In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 6 maggio 2013, n. 640
Revoca della circolare integrativa su delega, costi ammissibili e modalità di rendicontazione di attività cofinanziate dal Fondo sociale europeo adottata con delibera della Giunta provinciale n. 125/2006 e contestuale approvazione della nuova circolare

Allegato

Circolare n. 2 - Affidamento di attività di progetto a terzi e delega di attività

Il 14 gennaio 2013 è stato adottato con delibera n. 6 della Giunta provinciale il Vademecum nazionale per l’ammissibilitá della spesa al Fondo Sociale Europeo nell’ambito del Programma Operativo 2007-2013 nella versione aggiornata al 16/12/2010 e relativo allegato A, elaborato dall’Autorità di Gestione.

Come è già stato comunicato con la Circolare n. 1 del 06/02/2013, il nuovo Vademecum contiene non solamente alcune modifiche, ma soprattutto spiegazioni più chiare e dettagliate concernenti alcuni aspetti della gestione e della rendicontazione dei progetti.

Nel capitolo dedicato agli Argomenti specifici del Vademecum, il primo punto è dedicato all’affidamento a terzi di parte delle attività di progetto, con una specifica riguardo alla delega di attività, all’acquisizione di forniture e servizi strumentali e accessori e alle procedure da seguire per l’acquisizione di forniture e servizi da soggetti terzi.

Il beneficiario responsabile dell’avvio e dell’attuazione del progetto può affidare parte delle attività a soggetti terzi, laddove ne abbia la necessità, nel rispetto delle disposizioni contenuti nel suddetto Vademecum ed ulteriori indicazioni stabilite con la presente circolare dall’autorità di gestione.

Si ha un affidamento di attività di progetti a terzi qualora:
a) il beneficiario, per realizzare una determinata attività di progetto (o parte di essa) abbia la necessità di conferire un incarico per la fornitura di un bene o di un servizio ad un terzo;
b) questo terzo non è una persona fisica (libera professione), membro di uno studio associato oppure titolare di un’impresa individuale;
c) il servizio non viene prestato nell’ambito di un partenariato oppure di una situazione simile, nella quale vige l’obbligo di rendicontazione a costi reali.

Qualora i beneficiari non siano già di per sé tenuti all’osservanza del Codice dei contratti pubblici ( Decreto legislativo n. 163/2006), negli affidamenti di incarichi a terzi hanno comunque l’obbligo di implementare procedure ispirate a criteri di economicità e trasparenza.

A tal fine, il beneficiario deve motivare ogni incarico a terzi. Dalla documentazione devono risultare chiaramente la necessità del sevizio per la realizzazione del progetto e l’impossibilità di prestare il servizio tramite personale interno o esterno, oppure nell’ambito di un partenariato. Inoltre, il beneficiario deve implementare le seguenti procedure:
a) Nel caso di incarichi fino  ad un importo pari a 20.000,00€ il servizio può essere acquisito in maniera diretta.
b) Nel caso di incarichi per un valore
da 20.000,01 a 50.000,00€  il beneficiario deve richiedere l’offerta di almeno 3 operatori economici qualificati e scegliere quella più vantaggiosa.
Deve garantire procedure trasparenti e documentabili, nel rispetto del principio di rotazione.
c) Nel caso di incarichi per un valore
da 50.000,01 a 100.000,00€  il beneficiario deve richiedere l’offerta di almeno 5 operatori economici qualificati e scegliere quella più vantaggiosa.
Deve garantire procedure trasparenti e documentabili, nel rispetto del principio di rotazione.
d) Nel caso di incarichi per un valore
da 100.000,01 a 200.000,00€  il beneficiario deve prevedere un capitolato d’oneri semplificato contenente anche una griglia di valutazione e scegliere l’offerta più vantaggiosa. Il beneficiario deve pubblicare l’avviso sull’affidamento sul proprio sito internet e su almeno un quotidiano regionale in lingua italiana e uno in lingua tedesca. Come alternativa tutti gli obblighi di pubblicità possono essere soddisfatti ai sensi della Legge provinciale 17/1993 tramite pubblicazione gratuita sul portale per gli appalti pubblici  www.bandi-altoadige.it.
L’apertura delle buste contenenti le offerte deve avvenire in seduta pubblica.
e) Nel caso di incarichi
da  un valore di 200.000,01€  il beneficiario deve svolgere l’intera procedura tramite il portale www.bandi-altoadige.it.

È vietato il frazionamento artificioso degli incarichi.
L’incarico ad un unico operatore determinato è consentito qualora si tratti di beni e servizi di natura tecnica o artistica particolare oppure in caso di beni e servizi tutelati da particolari diritti esclusivi.
Nell’ambito delle procedure di affidamento è riconosciuta in capo all’Autorità di Gestione la possibilità di esercitare poteri di indirizzo, controllo e autotutela vincolanti per i beneficiari.

Una serie di attività specifiche non possono essere affidate a terzi. Si tratta, in particolare, della direzione del progetto, dell’attività di coordinamento, dell’attività di amministrazione e della segreteria di progetto che devono essere garantite dal beneficiario tramite proprio personale dipendente o parasubordinato, ovvero mediante ricorso a prestazioni professionali individuali.

Una particolare forma di affidamento di attività a terzi è costituita dalla cosiddetta Delega di attività che viene trattata nel Vademecum al capitolo argomenti specifici al punto 1.1. Oltre a quanto già descritto, per la delega di attività vale un’ulteriore serie di restrizioni.
Nella delega è possibile ricondurre gli affidamenti a terzi riguardanti attività costituite da una pluralità di azioni/ prestazioni/ servizi organizzati, coordinati ed eseguiti aventi una relazione sostanziale con le finalità e gli obiettivi preordinati al progetto, e che hanno costituito elemento fondante della valutazione dell’interesse pubblico del progetto stesso. Si tratta di attività/ servizi/ prestazioni aventi particolare rilevanza rispetto alle finalità ed agli interessi pubblici che hanno determinato l’approvazione del progetto e l’attribuzione del finanziamento pubblico.

Nella categoria della delega rientrano le seguenti attività:
a) la selezione e l’orientamento dei destinatari e delle destinatarie;
b) l’elaborazione del materiale didattico
c) l’attività di docenza, sia in prima persona sia come co-docenza
d) l’attività di tutoraggio
e) l’organizzazione e l’accompagnamento di viaggi di studio e stage
f) l’attività di orientamento e inserimento al lavoro dei destinatari e delle destinatarie
g) l’elaborazione dei report intermedi e finali, la valutazione del progetto e il monitoraggio delle attività, qualora non realizzati da chi si occupa della direzione o del coordinamento del progetto.

In generale, la delega di attività è consentita solo qualora si tratti di una prestazione occasionale e di comprovata urgenza. Inoltre, si deve trattare di apporti integrativi, di cui il beneficiario e i suoi partner non dispongono in maniera diretta. La delega deve infine essere prevista dal progetto al momento della sua presentazione. Per sopraggiunti motivi risultanti da eventi imprevedibili per il beneficiario, ed in casi eccezionali, la delega potrà anche essere autorizzata da parte dell’Autorità di Gestione nel corso di esecuzione dell’operazione finanziata, purché preventivamente rispetto all’espletamento delle attività oggetto della stessa fornitura del bene o servizio.
L’importo di attività delegabile all’interno di un singolo progetto può arrivare a un massimo del 30% del costo totale del progetto.

Per informazioni più dettagliate si rimanda al Vademecum per l'ammissibilità della spesa al FSE PO 2007-2013, pubblicato sul sito www.provincia.bz.it/fse. Fa fede la versione in lingua italiana.

Per eventuali domande o ulteriori informazioni Le chiedo gentilmente di rivolgersi alla dott.ssa Beatrix Kofler (Beatrix.Kofler@provincia.bz.it).

 

indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction Delibera 14 gennaio 2013, n. 46
ActionAction Delibera 21 gennaio 2013, n. 103
ActionAction Delibera 28 gennaio 2013, n. 112
ActionAction Delibera 28 gennaio 2013, n. 134
ActionAction Delibera 4 febbraio 2013, n. 186
ActionAction Delibera 11 febbraio 2013, n. 195
ActionAction Delibera 11 febbraio 2013, n. 210
ActionAction Delibera 11 febbraio 2013, n. 236
ActionAction Delibera 18 febbraio 2013, n. 249
ActionAction Delibera 18 febbraio 2013, n. 254
ActionAction Delibera 25 febbraio 2013, n. 290
ActionAction Delibera 25 febbraio 2013, n. 303
ActionAction Delibera 4 marzo 2013, n. 362
ActionAction Delibera 11 marzo 2013, n. 378
ActionAction Delibera 11 marzo 2013, n. 384
ActionAction Delibera 18 marzo 2013, n. 397
ActionAction Delibera 25 marzo 2013, n. 445
ActionAction Delibera 25 marzo 2013, n. 450
ActionAction Delibera 25 marzo 2013, n. 453
ActionAction Delibera 2 aprile 2013, n. 499
ActionAction Delibera 15 aprile 2013, n. 554
ActionAction Delibera 15 aprile 2013, n. 573
ActionAction Delibera 22 aprile 2013, n. 612
ActionAction Delibera 6 maggio 2013, n. 640
ActionActionAllegato
ActionAction Delibera 13 maggio 2013, n. 696
ActionAction Delibera 21 maggio 2013, n. 745
ActionAction Delibera 10 giugno 2013, n. 875
ActionAction Delibera 17 giugno 2013, n. 913
ActionAction Delibera 24 giugno 2013, n. 954
ActionAction Delibera 1 luglio 2013, n. 976
ActionAction Delibera 8 luglio 2013, n. 1034
ActionAction Delibera 8 luglio 2013, n. 1049
ActionAction Delibera 15 luglio 2013, n. 1050
ActionAction Delibera 22 luglio 2013, n. 1094
ActionAction Delibera 22 luglio 2013, n. 1116
ActionAction Delibera 26 agosto 2013, n. 1190
ActionAction Delibera 26 agosto 2013, n. 1191
ActionAction Delibera 2 settembre 2013, n. 1301
ActionAction Delibera 9 settembre 2013, n. 1322
ActionAction Delibera 30 settembre 2013, n. 1406
ActionAction Delibera 30 settembre 2013, n. 1414
ActionAction Delibera 30 settembre 2013, n. 1416
ActionAction Delibera 7 ottobre 2013, n. 1456
ActionAction Delibera 14 ottobre 2013, n. 1519
ActionAction Delibera 14 ottobre 2013, n. 1524
ActionAction Delibera 14 ottobre 2013, n. 1529
ActionAction Delibera 21 ottobre 2013, n. 1596
ActionAction Delibera 21 ottobre 2013, n. 1606
ActionAction Delibera 21 ottobre 2013, n. 1628
ActionAction Delibera 21 ottobre 2013, n. 1644
ActionAction Delibera 28 ottobre 2013, n. 1651
ActionAction Delibera 4 novembre 2013, n. 1686
ActionAction Delibera 25 novembre 2013, n. 1807
ActionAction Delibera 9 dicembre 2013, n. 1853
ActionAction Delibera 9 dicembre 2013, n. 1860
ActionAction Delibera 9 dicembre 2013, n. 1866
ActionAction Delibera 9 dicembre 2013, n. 1868
ActionAction Delibera 9 dicembre 2013, n. 1895
ActionAction Delibera 27 dicembre 2013, n. 1988
ActionAction Delibera 27 dicembre 2013, n. 2025
ActionAction Delibera 27 dicembre 2013, n. 2035
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico