In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

v') Contratto di comparto 13 luglio 2015, n. 0
Contratto di comparto su ulteriori modalità di utilizzo dei permessi sindacali di cui all’art. 3, comma 5, del Contratto Collettivo Intercompartimentale del 26.01.2015

Premesso che:

 

  1. Col Contratto Collettivo intercompartimentale del 26.1.2015 sono state regolamentate in modo nuovo le modalità di concessione dei distacchi e dei permessi sindacali ai sensi del Decreto Legislativo del 24.06.2014 n. 90.
  2. Nel predetto Contratto Collettivo intercompartimentale è previsto che a livello di intercomparto sono concessi alle Organizzazioni sindacali rappresentative un totale equivalente a 30,5 distacchi sindacali retribuiti a tempo pieno. Alle Confederazioni sindacali è riconosciuto un ulteriore distacco aggiuntivo a tempo pieno.
  3. I funzionari e le funzionarie delle Organizzazioni sindacali rappresentative hanno inoltre titolo a richiedere permessi sindacali retribuiti su base oraria per l’espletamento del loro mandato e per la partecipazione a sedute dei rispettivi organi statutari e organi di direzione. Il totale delle ore per i permessi sindacali è calcolata conteggiando 1,5 ore per il numero dei dipendenti al 30 novembre 2014. Tale cifra viene ridotta del 10% se si tratta di Confederazioni sindacali e suddiviso in base al rapporto degli iscritti tra le singole organizzazioni sindacali.
  4. I permessi sindacali che spettano ai componenti delle Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) a livello di istituzione scolastica sono esclusi dal presente accordo. Inoltre il totale delle ore che ai sensi del punto 3 sono necessarie per consentire la partecipazione a congressi che si svolgono a livello provinciale o nazionale. non viene portato in detrazione.
  5. Ulteriori modalità di utilizzo di permessi sindacali possono essere definiti a livello di comparto.

 

Tutto ciò premesso, ai sensi dell’art 3, comma 5 del Contratto Collettivo di Intercomparto del 26.01.2015, i rappresentanti delle Intendenze scolastiche e delle organizzazioni sindacali del personale docente, concordano sulle seguenti modalità di fruizione dei permessi sindacali

 

1. Ore di permessi sindacali per gli anni scolastici dal 2015/2016 al 2017-2018 (articolo 3, comma 2)

Il numero delle ore di permessi sindacali per gli anni scolastici 2015/2016, 2016-2017 e 2017/2018, ai sensi dell’art. 3, commi 2 e 3, vengono stabiliti annualmente e attribuiti alle Organizzazioni sindacali.

2. Permessi cumulabili per l’anno scolastico 2015/2016 (articolo 3, comma 5): definizione, misura e aumento

  1. I permessi cumulabili sono permessi che sono richiesti per l’intero anno scolastico e che comportano una riduzione dell’orario settimanale di insegnamento.
  2. Nell’anno scolastico 2015/2016, i/le funzionari/funzionarie delle organizzazioni sindacali rappresentative possono essere esonerati dal servizio fruendo di permessi cumulabili, nella seguente misura:
    1. SGBCISL: 1,5
    2. FLC-GBW CGIL-AGB: 0,5;
    3. SGK UIL Scuola: 0,25;
    4. ASGB SSG: 0,5.
  3. I permessi sindacali cumulabili per gli anni scolastici 2016/2017 e 2017/2018 saranno oggetto di contrattazione in riferimento ai permessi di cui al punto 1 e alla regolamentazione che sarà adottata negli altri comparti dell’Ammini-strazione.
  4. A richiesta delle organizzazioni sindacali, i permessi cumulabili possono essere aumentati ai sensi del comma 2 nella misura in cui vengono rimborsate le maggiori spese a carico dell’Amministrazione risultanti dalla differenza stipendiale e dai connessi oneri sociali

 

3. Termini per la richiesta di distacchi sindacali e permessi cumulabili per gli anni scolastici 2015/2016 – 2017/2018

La richiesta di fruizione di distacchi sindacali e di permessi cumulabili per l’anno scolastico 2015/2016 deve essere presentata alla competente Intendenza scolastica entro il 15 luglio 2015. Per gli anni scolastici 2016/2017 e 2017/2018 il termine di presentazione delle istanze è fissato al 20 giugno.

Nel caso un’Organizzazione sindacale non richieda di fruire dell’intero contingente di cui al punto 2 entro la data indicata, la differenza delle ore può essere fruita come permessi sindacali non cumulabili. E’ data la possibilità di trasferire il contingente orario spettante, in toto o parzialmente, ad altre Organizzazioni sindacali. A tal proposito la competente Intendenza scolastica deve essere informata per iscritto.

4. Determinazione dei permessi sindacali cumulabili

Nella determinazione dei permessi sindacali cumulabili vengono considerate 1.976 ore per un tempo pieno e una relativa percentuale nel caso di permesso a tempo parziale per un intero anno.

5. Permessi sindacali non cumulabili: modalità di richiesta e determinazione del numero delle ore

I permessi sindacali non cumulabili possono essere fruiti dalle Organizzazioni sindacali per una mezza giornata, per un giorno intero o, al massimo, per tre giornate intere consecutive. Tra la fruizione di due permessi sindacali, di norma, devono trascorrere almeno 14 giorni.

Le Organizzazioni sindacali rappresentative, nell’anno scolastico 2015-2016, dispongono delle seguenti ore di permessi sindacali non cumulabili:

  1. SGBCISL: 5.472
  2. FLC-GBW CGIL-AGB: 1.361
  3. SGK UIL: 820
  4. ASGB SSG: 1.756.

Per un permesso di mezza giornata sono detratte dal contingente 3,25 ore, per una giornata intera 6,5.

Le Organizzazioni sindacali per poter fruire di permessi non cumulabili devono fare richiesta alla competente Intendenza scolastica e al competente dirigente scolastico almeno 5 giorni prima. Se l’Intendenza scolastica non comunica la presenza di motivi ostativi relativi all’esaurimento delle ore o al mancato rispetto delle norme contrattuali, il dirigente scolastico dispone la fruizione dei permessi. Durante gli scrutini e gli esami di stato della scuola secondaria di primo e di secondo grado non possono essere fruiti permessi sindacali non in cumulo.

6. Congressi sindacali nazionali e provinciali

Le ore necessarie per la partecipazione ai congressi nazionali e provinciali dei rappresentanti sindacali non vengono detratte dal contingente dei permessi sindacali. Le organizzazioni sindacali devono comunicare al competente dirigente sindacale e nominativi dei delegati sindacali almeno 5 giorni prima dell’inizio del congresso.

7. Esoneri delle Rappresentanze Sindacali unitarie (RSU)

Alle Rappresentanze Sindacali unitarie spettano 45 ore di permessi per anno scolastico per lo svolgimento delle loro funzioni in base alle norme vigenti. Per le ore di permesso richieste non può essere in nessun caso assunto un supplente. Il conteggio delle ore avviene in base alle regole di cui al punto 5 e, in accordo tra le Rappresentanze Sindacali unitarie a livello di scuola e il dirigente scolastico competente, possono essere fruite anche durante singole ore di lezione. In tale caso viene detratta 1 ora di permesso sindacale. La metà delle ore può essere fruita anche per la formazione.

 

indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionA Struttura dirigenziale
ActionActionB Disposizioni speciali concernenti servizi di settore
ActionActionC Assunzione in servizio e profili professionali
ActionActionD Disposizioni generali sullo stato giuridico dei dipendenti provinciali
ActionActionE Contratti collettivi
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 13 agosto 1990, n. 17
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 aprile 1991, n. 10
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 27 giugno 1991, n. 18
ActionActiond) Contratto collettivo 4 gennaio 1996
ActionActione) Contratto collettivo 18 dicembre 1998
ActionActionf) Contratto collettivo 13 aprile 1999 —
ActionActiong) Contratto collettivo 23 febbraio 2000
ActionActionh) Contratto collettivo 28 agosto 2001
ActionActioni) Contratto collettivo 25 marzo 2002
ActionActionj) Contratto di comparto 4 luglio 2002
ActionActionk) Contratto collettivo 3 ottobre 2002 —
ActionActionl) Contratto collettivo 9 dicembre 2002
ActionActionm) Contratto collettivo 13 marzo 2003
ActionActionn) Contratto collettivo 16 maggio 2003
ActionActiono) Testo unico del 23 aprile 2003
ActionActionp) Contratto collettivo 17 settembre 2003 —
ActionActionq) Contratto di comparto 5 novembre 2003 
ActionActionr) Contratto collettivo 13 luglio 2004
ActionActions) Contratto collettivo 6 dicembre 2004
ActionActiont) Contratto collettivo 7 aprile 2005 —
ActionActionu) Contratto collettivo 14 giugno 2005 —
ActionActionv) Contratto collettivo 4 agosto 2005
ActionActionw) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActionx) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActiony) Contratto collettivo 8 marzo 2006
ActionActionz) Contratto collettivo 21 giugno 2006
ActionActiona') Contratto collettivo 6 ottobre 2006 
ActionActionb') Contratto collettivo 5 luglio 2007
ActionActionc') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActiond') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActione') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActionf') Contratto collettivo 8 ottobre 2007
ActionActiong') CONTRATTO COLLETTIVO 17 maggio 2007
ActionActionh') Contratto collettivo 23 novembre 2007
ActionActioni') Contratto collettivo 12 febbraio 2008
ActionActionj') Contratto collettivo 22 aprile 2008
ActionActionk') Contratto collettivo 8 ottobre 2008
ActionActionl') Contratto collettivo 3 febbraio 2009
ActionActionm') Contratto di comparto 11 novembre 2009
ActionActionn') Contratto di comparto 24 novembre 2009, n. 0
ActionActiono') Contratto collettivo 24 novembre 2009
ActionActionp') Accordo24 novembre 2009
ActionActionq') Contratto di comparto
ActionActionr') Contratto collettivo 13 giugno 2013, n. 01
ActionActions') Contratto di comparto 27 giugno 2013
ActionActiont') Contratto collettivo intercompartimentale 26 gennaio 2015, n. 0
ActionActionu') Contratto collettivo 16 marzo 2015, n. 0
ActionActionv') Contratto di comparto 13 luglio 2015, n. 0
ActionActionw') Contratto di comparto 3 settembre 2015, n. 0
ActionActionx') Contratto di comparto 22 dicembre 2015, n. 00
ActionActiony') Contratto di comparto 19 luglio 2016, n. 0
ActionActionz') Contratto collettivo intercompartimentale 28 ottobre 2016, n. 0
ActionActiona'') Contratto collettivo 13 dicembre 2016, n. 001
ActionActionb'') Contratto di comparto 13 dicembre 2016, n. 0001
ActionActionc'') Contratto di comparto 20 febbraio 2018, n. 0
ActionActiond'') Contratto collettivo 21 dicembre 2016, n. 00001
ActionActione'') Contratto collettivo intercompartimentale 19 giugno 2018, n. 0
ActionActionf'') Contratto di comparto 27 settembre 2018, n. 00
ActionActiong'') Contratto di comparto 16 gennaio 2019, n. 0
ActionActionh'') Contratto di comparto 27 maggio 2019, n. 00
ActionActioni'') Contratto di comparto 11 giugno 2019, n. 0
ActionActionF Dotazioni organiche e ruoli
ActionActionG Divise di servizio
ActionActionH Cessazione dal servizio e relative provvidenze
ActionActionI Trasferimento di personale di altri enti
ActionActionJ Giunta provinciale
ActionActionK Consiglio provinciale
ActionActionL Procedimento amministrativo
ActionActionM Referendum ed elezione del Consiglio provinciale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico