In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

h) Decreto del Presidente della Provincia 3 giugno 2013, n. 131)
Procedure per l'anticipazione della partecipazione tariffaria ai servizi residenziali per anziani

Visualizza documento intero
1)
Pubblicato nel B.U. 11 giugno 2013, n. 24.

Art. 4 (Anticipazione a cura del comune)

(1) Qualora dovesse risultare necessario procedere al recupero in via giudiziale nei confronti del debitore, il comune, a norma delle disposizioni dei commi seguenti, anticipa gli importi sospesi al gestore, al fine di garantirne la liquidità. In caso di anticipazione il credito del gestore competente per le azioni giudiziali rimane in essere e non decade nei confronti del debitore.

(2) Presupposto per l'anticipazione a cura del comune, è che il gestore ha trasmesso due diffide al debitore e che gli importi in tutto o in parte non sono stati saldati. Le diffide devono riguardare tutti gli importi, che al momento della rispettiva diffida siano esigibili non prescritti e per i quali il gestore non abbia preso una decisione riguardo il recupero in via giudiziale. Le diffide prevedono un termine di pagamento di 15 giorni dal ricevimento della diffida. La prima diffida deve aver luogo entro 15 giorni dalla scadenza del termine di pagamento stabilito nella richiesta di pagamento di cui all'articolo 3, la seconda entro 15 giorni dalla scadenza del termine di pagamento indicato nella prima diffida. La seconda diffida deve avvenire a cura di un avvocato su incarico del gestore, il quale ha facoltà di conferire all'avvocato la procura all'incasso. Il gestore provvede immediatamente alla trasmissione di una copia dell'incarico concernente la seconda diffida, e, per quanto non sia ancora avvenuto, del contratto in essere con l'avvocato al comune. Una copia della diffida e, per quanto non sia ancora avvenuto, delle richieste di pagamento riguardanti il credito sono immediatamente trasmessi al comune a seconda dei casi, dal gestore ovvero dall'avvocato incaricato.

(3) Il comma 2 si applica anche agli importi, che siano esigibili alla data dell'entrata in vigore del presente regolamento a condizione che il gestore non abbia preso alcuna decisione riguardo il recupero in via giudiziale. Per tali importi contemporaneamente alla prima diffida deve essere realizzata l'interruzione dei termini prescrizionali. In deroga al comma 2 la prima diffida per gli importi di cui al presente comma deve essere trasmessa al debitore entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del presente regolamento.

(4) Entro 7 giorni dalla scadenza del termine di pagamento della seconda diffida il gestore deve, anche nel caso del rilascio della procura all'incasso, comunicare all'avvocato incaricato ed al comune, se ha avuto luogo un pagamento. In ogni caso i pagamenti effettuati dal debitore anche successivamente a tale scadenza, devono essere comunicati immediatamente a cura del gestore all'avvocato incaricato ed al comune.

(5) Qualora il pagamento della partecipazione tariffaria in tutto o in parte non abbia avuto luogo entro 20 giorni dalla scadenza del termine di pagamento della seconda diffida, l'avvocato incaricato trasmette al gestore ed al comune una presa di posizione ed una raccomandazione in ordine ad un modo sensato di procedere. Qualora entro lo stesso termine abbia avuto luogo presso l'avvocato il pagamento dell'importo corrispondente alla partecipazione tariffaria, l'avvocato ne informa il gestore ed il comune ed effettua il versamento a favore del gestore. Gli interessi di mora e le spese legali per la diffida non pagati vanno messi in conto dal gestore al debitore. In ogni caso, i pagamenti del debitore a favore dell'avvocato, che abbiano luogo a seguito della trasmissione della presa di posizione, vanno comunicati immediatamente al gestore ed al comune e versati al gestore.

(6) A condizione che il comune abbia ricevuto tutti i documenti di cui al comma 2 e, in aggiunta, per gli importi di cui al comma 3 la prova dell'interruzione dei termini prescrizionali, entro 30 giorni dal ricevimento della presa di posizione e della raccomandazione dell'avvocato incaricato di cui al comma precedente il comune anticipa gli importi sospesi, gli interessi di mora richiesti con la seconda diffida e le spese legali per la diffida. Qualora manchino i documenti di cui al comma 2 ovvero la prova dell'interruzione dei termini prescrizionali, il comune immediatamente le richiede al gestore e il termine di 30 giorni del presente comma inizia nuovamente a decorrere dal ricevimento dei documenti richiesti. Il comune non effettua alcun anticipazione, qualora sia stato pagato l'importo corrispondente alla partecipazione tariffaria, ma non anche gli interessi di mora o le spese legali; in tal caso il gestore richiede al debitore il pagamento degli interessi di mora o delle spese legali.

(7) Per le persone, in riferimento alle quali il comune ha effettuato l'anticipazione ai sensi del comma 6, vengono meno gli obblighi di diffida previsti dal comma 2. Per tali persone il gestore trasmette al comune ed all'avvocato incaricato trimestralmente l'elenco degli importi scaduti della partecipazione tariffaria per i 3 mesi precedenti unitamente alle copie delle richieste di pagamento. Il comune ha l'obbligo di anticipare gli importi scaduti entro 30 giorni dalla ricezione dell'elenco. Tale obbligo non riguarda anche gli interessi di mora.

(8) Il comune informa il gestore e l'avvocato incaricato sulle anticipazioni effettuate ai sensi dei commi 6 e 7.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActiona) Legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13
ActionActionb) LEGGE PROVINCIALE 10 dicembre 1992, n. 43 —
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30
ActionActiond) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 7 febbraio 2007, n. 14
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 10 settembre 2009 , n. 42
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2011 , n. 28
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 4 gennaio 2012, n. 1
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 3 giugno 2013, n. 13
ActionActionArt. 1 (Finalità)  
ActionActionArt. 2 (Campo di applicazione) 
ActionActionArt. 3 (Prescrizioni relative alla richiesta di pagamento della partecipazione tariffaria)
ActionActionArt. 4 (Anticipazione a cura del comune)
ActionActionArt. 5 (Scelta e incarico dell'avvocato)
ActionActionArt. 6 (Partecipazione dei Comuni alle decisioni dei gestori riguardanti la proposizione della domanda giudiziale o il procedimento per la riscossione coattiva)
ActionActionArt. 7 (Partecipazione dei comuni alle decisioni rilevanti dei gestori riguardanti la controversia)
ActionActionArt. 8 (Obblighi di diligenza dei gestori, comuni ed avvocati)
ActionActionArt. 8/bis (Contratto ospite-struttura e domanda di ammissione)
ActionActionArt. 9 (Assunzione delle spese procedurali e degli onorari)
ActionActionArt. 10 (Restituzione degli importi anticipati)
ActionActionArt. 11 (Restituzione della partecipazione tariffaria al comune)
ActionActionArt. 12 (Convenzioni)
ActionAction(articolo 8, comma 1)
ActionActionClausole contrattuali per l’ammissione a tempo determinato(articolo 8, comma 1/bis)
ActionActionArt. 13 (Entrata in vigore)
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 7 agosto 2017, n. 26
ActionActionj) Decreto del Presidente della Provincia 8 giugno 2018, n. 16
ActionActionk) Decreto del Presidente della Provincia 21 febbraio 2019, n. 5
ActionActionl) Decreto del Presidente della Provincia 22 novembre 2019, n. 29
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico