamenti dei capitoli di spesa U09042.0485, U16012.1020 e U16012.0515 per gli esercizi finanziari previsti a bilancio di previsione.

La presente deliberazione sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione, ai sensi dell’articolo 2, comma 1, letto in combinato disposto con l’articolo 28, comma 2, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche.

Allegato A

Criteri per la determinazione dei canoni idrici per l’utilizzo di acque pubbliche

Art. 1
Ambito di applicazione

1. I presenti criteri, improntati sul principio “chi inquina paga”, disciplinano il calcolo dei canoni idrici, le modalità di pagamento, nonché le regole per poter usufruire di riduzioni ed esenzioni dal canone, ai sensi dell’articolo 11 della legge provinciale 17 ottobre 2019, n. 10, e successive modifiche, di seguito denominata “legge”.

2. Presupposto per l’applicazione e il pagamento del canone idrico è il rilascio o la precedente titolarità di una concessione specifica per ciascun utilizzo nei settori descritti all’articolo 10 della legge.

3. In conformità a quanto disposto dall’articolo 16, comma 1, della legge i canoni vanno corrisposti a decorrere dal 1° gennaio 2020.

Art. 2
Importo una tantum per la realizzazione di un nuovo punto di prelievo

1. Al rilascio della concessione per la realizzazione di un nuovo punto di prelievo il concessionario deve corrispondere, indipendentemente dall’utilizzo idrico, il seguente importo una tantum:

a) per prelievi massimi inferiori a 10 l/s: 250 euro;

b) per prelievi massimi uguali o maggiori a 10 l/s e inferiori a 30 l/s: 500 euro;

c) per prelievi massimi uguali o maggiori a 30 l/s: 1.000 euro.

2. L’importo deve essere versato al rilascio della concessione.

3. L’importo deve essere versato anche per punti di prelievo esistenti, che siano stati realizzati senza essere in possesso del relativo titolo legittimo.

4. In caso di successivo innalzamento della portata derivabile non è dovuto alcun canone aggiuntivo ai sensi del presente articolo.

Art. 3
Canoni annui

1. I titolari di concessioni esistenti o in fase di rinnovo sono tenuti a corrispondere un canone annuo.

2. Il canone annuo è determinato in base alla quantità d’acqua annua concessa, calcolata moltiplicando la portata media concessa per il periodo di derivazione autorizzato. Nel settore agricoltura, per gli impianti per i quali è previsto l’obbligo di misurazione dei prelievi ai sensi della deliberazione della Giunta provinciale n. 1401 del 18 dicembre 2018, il canone annuo è invece calcolato in base alla quantità d’acqua annua misurata nell’anno precedente. Il contatore utilizzato a tale scopo deve essere contrassegnato con il marchio “CE” o essere conforme alla normativa metrologica vigente. Inoltre, deve essere installato a regola d’arte e rilevare l’intero volume d’acqua derivato. I dati e la documentazione relativi al contatore devono essere comunicati entro i termini indicati dall’Ufficio competente sulle sue pagine web. La rispondenza ai requisiti tecnici per una misurazione completa e a regola d’arte deve essere certificata da un tecnico abilitato/una tecnica abilitata.

3. Per il settore forza motrice il canone annuo è calcolato in base alla potenza nominale media annua concessa.

4. Il canone annuo è dovuto per intero, indipendentemente dalla data di rilascio della concessione.

5. Un canone annuo minimo è stabilito per ogni impianto e per ogni utilizzo idrico per il quale è previsto un titolo legittimo.

6. Il canone annuo è dovuto anche per derivazioni prive del relativo titolo legittimo, ferma restando l’applicazione delle sanzioni amministrative in vigore. Non è prevista l’applicazione di eventuali riduzioni del canone.

Art. 4
Canone annuo per il settore domestico

1. Il settore domestico comprende gli utilizzi per il consumo umano, l’abbeveraggio e l’approvvigionamento di impianti a isola ai sensi dell’articolo 8 della legge provinciale 18 giugno 2002, n.8.

2. Il prezzo unitario è di 0,005 €/m³.

3. Il canone minimo annuo è di 50,00 euro.

Art. 5
Canone annuo per il settore agricoltura

1. Il settore agricoltura comprende gli utilizzi irrigatori antisiccità a goccia, a pioggia o a scorrimento, l’utilizzo irrigatorio antibrina e gli utilizzi per piscicoltura e pesca sportiva.

2. Il prezzo unitario è di 0,007 €/m³. Per le superfici a prato o foraggere avvicendate il prezzo unitario è ridotto al 20 per cento.

3. Il canone minimo annuo è di 50,00 euro.

4. Ai sensi dell’articolo 11, commi 6 e 7, della legge al prezzo unitario di cui al comma 2 sono applicate, in punti percentuali cumulabili, le seguenti riduzioni:

a) riduzione del 30 per cento in caso di utilizzo di impianti consortili o gestiti in comune sotto altra forma giuridica;

b) riduzione del 35 per cento in caso di utilizzo di tecniche di irrigazione a goccia o microjet o di altre tecniche a risparmio idrico di impatto simile su almeno il 70 per cento delle superfici irrigate dall’impianto. Negli impianti misti la riduzione è calcolata escludendo le superfici a prato o foraggere avvicendate;

c) riduzione del 10 per cento in caso di disponibilità di un volume d’invaso utile da 20 a 200 m³/ha e del 20 per cento con un volume superiore a 200 m³/ha; le riduzioni trovano applicazione a partire da un volume di invaso utile di 40 m³;

d) limitatamente a impianti approvvigionati mediante concessioni rilasciate, anche solidalmente, ad aziende individuali, si applica inoltre:

1) riduzione del 20 per cento in caso di impiego di tecniche di coltivazione biologica certificate;

2) riduzione del 20 per cento in caso di aziende cui sono assegnati 75 o più punti di svantaggio ai sensi dell’articolo 13 del decreto del Presidente della Provincia 9 marzo 2007, n. 22.

5. Per concessionari per i quali il canone annuo è calcolato in base alla quantità d’acqua annua misurata ai sensi dell’articolo 3, comma 2, valgono solo le condizioni di cui al comma 4, lettere a) c), e d).

6. Per piscicoltura e pesca sportiva il prezzo unitario intero di cui al comma 2 è ridotto al 10 per cento.

7. Per il solo utilizzo antibrina è dovuto unicamente il canone minimo annuo di cui al comma 3.

Art. 6
Canone annuo per il settore produttivo

1. Il settore produttivo comprende gli utilizzi industriale, artigianale e per lo scambio termico ai sensi dell’articolo 17 del Piano Generale per l’Utilizzazione delle Acque Pubbliche (PGUAP) nonché l’utilizzo per l’innevamento programmato ai sensi dell’articolo 18 dello stesso PGUAP.

2. Il prezzo unitario per gli utilizzi industriale, artigianale e per lo scambio termico è di 0,01 €/m³.

3. Per gli utilizzi nelle strutture di lavorazione delle cooperative agricole il prezzo unitario di cui al comma 2 è ridotto al 20 per cento.

4. Il prezzo unitario dell’utilizzo per l’innevamento programmato è di 0,04 €/m³ per il periodo dal 1° novembre al 30 aprile, e viene ridotto a un quarto per il periodo dal 1° maggio al 31 ottobre.

5. Il canone minimo annuo per il settore produttivo è di 500,00 euro.

6. Per l’utilizzo termico il prezzo unitario di cui al comma 2 si riduce, ai sensi dell’articolo 11, comma 7, della legge, al 50 per cento qualora l’acqua prelevata dalla falda sia restituita interamente alla falda di origine con le medesime caratteristiche qualitative, ad eccezione di un delta termico massimo di 5 Kelvin.

7. Le condizioni per l’applicazione della riduzione del canone ai sensi del comma 6 devono risultare da una relazione tecnica sottoscritta da un tecnico abilitato/una tecnica abilitata e dai concessionari. Detta relazione deve essere presentata all’Ufficio provinciale Gestione sostenibile delle risorse idriche.

Art. 7
Canone annuo per il settore protezione civile

1. Il prezzo unitario per l’utilizzo a solo scopo antincendio è di 0,005 €/m³.

2. Il canone minimo annuo è di 50,00 euro.

Art. 8
Canone annuo per il settore forza motrice

1. Il prezzo unitario per l’utilizzo per la produzione di energia meccanica non convertita in energia elettrica è di 12,00 euro per ogni kW di potenza nominale autorizzata.

2. Il canone minimo annuo è di 70,00 euro.

Art. 9
Canone annuo per altri utilizzi

1. Il prezzo unitario per altri utilizzi, non rientranti nei settori di cui agli articoli 4, 5, 6, 7 e 8 è pari a 0,001 €/m³.

2. Il canone minimo annuo è di 70,00 euro.

3. Per l’utilizzo volto al mantenimento di sistemi di irrigazione di importanza paesaggistica e storico-culturale, in deroga all’articolo 3, comma 1, è dovuto unicamente il canone minimo annuo di cui al comma 2. Sono considerati sistemi di irrigazione di importanza paesaggistica e storico-culturale quelli riportati nella planimetria allegata alle norme di attuazione del piano paesaggistico di ciascun Comune e citati in relazione ai vincoli e alle prescrizioni ivi stabiliti. Per tutti gli altri sistemi di irrigazione e per i mulini con funzione didattica il prezzo unitario di cui al comma 1 è dimezzato.

4. Per gli impianti adibiti esclusivamente alla miscelazione di fitofarmaci e di altri additivi utilizzati in agricoltura è dovuto unicamente il canone minimo annuo di cui al comma 2.

Art. 10
Disposizioni sulle riduzioni del canone annuo

1. La sussistenza delle condizioni di cui all’articolo 5, commi 2, 4 e 5 nonché all’articolo 9, commi 3 e 4, deve risultare da un’autocertificazione dei concessionari. Questi sono inoltre tenuti a comunicare tempestivamente all’Ufficio provinciale Gestione sostenibile delle risorse idriche eventuali variazioni nelle predette condizioni, qualora rilevanti ai fini delle riduzioni del canone di cui sopra.

2. La riduzione del canone trova applicazione a decorrere dall’annualità successiva a quella in cui è comunicata, all’Ufficio competente, la sussistenza delle relative condizioni.

Art. 11
Licenze di attingimento

1. In caso di rilascio di una licenza di attingimento, il titolare corrisponde il canone idrico anticipatamente e una tantum, entro 30 giorni dal rilascio della licenza. Il canone è stabilito sulla base del volume teorico derivato nel periodo richiesto.

2. Quale prezzo unitario vale, a seconda dell’uso, quello fissato nei rispettivi articoli 4, 5, 6, 7 e 9.

3. Quale canone minimo annuo vale, a seconda dell’uso, il triplo di quello previsto dai rispettivi articoli 4, 5, 6, 7 e 9.

4. Non sono previste riduzioni del canone.

Art. 12
Modalità di pagamento

1. Il pagamento del canone idrico avviene esclusivamente secondo le modalità indicate nel relativo avviso.

Art. 13
Controlli e sanzioni

1. L’Ufficio provinciale Gestione sostenibile delle risorse idriche effettua, anche con l’aiuto di banche dati di altri enti pubblici, controlli a campione sulla veridicità delle informazioni e autocertificazioni fornite.

2. In caso di irregolarità vengono adottate le sanzioni di cui all’articolo 57/bis della legge provinciale 22 giugno 2002, n. 8, e successive modifiche.

Art. 14
Disposizioni transitorie

1. Per gli anni 2020, 2021 e 2022 il canone annuo nel settore agricoltura per l’utilizzo irrigatorio antisiccità è calcolato in base al prezzo unitario ridotto di cui all’articolo 5, comma 2, applicando una ulteriore riduzione del 20 per cento; resta ferma l’applicazione del canone minimo di cui all’articolo 5, comma 3.

2. Per usufruire, a partire dal 2023, nel settore agricoltura, delle riduzioni del canone annuo previste dall’articolo 5, commi 2 e 4, i concessionari presentano, entro il 30 settembre del relativo anno precedente, in via esclusivamente telematica e secondo le indicazioni dell’Ufficio la relativa documentazione di cui all’articolo 10, comma 1. Qualora il canone venisse calcolato sulla base della quantità d’acqua misurata valgono le disposizioni dell’articolo 3, comma 2.

3. Il canone annuo per gli impianti per i quali è previsto l’obbligo di misurazione dei prelievi di cui all’articolo 3, comma 2, è calcolato in base ai dati regolarmente comunicati all’autorità competente. Per gli impianti che alla data di entrata in vigore della presente norma sono sprovvisti degli appositi contatori, il canone si calcola con riferimento alla quantità d’acqua annua concessa. Il canone annuo basato sulla quantità d’acqua annua misurata è applicato a partire dall’anno successivo a quello in cui viene misurato e comunicato all’autorità competente ovvero registrato e protocollato mediante idoneo contatore l’intero volume di acqua derivata durante la stagione irrigua.

4. In conformità all’articolo 16, comma 1, della legge, l’importo una tantum di cui all’articolo 2 va corrisposto anche per punti di prelievo autorizzati tra il 1° gennaio 2020 e la data di approvazione dei presenti criteri.

5. In conformità all’articolo 16, comma 1, della legge, l’importo una tantum di cui all’articolo 11 va corrisposto anche per le licenze di attingimento rilasciate tra il 1° gennaio 2020 e la data di approvazione dei presenti criteri.

6. Qualora la quantità d’acqua derivabile non sia stata adeguata ai criteri fissati dal PGUAP e si riscontri un consistente discostamento dai valori unitari di fabbisogno di cui agli articoli 14 e 15 del PGUAP, il/la titolare della concessione può presentare all’Ufficio competente, entro il 15 maggio 2021, la richiesta di rettifica. In tal caso, il canone annuo di cui all’articolo 3, dovuto per l’anno 2020, sarà ricalcolato tenendo conto dei valori di concessione come rettificati.

7. Affinché il calcolo del canone idrico sia coerente con l’utilizzo effettivamente praticato, l’Ufficio Gestione sostenibile delle risorse idriche provvede alla rettifica d’ufficio di utilizzi esistenti già autorizzati, in adeguamento ai presenti criteri.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2021
ActionAction2020
ActionAction Delibera 14 gennaio 2020, n. 8
ActionAction Delibera 21 gennaio 2020, n. 28
ActionAction Delibera 28 gennaio 2020, n. 49
ActionAction Delibera 4 febbraio 2020, n. 71
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 81
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 94
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 96
ActionAction Delibera 11 febbraio 2020, n. 105
ActionAction Delibera 18 febbraio 2020, n. 118
ActionAction Delibera 18 febbraio 2020, n. 119
ActionAction Delibera 21 febbraio 2020, n. 130
ActionAction Delibera 3 marzo 2020, n. 132
ActionAction Delibera 3 marzo 2020, n. 139
ActionAction Delibera 3 marzo 2020, n. 141
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 159
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 160
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 170
ActionAction Delibera 10 marzo 2020, n. 179
ActionAction Delibera 17 marzo 2020, n. 185
ActionAction Delibera 17 marzo 2020, n. 187
ActionAction Delibera 17 marzo 2020, n. 198
ActionAction Delibera 24 marzo 2020, n. 206
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 207
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 217
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 220
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 221
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 223
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 225
ActionAction Delibera 31 marzo 2020, n. 228
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 236
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 239
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 240
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 244
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 246
ActionAction Delibera 7 aprile 2020, n. 248
ActionAction Delibera 15 aprile 2020, n. 251
ActionAction Delibera 15 aprile 2020, n. 258
ActionAction Delibera 15 aprile 2020, n. 263
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 272
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 274
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 275
ActionAction Delibera 21 aprile 2020, n. 284
ActionAction Delibera 28 aprile 2020, n. 295
ActionAction Delibera 28 aprile 2020, n. 303
ActionAction Delibera 5 maggio 2020, n. 309
ActionAction Delibera 12 maggio 2020, n. 327
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 336
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 342
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 343
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 344
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 348
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 352
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 355
ActionAction Delibera 19 maggio 2020, n. 356
ActionAction Delibera 26 maggio 2020, n. 367
ActionAction Delibera 26 maggio 2020, n. 374
ActionAction Delibera 26 maggio 2020, n. 378
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 379
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 385
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 387
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 389
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 399
ActionAction Delibera 9 giugno 2020, n. 401
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 417
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 423
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 433
ActionAction Delibera 16 giugno 2020, n. 436
ActionAction Delibera 23 giugno 2020, n. 451
ActionAction Delibera 30 giugno 2020, n. 466
ActionAction Delibera 30 giugno 2020, n. 468
ActionAction Delibera 30 giugno 2020, n. 482
ActionAction Delibera 7 luglio 2020, n. 489
ActionAction Delibera 7 luglio 2020, n. 491
ActionAction Delibera 7 luglio 2020, n. 494
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 509
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 512
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 513
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 516
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 530
ActionAction Delibera 14 luglio 2020, n. 532
ActionAction Delibera 21 luglio 2020, n. 540
ActionAction Delibera 21 luglio 2020, n. 543
ActionAction Delibera 21 luglio 2020, n. 544
ActionAction Delibera 28 luglio 2020, n. 559
ActionAction Delibera 28 luglio 2020, n. 569
ActionAction Delibera 11 agosto 2020, n. 584
ActionAction Delibera 11 agosto 2020, n. 604
ActionAction Delibera 25 agosto 2020, n. 618
ActionAction Delibera 25 agosto 2020, n. 654
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 661
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 662
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 669
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 676
ActionAction Delibera 2 settembre 2020, n. 678
ActionAction Delibera 8 settembre 2020, n. 684
ActionAction Delibera 8 settembre 2020, n. 685
ActionAction Delibera 8 settembre 2020, n. 692
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 698
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 699
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 701
ActionAction Delibera 15 settembre 2020, n. 705
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 714
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 716
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 718
ActionAction Delibera 22 settembre 2020, n. 729
ActionAction Delibera 6 ottobre 2020, n. 754
ActionAction Delibera 6 ottobre 2020, n. 755
ActionAction Delibera 6 ottobre 2020, n. 761
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 785
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 789
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 790
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 795
ActionAction Delibera 13 ottobre 2020, n. 796
ActionAction Delibera 20 ottobre 2020, n. 805
ActionAction Delibera 27 ottobre 2020, n. 821
ActionAction Delibera 27 ottobre 2020, n. 832
ActionAction Delibera 27 ottobre 2020, n. 842
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 843
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 848
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 849
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 850
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 855
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 856
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 857
ActionActionAllegato A
ActionAction Delibera 3 novembre 2020, n. 858
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 866
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 867
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 869
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 873
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 875
ActionAction Delibera 10 novembre 2020, n. 887
ActionAction Delibera 17 novembre 2020, n. 893
ActionAction Delibera 17 novembre 2020, n. 895
ActionAction Delibera 17 novembre 2020, n. 898
ActionAction Delibera 24 novembre 2020, n. 931
ActionAction Delibera 24 novembre 2020, n. 940
ActionAction Delibera 24 novembre 2020, n. 942
ActionAction Delibera 1 dicembre 2020, n. 948
ActionAction Delibera 1 dicembre 2020, n. 976
ActionAction Delibera 1 dicembre 2020, n. 980
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 989
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 990
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 995
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 998
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 1009
ActionAction Delibera 15 dicembre 2020, n. 1018
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1025
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1028
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1043
ActionAction Delibera 22 dicembre 2020, n. 1044
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1085
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1087
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1092
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1093
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1096
ActionAction Delibera 29 dicembre 2020, n. 1103
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico