In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 10 aprile 2018, n. 307
Criteri per la fruizione dei servizi abitativi della Provincia nell'ambito del diritto allo studio universitario

Allegato

Criteri per la fruizione dei servizi abitativi della Provincia nell’ambito del diritto allo studio universitario

Art. 1
Ambito di applicazione

1. I presenti criteri disciplinano, ai sensi dell’articolo 11 della legge provinciale 30 novembre 2004, n. 9, e successive modifiche, la fruizione di servizi abitativi in forma di posti letto o unità abitative, di seguito denominati alloggi, presso collegi universitari, residence o analoghe strutture residenziali, di seguito denominati strutture, da parte di studenti e studentesse in provincia di Bolzano.

Art. 2
Aventi diritto

1. Sono riservati degli alloggi agli studenti e alle studentesse che:

a) frequentano regolarmente un corso di laurea triennale o quadriennale, un corso di laurea magistrale a ciclo unico o un corso di laurea magistrale presso istituzioni universitarie o scuole d’istruzione superiore, di seguito denominate università, in provincia di Bolzano. È escluso chi ha già concluso un corso di studio dello stesso livello o di livello superiore;

b) hanno conseguito, alla data della presentazione della richiesta di un alloggio o al più tardi entro il 5 luglio dell’anno di detta presentazione, almeno il 70 per cento del merito di studio minimo richiesto per l’assegnazione di una borsa di studio ordinaria;

c) non hanno superato di oltre un anno la durata normale del corso di studio;

d) non hanno compiuto il trentacinquesimo anno d’età e sono iscritti o iscritte ad un corso di laurea triennale;

e) non hanno compiuto il quarantesimo anno d’età e sono iscritti o iscritte ad un corso di laurea di durata almeno quadriennale o, dopo la laurea triennale o altro titolo equiparato, proseguono gli studi con un corso di laurea magistrale;

f) non sono decaduti o decadute dal beneficio dell’alloggio ai sensi dell’articolo 16.

2. In caso di gravi motivi personali o familiari tali da pregiudicare il diritto allo studio universitario si può prescindere, in via eccezionale, dalle condizioni di cui alle lettere b) e c) del comma 1, previa richiesta motivata scritta dello studente o della studentessa da presentarsi all’Ufficio provinciale per il diritto allo studio universitario, di seguito denominato Ufficio. Sulla richiesta si pronuncia il Direttore/la Direttrice dell’Ufficio entro 30 giorni dalla presentazione della stessa.

Art. 3
Presentazione della richiesta di riserva di un alloggio

1. La richiesta di riserva di un alloggio deve essere inviata all’Ufficio tramite formulario online, con contestuale caricamento di copia di un documento di identità dello studente o della studentessa richiedente. L’Ufficio inoltra la richiesta al gestore della struttura, di seguito denominato gestore. Prima della stipula del contratto d’uso di cui all’articolo 10 il gestore, previa identificazione dello studente o della studentessa, fa sottoscrivere allo stesso o alla stessa la richiesta con firma autografa. La richiesta con sottoscrizione autografa è inoltrata dal gestore all’Ufficio.

2. La Ripartizione provinciale Diritto allo studio, entro il 15 aprile di ogni anno, rende noti, sul proprio sito web, il termine iniziale e finale di presentazione delle richieste di riserva per l’anno accademico di riferimento. Sullo stesso sito possono essere rese note eventuali modalità alternative di presentazione per via elettronica delle richieste, nel rispetto delle disposizioni generali vigenti in materia.

3. Chi è iscritto a corsi di studio che si svolgono a Bolzano può presentare richiesta solo per le strutture di Bolzano.

4. Chi è iscritto a corsi di laurea che si svolgono a Bressanone può presentare richiesta solo per le strutture di Bressanone.

Art. 4
Riserve facoltative

1. Possono essere riservati degli alloggi alle seguenti categorie:

a) studenti e studentesse che frequentano l’università in provincia di Bolzano e risiedono fuori provincia: fino al 50 per cento dei posti disponibili;

b) studenti e studentesse che frequentano l’università in provincia di Bolzano nell’ambito di un programma di scambio o di un master internazionale: fino al 20 per cento dei posti disponibili.

Art. 5
Assegnazione

1. Gli alloggi a disposizione sono assegnati dall’Ufficio secondo l’ordine cronologico di presentazione delle richieste di riserva. A tal fine fanno fede la data e l’ora di ricezione delle richieste da parte del sistema informatico della Provincia.

2. Hanno la precedenza nell’assegnazione gli studenti e le studentesse che frequenteranno il primo anno di studi in Provincia nell’anno accademico per il quale presentano richiesta, purché entro il 5 luglio del relativo anno:

a) abbiano presentato richiesta di riserva di un alloggio;

b) siano stati ammessi e risultino regolarmente iscritti ad una università o abbiano confermato il posto di studio con il pagamento della prima rata delle tasse universitarie.

3. Agli studenti e alle studentesse della Scuola Provinciale Superiore di Sanità Claudiana possono essere assegnati alloggi, ai sensi dei presenti criteri, solo se i posti nello studentato della Scuola sono esauriti.

4. Eventuali posti rimasti disponibili dopo l’assegnazione a tutti gli aventi diritto possono essere assegnati, previa richiesta all’Ufficio, anche a tirocinanti o a studenti e studentesse frequentanti un percorso formativo post-laurea, a ricercatori e ricercatrici e al personale docente universitario. I dottorandi e le dottorande hanno la precedenza sulle altre categorie indicate.

Art. 6
Corsi estivi

1. Studenti e studentesse o aspiranti tali che partecipano a un corso organizzato da un’università nei mesi di agosto e settembre possono usufruire, previa richiesta, degli alloggi liberi nei limiti del totale dei posti disponibili, compatibilmente con le esigenze della struttura.

Art. 7
Riammissione

1. Gli studenti e le studentesse che alloggiano in una struttura da almeno quattro mesi possono presentare all’Ufficio una richiesta di riammissione entro il termine previsto.

2. Alle richieste di riammissione è accordata la precedenza nell’assegnazione dei posti disponibili.

3. Chi ha già presentato una volta richiesta di riammissione, e pertanto ha alloggiato in una struttura per due anni accademici consecutivi, non può presentare una nuova richiesta di riammissione, ma può presentare nuovamente richiesta di riserva di un alloggio ai sensi dell’articolo 3. In tal caso l’assegnazione avrà luogo secondo i criteri di cui all’articolo 5.

4. Non possono presentare richiesta di riammissione le categorie di cui al all’articolo 5, comma 4.

Art. 8
Periodi di studio all’estero

1. Gli studenti e le studentesse che, nell’ambito di un programma di scambio o di un master internazionale, assolvono una parte del loro corso di studi all’estero possono comunque presentare richiesta di riserva di un alloggio o richiesta di riammissione. In tale caso, tuttavia, al loro rientro non potrà essere garantita l’effettiva assegnazione di un alloggio.

Art. 9
Esclusione facoltativa

1. Il gestore della struttura può, in accordo con l’Ufficio, rifiutare l’ammissione o la riammissione di singoli studenti o studentesse nei seguenti casi:

a) condotte penalmente rilevanti in danno del gestore stesso o di altri utenti della struttura;

b) violazioni gravi del contratto d’uso, del regolamento interno della struttura o dei presenti criteri;

c) pericoli causati alla struttura o ad altri utenti della struttura;

d) altri gravi casi analoghi.

Art. 10
Contratto d’uso

1. Lo studente o la studentessa stipula col gestore un contratto d’uso, che disciplina i diritti e gli obblighi relativi all’utilizzo dell’alloggio.

2. La mancata sottoscrizione del contratto d’uso entro il termine stabilito equivale a rinuncia all’alloggio.

3. Il contratto d’uso ha di regola una durata di dieci mesi, con inizio nel periodo compreso tra il 1° settembre e il 1° ottobre e termine nel periodo tra il 30 giugno e il 31 luglio di ogni anno. Sono escluse da tale disposizione le categorie di cui all’articolo 5, comma 4.

4. L’Ufficio può stabilire annualmente, a seconda delle esigenze del calendario accademico, una durata contrattuale più breve. In tal caso viene applicato un canone mensile più elevato.

5. In caso di eventuale chiusura temporanea della struttura per cause di forza maggiore, lo studente o la studentessa non ha diritto al risarcimento del danno nei confronti della Provincia, né matura diritti al rimborso delle spese sostenute per sistemazioni alternative.

Art. 11
Consegna

1. Al momento della consegna dell’alloggio lo studente o la studentessa riceve una copia dei presenti criteri, da sottoscrivere per presa visione, e un verbale relativo allo stato dell’alloggio.

2. Il verbale va compilato, sottoscritto e riconsegnato entro sette giorni al gestore, a conferma che l’alloggio è stato consegnato in buono stato.

3. Eventuali danni o difetti dell’alloggio vanno comunicati entro sette giorni dalla consegna tramite il verbale di cui al comma 2 o comunque per iscritto.

Art. 12
Deposito cauzionale

1. Lo studente o la studentessa, nel momento della consegna dell’alloggio, deve dimostrare di aver versato un deposito cauzionale infruttifero pari a due mensilità a favore del gestore.

2. Il diritto all’alloggio si perfeziona solo dopo il pagamento del deposito cauzionale previsto.

3. Il deposito cauzionale è restituito al termine del contratto o negli altri casi espressamente previsti dai presenti criteri dopo l’effettivo rilascio dell’alloggio e previa verifica delle condizioni dello stesso, nonché dell’avvenuto pagamento del canone di cui all’articolo 14.

4. Il deposito cauzionale è restituito altresì nel caso in cui lo studente o la studentessa non prenda possesso dell’alloggio per mancata ammissione al corso di laurea.

5. Dal deposito cauzionale possono essere trattenuti gli eventuali crediti vantati a vario titolo nei confronti dello studente o della studentessa.

Art. 13
Danni

1. Eventuali danni devono essere comunicati per iscritto al gestore entro dieci giorni.

2. In caso di danni imputabili allo studente o alla studentessa, il deposito cauzionale è restituito decurtato di un importo pari al danno.

3. In caso di danneggiamento di stanze doppie, se non è possibile identificare l’autore effettivo del danno, dello stesso rispondono in parti uguali entrambe le persone assegnatarie.

4. In caso di danni arrecati alle parti comuni o ai beni di uso comune, se non è possibile identificare l’autore effettivo del danno, dello stesso rispondono in parti uguali le persone assegnatarie dell’alloggio o tutte le persone che utilizzano il piano interessato o l’intera struttura.

5. Rimane fermo in ogni caso il diritto al risarcimento dei danni il cui valore sia superiore all’importo del deposito cauzionale versato.

6. I costi relativi a interventi supplementari, quali riparazioni o pulizie straordinarie dovute al degrado dell’alloggio, possono essere addebitati alla persona responsabile con obbligo di pagamento immediato.

Art. 14
Canone d’uso

1. Il canone d’uso mensile è corrisposto direttamente al gestore. Le modalità e il termine di pagamento sono determinati nel contratto d’uso di cui all’articolo 10.

2. Il canone mensile ammonta, per un utilizzo di dieci mesi, a 300,00 euro per le stanze singole e a 230,00 euro a letto in stanze doppie.

3. Per contratti di durata inferiore il canone è incrementato del 20 per cento.

4. L’ammontare del canone può essere rideterminato annualmente dalla Giunta provinciale.

5. Su richiesta scritta dello studente o della studentessa al gestore o all’Ufficio e nei limiti della disponibilità, in caso di proroga dell’assegnazione fino ai mesi di luglio, agosto e settembre si applica il canone mensile di cui al comma 2. Se il contratto d’uso inizia dopo il quindicesimo giorno del mese o termina prima del quindicesimo giorno del mese, l’ammontare del primo o dell’ultimo canone è ridotto del 50 per cento.

Art. 15
Recesso

1. Lo studente o la studentessa deve dare preventiva comunicazione scritta all’Ufficio delle seguenti circostanze:

a) data prevista di conseguimento del grado accademico;

b) previsto trasferimento ad altra sede universitaria;

c) prevista interruzione degli studi;

d) prevista rinuncia all’alloggio per gravi motivi personali, da comprovare per iscritto.

2. All’effettivo verificarsi di una delle circostanze di cui al comma 1, lo studente o la studentessa può recedere dal contratto d’uso. A tal fine deve dare comunicazione scritta all’Ufficio, tempestivamente e comunque entro i successivi tre giorni, del verificarsi della circostanza stessa.

3. In caso di effettivo conseguimento del grado accademico entro il 31 dicembre dell’anno della richiesta di alloggio è comunque dovuto il pagamento dei primi tre canoni mensili, con decorrenza, a seconda della data di inizio del contratto d’uso, dal mese di settembre o da quello di ottobre.

4. Se si verifica una delle circostanze di cui al comma 1, lettere b), c) o d), lo studente o la studentessa perde il diritto all’alloggio e deve corrispondere per intero il canone del mese in cui è effettuata la comunicazione di recesso.

5. Nei casi di recesso di cui al presente articolo il deposito cauzionale è restituito ai sensi dell’articolo 12, comma 3.

6. In caso di mancato rispetto delle condizioni del presente articolo o di recesso comunque effettuato in violazione dello stesso, il deposito cauzionale è trattenuto a titolo di penale.

Art. 16
Decadenza

1. Decade dal beneficio dell’alloggio ai sensi degli articoli 17 e 18, previa contestazione scritta, lo studente o la studentessa che:

a) viola i presenti criteri o il regolamento interno della struttura;

b) incorre in morosità nel pagamento dei canoni mensili;

c) fornisce dichiarazioni non veritiere all’Ufficio o al gestore;

d) danneggia dolosamente la struttura o beni di proprietà provinciale;

e) non occupa stabilmente l’alloggio senza aver fornito un’adeguata motivazione al gestore.

2. La decadenza è comunicata dall’Ufficio a mezzo raccomandata A/R o PEC e comporta l’obbligo di rilasciare l’alloggio entro il termine indicato nella comunicazione.

Art. 17
Morosità

1. In caso di mancato pagamento del canone d’uso entro il termine previsto dal contratto, il gestore o l’Ufficio effettua una contestazione scritta allo studente o alla studentessa, che può presentare le proprie osservazioni scritte entro dieci giorni dal ricevimento della contestazione stessa.

2. Se la morosità si protrae per sessanta giorni dalla scadenza del termine per il pagamento, lo studente o la studentessa decade dal beneficio dell’alloggio a decorrere dal sessantunesimo giorno.

3. In caso di decadenza devono essere comunque corrisposti gli importi corrispondenti ai canoni non pagati e la cauzione è trattenuta a titolo di penale.

4. Dal giorno della scadenza del termine per il pagamento sono dovuti, in ogni caso, gli interessi legali.

Art. 18
Altre violazioni

1. Nei casi di cui all’articolo 16, comma 1, lettere a), c), d) ed e), il gestore o l’Ufficio effettua una contestazione scritta allo studente o alla studentessa, che può, entro dieci giorni dal ricevimento:

a) presentare le proprie giustificazioni scritte;

b) regolarizzare, se possibile, la propria posizione.

2. Se le giustificazioni non sono accolte o la posizione non viene regolarizzata entro il termine di cui al comma 1, lo studente o la studentessa decade dal beneficio dell’alloggio.

3. In caso di decadenza lo studente o la studentessa deve pagare il canone d’uso relativo al mese in corso e la cauzione è trattenuta a titolo di penale.

Art. 19
Sopralluoghi

1. Il gestore e il personale dell’Ufficio possono effettuare in qualsiasi momento, previo avviso verbale o scritto allo studente o alla studentessa, sopralluoghi per verifiche e controlli presso le stanze della struttura.

2. Se necessario per la realizzazione di opere di manutenzione, anche terzi possono accedere alle stanze, previo avviso verbale o scritto allo studente o alla studentessa. A tal fine è sufficiente un avviso apposto sulla porta della stanza.

Art. 20
Efficacia

1. I presenti criteri trovano applicazione per le richieste presentate per l’anno accademico 2018/2019 e seguenti.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction Delibera 9 gennaio 2018, n. 1
ActionAction Delibera 16 gennaio 2018, n. 23
ActionAction Delibera 23 gennaio 2018, n. 57
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 71
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 79
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 89
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 93
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 94
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 100
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 114
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 121
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 122
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 125
ActionAction Delibera 16 febbraio 2018, n. 143
ActionAction Delibera 27 febbraio 2018, n. 169
ActionAction Delibera 6 marzo 2018, n. 186
ActionAction Delibera 13 marzo 2018, n. 223
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 240
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 256
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 257
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 278
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 282
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 286
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 306
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 307
ActionActionAllegato
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 320
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 321
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 331
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 332
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 350
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 357
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 375
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 384
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 397
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 415
ActionAction Delibera 15 maggio 2018, n. 431
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 477
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 497
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 499
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 505
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 506
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 508
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 529
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 531
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 552
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 555
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 556
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 562
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 564
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 566
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 579
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 596
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 601
ActionAction Delibera 26 giugno 2018, n. 630
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 642
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 656
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 657
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 658
ActionAction Delibera 10 luglio 2018, n. 673
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 694
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 703
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 704
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 731
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 733
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 757
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 772
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 778
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 780
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 796
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 798
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 813
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 833
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 839
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 840
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 849
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 853
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 874
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 876
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 883
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 902
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 905
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 911
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 922
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 939
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 942
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 949
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 955
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 957
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 961
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 964
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 965
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 968
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 978
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 998
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 1005
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1015
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1027
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1031
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1051
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1076
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1077
ActionAction Delibera 23 ottobre 2018, n. 1086
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1098
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1099
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1102
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1104
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1108
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1109
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1120
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1121
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1122
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1150
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1156
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1158
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1161
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1165
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1168
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1170
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1198
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1199
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1202
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1206
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1209
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1210
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1211
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1220
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1235
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1249
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1269
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1284
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1286
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1324
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1339
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1346
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1347
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1285
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1350
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1363
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1380
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1381
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1382
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1384
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1385
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1386
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1387
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1400
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1401
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1404
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1405
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1415
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1418
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1419
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1432
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1434
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1435
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1446
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1449
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1466
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1470
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1472
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico