In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 4 febbraio 2014, n. 108
Linee guida per l'elaborazione del parere di congruità afferente la convenzione urbanistica ai sensi dell'art. 40/bis della legge provinciale del 11 agosto 1997, n. 13, "Legge urbanistica provinciale"

Anlage

Legge urbanistica provinciale L.P. 13/97 Art. 40/bis, convenzione urbanistica

Linee guida per l’elaborazione del parere di congruità afferente la convenzione urbanistica

L’art. 40/bis della legge provinciale del 11 agosto 1997 n. 13, “Legge urbanistica provinciale” (LUP), prevede la possibilità di stipula di convenzioni urbanistiche al fine di facilitare nel pubblico interesse la realizzazione di interventi previsti nel piano urbanistico comunale oppure in un piano attuativo. Le convenzioni urbanistiche hanno come scopo la copertura del fabbisogno abitativo della popolazione residente, la messa a disposizione di aree per insediamenti produttivi oppure la realizzazione o gestione di opere ed impianti pubblici.

Il comma 6 dell’art. 40/bis, LUP inerente le convenzioni urbanistiche, prescrive che le controprestazioni contrattuali del contraente “devono avere un nesso di mediata causalità ed essere congrue, considerando debitamente tutte le circostanze. Per accertare la congruità deve essere acquisito il parere dell'Ufficio Estimo provinciale, il quale tra l’altro conferma che le controprestazioni non compromettono l'interesse della pubblica amministrazione. La stima deve considerare l'incremento del valore conseguente all'atto di pianificazione ed il valore economico della deroga di cui al comma 5. La stima può essere anche effettuata da parte di liberi professionisti giurati sulla base di direttive vincolanti elaborate dall’Ufficio Estimo provinciale ed approvate dalla Giunta Provinciale”.

Il parere di congruità deve determinare tramite una stima il valore economico delle prestazioni del contraente privato e di quelle della pubblica amministrazione. Detto parere deve contenere la precisa esposizione delle circostanze di fatto, la valutazione tecnica e considerare tutti i fattori rilevanti per la valutazione. In ogni caso con il parere di congruità deve essere accertato che le prestazioni del contraente privato non compromettono l’interesse della pubblica amministrazione.

Il tecnico estimatore procede alla congrua valutazione ed espone nella relazione estimativa una descrizione dettagliata dell’oggetto di stima, cosí come tutti gli elementi, riflessioni, considerazioni e calcoli che portano alla propria conclusione.

A seguire si espongono le linee guida per la valutazione dei casi più frequenti.

Valutazione della prestazione del contraente privato

Cessione di superfici per la realizzazione di opere pubbliche

La valutazione è effettuata ai sensi delle norme contenute nella legge provinciale del 15 aprile 1991, n. 10, sulle espropriazioni per pubblica utilitá.

Qualora il contraente privato ceda al comune una superficie destinata all’edilizia agevolata, il valore dell’intera area in cessione è da determinarsi ai sensi delle norme dell’art. 7/quinquies, comma 3, L.P. 10/91, inerente l’indennitá di espropriazione per le aree destinate all’edilizia agevolata. Nella stima devono essere considerati i criteri per la determinazione dell’indennitá di espropriazione di aree edificabili, come stabiliti con deliberazione della Giunta provinciale del 03.05.2010, n. 751. L’art. 7/quinquies, comma 3 prevede che l’indennitá di esproprio per le aree destinate all’edilizia agevolata corrisponde al valore venale ridotto del 50%.

Qualora si trattasse di aree edificabili destinate alla realizzazione di opere e impianti di interesse generale, la valutazione dovrà essere effettuata in conformità alle disposizioni contenute nell’art. 7/quinquies comma 4 (valore venale, considerate le proprietá intrinseche del terreno, il suo inserimento nel tessuto urbanistico e la destinazione urbanistica dei terreni circostanti), nonché ai sensi dei criteri individuati per la determinazione dell’indennitá di espropriazione di aree edificabili stabiliti con deliberazione della Giunta provinciale del 03.05.2010, n. 751.

Nel caso si tratti di un’area giá edificata, oppure di un edificio, la prestazione del partner contrattuale privato è determinata ai sensi delle norme di cui all’art. 8, L.P. 10/91, avente per oggetto l’indennitá di esproprio di aree edificate (valore venale).

Superfici che, ai sensi della LP. 10/91 sono da considerarsi non edificabili, sono valutate in base alle norme di cui all’art. 7/quater (valori agricoli minimi e massimi) e art. 13 (maggiorazioni dell’indennitá di esproprio).

Valutazione della prestazione del comune

La prestazione del contraente privato può essere compensata dal comune ai sensi di quanto disposto dall’art. 40/bis con le seguenti controprestazioni:

a) indennizzo in denaro,

b) rinuncia agli oneri di concessione,

c) permuta di immobili o cessione di diritti edificatori, eventualmente anche con conguagli in denaro,

d) creazione di diritti edificatori tramite modifica del piano urbanistico comunale, del piano di attuazione o del piano di recupero.

Per le controprestazioni di cui ai punti c) e d) valgano le seguenti linee guida:

Creazione di diritti edificatori mediante la designazione di una nuova zona residenziale

Nel caso di creazione di diritti edificatori mediante designazione di una nuova zona residenziale, la valutazione riguarderà l’incremento di valore conseguente alla variazione della destinazione urbanistica, considerata prestazione dell’ente pubblico. Si tratta prevalentemente della trasformazione urbanistica da zona di verde agricolo a zona residenziale. In tal caso si deve valutare l’incremento di valore da area verde considerata la sua propensione a una trasformazione in area edificabile a zona residenziale urbanisticamente designata.

Nella valutazione della designata zona residenziale sono da considerare i valori di riferimento determinati dall’Ufficio Estimo provinciale per la determinazione delle indennità di espropriazione, così come i criteri per la determinazione dell’indennitá di esproprio di aree edificabili come fissati nella deliberazione della Giunta provinciale del 03.05.2010, n. 751. Nel caso sia prevista la realizzazione di abitazioni, la valutazione dovrà considerare che la cubatura realizzabile nella designata zona residenziale è soggetta al 100% al convenzionamento (ai sensi dell’art. 79, LUP).

Il valore delle aree prese in esame per la variazione urbanistica a zona residenziale, è individuato in una quota percentuale rispetto al valore dell’area giá urbanisticamente designata, tenuto conto dei seguenti fattori: pregio immobiliare legato alla posizione, caratteristiche peculiari, entitá di superficie, incidenza dei futuri costi per l’apprestamento delle infrastrutture, probabilità che si realizzi una variazione urbanistica, nonché il periodo di tempo entro il quale tale variazione si possa realizzare.

Nello specifico questo si traduce nell’applicazione dei seguenti fattori raggruppati nei due criteri principali “posizione” e “oneri per l’urbanizzazione e l’apprestamento all’edificazione”, da applicarsi al valore determinato per l’area urbanisticamente giá designata come edificabile. La variabilità di ciascun fattore consente l’individuazione del congruo valore sulla base delle specifiche peculiaritá dell’area oggetto di stima. A tal fine si rimanda alla deliberazione della Giunta provinciale del 03.05.2010, n. 751, nella quale sono indicati nel dettaglio i fattori tecnici di rilevanza estimativa che sono da considerare anche nella valutazione delle aree per le quali si individua una propensione alla trasformazione urbanistica.

Criterio

 

Fattore*

1. posizione

entro il centro edificato ai sensi art. 12, L.P. 10/91

 

0,45 – 0,50

confinante con il centro edificato e/o con zone residenziali esistenti

0,30 – 0,45

non confinante con il centro edificato e/o con zone residenziali esistenti

0,15 – 0,30

2. oneri di urbanizzazione e apprestamento area

elevati – ordinari

0,80 – 1,00

*da applicarsi al valore individuato per zone residenziali giá designate

Qualora dall’applicazione dei criteri sopra esposti si dovesse pervenire ad un importo inferiore rispetto al valore venale dei terreni agricoli in quel territorio, si dovrà considerare per l’area oggetto di stima in prospettiva di una sua trasformazione urbanistica in zona residenziale, il valore venale del terreno agricolo.

La valutazione eseguita applicando i criteri sopra esposti tiene debitamente conto tanto dell’incremento di valore conseguente all’atto di pianificazione (variazione della designazione urbanistica), quanto del valore economico della deroga di cui al comma 5 dell’art. 40/bis della LUP.

In casi eccezionali, qualora la valutazione basata sui valori di riferimento non rispecchi congruamente la prestazione del comune, anche a causa di un indice di edificabilità particolarmente elevato stabilito per la nuova zona residenziale, la valutazione della prestazione può essere eseguita secondo quanto stabilito al seguente punto “creazione di diritti edificatori in zone residenziali”.

Creazione di diritti edificatori in zone residenziali esistenti

Nei casi nei quali la prestazione del comune consiste nella creazione di diritti edificatori in zone residenziali esistenti (incremento dell’indice di edificabilità) la valutazione della prestazione del comune equivale al valore venale del puro diritto edificatorio senza l’incidenza della componente suolo. L’individuazione del valore venale è eseguita tramite il criterio di stima del valore di trasformazione, come riconosciuto dalla disciplina estimativa, determinato con metodo analitico o sintetico-comparativo.

La stima così eseguita fornisce il valore del diritto edificatorio comprensivo della componente area; il valore del puro diritto edificatorio, scorporata la componente suolo, corrisponde alla quota di 2/3 del valore di stima.

La prestazione del comune equivale in questo al valore venale del puro diritto edificatorio, senza l’incidenza della componente suolo.

 

indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction Delibera 4 febbraio 2014, n. 102
ActionAction Delibera 4 febbraio 2014, n. 108
ActionActionAnlage
ActionAction Delibera 4 febbraio 2014, n. 112
ActionAction Delibera 4 febbraio 2014, n. 115
ActionAction Delibera 11 febbraio 2014, n. 144
ActionAction Delibera 18 febbraio 2014, n. 166
ActionAction Delibera 18 febbraio 2014, n. 172
ActionAction Delibera 25 febbraio 2014, n. 187
ActionAction Delibera 25 febbraio 2014, n. 196
ActionAction Delibera 25 febbraio 2014, n. 211
ActionAction Delibera 25 febbraio 2014, n. 217
ActionAction Delibera 11 marzo 2014, n. 238
ActionAction Delibera 11 marzo 2014, n. 268
ActionAction Delibera 11 marzo 2014, n. 286
ActionAction Delibera 18 marzo 2014, n. 292
ActionAction Delibera 18 marzo 2014, n. 293
ActionAction Delibera 18 marzo 2014, n. 317
ActionAction Delibera 18 marzo 2014, n. 318
ActionAction Delibera 25 marzo 2014, n. 357
ActionAction Delibera 1 aprile 2014, n. 361
ActionAction Delibera 15 aprile 2014, n. 438
ActionAction Delibera 15 aprile 2014, n. 450
ActionAction Delibera 29 aprile 2014, n. 484
ActionAction Delibera 29 aprile 2014, n. 492
ActionAction Delibera 13 maggio 2014, n. 540
ActionAction Delibera 13 maggio 2014, n. 541
ActionAction Delibera 13 maggio 2014, n. 542
ActionAction Delibera 20 maggio 2014, n. 577
ActionAction Delibera 27 maggio 2014, n. 590
ActionAction Delibera 27 maggio 2014, n. 631
ActionAction Delibera 3 giugno 2014, n. 660
ActionAction Delibera 3 giugno 2014, n. 662
ActionAction Delibera 3 giugno 2014, n. 663
ActionAction Delibera 3 giugno 2014, n. 658
ActionAction Delibera 10 giugno 2014, n. 687
ActionAction Delibera 10 giugno 2014, n. 688
ActionAction Delibera 10 giugno 2014, n. 691
ActionAction Delibera 1 luglio 2014, n. 771
ActionAction Delibera 1 luglio 2014, n. 775
ActionAction Delibera 1 luglio 2014, n. 817
ActionAction Delibera 1 luglio 2014, n. 821
ActionAction Delibera 8 luglio 2014, n. 861
ActionAction Delibera 8 luglio 2014, n. 879
ActionAction Delibera 22 luglio 2014, n. 889
ActionAction Delibera 22 luglio 2014, n. 895
ActionAction Delibera 22 luglio 2014, n. 920
ActionAction Delibera 29 luglio 2014, n. 938
ActionAction Delibera 5 agosto 2014, n. 964
ActionAction Delibera 2 settembre 2014, n. 1041
ActionAction Delibera 9 settembre 2014, n. 1046
ActionAction Delibera 9 settembre 2014, n. 1060
ActionAction Delibera 30 settembre 2014, n. 1130
ActionAction Delibera 7 ottobre 2014, n. 1181
ActionAction Delibera 14 ottobre 2014, n. 1188
ActionAction Delibera 14 ottobre 2014, n. 1216
ActionAction Delibera 21 ottobre 2014, n. 1242
ActionAction Delibera 4 novembre 2014, n. 1248
ActionAction Delibera 4 novembre 2014, n. 1302
ActionAction Delibera 4 novembre 2014, n. 1304
ActionAction Delibera 11 novembre 2014, n. 1308
ActionAction Delibera 11 novembre 2014, n. 1309
ActionAction Delibera 11 novembre 2014, n. 1315
ActionAction Delibera 18 novembre 2014, n. 1366
ActionAction Delibera 18 novembre 2014, n. 1388
ActionAction Delibera 18 novembre 2014, n. 1370
ActionAction Delibera 25 novembre 2014, n. 1421
ActionAction Delibera 9 dicembre 2014, n. 1506
ActionAction Delibera 9 dicembre 2014, n. 1525
ActionAction Delibera 9 dicembre 2014, n. 1528
ActionAction Delibera 9 dicembre 2014, n. 1529
ActionAction Delibera 9 dicembre 2014, n. 1530
ActionAction Delibera 16 dicembre 2014, n. 1547
ActionAction Delibera 23 dicembre 2014, n. 1579
ActionAction Delibera 23 dicembre 2014, n. 1580
ActionAction Delibera 23 dicembre 2014, n. 1599
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico