In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 6 febbraio 2018, n. 93
Approvazione dei criteri per la concessione di vantaggi economici a sostegno di iniziative delle federazioni per la promozione dell'attività di volontariato

Allegato A

Criteri per la concessione di contributi per la promozione dell’attività di volontariato

Art. 1
Ambito di applicazione

1. I presenti criteri disciplinano la concessione di contributi per iniziative delle federazioni di organizzazioni di volontariato che hanno lo scopo di promuovere l’attività di volontariato, sono rivolte e vanno a beneficio di una pluralità di enti del terzo settore, in attuazione dell’articolo 10/bis della legge provinciale 1° luglio 1993, n. 11, e successive modifiche.

2. Qualora siano rilevanti ai fini dell’applicazione della normativa sugli aiuti di Stato, le agevolazioni sono concesse ai sensi del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis».

3. Qualora si riferiscano a servizi di interesse economico generale, le agevolazioni sono concesse ai sensi del regolamento (UE) n. 360/2012 della Commissione, del 25 aprile 2012, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti di importanza minore («de minimis») concessi ad imprese che forniscono servizi di interesse economico generale.

Art. 2
Beneficiari

1. Possono beneficiare delle agevolazioni le federazioni senza scopo di lucro che costituiscono in modo esclusivo o prevalente raggruppamenti di organizzazioni iscritte al registro di cui all’articolo 5 della legge provinciale 1° luglio 1993, n. 11, e successive modifiche.

2. Possono, inoltre, beneficiare delle agevolazioni le federazioni, anche di natura temporanea, di enti del terzo settore, qualora comprendano almeno 30 organizzazioni, tra cui anche organizzazioni di volontariato iscritte al registro di cui all’articolo 5 della legge provinciale 1° luglio 1993, n. 11, e successive modifiche.

3. Possono essere concesse agevolazioni solo per iniziative/attività realizzate in provincia di Bolzano.

Art. 3
Iniziative agevolabili

1. Sono agevolabili le iniziative riguardanti almeno uno dei seguenti settori:

a) assistenza sociale e sanitaria;

b) attività culturali, educative e di formazione;

c) attività sportive, ricreative e del tempo libero;

d) protezione civile, tutela dell’ambiente e del paesaggio;

e) rafforzamento del terzo settore e dell’attività di volontariato.

2. Le iniziative sono rivolte a una pluralità di enti del terzo settore; le attività previste vanno a beneficio degli enti e sono finalizzate a rafforzare l’attività di volontariato.

3. Le attività previste hanno ad oggetto servizi di informazione, di consulenza e di formazione a favore degli enti del terzo settore oppure servono alla certificazione e a migliorare la qualità dell’attività di volontariato.

4. Le attività previste hanno carattere sovracomunale, sono svolte a livello comprensoriale o provinciale oppure si rivolgono all’intero territorio provinciale.

5. Le attività previste sono sussidiarie a quelle della pubblica amministrazione.

6. Le iniziative hanno una durata minima di tre mesi e devono concludersi preferibilmente entro l’anno corrente, salva la possibilità di proroga, da richiedere entro il 30 novembre dell’anno in corso.

7. Il soggetto proponente è in possesso delle necessarie conoscenze tecniche e dispone di un’adeguata capacità organizzativa nonché di risorse umane sufficienti.

8. Le agevolazioni di cui ai presenti criteri non sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche previste per le stesse iniziative.

9. Non vengono agevolate attività che hanno finalità religiose.

Art. 4
Criteri di priorità

1. Vengono agevolate in via prioritaria le iniziative che:

a) si rivolgono a un numero maggiore di organizzazioni o enti o delle quali beneficia un numero maggiore di organizzazioni o enti;

b) hanno carattere innovativo;

c) promuovono l’attività di volontariato delle organizzazioni di volontariato affiliate in modo duraturo e sono idonee a far evolvere l’attività dell’associazione;

d) prevedono un elevato contributo proprio del proponente.

Art. 5
Contributo proprio

1. Nel corso della realizzazione delle iniziative, le organizzazioni di volontariato devono mettere a disposizione risorse proprie nella misura di almeno il 20 per cento delle spese ammesse. Almeno il 10 per cento delle risorse proprie deve consistere in risorse finanziarie. La parte restante può anche consistere in attività di volontariato riconosciuta con un importo orario convenzionale di euro 20,00.

2. Qualora il contributo concesso sia inferiore a quello richiesto nella domanda, il contributo proprio va ricalcolato nella misura sopra indicata in proporzione al contributo concesso.

Art. 6
Spese non ammissibili

1. Non sono ammissibili le seguenti spese:

a) spese di vitto, alloggio e viaggio, salvo si tratti di spese relative a relatori esterni per la realizzazione di convegni o simili o di spese per l’accompagnamento di persone disabili, bisognose di cure e di giovani,

b) spese telefoniche,

c) costruzione o ristrutturazione di edifici ed infrastrutture,

d) interessi passivi,

e) spese per contenziosi legali,

f) imposte e tasse detraibili.

Art. 7
Misura dell’agevolazione

1. L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo.

2. L’agevolazione è concessa nella misura massima dell’80 per cento delle spese ammesse.

Art. 8
Presentazione delle domande

1. Le domande di agevolazione devono essere presentate prima della realizzazione delle iniziative, entro il 10 aprile di ogni anno, all’Ufficio provinciale Affari di gabinetto, Piazza Silvius Magnago 1, 39100 Bolzano. Le domande presentate dopo tale termine non possono essere prese in considerazione.

2. Le domande devono essere compilate sul modulo predisposto dall’Ufficio (http://volontariato.provincia.bz.it/it/) o secondo il relativo modello ed essere sottoscritte dal/dalla legale rappresentante dell’organizzazione.

3. Le domande vanno presentate con le seguenti modalità:

a) consegnate direttamente all’Ufficio;

b) spedite per posta; in tal caso fa fede la data del timbro postale;

c) inviate tramite posta elettronica certificata all’indirizzo PEC kabinett.gabinetto@pec.prov.bz.it e sottoscritte con firma elettronica qualificata.

4. Le domande devono essere corredate dei seguenti allegati:

a) programma dettagliato dell’iniziativa oggetto della domanda, con l’indicazione degli obiettivi previsti, dei destinatari, della qualifica degli eventuali autori, esperti o relatori, del periodo e del luogo di svolgimento dell’iniziativa;

b) preventivo dettagliato di spesa e piano di finanziamento relativi all’attività;

c) dichiarazione, a cura del/della legale rappresentante dell’organizzazione richiedente, che:

1) attesti la sussistenza dei presupposti e dei requisiti prescritti e la consapevolezza delle sanzioni previste in caso di dichiarazioni non veritiere;

2) indichi gli uffici o enti presso i quali sono state o saranno presentate altre istanze di agevolazione economica per le medesime iniziative e i relativi importi;

3) specifichi in che modo e in che misura il contributo proprio viene prestato in forma di attività di volontariato;

d) riporti il cronoprogramma delle attività.

Art. 9
Istruttoria delle domande

1. Le domande sono evase secondo l’ordine cronologico di entrata.

2. L’ufficio competente può richiedere qualsiasi ulteriore documentazione ritenuta necessaria e l’integrazione ovvero la rettifica della domanda o della documentazione allegata. Entro 30 giorni dalla data di ricevimento della relativa richiesta, i richiedenti devono regolarizzare la domanda. Decorso inutilmente detto termine, la richiesta di contributo è archiviata.

3. Le iniziative sono valutate in base ai seguenti criteri:

a) se gli obiettivi di progetto sono rilevanti e si orientano ai fabbisogni concreti dei beneficiari;

b) se i destinatari sono chiaramente definiti;

c) se l’attività è idonea a realizzare effettivamente le finalità previste dall’iniziativa;

d) se le spese preventivate sono proporzionate ai risultati previsti, ossia se vi è un adeguato rapporto costi/benefici;

e) se l’iniziativa verrà realizzata con il coinvolgimento di volontari delle organizzazioni affiliate;

f) se l’iniziativa corrisponde a uno o più dei criteri di priorità di cui all’articolo 4.

4. Nel corso dell’attività di valutazione, l’ufficio competente può richiedere, senza oneri per il bilancio provinciale, un parere ad altri organi dell’Amministrazione provinciale dotati di una particolare qualificazione tecnica o ad altri enti pubblici dotati di pari qualificazione.

5. Dopo l’approvazione della domanda, la Direttrice/il Direttore d’ufficio competente determina l’ammontare del contributo.

6. Le organizzazioni possono utilizzare il contributo concesso esclusivamente per la realizzazione dell’iniziativa per la quale è stato richiesto e concesso. Su richiesta motivata, la Direttrice/il Direttore d’ufficio competente può autorizzare una variazione della destinazione dell’agevolazione, a condizione che la relativa richiesta sia stata presentata prima dell’effettuazione della variazione.

Art. 10
Anticipo

1. Su richiesta, può essere concesso un anticipo del 70 per cento del contributo, dopo che l’organizzazione ha comunicato per iscritto l’avvio dell’iniziativa o dell’attività.

Art. 11
Rendicontazione e liquidazione

1. Il rendiconto deve essere presentato entro sei mesi dalla conclusione dell’iniziativa e in ogni caso entro la fine dell’anno successivo a quello del provvedimento di concessione o di imputazione della spesa, se diverso.

2. Trascorsi i termini di cui ai commi 1 e 2 senza che abbia avuto luogo la rendicontazione della spesa per causa riconducibile all’organizzazione beneficiaria, viene disposta la revoca dell’agevolazione. Per gravi e motivate ragioni, la Direttrice/il Direttore dell’Ufficio Affari di gabinetto può concedere una proroga fino a un ulteriore anno, trascorso inutilmente il quale il vantaggio economico è automaticamente revocato.

3. Ai fini della rendicontazione va presentata la seguente documentazione:

a) la documentazione di spesa, ossia:

1) un elenco dei documenti di spesa ai sensi dell’articolo 2, comma 2/ter, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche, per un importo complessivo pari a quello della spesa ammessa; l’elenco può essere redatto sull’apposito modulo predisposto dall’ufficio competente;

2) in alternativa, i singoli documenti di spesa (come fatture, scontrini, note di onorario, ecc.), per un importo complessivo pari a quello della spesa ammessa, debitamente quietanzati e controfirmati dal/dalla legale rappresentante dell’organizzazione richiedente;

3) documenti di spesa per un importo complessivo pari a quello del contributo concesso; in tal caso va presentata anche una dichiarazione con la quale il/la legale rappresentante dell’organizzazione richiedente attesta che la spesa ammessa per l’esecuzione delle iniziative agevolate è stata interamente sostenuta e di essere in possesso dei relativi documenti di spesa;

b) una dichiarazione, a cura del/della legale rappresentante dell’organizzazione beneficiaria, che:

1) attesti la persistenza dei presupposti e dei requisiti prescritti dalla legge e la consapevolezza delle sanzioni previste in caso di dichiarazioni non veritiere;

2) indichi gli uffici o enti presso i quali sono state presentate altre domande di agevolazione o si sono ottenuti vantaggi economici per le medesime iniziative, con indicazione dei relativi importi;

3) specifichi che l’iniziativa agevolata è stata svolta parzialmente o per intero, e in che modo e in che misura il contributo proprio è stato prestato in forma di attività di volontariato;

4) indichi l'ammontare della spesa complessivamente sostenuta per la realizzazione dell’iniziativa ammessa a contributo;

c) una relazione finale.

4. La liquidazione del contributo avviene su apposita domanda, dopo la presentazione di tutta la documentazione amministrativa e contabile necessaria alla rendicontazione.

Art. 12
Restituzione dell’anticipo

1. Se è stato erogato un anticipo e l’iniziativa o l’attività non viene portata a termine o non viene realizzata integralmente oppure il contributo non è stato utilizzato come previsto, l’anticipo deve essere restituito, maggiorato degli interessi legali decorrenti dalla data di erogazione dell’anticipo.

Art. 13
Riduzione dell’agevolazione

1. Nel caso in cui le iniziative ammesse a contributo siano state eseguite solo in parte o qualora sia stata sostenuta una spesa inferiore a quella ammessa, l’importo dell’agevolazione viene ridotto in proporzione.

Art. 14
Obblighi nell’attività di comunicazione

1. Le associazioni beneficiarie, nell'ambito della propria attività di comunicazione, devono segnalare adeguatamente che le iniziative sono realizzate con il sostegno economico della Provincia autonoma di Bolzano, Ripartizione Presidenza e Relazioni estere, Ufficio Affari di gabinetto; ciò vale in particolare per il materiale stampato e pubblicitario, produzioni mediatiche e simili. Esse devono utilizzare il logo della Provincia, che viene messo a disposizione, su richiesta, per l’utilizzo specifico dall’Ufficio Affari di gabinetto.

Art. 15
Controlli

1. Ai sensi dell’articolo 2, comma 3, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche, l’Ufficio Affari di gabinetto effettua controlli a campione su almeno il sei per cento delle domande ammesse.

2. Una volta all’anno viene stabilito, mediante tecniche di campionamento casuale, quali iniziative sottoporre a controllo tra quelle concluse. Di tali operazioni e del relativo esito è redatto apposito verbale. Inoltre possono essere sottoposti al controllo anche casi dubbi.

3. Il controllo verte su:

a) la concordanza tra la rendicontazione presentata e la realizzazione dell’iniziativa e le rispettive indicazioni nel bilancio dell’organizzazione;

b) la conformità dell’attività svolta alle finalità previste dal progetto;

c) la veridicità delle dichiarazioni rese dall’organizzazione beneficiaria.

Art. 16
Rinvio

1. Per quanto non espressamente disciplinato dai presenti criteri, si rimanda alle disposizioni della legge provinciale 1° luglio 1993, n. 11, e successive modifiche, e della legge provinciale 22 ottobre 1993. n. 17, e successive modifiche.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction Delibera 9 gennaio 2018, n. 1
ActionAction Delibera 16 gennaio 2018, n. 23
ActionAction Delibera 23 gennaio 2018, n. 57
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 71
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 79
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 89
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 93
ActionActionAllegato A
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 94
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 100
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 114
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 121
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 122
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 125
ActionAction Delibera 16 febbraio 2018, n. 143
ActionAction Delibera 27 febbraio 2018, n. 169
ActionAction Delibera 6 marzo 2018, n. 186
ActionAction Delibera 13 marzo 2018, n. 223
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 240
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 256
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 257
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 278
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 282
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 286
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 306
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 307
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 320
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 321
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 331
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 332
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 350
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 357
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 375
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 384
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 397
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 415
ActionAction Delibera 15 maggio 2018, n. 431
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 477
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 497
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 499
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 505
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 506
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 508
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 529
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 531
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 552
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 555
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 556
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 562
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 564
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 566
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 579
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 601
ActionAction Delibera 26 giugno 2018, n. 630
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 642
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 656
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 657
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 658
ActionAction Delibera 10 luglio 2018, n. 673
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 694
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 703
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 704
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 731
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 733
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 757
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 772
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 778
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 796
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 798
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 813
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 833
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 839
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 840
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 849
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 853
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 874
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 876
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 883
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 902
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 905
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 911
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 922
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 939
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 942
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 949
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 955
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 957
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 961
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 964
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 965
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 968
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 978
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 998
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 1005
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1015
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1027
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1031
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1051
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1077
ActionAction Delibera 23 ottobre 2018, n. 1086
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1098
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1099
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1102
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1104
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1108
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1109
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1120
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1121
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1122
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1150
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1156
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1158
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1161
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1165
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1168
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1170
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1199
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1202
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1206
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1209
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1210
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1211
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1220
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1235
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1249
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1269
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1284
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1286
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1324
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1339
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1346
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1347
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1350
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1363
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1380
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1381
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1285
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1382
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1384
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1385
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1386
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1387
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1400
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1401
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1404
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1405
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1415
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1418
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1419
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1432
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1434
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1435
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1446
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1449
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1466
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1470
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1472
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico