In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 16 giugno 2015, n. 721
Indicazioni per il risconoscimento delle offerte formative extrascolastiche dalle scuole in lingua tedesca

Allegato 1

Indicazioni per il riconoscimento delle offerte formative extrascolastiche da parte delle scuole del primo ciclo di istruzione in lingua tedesca

Disposizioni generali

1. Nel determinare l’orario scolastico settimanale, le scuole si avvalgono della loro autonomia organizzativa al fine di concedere alle alunne e agli alunni un esonero temporaneo per la partecipazione ad attività formative presso la Scuola di musica e a eventuali altre attività riconosciute.

2. Nell’ambito del limite massimo stabilito dalla norma vigente, l’esonero temporaneo obbligatorio per la partecipazione alle attività formative offerte dalla Scuola di musica corrisponde al numero delle unità didattiche della stessa scuola senza riferimenti dettagliati riguardanti la durata.

3. Qualora le scuole utilizzino in alcune classi tutte le ore della quota riservata alle discipline che qualificano la tipologia della scuola (p. es. in classi a indirizzo musicale), in linea di principio, possono escludere l’esonero temporaneo delle alunne e degli alunni per la partecipazione ad attività formative presso le Scuole di musica ed eventuali altre attività extrascolastiche.

Direttive organizzative:

1. Il dirigente del Dipartimento istruzione e formazione tedesca nomina una commissione che effettua un accreditamento delle istituzioni extrascolastiche operanti a livello provinciale con l’indicazione delle attività formative riconosciute. Vengono presi in considerazione i seguenti criteri:

a) conformità dell’attività formativa con la funzione educativa del primo ciclo di istruzione e delle indicazioni provinciali;

b) chiarezza e trasparenza sull’istituzione extrascolastica concernente lo stato giuridico, la forma di organizzazione e l’eventuale appartenenza a un’organizzazione maggiore;

c) attività pluriennale nel rispettivo ambito formativo;

d) trasparenza sulle/sui responabili delle attività formative extrascolastiche e la loro qualifica;

e) eventuale collaborazione con le scuole finora di successo.

Le scuole possono effettuare ulteriori accreditamenti con riguardo al loro profilo scolastico secondo criteri paragonabili a quelli che vengono applicati a livello provinciale. In sede di selezione delle offerte formative exrtascolastiche e dell’ulteriore accreditamento, le scuole tengono conto delle attività pluriennali dell’istituzione nel corrispondente ambito formativo all’interno del terrritorio della scuola.

2. Le scuole determinano i seguenti criteri nel piano dell’offerta formativa:

a) esatta durata e modalità organizzative delle offerte formative della scuola nell’ambito della quota obbligatoria;

b) durata effettiva degli esoneri temporanei che possono essere concessi ad alunne e alunni per la partecipazione ad attività formative extrascolastiche riconosciute dalla scuola;

c) riferimenti alle attività effettive che la scuola intende riconoscere;

d) moduli, scadenze e indicazioni per le domande fatte dalle associazioni sportive o da altre istituzioni extrascolastiche per comunicare alle scuole le loro offerte formative o per fare richiesta di accreditamento aggiuntivo.

La selezione delle offerte formative extrascolastiche riconosciute e dell’accreditamento aggiuntivo avviene tramite il consiglio scolastico oppure una commissione nominata dallo stesso.

3. Le scuole pubblicano i seguenti contenuti e moduli:

a) elenchi delle attività formative extrascolastiche riconosciute con l’indicazione delle formative istituzioni extrascolastiche accreditate;

b) moduli, scadenze e condizioni per le domande che gli esercenti la potestà genitoriale possono inoltrare per ottenere l’esonero temporaneo ai fini della partecipazione degli alunni /delle alunne ad attività formative extrascolastiche;

c) moduli e scadenze per la certificazione relativa alla partecipazione effettiva alle attività formative extrascolastiche.

4. La frequenza di attività formative extrascolastiche, riconosciute nell’ambito dell’esonero dalle attività d’insegnamento obbligatorie, è parte integrante dell’orario annuale personalizzato delle alunne e degli alunni. Gli stessi sono obbligati alla frequenza regolare di queste attività. In caso di mancato rispetto di questa disposizione, la scuola è autorizzata a revocare in ogni momento l’esonero e a reinserire le alunne e gli alunni già esonerati nelle attività scolastiche ordinarie. In caso di frequenze irregolari o interruzioni di queste attività, i dirigenti delle istituzioni extrascolastiche sono obbligati a comunicarlo subito alla scuola.

5. Quanto alla partecipazione effettiva alle attività formative riconosciute, le scuole stabiliscono periodi e modalità per la trasmissione della conferma da parte dell’istituzione extrascolastica. Poiché le attività formative extrascolastiche riconosciute fanno parte dell’orario annuale personalizzato delle alunne e degli alunni, vengono prese in considerazione per il calcolo della validità dell’anno scolastico.

6. Le alunne/gli alunni che fruiscono dell’esonero temporaneo dall’insegnamento scolastico per la frequenza delle attività formative riconosciute e la cui giornata scolastica di conseguenza inizia più tardi o finisce in anticipo, entrano nella scuola e ne escono secondo le stesse regole e condizioni valide all’avvio e al termine delle lezioni ordinarie. Alla mano pubblica non possono sorgere costi aggiuntivi.

Allegato 2

Indicazioni per il riconoscimento delle offerte formative extrascolastiche da parte delle scuole del secondo ciclo di istruzione in lingua tedesca

Disposizioni generali

1. L’esonero temporaneo del secondo ciclo di istruzione può riguardare solo una parte delle ore annuali di una o più discipline, degli ambiti interdisciplinari o degli ambiti di competenze delle scuole professionali provinciali.

2. Le alunne e gli alunni esonerati dalla frequenza delle offerte formative riconosciute sono obbligati ad acquistare autonomamente le competenze eventualmente mancati nelle discipline rientranti nell’esonero e a sottoporsi come le altre alunne e gli altri alunni alle verifiche riguardanti i rendimenti scolastici. La valutazione di tutte le discipline e degli ambiti di competenza rimane di esclusiva competenza della scuola.

Direttive organizzative:

1. Il dirigente del Dipartimento Istruzione e formazione tedesca nomina una commissione che effettua un accreditamento delle istituzioni extrascolastiche operanti a livello provinciale con l’indicazione delle formative riconosciute. Vengono presi in considerazione i seguenti criteri:

a) conformità dell’attività formativa con la funzione educativa del secondo ciclo di istruzione e delle indicazioni provinciali;

b) chiarezza e trasparenza sull’istruzione extrascolastica concernente lo stato giuridico , la forma di organizzazione l’eventuale appartenenza a un’organizzazione maggiore

c) attività pluriennale nel rispettivo ambito formativo;

d) trasparenza sulle/sui responsabili delle attività formative extrascolastiche e la loro qualifica;

e) eventuale collaborazione con le scuole finora di successo.

Le scuole possono effettuare ulteriori accreditamenti con riguardo al loro profilo scolastico secondo criteri paragonati a quelli che vengono applicati a livello provinciale.

2. Le scuole determinano i seguenti criteri nel piano dell’offerta formativa:

a) possibilità e misura concreta dell’esonero per la frequenza di attività formative riconosciute; la misura ammonta da 0 a un massimo di 57 delle ore annuali e può essere diversa nelle singole discipline principali;

b) riferimenti e criteri sulle attività che la scuola intende riconoscere in riferimento alla sua funzione formativa generale, alle indicazioni provinciali al profilo scolastico;

c) condizioni per l’esonero delle singole alunne e dei singoli alunni nonché per la revoca dell’esonero.

3. Le decisioni sulla scelta delle istituzioni extrascolastiche indicate nelle legge o accreditate a livello provinciale e delle loro attività formative, per la cui frequenza la scuola vuole rendere possibile un esonero nonché un eventuale ulteriore accreditamento a livello scolastico, avviene tramite il Consiglio d’ istituto o, su proposta del Consiglio di direzione, tramite il dirigente scolastico nelle scuole professionali provinciali.

4. Le scuole pubblicano i seguenti contenuti e moduli:

a) elenchi delle attività formative extrascolastiche riconosciute con indicazione delle istituzioni extrascolastiche per le quali possono essere concessi gli esoneri;

b) eventuali indicazioni, se e a quali condizioni è possibile un esonero anche per attività formative non rientranti tra quelle indicate nella legge o non offerte a livello provinciale o scolastico dalle istituzioni accreditate;

c) moduli, scadenze e condizioni per le domande che gli esercenti la potestà genitoriale o le alunne e gli alunni maggiorenni possono inoltrare per ottenere l’esonero temporaneo ai fini della partecipazione ad attività formative extrascolastiche;

d) moduli e scadenze per la certificazione riguardanti la misura per una partecipazione effettiva alle attività formative extrascolastiche.

5. La frequenza di attività formative extrascolastiche, riconosciute nell’ambito dell’esonero dalle attività d’insegnamento obbligatorie, è parte integrante dell’orario annuale personalizzato delle alunne e degli alunni. Gli stessi sono obbligati alla frequenza regolare di queste attività .In caso di mancato rispetto di questa disposizione, la scuola è autorizzata a revocare in ogni momento l’esonero e a reinserire le alunne e gli alunni già esonerati nelle attività scolastiche ordinarie. In caso di frequenza irregolare o interruzioni di questa attività, i responsabili delle istituzioni scolastiche sono obbligati a comunicarlo subito alla scuola.

6. Quanto alla partecipazione effettiva alle attività formative riconosciute, le scuole stabiliscono periodi e modalità per la trasmissione della conferma da parte dell’istituzione extrascolastica. Poiché le attività formative extrascolastiche riconosciute fanno parte dell’orario annuale personalizzato delle alunne e degli alunni, vengono prese in considerazione per il calcolo della validità dell’anno scolastico.

7. Le alunne/gli alunni che fruiscono dell’esonero temporaneo dall’insegnamento scolastico per la frequenza delle attività formative riconosciute e la cui giornata scolastica di conseguenza inizia più tardi o finisce in anticipo, entrano nella scuola e ne escono secondo le stesse regole e condizioni valide durante le lezioni ordinarie. Alla mano pubblica non possono sorgere costi aggiuntivi.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction Delibera 13 gennaio 2015, n. 29
ActionAction Delibera 20 gennaio 2015, n. 56
ActionAction Delibera 20 gennaio 2015, n. 57
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 94
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 98
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 106
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 127
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 128
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 130
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 134
ActionAction Delibera 10 febbraio 2015, n. 166
ActionAction Delibera 24 febbraio 2015, n. 204
ActionAction Delibera 24 febbraio 2015, n. 207
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 229
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 231
ActionAction Delibera 10 marzo 2015, n. 275
ActionAction Delibera 17 marzo 2015, n. 299
ActionAction Delibera 17 marzo 2015, n. 302
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 347
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 351
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 385
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 389
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 394
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 390
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 419
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 422
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 423
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 435
ActionAction Delibera 21 aprile 2015, n. 470
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 486
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 505
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 522
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 524
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 532
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 543
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 558
ActionAction Delibera 19 maggio 2015, n. 573
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 651
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 699
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 703
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 712
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 713
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 714
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 721
ActionActionAllegato 1
ActionActionAllegato 2
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 733
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 734
ActionAction Delibera 23 giugno 2015, n. 743
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 784
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 796
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 808
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 816
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 830
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 832
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 834
ActionAction Delibera 21 luglio 2015, n. 842
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 869
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 873
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 890
ActionAction Delibera 11 agosto 2015, n. 923
ActionAction Delibera 11 agosto 2015, n. 924
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 979
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 990
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1004
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1013
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1017
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1022
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1027
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1047
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1058
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1096
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1100
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1104
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1112
ActionAction Delibera 6 ottobre 2015, n. 1136
ActionAction Delibera 6 ottobre 2015, n. 1160
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1162
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1171
ActionAction Delibera 27 ottobre 2015, n. 1236
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1251
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1274
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1275
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1300
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1301
ActionAction Delibera 17 novembre 2015, n. 1328
ActionAction Delibera 24 novembre 2015, n. 1358
ActionAction Delibera 1 dicembre 2015, n. 1366
ActionAction Delibera 1 dicembre 2015, n. 1373
ActionAction Delibera 9 dicembre 2015, n. 1407
ActionAction Delibera 9 dicembre 2015, n. 1420
ActionAction Delibera 15 dicembre 2015, n. 1438
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1475
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1492
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1517
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1544
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico