In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

u'') Contratto collettivo intercompartimentale 28 agosto 2020 1)
Contratto collettivo intercompartimentale - recupero strutturale delle somme corrisposte a titolo di assegno personale pensionabile nell’ambito ed in applicazione dell’articolo 40, comma 3/quinquies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165

1)
Pubblicato nel numero straordinario 3 del B.U. 31 agosto 2020, n. 35.

Premessa

Nell’ambito della competenza legislativa primaria in materia di “ordinamento degli uffici provinciali e del personale ad essi addetti” la Provincia autonoma di Bolzano ha disciplinato lo status giuridico ed economico del personale e, quindi, anche quello della dirigenza, nonché la disciplina della contrattazione collettiva.

Nell’esercizio di detta competenza, la Provincia autonoma di Bolzano ha istituito un modello di conferimento degli incarichi dirigenziali mediante l’iscrizione in un “albo” e la conservazione, nel caso di attribuzione dell’incarico, dell’inquadramento di provenienza, riconoscendo, dapprima con la legge provinciale n. 10 del 1992, un’indennità di funzione mensile che veniva gradualmente trasformata in assegno personale pensionabile. Successivamente alla cosiddetta contrattualizzazione della materia la norma è stata pressoché integralmente trasposta nei successivi contratti collettivi, a partire dal biennio 1999-2000.

Quindi, dal 1999 la fonte di disciplina della graduale trasformazione dell’indennità di funzione dirigenziale in assegno personale pensionabile, è stata pertanto, solo e soltanto la contrattazione collettiva. Analogo meccanismo è stato previsto per la corresponsione dell’indennità di funzione ai dirigenti sostituti e dell’indennità di coordinamento correlata all’esercizio di funzioni di coordinamento.

Si precisa che l’attribuzione al dipendente dell’assegno personale pensionabile a seguito della trasformazione graduale dell’indennità non avveniva al momento della cessazione dell’incarico, bensì in costanza di esso, accumulandosi di anno in anno, a condizione che l’operato del dirigente fosse stato valutato positivamente. Una volta cessato l’incarico, cessava quindi anche la relativa trasformazione.

Nell‘ambito dei giudizi di parifica relativi ai rendiconti 2014, 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019, le Sezioni Riunite della Corte dei conti per il Trentino-Alto Adige/Südtirol hanno dichiarato non regolari i capitoli di spesa concernenti il pagamento delle indennità di funzione, di coordinamento e sostituti dirigenti, gradualmente trasformate in assegno personale pensionabile e riconosciute tra l’altro anche a favore di funzionari senza incarico di direzione, di coordinamento o sostituzione di uffici.

In particolare, la Corte dei conti ha ritenuto le disposizioni dei contratti collettivi incompatibili con il divieto di erogare trattamenti economici accessori che non corrispondano alle prestazioni effettivamente rese ai sensi dell’art. 7, comma 5 del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165.

Nelle suddette pronunce la Corte dei conti, sez. riun. per la Regione Trentino Alto- Adige/Südtirol, sulla base dell’art. 40, comma 3/quinquies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, aveva ritenuto nulle le clausole dei contratti collettivi intercompartimentali e di comparto riguardanti la trasformazione delle indennità di dirigenza e di coordinamento in assegno personale pensionabile.

Sulla disciplina di dette erogazioni sono intervenuti, nel corso del 2017 e nel 2018, gli artt. 1, 2 e 17 della legge provinciale n. 9 del 2017 e gli artt. 1 e 3 della legge provinciale n. 1 del 2018.

A seguito di questione di legittimità sollevata dalla Corte dei conti, Sezioni Riunite per il Trentino-Alto Adige/ Südtirol la Corte Costituzionale, su istanza delle Procure di Trento e di Bolzano, ha poi definito il giudizio di costituzionalità con sentenza n. 138 depositata il 06/06/2019, con la quale non solo è stata dichiarata, tra l’altro, l’illegittimità costituzionale degli artt. 1, comma 3, 2 e 17, comma 2 della legge provinciale del 6 luglio 2017, n. 9 (Disciplina dell’indennità di dirigenza e modifiche alla struttura dirigenziale dell’Amministrazione provinciale) nonché dell’art. 1 della legge provinciale del 9 febbraio 2018, n. 1 (Norme in materia di personale), “avendo esso dato vita alla spesa per indennità di dirigenza, corrisposte in assenza di prestazione lavorativa e assoggettate a contribuzione pensionabile, in contrasto con la legge statale”, ma ha anche rivolto un chiarissimo monito pro futuro quanto alla previsione di una “trasformazione graduale delle indennità di dirigenza in assegno pensionabile, una volta cessato l’incarico” che – chiarisce la Corte – risulta “inconciliabile con la regola generale inerente alla dirigenza pubblica.., ferma restando la preclusione all’assunzione di tale tipologia di spesa per gli esercizi successivi al 2017.”

In particolare, nella suddetta sentenza la corresponsione di indennità dopo la cessazione degli incarichi dirigenziali è censurata nei termini che seguono: in quanto erogata “in assenza di formale incarico” (p.to 1.1); per la “assenza di sinallagmaticità della relativa retribuzione e […] relativo assoggettamento a contribuzione previdenziale” (p.to 7.1); per la sua inconciliabilità “con la regola generale inerente alla dirigenza pubblica” (p.to 7.1).

Quindi, le summenzionate erogazioni sarebbero illegittime, in ragione sia della nullità, per contrasto con norme imperative, delle clausole dei contratti collettivi che prevedono la trasformazione, alla cessazione dell’incarico, delle indennità di dirigenza e di coordinamento in assegno personale fisso e pensionabile, sia della dubbia legittimità costituzionale delle menzionate disposizioni – e segnatamente dell’art. 1 della legge provinciale n. 1/2018 – che ne costituiscono il fondamento.

I pagamenti disposti dalle amministrazioni per le citate indennità risultano pertanto prive di fondamento normativo per effetto della sentenza della Corte costituzionale n. 138/2019.

La Provincia autonoma di Bolzano è pertanto chiamata a risolvere il problema di come dare attuazione alla sentenza n. 138/2019 della Corte costituzionale, atteso che risulta pacifico sia l’obbligo di recupero delle indennità corrisposte illegittimamente sia l’applicazione del termine prescrizionale ordinario decennale come specificato anche dalla Procura nella memoria conclusionale del 25 giugno 2020 in sede di giudizio di parificazione.

In ottemperanza al termine di prescrizione ordinario decennale previsto per l’azione di ripetizione dell’indebito oggettivo, cioè per erogazioni avvenute “sine titulo”, il recupero strutturale riguarda pertanto le somme erogate nel passato a partire da giugno 2009 in applicazione di disposizioni contrattuali in vigore giudicate successivamente nulle dalla Corte dei conti e fino alla data in cui è stata disposta dalle Amministrazioni con proprio provvedimento la cessazione della corresponsione dell’assegno personale pensionabile, risultante dalla trasformazione delle relative indennità di funzione, di dirigente sostituto/a o di coordinamento percepite, ovvero fino a fine maggio 2019.

Considerato che il recupero degli importi “indebitamente corrisposti” si riferisce nel caso in argomento ad indennità erogate in via generale per effetto di disposizioni di legge e di contrattazione collettiva, la Corte dei conti – Procura Regionale presso la sezione giurisdizionale per il Trentino-Alto Adige/Südtirol – Bolzano, in sede di giudizio di parificazione del rendiconto generale della Provincia autonoma di Bolzano per l’esercizio finanziario 2019, ritiene nella memoria conclusionale dell’udienza del 25 giugno 2020 “corretto, in alternativa al recupero individuale, il ricorso della Provincia Autonoma di Bolzano all’applicazione dell’art. 40, comma 3/quinquies del d.lgs. 165/2001 e s.m.i. che consente una sorta di “recupero strutturale” in modo da assicurare il riequilibrio delle poste di bilancio, atteso che la norma richiamata prevede sia la ‘nullità delle clausole contrattuali’ sia le rispettive ‘sanzioni’”.

Sorta la necessità di provvedere al recupero, nei relativi limiti di prescrizione, delle somme erogate per dette indennità sulla base di norme contrattuali ritenute incidentalmente nulle/invalide dalla Corte dei conti (sia in sede di controllo, che giurisdizionale) e la cui legittimità non è più confermata dalle norme legislative dichiarate incostituzionali dalla Corte costituzionale, la Giunta provinciale ha impartito con propria deliberazione del 19/05/2020, n. 335 le direttive alle rispettive delegazioni pubbliche per avviare in tempi brevi la negoziazione per un recupero strutturale delle somme erogate a titolo di assegno personale pensionabile, corrispondenti a indennità di direzione, di sostituto direttore e di coordinamento, in assenza di formale incarico o di espletamento di alcuna funzione secondo le modalità indicate nell’articolo 40, comma 3/quinquies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, mediante corrispondenti riduzioni delle risorse autorizzate del fondo interessato relativamente a ciascun ambito contrattuale.

L’obbligo di recupero integrale delle attribuzioni c.d. illegittime riguarda i seguenti contratti collettivi:

  1. Per il personale senza qualifica dirigenziale il contratto collettivo intercompartimentale per la generalità del personale.
  2. Per il personale dirigente cui è affidata la direzione di una struttura organizzativa o che ricopre una posizione equivalente cui sono collegate funzioni dirigenziali ai sensi dell'ordinamento dell'ente di appartenenza la disciplina prevista dal contratto collettivo intercompartimentale della dirigenza.
  3. Per il personale della dirigenza sanitaria il contratto collettivo intercompartimentale e di comparto 13 marzo 2003 per l'area del personale medico e medico-veterinario nel Servizio Sanitario Provinciale per il periodo 2001-2004, e per il personale sanitario dirigente non medico del comparto del Servizio sanitario provinciale il contratto collettivo intercompartimentale dei dirigenti e con l’istituzione della dirigenza unica sanitaria il contratto collettivo provinciale del 24 luglio 2018 per le aree del personale dirigente medico e medico-veterinario, dei dirigenti sanitari farmacisti, biologi, chimici, fisici e psicologi, nonché della dirigenza delle professioni sanitarie.

Alla luce di quanto sopra esposto la delegazione pubblica ed i rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei contratti collettivi interessati prendono atto, con la conclusione del presente contratto collettivo, sia dell’obbligo di recupero delle indennità corrisposte illegittimamente che dell’applicazione del termine prescrizionale ordinario decennale.

Considerati, l’articolo 8 dello Statuto di Autonomia che attribuisce la competenza legislativa primaria in materia di “ordinamento degli uffici provinciali e del personale ad essi addetto” alla Provincia autonoma di Bolzano e la legge provinciale 19 maggio 2015, n. 6 “Ordinamento del personale della provincia” che disciplina l’articolazione, i contenuti ed il procedimento di contrattazione collettiva.

A seguito degli sviluppi illustrati in premessa, la delegazione pubblica ed i rappresentanti sindacali si sono accordati di stipulare con un unico contratto collettivo il recupero degli importi citati. Il presente contratto collettivo intercompartimentale contiene la disciplina rispettivamente adottata e costituisce vincolo cui attenersi nelle ulteriori sedi contrattuali.

Art. 1
Ambito di applicazione

1. Il presente contratto collettivo disciplina il recupero strutturale delle somme erogate a titolo di assegno personale pensionabile, corrispondenti a indennità di direzione, di dirigente sostituto/a e di coordinamento in assenza di formale incarico o di espletamento di alcuna funzione, secondo le modalità indicate nell’articolo 40, comma 3/quinquies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, mediante corrispondenti riduzioni delle risorse autorizzate del fondo interessato relativamente a ciascun ambito contrattuale. Tali somme sono state erogate sulla base di norme di contratti collettivi intercompartimentali e di comparto giudicate successivamente nulle dalla Corte dei conti e i cui capitoli di spesa sono stati dichiarati non regolari dalle Sezioni Riunite della Corte dei conti per la Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol nell’ambito dei giudizi di parifica relativi ai rendiconti generali della Provincia per l’esercizio finanziario 2014, 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019.

2. Il recupero strutturale delle somme per le indennità di funzione, di coordinamento nonché di dirigente sostituto/a riguardano il personale dipendente dei seguenti comparti di contrattazione:

  1. Amministrazione provinciale della Provincia autonoma di Bolzano e degli enti pubblici da essa dipendenti;
  2. Azienda sanitaria dell’Alto Adige;
  3. Comuni, Comunità comprensoriali e Residenze per anziani
  4. Istituto per l’edilizia sociale
  5. Azienda di soggiorno e turismo di Bolzano e Azienda di soggiorno, cura e turismo di Merano.

3. In ottemperanza al termine decennale ordinario di prescrizione previsto per l’azione di ripetizione dell’indebito oggettivo, il recupero ha ad oggetto le somme corrisposte nel passato a partire da giugno 2009 e fino alla data in cui è stata disposta dalle Amministrazioni la cessazione dell’erogazione delle stesse, ovvero fino a fine maggio 2019.

Art. 2
Obiettivi

1. Il presente contratto ha per oggetto la riduzione delle risorse finanziarie disponibili per la contrattazione collettiva riferita ai vari comparti ed aree di contrattazione in conseguenza al summenzionato recupero strutturale.

2. Le risorse recuperate, torneranno nella piena disponibilità dell’Amministrazione/ente allo scopo di assicurare il riequilibrio delle poste di bilancio e confluiscono, in modo indistinto e senza vincoli di destinazione, nel bilancio dell’Amministrazione/ente sull’apposito capitolo di bilancio denominato “recupero strutturale” ai sensi dell’articolo 40, comma 3/quinquies del d.lgs. 165/2001 nonché della deliberazione della Giunta provinciale del 19/05/2020, n. 335.

Art. 3
Recupero delle somme da parte dell’Amministrazione provinciale e dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige

1. Per l’Amministrazione provinciale e per l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige si procede al recupero strutturale delle somme dai fondi destinati alla contrattazione e autorizzati dalla legge provinciale 19 dicembre 2019, n. 15 “Legge di stabilità provinciale per l’anno 2020” secondo il piano di recupero come di seguito riportato:

  1. recupero delle somme corrisposte per l’indennità di coordinamento e di dirigente sostituto/a complessivamente per 3.783.342,97 euro da prelevare in un'unica soluzione dalle risorse finanziarie disponibili ed autorizzate dalla “Legge di stabilità provinciale per l’anno 2020” per la contrattazione collettiva a livello intercompartimentale per la generalità del personale e riferite alla spesa massima di 20.986.719,27 euro per l’anno finanziario 2020;
  2. recupero delle somme corrisposte per l’indennità di funzione per la dirigenza sanitaria complessivamente per 915.789,12 euro da prelevare in un’unica soluzione dalle risorse finanziarie disponibili e autorizzate dalla “Legge di stabilità provinciale per l’anno 2020” per la contrattazione collettiva del comparto sanitario con riferimento alla spesa massima di 11.800.000,00 euro per l’anno finanziario 2020;
  3. recupero delle somme corrisposte per l’indennità di funzione al personale dirigente complessivamente per 6.814.658,31 euro da prelevare in due soluzioni dalle risorse disponibili e autorizzate dalla “Legge di stabilità provinciale per l’anno 2020” per la contrattazione collettiva a livello intercompartimentale per la dirigenza con riferimento alla spesa massima di 4.500.000,00 euro per l’anno finanziario 2020 e per una spesa massima di 9.000.000,00 euro per l’anno finanziario 2021.

Art. 4
Recupero delle somme da parte degli altri enti

1. L’art. 7 della legge provinciale del 19 dicembre 2019, n. 15 “Legge di stabilità provinciale per l’anno 2020”, prevede che gli importi di spesa massima autorizzati a carico del bilancio provinciale 2020-2022 per la contrattazione collettiva intercompartimentale per la generalità del personale e per il personale dirigenziale si riferiscono all’Amministrazione provinciale e all’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, ma non comprendono le assegnazioni ai comuni, alle comunità comprensoriali, alle Residenze per anziani, all’Istituto per l’edilizia sociale, all’Azienda di soggiorno e turismo di Bolzano e Azienda di soggiorno, cura e turismo di Merano.

2. Per le amministrazioni di cui alla seconda parte del comma precedente in applicazione ed ai sensi delle disposizioni dell’articolo 7 della legge provinciale n. 6/2015, dell’articolo 48, commi 2 e 4, ultima parte, del d.lgs. n. 165/2001 e dei criteri generali di cui all’articolo 2 del DPCM 27/02/2017, le spese per la contrattazione collettiva intercompartimentale, cui va imputato il recupero strutturale delle somme, sono a carico dei rispettivi bilanci e vengono determinate in analogia e in applicazione dei medesimi parametri di cui alle disposizioni delle leggi di stabilità provinciali ed in particolare dell’art. 7 della legge provinciale del 19 dicembre 2019, n. 15 “Legge di stabilità provinciale per l’anno 2020”. A tal fine, come parametro principale per la determinazione degli oneri da porre a carico dei bilanci delle amministrazioni per la contrattazione collettiva intercompartimentale viene assunto il “monte salari” utile ai fini contrattuali, maggiorato degli oneri contributivi ai fini previdenziali e dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP).

3. I comuni, le comunità comprensoriali, le Residenze per anziani, l’Istituto per l’edilizia sociale, l’Azienda di soggiorno e turismo di Bolzano e l’Azienda di soggiorno, cura e turismo di Merano, effettuano il recupero strutturale delle somme illegittimamente corrisposte per l’indennità di coordinamento, di dirigente sostituto e di indennità di funzione al personale dirigenziale, prelevandole dalle risorse finanziarie disponibili e autorizzate per la contrattazione a livello intercompartimentale nei singoli bilanci, in analogia alla procedura prevista per l’Amministrazione provinciale e l’Azienda sanitaria al precedente art. 3.

Art. 5
Efficacia del contratto collettivo

1.Il presente contratto collettivo intercompartimentale avente ad oggetto la disciplina per il recupero strutturale riferita:

  1. al contratto collettivo intercompartimentale per la generalità del personale
  2. al contratto collettivo intercompartimentale per la dirigenza amministrativa
  3. al contratto collettivo di comparto per la dirigenza sanitaria

è vincolante per ciascun menzionato ambito di contrattazione, se sottoscritto dalle organizzazioni sindacali rappresentanti, tra quelle rappresentative ai sensi della disciplina sulla rappresentatività sindacale per il rispettivo ambito di contrattazione, complessivamente almeno il 50 per cento più uno degli iscritti sindacali.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionA Struttura dirigenziale
ActionActionB Disposizioni speciali concernenti servizi di settore
ActionActionC Assunzione in servizio e profili professionali
ActionActionD Disposizioni generali sullo stato giuridico dei dipendenti provinciali
ActionActionE Contratti collettivi
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 13 agosto 1990, n. 17
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 aprile 1991, n. 10
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 27 giugno 1991, n. 18
ActionActiond) Contratto collettivo 4 gennaio 1996
ActionActione) Contratto collettivo 18 dicembre 1998
ActionActionf) Contratto collettivo 13 aprile 1999 —
ActionActiong) Contratto collettivo 23 febbraio 2000
ActionActionh) Contratto di comparto
ActionActioni) Contratto collettivo 28 agosto 2001 —
ActionActionj) Contratto collettivo 25 marzo 2002
ActionActionk) Contratto di comparto 4 luglio 2002
ActionActionl) Contratto collettivo 3 ottobre 2002 —
ActionActionm) Contratto collettivo 9 dicembre 2002
ActionActionn) Contratto collettivo 13 marzo 2003
ActionActiono) Testo unico del 23 aprile 2003
ActionActionp) Contratto collettivo 16 maggio 2003
ActionActionq) Contratto collettivo 17 settembre 2003 —
ActionActionr) Contratto di comparto 5 novembre 2003 
ActionActions) Contratto collettivo 13 luglio 2004
ActionActiont) Contratto collettivo 6 dicembre 2004
ActionActionu) Contratto collettivo 7 aprile 2005 —
ActionActionv) Contratto collettivo 14 giugno 2005 —
ActionActionw) Contratto collettivo 4 agosto 2005
ActionActionx) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActiony) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActionz) Contratto collettivo 8 marzo 2006
ActionActiona') Contratto collettivo 21 giugno 2006
ActionActionb') Contratto collettivo 6 ottobre 2006 
ActionActionb') CONTRATTO COLLETTIVO 17 maggio 2007
ActionActionc') Contratto collettivo 5 luglio 2007
ActionActiond') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActione') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActionf') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActiong') Contratto collettivo 8 ottobre 2007
ActionActionh') Contratto collettivo 23 novembre 2007
ActionActioni') Contratto collettivo 12 febbraio 2008
ActionActionj') Contratto collettivo 22 aprile 2008
ActionActionk') Contratto collettivo 8 ottobre 2008
ActionActionl') Contratto collettivo 3 febbraio 2009
ActionActionm') Contratto collettivo 17 febbraio 2009
ActionActionn') Contratto collettivo 22 ottobre 2009
ActionActiono') Contratto di comparto 11 novembre 2009
ActionActionp') Contratto di comparto 24 novembre 2009, n. 0
ActionActionq') Contratto collettivo 24 novembre 2009
ActionActionr') Accordo24 novembre 2009
ActionActions') Contratto collettivo 13 giugno 2013, n. 01
ActionActiont') Contratto di comparto 27 giugno 2013
ActionActionu') Contratto collettivo intercompartimentale 26 gennaio 2015, n. 0
ActionActionv') Contratto collettivo 16 marzo 2015, n. 0
ActionActionw') Contratto di comparto 13 luglio 2015, n. 0
ActionActionx') Contratto di comparto 3 settembre 2015, n. 0
ActionActiony') Contratto di comparto 22 dicembre 2015, n. 00
ActionActionz') Contratto collettivo 23 maggio 2016
ActionActiona'') Contratto di comparto 19 luglio 2016, n. 0
ActionActionb'') Contratto collettivo 6 ottobre 2016
ActionActionc'') Contratto collettivo intercompartimentale 28 ottobre 2016, n. 0
ActionActiond'') Contratto collettivo 6 dicembre 2016
ActionActione'') Contratto collettivo 13 dicembre 2016, n. 001
ActionActionf'') Contratto di comparto 13 dicembre 2016, n. 0001
ActionActiong'') Contratto collettivo 21 dicembre 2016, n. 00001
ActionActionh'') Contratto di comparto 20 febbraio 2018, n. 0
ActionActioni'') Contratto collettivo intercompartimentale 19 giugno 2018, n. 0
ActionActionj'') Contratto di comparto 27 settembre 2018, n. 00
ActionActionk'') Contratto di comparto 16 gennaio 2019, n. 0
ActionActionl'') Contratto di comparto 27 maggio 2019, n. 00
ActionActionm'') Contratto di comparto 11 giugno 2019, n. 0
ActionActionn'') Contratto collettivo intercompartimentale 4 dicembre 2019, n. 0
ActionActiono'') Contratto di comparto 9 gennaio 2020
ActionActionp'') Contratto collettivo 23 gennaio 2020, n. 23
ActionActionq'') Contratto di comparto 24 gennaio 2020
ActionActionr'') Contratto collettivo 7 maggio 2020
ActionActions'') Contratto di comparto 16 giugno 2020
ActionActiont'') Contratto collettivo 27 agosto 2020
ActionActionu'') Contratto collettivo intercompartimentale 28 agosto 2020
ActionActionPremessa
ActionActionAmbito di applicazione
ActionActionObiettivi
ActionActionRecupero delle somme da parte dell’Amministrazione provinciale e dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige
ActionActionRecupero delle somme da parte degli altri enti
ActionActionEfficacia del contratto collettivo
ActionActionv'') Contratto collettivo intercompartimentale 3 dicembre 2020
ActionActionw'') Contratto collettivo intercompartimentale 10 dicembre 2020
ActionActionF Dotazioni organiche e ruoli
ActionActionG Divise di servizio
ActionActionH Cessazione dal servizio e relative provvidenze
ActionActionI Trasferimento di personale di altri enti
ActionActionJ Giunta provinciale
ActionActionK Consiglio provinciale
ActionActionL Procedimento amministrativo
ActionActionM Referendum ed elezione del Consiglio provinciale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico