In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

c) Decreto del Presidente della Provincia 13 aprile 2017, n. 151)
Determinazione dei parametri per la definizione delle piante organiche dei comuni

1)
Pubblicato nel B.U. 26 aprile 2017, n. 17.

Art. 1 (Ambito di applicazione)

(1) Il presente regolamento determina, in attuazione dell’articolo 12/bis, comma 2, della legge provinciale 14 febbraio 1992, n. 6, e successive modifiche, i parametri per definire la consistenza delle piante organiche dei comuni.

Art. 2 (Calcolo rapporto dipendenti/abitanti)

(1) La dotazione della pianta organica dei comuni è calcolata in rapporto al numero degli abitanti. Tale rapporto è determinato in base al numero di abitanti presenti al 31 dicembre del penultimo anno solare, calcolando il numero dei posti in pianta organica in unità equivalenti a tempo pieno. Nella definizione della pianta organica i comuni non possono superare il seguente rapporto:

  1. fino a 500 abitanti: un/una dipendente ogni 105 abitanti;
  2. da 501 a 1.200 abitanti: un/una dipendente ogni 125 abitanti;
  3. da 1.201 a 5.000 abitanti: un/una dipendente ogni 130 abitanti;
  4. da 5.001 a 10.000 abitanti: un/una dipendente ogni 125 abitanti;
  5. da 10.001 a 50.000 abitanti: un/una dipendente ogni 120 abitanti;
  6. oltre 50.000 abitanti: un/una dipendente ogni 115 abitanti.

(2) I comuni che nel penultimo anno solare hanno registrato più di 500.000 pernottamenti turistici possono calcolare il rapporto dipendenti/abitanti come di seguito indicato. I comuni con più di 500.000 pernottamenti turistici possono detrarre 10 abitanti dal numero di abitanti per dipendente ad essi applicabile ai sensi del comma 1; i comuni con più di 700.000 pernottamenti turistici possono detrarre dal suddetto numero 20 abitanti e quelli con più di 1.000.000 di pernottamenti turistici 25 abitanti. Questa disposizione non si applica ai comuni con più di 10.000 abitanti.

Art. 3 (Eccezioni per il calcolo del rapporto dipendenti/abitanti)

(1) Dal calcolo del rapporto dipendenti/abitanti di cui all’articolo 2 è escluso il seguente personale:

  1. personale dei servizi sociali;
  2. personale del servizio funivie;
  3. personale occupato esclusivamente nella centrale elettrica del comune;
  4. personale del crematorio;
  5. personale del macello;
  6. personale delle farmacie comunali;
  7. personale addetto alle pompe funebri limitatamente agli autisti necrofori;
  8. personale addetto al decentramento/quartieri;
  9. personale in comando presso altri enti pubblici;
  10. personale messo a disposizione di altre amministrazioni pubbliche;
  11. personale appartenente alle categorie protette;
  12. personale stagionale. 2)

(2) In caso di svolgimento di servizi in forma coordinata sulla base di una convenzione o su incarico di un altro ente pubblico, il personale impiegato ai fini del calcolo del rapporto dipendenti/abitanti del comune che prevede i relativi posti in pianta organica non è incluso nel calcolo del rispettivo rapporto dipendenti/abitanti di cui all’articolo 2.

2)
La lettera l) dell'art. 3, comma 1, è stata aggiunta dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 8 febbraio 2018, n. 4.

Art. 4 (Autorizzazione alla deroga)

(1) Per oggettive, documentate e motivate esigenze la Giunta provinciale può, in via eccezionale, autorizzare i comuni a derogare al rapporto dipendenti/abitanti di cui agli articoli 2 e 3. L’autorizzazione è concessa entro 60 giorni dalla relativa richiesta.

Art. 5 (Presupposti per l’autorizzazione alla deroga del rapporto dipendenti/abitanti)

(1) Nella richiesta di autorizzazione di cui all’articolo 4 va dichiarato quanto segue:

  1. la compatibilità di bilancio e la disponibilità dei mezzi finanziari per la copertura dei posti;
  2. che non è opportuno stipulare contratti per l’esternalizzazione di servizi comunali;
  3. la sussistenza di ulteriori ragioni e situazioni particolari da cui risulti un fabbisogno di personale superiore alla media.

(2) Le autorizzazioni concesse ai sensi dell’articolo 7, comma 3, della legge provinciale 11 agosto 1994, n. 6, abrogata dall’articolo 38, comma 1, lettera g), della legge provinciale 23 dicembre 2015, n. 18, sono inefficaci.

Art. 6 (Esternalizzazione di servizi)

(1) Se, a partire dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, il comune esternalizza dei servizi, i posti divenuti vacanti dovranno essere cancellati dalla pianta organica entro il 31 dicembre dell’anno successivo. Dal momento dell’esternalizzazione, il numero dei posti divenuti vacanti in seguito all’esternalizzazione stessa non è considerato per il calcolo del rapporto dipendenti/abitanti. Se, dopo l’avvenuta esternalizzazione, il servizio è nuovamente assunto dal comune, il personale necessario per la gestione dello stesso è di nuovo computato ai fini del calcolo del rapporto dipendenti/abitanti. L’assunzione del personale necessario per la gestione del servizio deve essere autorizzata dalla Giunta provinciale ai sensi dell’articolo 4.

Art. 7 (Assunzione di servizi per un altro comune)

(1) Se un comune, a partire dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, fornisce tutti i servizi per conto di altri comuni, il calcolo del rapporto dipendenti/abitanti per quel comune è effettuato sulla base della somma del numero di abitanti dei comuni interessati.

Art. 8 (Controlli e sanzioni)

(1) I comuni che, alla data di entrata in vigore del presente regolamento, non rispettano il rapporto dipendenti/abitanti dallo stesso previsto, devono raggiungerlo entro cinque anni. La riduzione del personale può essere ottenuta non coprendo i posti divenuti vacanti, stipulando convenzioni per lo svolgimento di servizi in forma coordinata o con l’esternalizzazione di servizi comunali; in quest’ultimo caso l’articolo 6 non trova applicazione. Scaduto il suddetto termine, la Provincia effettua una verifica del rispetto del rapporto dipendenti/abitanti di cui al presente regolamento e, in caso di violazione, le assegnazioni correnti sono decurtate del 2 per cento.

Art. 9 (Clausola d’urgenza)

(1) Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionA Comuni
ActionActiona) Legge provinciale 11 giugno 2003, n. 10 
ActionActionb) Legge provinciale 8 febbraio 2010 , n. 4
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 13 aprile 2017, n. 15
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2 (Calcolo rapporto dipendenti/abitanti)
ActionActionArt. 3 (Eccezioni per il calcolo del rapporto dipendenti/abitanti)
ActionActionArt. 4 (Autorizzazione alla deroga)
ActionActionArt. 5 (Presupposti per l’autorizzazione alla deroga del rapporto dipendenti/abitanti)
ActionActionArt. 6 (Esternalizzazione di servizi)
ActionActionArt. 7 (Assunzione di servizi per un altro comune)
ActionActionArt. 8 (Controlli e sanzioni)
ActionActionArt. 9 (Clausola d’urgenza)
ActionActiond) Legge provinciale 16 novembre 2017, n. 18
ActionActionB Comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico