In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

h) Decreto del Presidente della Provincia 18 ottobre 2018, n. 281)
Standard minimi delle misure di sicurezza per la protezione degli impianti di approvvigionamento idropotabile pubblico

1)
Pubblicato nel B.U. 25 ottobre 2018, n. 43.

Art. 1  (Ambito di applicazione)

(1) Le presenti linee guida definiscono gli standard minimi di sicurezza degli acquedotti idropotabili pubblici di cui all’articolo 9 comma 1 lettera a) della legge provinciale del 18 giugno 2002, n. 8, in riferimento ad atti di manomissione intenzionale dell’approvvigionamento idropotabile.

Art. 2  (Prescrizioni per la sicurezza delle componenti d’impianto con superfici d’acqua a pelo libero)

(1) Tutte le componenti del sistema di approvvigionamento dell’acqua potabile e in particolare le componenti d‘impianto con superfici d’acqua a pelo libero, quali opere di presa, serbatoi, avampozzi e pozzetti di raccolta e di interruzione della pressione, vanno accuratamente protette mediante serramenti di classe di resistenza da media a elevata per impedire l’accesso ai non addetti.

(2) I gestori devono garantire che le chiavi di accesso agli impianti vengano custodite in modo sicuro e che agli impianti possa accedere esclusivamente il personale addetto. L’accesso alle chiavi e ogni loro utilizzo devono essere organizzati in modo tracciabile e annotati in un apposito registro.

(3) I dispositivi di aerazione di strutture con superfici d’acqua a pelo libero vanno realizzati e protetti in modo da non permettere compromissioni della qualità dell’acqua.

Art. 3  (Prescrizioni tecniche per accessi su parete verticale)

(1) I serramenti verticali, quali le porte, devono essere conformi ai seguenti standard minimi di sicurezza, a meno che non siano già certificati in classe di resistenza RC3 o più elevata secondo la norma EN 1627:

  1. serratura multipunto di classe 4 secondo la norma DIN 18251;
  2. guarnitura di sicurezza (defender) di classe ES 2 secondo la norma DIN 18257;
  3. cilindro di sicurezza di classe 1 BZ secondo la norma DIN 18252;
  4. cerniere di classe 10 secondo la norma EN 1935:2002 per porte di peso fino a 60 kg, o di corrispondente classe superiore. Le cerniere montate esternamente devono essere dotate di protezione antiscardinamento.

(2) I serramenti devono essere prodotti in acciaio resistente alla corrosione dello spessore minimo di 1,5 mm. La struttura dell’anta deve essere costituita da un telaio esterno avente le seguenti caratteristiche minime:

  1. profilo a sezione quadrata con barre trasversali 30/30 mm;
  2. spessore del pannello 2 mm;
  3. distanza fra le barre trasversali max. 600 mm.

(3) Per le nuove installazioni deve essere utilizzato acciaio inox, ad eccezione dei serramenti per i pozzetti di interruzione della pressione.

Art. 4  (Prescrizioni tecniche per accessi da apertura orizzontale)

(1) I serramenti orizzontali, quali quelli per le botole, devono rispettare i requisiti riportati all’articolo 3 comma 1. Le serrature multipunto devono essere adottate solamente nel caso in cui il lato di chiusura misuri più di 1,10 m di lunghezza.

(2) I serramenti orizzontali già esistenti possono essere dotati, in via eccezionale, di lucchetti conformi almeno alla classe di resistenza 4 secondo la norma UNI EN 12320.

Art. 5  (Misure di telecontrollo per acquedotti che servono oltre 2.000 abitanti)

(1) I punti di accesso alle componenti d’impianto di cui all’articolo 2 comma 1 relativi ad acquedotti idropotabili pubblici che approvvigionano più di 2.000 abitanti, vanno dotati di un adeguato sistema di allarme. I serbatoi di tali acquedotti vanno inoltre dotati di un sistema di videosorveglianza.

(2) I serbatoi che approvvigionano più di 5.000 abitanti vanno dotati di una saracinesca telecomandata per l’interruzione dell’alimentazione della rete in caso di ingressi non autorizzati.

Art. 6  (Altre disposizioni)

(1) I gestori degli acquedotti idropotabili pubblici devono disporre di personale raggiungibile telefonicamente 24 ore su 24, che conosca i dettagli tecnici dell’impianto e che, in caso di emergenza, possa dare informazioni e adottare le misure di sicurezza necessarie. Numero di telefono e nome del personale reperibile devono essere comunicati all’Ufficio provinciale per la gestione delle risorse idriche entro il 31.12.2018. Eventuali variazioni devono essere comunicate sollecitamente.

(2) In una situazione di emergenza che lo richieda i gestori devono essere in grado di applicare una clorazione continuativa dell’acqua entro 8 ore dall’allarme.

Art. 7  (Norma transitoria)

(1) Le presenti disposizioni devono essere implementate entro il 31.12.2020.

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionA Inquinamento del suolo e smaltimento dei rifiuti solidi
ActionActionB Tutela del paesaggio
ActionActionC Inquinamento prodotto da rumore
ActionActionD Inquinamento dell' aria
ActionActionE Tutela della flora e della fauna
ActionActionF Tutela delle acque e utilizzazione delle risorse idriche
ActionActiona) Legge provinciale 18 giugno 2002, n. 8
ActionActionb) Decreto del Presidente della Provincia 20 marzo 2006, n. 12 —
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 24 luglio 2006, n. 35
ActionActiond) Decreto del Presidente della Provincia 21 gennaio 2008, n. 6
ActionActione) Legge provinciale 13 febbraio 2013, n. 1
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 16 agosto 2017, n. 29
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 6 novembre 2017, n. 40
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 18 ottobre 2018, n. 28
ActionActionArt. 1  (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2  (Prescrizioni per la sicurezza delle componenti d’impianto con superfici d’acqua a pelo libero)
ActionActionArt. 3  (Prescrizioni tecniche per accessi su parete verticale)
ActionActionArt. 4  (Prescrizioni tecniche per accessi da apertura orizzontale)
ActionActionArt. 5  (Misure di telecontrollo per acquedotti che servono oltre 2.000 abitanti)
ActionActionArt. 6  (Altre disposizioni)
ActionActionArt. 7  (Norma transitoria)
ActionActionG Valutazione dell' impatto ambientale
ActionActionH Protezione degli animali
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico