In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

f) Decreto del Presidente della Provincia 7 giugno 2017, n. 201)
Modifiche del regolamento di esecuzione relativo all'ordinamento del commercio

Visualizza documento intero
1)
Pubblicato nel B.U.13 giugno 2017, n. 24.

Art. 4

(1) L’articolo 23 del decreto del Presidente della Giunta provinciale 30 ottobre 2000, n. 39, e successive modifiche, è così sostituito:

“Art. 23 (Collaudo degli impianti)

1. Gli impianti per la distribuzione di carburanti stradali e autostradali di nuova costituzione non possono essere posti in esercizio prima che ne sia stata verificata la conformità ai sensi dei commi 2, 3 e 4 del presente articolo.

2. L’accertamento di conformità dell’impianto ai sensi dell’articolo 16, comma 2, della legge è svolto da un ingegnere o altro tecnico competente, iscritto al relativo albo professionale, incaricato dal titolare dell’autorizzazione dell’impianto, mediante collaudo di prevenzione incendi che attesti la conformità dell’impianto al progetto autorizzato.

3. Il titolare dell’autorizzazione dell’impianto trasmette il verbale di collaudo di prevenzione incendi all’amministrazione competente che, entro 5 giorni dalla ricezione, provvede a trasmetterlo alle seguenti strutture organizzative, competenti ad effettuare i controlli circa l’effettiva rispondenza di quanto attestato nel collaudo antincendio:

  1. Ufficio delle Dogane di Bolzano;
  2. Ufficio Servizio strade competente (statale, provinciale o comunale);
  3. Ufficio Prevenzione incendi dell’Agenzia per la Protezione civile;
  4. Ripartizione provinciale Economia.

4. I controlli di cui al comma 3 devono essere effettuati entro i successivi 60 giorni. Gli uffici di cui alle lettere a), b) e c) del comma 3 trasmettono l’esito del rispettivo controllo alla Ripartizione provinciale Economia, che provvede all’adozione del relativo provvedimento.

5. Nel caso di impianti di distribuzione di carburante stradali e autostradali oggetto di rinnovo, la verifica periodica – da effettuarsi entro e non oltre 15 anni dalla precedente – volta ad accertare la conformità dell’impianto ai sensi dell’articolo 16, comma 2, della legge è svolta da un ingegnere o altro tecnico di cui al comma 2 del presente articolo, incaricato dal titolare dell’autorizzazione, mediante perizia giurata che attesti la conformità dell’impianto al progetto autorizzato e alle successive modifiche di impianto.

6. Il titolare dell’autorizzazione trasmette all’amministrazione competente la perizia giurata di cui al comma 5 almeno 9 mesi prima della scadenza del termine di 15 anni di cui allo stesso comma.

7. Nel caso di impianti di distribuzione di carburante ad uso privato interno, la verifica periodica – da effettuarsi entro e non oltre 15 anni dalla precedente – volta ad accertare la conformità dell’impianto ai sensi dell’articolo 16, comma 2, della legge, è svolta da un ingegnere o altro tecnico di cui al comma 2 del presente articolo, incaricato dal titolare dell’autorizzazione.

8. Ai titolari degli impianti di distribuzione di carburante stradali e autostradali oggetto di rinnovo che abbiano già presentato domanda e per i quali, alla data di entrata in vigore delle presenti modifiche, non si sia potuto procedere ad effettuare la verifica periodica ai sensi del previgente articolo 23, è consentita la prosecuzione dell’attività per ulteriori 12 mesi a partire dall’entrata in vigore delle modifiche stesse. Entro tale termine i titolari degli impianti dovranno provvedere all’accertamento di conformità di cui al comma 5 del presente articolo e trasmettere la perizia giurata all’amministrazione competente, pena la revoca dell’autorizzazione ai sensi dell’articolo 22.”

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionA Disciplina del commercio
ActionActiona) Legge provinciale 17 febbraio 2000, n. 7
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 30 ottobre 2000, n. 39
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 10 gennaio 2012, n. 2
ActionActiond) Legge provinciale 16 marzo 2012, n. 7
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 24 settembre 2012, n. 32
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 7 giugno 2017, n. 20
ActionActionArt. 1
ActionActionArt. 2
ActionActionArt. 3
ActionActionArt. 4
ActionActionArt. 5 (Abrogazioni)
ActionActionArt. 6 (Entrata in vigore)
ActionActiong) Legge provinciale 2 dicembre 2019, n. 12
ActionActionB Provvidenze per il commercio ed i servizi
ActionActionC C -Provvidenze per i prodotti locali di qualità
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico