In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

d) Legge provinciale 10 luglio 2018, n. 91)2)
Territorio e paesaggio

Visualizza documento intero
1)
Pubblicata nel supplemento n. 3 del B.U. 12 luglio 2018, n. 28.
2)
Per l'entrata in vigore vedi l'art. 107 commi 1 e 2 della presente legge.

Art. 27 (Zona produttiva)

(1) La zona produttiva è destinata all’insediamento di attività artigianali, industriali, di commercio all’ingrosso nonché alla trasformazione e conservazione di prodotti agricoli. Inoltre sono ammesse attività di servizi pubblici e attrezzature di interesse pubblico.

(2) Sono ammesse con limitazioni:

  1. attività di servizio e attività di somministrazione di pasti e bevande nei limiti di cui al comma 3;
  2. il commercio al dettaglio ai sensi dell’Art. 33, comma 3 e successivi;
  3. locali per l’alloggio temporaneo di personale nei limiti di cui al comma 3; resta salva la destinazione d’uso di cui all’articolo 23, comma 1, lettera f). La Giunta provinciale stabilisce i criteri e parametri per locali per l’alloggio temporaneo di personale.  41)

(3) Nella zona produttiva fino al 20 per cento della volumetria ammissibile può essere destinato, con piano di attuazione, alle attività di cui al comma 2, lettera a) o c). Nei Comuni con oltre 30.000 abitanti la relativa percentuale può ammontare fino al 30 per cento. Il piano di attuazione può prevedere una percentuale inferiore o una concentrazione della quota disponibile per la zona produttiva su singoli lotti. In casi motivati la quota può essere aumentata al massimo di un ulteriore 10 per cento. 42)

(4) Per le zone produttive devono essere predisposti piani di attuazione. Nelle aree nelle quali non sia ancora stato approvato il piano di attuazione sono ammissibili unicamente gli interventi di cui all’articolo 62, comma 1, lettere a), b), c) e d). Il piano di attuazione può limitare o escludere attività nella zona produttiva, qualora siano difficilmente compatibili con altre attività oppure pregiudichino lo sviluppo e l’attrattività della zona produttiva. La redazione di un piano di attuazione non è obbligatoria nel caso di ampliamento di zone produttive esistenti che non necessitano di ulteriori aree per opere di urbanizzazione e per le zone destinate all’insediamento di un’unica impresa o in cui siano state edificate più del 75 per cento delle aree. 43)

(5) Nella zona produttiva possono essere realizzati alloggi di servizio, qualora il piano di attuazione ne disciplini espressamente l’ammissibilità e il numero. La superficie abitabile può ammontare ad un massimo di 110 m² per azienda. Nelle zone produttive all’interno dell’area insediabile tale superfice è aumentata ad un massimo di 160 m², nel caso in cui venga realizzata un’ulteriore abitazione alle stesse condizioni di un alloggio di servizio. Con regolamento di esecuzione, d’intesa con il Consiglio dei Comuni, sono definiti l’utilizzo dell’alloggio di servizio, le attività per le quali non sono ammessi alloggi di servizio, nonché il rapporto minimo fra la superficie aziendale e la superficie abitabile. L’alloggio di servizio è parte inscindibile dell’immobile aziendale. L'alienazione, il trasferimento di tali alloggi di servizio, in modo separato, o la costituzione di diritti reali sugli stessi non sono ammissibili. Il rilascio del titolo abilitativo per la realizzazione dell’alloggio di servizio è condizionato alla presentazione di un atto unilaterale d’obbligo, mediante il quale il proprietario/la proprietaria autorizza il Comune ad annotare il vincolo di inscindibilità nel libro fondiario. L’annotazione viene fatta dal Comune a spese del proprietario/della proprietaria. 44)

(6) I Comuni, singoli o associati, sono competenti per le zone produttive. La Provincia, sentito il Comune interessato, può individuare e gestire direttamente, anche all’esterno dell’area insediabile – se necessario tramite variante al piano comunale – zone produttive e distretti innovativi e approvare i relativi piani attuativi. Nei distretti innovativi vengono svolte prevalentemente attività di ricerca e sviluppo senza le limitazioni relative alle destinazioni d’uso di cui ai commi 1 e 2.

(7) Più Comuni possono, di comune intesa, individuare zone produttive sovracomunali. La gestione di tali zone produttive viene regolata tramite convenzioni tra i Comuni coinvolti, che definiscono l’attribuzione delle competenze amministrative e la suddivisione degli oneri e degli introiti connessi alla pianificazione, alle infrastrutture e all’insediamento di imprese. La Giunta provinciale definisce, d’intesa con il Consiglio dei Comuni, incentivi per la gestione sovracomunale delle zone produttive.

41)
La lettera c) dell'art. 27, comma 2, è stata aggiunta dall'art. 9, comma 1, della L.P. 17 dicembre 2020, n. 15.
42)
L'art. 27, comma 3, è stato così modificato dall'art. 9, comma 2, della L.P. 17 dicembre 2020, n. 15.
43)
L'art. 27, comma 4, è stato così sostituito dall'art. 9, comma 1, della L.P. 20. dicembre 2019, n. 17.
44)
L'art. 27, comma 5, è stato così sostituito dall'art. 9, comma 2, della L.P. 20 dicembre 2019, n. 17.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionA
ActionActionB
ActionActionC
ActionActionD
ActionActionE
ActionActionF
ActionActionG
ActionActionH
ActionActionI
ActionActionJ
ActionActionK
ActionActionL
ActionActionb) Decreto del Presidente della Provincia 5 maggio 2015, n. 12
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 16 novembre 2015, n. 28
ActionActiond) Legge provinciale 10 luglio 2018, n. 9
ActionActionDISPOSIZIONI GENERALI
ActionActionPAESAGGIO
ActionActionURBANISTICA
ActionActionSOSTENIBILITÀ DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO
ActionActionUSO DEL TERRITORIO
ActionActionArt. 22 (Destinazioni urbanistiche delle zone e delle aree)
ActionActionArt. 23 (Destinazioni d’uso delle costruzioni)
ActionActionArt. 24 (Zona mista)
ActionActionArt. 25 (Comunione di terreni)
ActionActionArt. 26 (Centro storico)
ActionActionArt. 27 (Zona produttiva)
ActionActionArt. 28 (Acquisizione delle aree nelle zone produttive e insediamento delle imprese)  
ActionActionArt. 29 (Zona a destinazione particolare)
ActionActionArt. 30 (Zona di riqualificazione urbanistica)
ActionActionArt. 31  (Aree destinate alla viabilità e alla mobilità)
ActionActionArt. 32 (Zona per attrezzature pubbliche)
ActionActionArt. 33 (Commercio al dettaglio)  
ActionActionArt. 34 (Attività di esercizio pubblico)
ActionActionArt. 35 (Ampliamento degli esercizi pubblici)   
ActionActionArt. 36  (Trasformazione in volumetria abitativa all’interno dell’area insediabile)
ActionActionArt. 37 (Attività agricola)    
ActionActionABITAZIONI PER RESIDENTI
ActionActionSTRUMENTI DI PIANIFICAZIONE
ActionActionTITOLI ABILITATIVI
ActionActionVIGILANZA, RESPONSABILITÀ E SANZIONI
ActionActionRICORSI AMMINISTRATIVI
ActionActionNORME FINALI E TRANSITORIE
ActionActionAttività e interventi non soggetti ad autorizzazione paesaggistica  
ActionActionAttività e interventi soggetti ad autorizzazione paesaggistica della Provincia
ActionActionInterventi edilizi liberi
ActionActionInterventi soggetti a permesso di costruire
ActionActionInterventi soggetti a SCIA
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 22 novembre 2018, n. 30
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 22 novembre 2018, n. 31
ActionActiong) Legge provinciale 20 dicembre 2019, n. 17
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 19 dicembre 2019, n. 36
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 30 gennaio 2020, n. 8
ActionActionj) Decreto del Presidente della Provincia 7 maggio 2020, n. 17
ActionActionk) Decreto del Presidente della Provincia 26 giugno 2020, n. 24
ActionActionl) Legge provinciale 17 dicembre 2020, n. 15
ActionActionm) Decreto del Presidente della Provincia 8 marzo 2021, n. 7
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 15 marzo 2021, n. 8
ActionActiono) Decreto del Presidente della Provincia 27 agosto 2021, n. 27
ActionActionM
ActionActionN
ActionActionO
ActionActionP
ActionActionQ
ActionActionR
ActionActionS
ActionActionT
ActionActionU
ActionActionV
ActionActionW
ActionActionX
ActionActionY
ActionActionZ
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico