In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

f) Decreto del Presidente della Provincia 25 marzo 2013, n. 81)
Modifica del regolamento di esecuzione relativo all'ordinamento dell'artigianato

1)
Pubblicato nel B.U. 2 aprile 2013, n. 12.

Art. 1 (Modifiche del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, recante “Regolamento di esecuzione relativo all'ordinamento dell'artigianato”)

(1) Nel testo italiano dell’articolo 4 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, inclusa la rubrica, le parole “operai specializzati o operaie specializzate“ sono sostituite dalle parole “operai qualificati o operaie qualificate” e le parole “operaio specializzato o operaia specializzata” sono sostituite dalle parole “operaio qualificato o operaia qualificata”.

(2) Dopo il comma 2 dell’articolo 6 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è aggiunto il seguente comma 3:

“3. Il presente capo contiene inoltre disposizioni in esecuzione del decreto ministeriale 22 gennaio 2008, n. 37.”

(3) Dopo il comma 3 dell’articolo 8 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, sono aggiunti i seguenti commi 4 e 5:

“4. La qualificazione professionale all’esercizio delle attività di installazione e di manutenzione straordinaria di caldaie, stufe a biomassa e caminetti, di sistemi solari fotovoltaici e termici sugli edifici, di sistemi geotermici a bassa entalpia e di pompe di calore di cui all’articolo 15 del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, è data, se si è in possesso di uno dei requisiti professionali di cui all’articolo 29 dell’ordinamento dell’artigianato; le suindicate attività possono essere svolte da coloro che esercitano le professioni di cui all’articolo 28, comma 1, lettere a), e) e j) dell’ordinamento dell’artigianato, nonché le professioni nel cui profilo professionale sono comprese tali attività.

5. La qualificazione professionale di cui al comma 4 ha una validità di cinque anni ed è rinnovata per altri cinque anni in caso di frequenza positiva di un corso di aggiornamento specifico la cui durata e i cui contenuti sono definiti dalla Giunta provinciale.”

(4) Dopo il comma 2 dell’articolo 9 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è aggiunto il seguente comma 3:

“3. Ai sensi delle disposizioni del decreto ministeriale 22 gennaio 2008, n. 37, gli impianti di cui alle lettere c) ed e) del comma 1 dell’articolo 27 dell’ordinamento dell’artigianato possono essere controllati e puliti anche dallo o dalla spazzacamino e dal risanatore o dalla risanatrice di camini nell’ambito delle rispettive competenze.”

(5) Al capo IV del titolo II del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è aggiunta la seguente rubrica:

“ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI NEL SETTORE DELL'IGIENE E DELL'ESTETICA”

(6) L’articolo 32 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è abrogato.

(7) Il testo tedesco della rubrica dell'articolo 33 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è così sostituito:

„Bezeichnung Bäckerei, frisches Brot und konserviertes Brot“.

(8) I commi 2 e 3 dell’articolo 33 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, sono così sostituiti:

“2. La denominazione ‘pane fresco’ è consentita esclusivamente per pane prodotto dall’impresa in un processo di produzione continuo, privo d’interruzioni finalizzate alla conservazione prolungata. Dopo il processo di cottura il pane non deve aver subito un prolungamento della durabilità naturale tramite congelamento o surgelamento. Il pane fresco deve essere privo di conservanti. Per ottimizzare la qualità dei prodotti da forno è consentito l’utilizzo di tecniche di refrigerazione finalizzate unicamente a rallentare o a interrompere il processo di lievitazione, nel rispetto dei seguenti criteri:

  1. rallentamento del processo di lievitazione: per rallentare la lievitazione e la maturazione, gli impasti sono conservati non confezionati per breve tempo, per un massimo di 48 ore, ad una temperatura fino a -10 gradi Celsius e quindi sottoposti al processo di cottura.
  2. interruzione del processo di lievitazione: per interrompere il processo di lievitazione gli impasti sono conservati non confezionati a temperature da -10 a -20 gradi Celsius. Prima o dopo il periodo di fermalievitazione, gli impasti subiscono un processo rallentato di lievitazione e sono quindi sottoposti al processo di cottura. Il periodo di fermalievitazione è limitato a sette giorni.
  3. l’intero processo di refrigerazione deve avvenire prima del processo di cottura parziale o totale.

3. Il pane conservato è quella tipologia di pane che in base alle disposizioni vigenti non rientra nel pane fresco. Sulla confezione deve essere riportata la dicitura “pane conservato” e devono essere indicati lo stato e il metodo di conservazione utilizzato, nonché le eventuali modalità di conservazione e di consumo del prodotto. Il pane precotto, il pane parzialmente cotto e gli impasti che sono stati congelati per motivi di conservazione e di stoccaggio o per il trasporto e la vendita a terzi, dopo il processo di cottura devono essere etichettati come “pane conservato”.”

(9) Dopo il comma 3 dell’articolo 33 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è aggiunto il seguente comma 4:

“4. Il pane può essere definito pane da forno in pietra o da forno a legna se si rispettano le seguenti caratteristiche:

  1. il pane da forno in pietra viene infornato e cotto a diretto contatto con la pietra, senza teglia, stampo o cassetta. La cottura avviene direttamente sulla piastra, che deve essere di pietra naturale, artificiale o altro materiale pietroso idoneo. Esso può pertanto essere denominato pane da forno in pietra solo se cotto in un forno in pietra completamente rivestito di materiale pietroso.
  2. il pane da forno a legna viene infornato e cotto a diretto contatto con la piastra, senza teglia, stampo o cassetta, in un forno in cui l’ambiente di cottura sia di pietra o materiale pietroso. La legna arde direttamente nella fornace dove viene effettuata la cottura. Il forno viene alimentato esclusivamente con legna naturale.”

(10) L’articolo 34 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è così sostituito:

“Art. 34 (Requisiti qualitativi del gelato artigianale)

“1. Il gelato artigianale è una preparazione alimentare portata allo stato solido e pastoso mediante mescolamento e contemporaneo congelamento della miscela degli ingredienti utilizzati per la sua fabbricazione. Mediante la mantecazione a freddo viene incorporata naturalmente aria, che conferisce morbidezza e cremosità al prodotto. In tale stato il gelato è destinato alla vendita ed al consumo.

2. Il gelato artigianale si caratterizza per l’impiego prevalente di materie prime fresche e genuine nella preparazione delle miscele. Le materie prime utilizzate nella preparazione delle miscele sono costituite prevalentemente da latte e dai suoi derivati, da uova, frutta e zuccheri.

3. Qualsiasi prodotto mantenga la struttura e la consistenza propria del gelato ad una temperatura superiore agli 0 gradi Celsius non può essere considerato gelato artigianale.”

(11) La lettera a) del comma 2 dell’articolo 35 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è così sostituita:

“a) Semilavorati: nella preparazione di miscele a base di acqua o latte è vietato l’uso di prodotti atti a sostituire uno o più ingredienti caratterizzanti di cui all’allegato C.”

(12) Alla lettera b) del comma 2 dell’articolo 35 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, la parola “aromatizzanti” è sostituita dalla parola “aromi”.

(13) Il comma 1 dell’articolo 36 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è così sostituito:

“1. Nella preparazione del gelato artigianale il gelatiere o la gelatiera prepara la miscela con materie prime di prima qualità, scelte direttamente, e successivamente composte seconda la sua creatività. È fondamentale che l’artigiano o l’artigiana esegua tutto il processo di lavorazione della preparazione delle miscele alla mantecazione, nel quale la manualità deve risultare prevalente rispetto all’intervento tecnologico. Il gelato artigianale deve essere mantecato secondo un procedimento discontinuo, con interventi anche manuali nel processo produttivo. Non è ammessa l’insufflazione forzata di aria.”

(14) Alla lettera b) del comma 2 dell’articolo 36 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, le parole “7 per cento di peso” sono sostituite da “8 per cento di peso”.

(15) Dopo la lettera b) del comma 2 dell’articolo 36 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è aggiunta la seguente lettera c):

“c) il gelato artigianale aromatico è caratterizzato dal solo apporto aromatico di erbe o radici o bacche, che vengono estratte dalla miscela prima della mantecazione. In ricetta la quantità degli ingredienti caratterizzanti varia secondo il gusto, la creatività e la discrezione del gelatiere o della gelatiera.”

(16) Al comma 3 dell’articolo 36 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, sono eliminate le parole “di gallina”.

(17) Dopo il comma 7 dell’articolo 42 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, sono aggiunti i seguenti commi 8 e 9:

“8. Ferma restando l’applicazione delle disposizioni del presente capo, nell’ambito della prevenzione incendi il controllo e la manutenzione degli impianti termici con una potenza al focolare superiore a 35 kW avvengono ai sensi della legge provinciale 16 giugno 1992, n. 18, e del decreto del Presidente della Provincia 23 giugno 1993, n. 20, e successive modifiche. L’utenza degli impianti sotto a tale potenza potrà scegliere liberamente se provvedere al controllo o meno, fatta eccezione per la manutenzione prevista dalla ditta produttrice.

9. Il controllo e la manutenzione degli impianti di cui al comma 8 sono eseguiti secondo il rispettivo campo di competenza di cui all’allegato B dallo o dalla spazzacamino, dal o dalla bruciatorista, dall’installatore o dall’installatrice di impianti termosanitari oppure da tecnici e tecniche abilitati ai sensi della normativa vigente.”

(18) Il comma 1 dell’articolo 43 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è così sostituito:

“1. Lo o la spazzacamino dà un preavviso di almeno cinque giorni per l’effettuazione del controllo e della pulizia. L'utente dell'impianto di combustione deve provvedere affinché l’intervento di spazzatura del camino possa avere luogo nel giorno prestabilito. Se non è possibile effettuare la spazzatura, è necessario informare lo o la spazzacamino con un preavviso di almeno tre giorni rispetto al termine proposto; è compito dell’utente dell’impianto di combustione concordare un nuovo appuntamento per l’effettuazione delle operazioni suindicate.”

(19) Dopo il comma 1 dell’articolo 46 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è aggiunto il seguente comma 2:

“2. Nel caso in cui sia lo o la spazzacamino a dover provvedere a garantire la sicurezza dell'accesso al camino secondo le disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro, perché l'utente dell'impianto di combustione non osserva l’obbligo di cui all’articolo 43, comma 2, alla tariffa per la spazzatura dei camini possono essere aggiunte le spese per la temporanea messa in sicurezza dell’accesso; in tal caso si effettua l’operazione di messa in sicurezza più economica in base al vigente elenco prezzi informativi della Provincia.”

(20) Dopo la lettera c) del comma 1 dell’articolo 52 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è aggiunta la seguente lettera d):

“d) almeno sei anni di esperienza professionale nella relativa professione in un'azienda del settore come operaio qualificato o operaia qualificata, come familiare collaboratore, come socio collaboratore o come titolare.”

(21) Al comma 2 dell’articolo 54 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, sono eliminate le parole “, entro 60 giorni dalla data dell’ultima pulitura”.

(22) Nell’elenco di cui all’allegato A del decreto del Presidente della Provincia le 19 maggio 2009, n. 27, all’attività di “fotografo/fotografa” è aggiunta la seguente nota:

“1) ad eccezione di riprese cinematografiche e riprese audiovisive”

(23) L’allegato B del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è sostituito come da allegato A al presente decreto.

(24) L’allegato E del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è sostituito come da allegato B al presente decreto.

(25) L’allegato F del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, è sostituito come da allegato C al presente decreto.

Art. 2 (Norma transitoria)

(1) Alle imprese che, al momento dell’entrata in vigore delle disposizioni di cui al comma 3 dell’articolo 1 sono iscritte nel Registro delle imprese per una delle professioni abilitanti all’esercizio delle attività di installazione e di manutenzione straordinaria di caldaie, stufe a biomassa e caminetti, di sistemi solari fotovoltaici e termici sugli edifici, di sistemi geotermici a bassa entalpia e di pompe di calore, sono riconosciuti i requisiti professionali di cui all’articolo 29 della legge provinciale 25 febbraio 2008, n. 1, e citati all’articolo 8, comma 4 del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27.

Art. 3 (Clausola d'urgenza)

(1) Il presente regolamento di esecuzione entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

Allegato A (articolo 1, comma 23)

Allegato B (articolo 9, comma 2)

 

 

 

 

elettro-tecnico /elettro-tecnica

elettrome- ccanico/ elettromeccanica

Elettroni-co/elettronica impiantista

tecnico/tecnica della comunicazione

installatore/ installatrice di impianti termosanitari

tecnico /tecnica bruciatorista

frigorista

installatore/ installatrice di ascensori

installatore/ installatrice di parafulmini

fumista

spazza-camino

risanatore  /risanatri-ce di camini

A

impianti di produzione, trasporto, distribuzione ed utilizzazione dell’ energia elettrica all’interno degli edifici, a partire dal punto di consegna dell’energia fornita dall’ente distributore

X

X3

 

 

 

X6

X8

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

B

impianti radiotelevisivi ed elettronici in genere, antenne e impianti di protezione da scariche atmosferiche

X

 

X4

X

 

 

 

 

X9

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C

impianti di riscaldamento e di climatizzazione azionati da fluido liquido, aeriforme, gassoso o di qualsiasi natura o specie, nonché stufe con una potenzialità al  focolare pari o superiore a 15 chilowatt

X1

 

 

 

X5

X7

X8

 

 

X10

X2

X2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

D

impianti idrosanitari e impianti per il trasporto, trattamento, uso, accumulo e consumo di acqua all’interno degli edifici, a partire dal punto di consegna dell’acqua fornita dall’ente distributore

 

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E

impianti per il trasporto e l’utilizzazione di gas allo stato liquido o aeriforme all’interno degli edifici, a partire dal punto di consegna del combustibile gassoso fornito dall’ente distributore

 

 

 

 

X

X7

X8

 

 

 

X2

X2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

F

impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, montacarichi, scale mobili e simili

 

 

 

 

 

 

 

X

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

G

impianti di protezione antincendio

X2

 

X2

X2

X2

X2

 

 

X2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1 limitatamente ad impianti di riscaldamento e di climatizzazione azionati da energia elettrica

2 limitatamente al rispettivo settore

3 limitatamente ad impianti di produzione e distribuzione di energia elettrica

4 ad eccezione degli impianti radiotelevisivi 

5 ad eccezione degli impianti elettrici 

6 limitatamente ad impianti elettrici per l’utilizzo dell’energia elettrica nell’ambito di una centrale elettrica

7 limitatamente ad impianti di combustione

8 limitatamente ad impianti di raffreddamento e climatizzazione

9 limitatamente ad impianti di protezione da scariche atmosferiche

10 limitatamente a stufe con una potenzialità al focolare pari o superiore a 15 chilowatt”

 

Allegato B (articolo 1, comma 24)

Allegato E (articolo 40, comma 1)

 

 

Fasi

Requisiti

Valore di
criticità (*)

N.

Descrizione

 

1

Preparazione miscela base

Uso ingredienti (materie prime ed altri
ingredienti)

C

Eventuale impiego di grassi esclusivamente del latte o dell'uovo

C

2

Pastorizzazione
(gelato al latte)

Trattamento di pastorizzazione per il gelato al latte

C

3

Maturazione
(eventuale)

Identificazione e rintracciabilità miscele in maturazione

I

4

Mantecazione

Mantecazione discontinua e senza
insufflazione di aria

C

5

Indurimento -
conservazione (eventuale)

Identificazione e rintracciabilità prodotto in
indurimento - conservazione

I

6

Prodotto finito

Tenore minimo solidi totali (estratto secco):

- 32 % per gelato al latte
- 28 % gelato alla frutta

I

 

 

(*)

C

=

cogente (requisito obbligatorio)

I

=

importante (criterio guida, non vincolante ai fini del controllo di conformità)”

Allegato C (articolo 1, comma 25)

Anhang F (articolo 46, comma 1)

 

A) Tariffe per la spazzatura dei camini

a) Edifici privati e rurali

1. Camini

1.1. Camini per focolari e stufe

fino a 20 cm Ø = fino a 314 cm²

oltre 20 fino a 39 cm Ø = oltre 314 fino a 1194 cm²

oltre 39 cm Ø = oltre 1194 cm²

Classe di residenza A
9,86 €
13,24 €
17,43 €

Classe di residenza B
11,82 €
15,95 €
20,94 €

1.2. Camini per riscaldamento e per gli impianti per la produzione di acqua calda

fino a 20 cm Ø = fino a 314 cm²

oltre 20 fino a 39 cm Ø = oltre 314 fino a 1194 cm²

oltre 39 cm Ø = oltre 1194 cm²

Classe di residenza A
1,49 €
2,22 €
3,04 €

Classe di residenza B
1,82 €
2,70 €
3,65 €

2. Congiunzioni

fino a 20 cm Ø = fino a 314 cm²

oltre 20 fino a 39 cm Ø = oltre 314 fino a 1194 cm²

oltre 39 cm Ø = oltre 1194 cm²

Classe di residenza A
1,49 €
1,96 €
3,04 €

Classe di residenza B
1,82 €
2,37 €
3,65 €

3. Focolari

fino a 70 cm larghezza

oltre 70 fino a 100 cm larghezza

oltre 100 cm larghezza

Classe di residenza A
8,31 €
11,75 €
14,39 €

Classe di residenza B
10,00 €
14,12 €
17,29 €

4. Stufe

Stufe di ogni genere

Classe di residenza A
8,31 €

Classe di residenza B
10,00 €

5. Riscaldamenti e focolari adibiti alla produzione di acqua calda alimentati da combustibili liquidi e gassosi

fino a 35 kW

fino a 350 kW per ogni ulteriore kW

351 kW

oltre 351 kW per ogni ulteriore kW

Classe di residenza A
18,92 €
0,08 €
45,26 €
0,07 €

Classe di residenza B
22,77 €
0,10 €
54,32 €
0,08 €

6. Riscaldamenti e focolari adibiti alla produzione di acqua calda alimentati da combustibili solidi

fino a 35 kW

fino a 350 kW per ogni ulteriore kW

351 kW

oltre 351 kW per ogni ulteriore kW

Classe di residenza A
22,70 €
0,10 €
54,31 €
0,08 €

Classe di residenza B
27,33 €
0,12 €
65,19 €
0,10 €

7. Controllo dei fumi di scarico

Combustibile gassoso o liquido
35,43 €

Combustibile solido
44,41 €

9. Tariffa oraria

Maestro artigiano - lavorante artigiano
31,75 €

Apprendista
15,14 €

b) Edifici pubblici, edifici utilizzati per attività industriali, artigianali, commerciali, turistiche o di servizio nonché caserme

1. Camini

fino a 20 cm Ø = fino a 314 cm²

oltre 20 fino a 39 cm Ø = oltre 314 fino a 1194 cm²

oltre 39 cm Ø = oltre 1194 cm²

Classe di residenza A
1,49 €
2,22 €
3,04 €

Classe di residenza B
1,82 €
2,70 €
3,65 €

 

2. Congiunzioni

fino a 20 cm Ø = fino a 314 cm²

oltre 20 fino a 39 cm Ø = oltre 314 fino a 1194 cm²

oltre 39 cm Ø = oltre 1194 cm²

Classe di residenza A
1,49 €
1,96 €
3,04 €

Classe di residenza B
1,82 €
2,37 €
3,65 €

 

3. Focolari

fino a 149 cm larghezza

oltre 149 fino a 220 cm larghezza

oltre 220 cm larghezza

Classe di residenza A
15,95 €
22,77 €
28,04 €

Classe di residenza B
19,12 €
27,29 €
33,64 €

 

4. Stufe

stufe di ogni genere

forni per pizze

Classe di residenza A
11,34 €
13,65 €

Classe di residenza B
15,20 €
18,24 €

 

5. Riscaldamenti e focolari adibiti alla produzione di acqua calda alimentati da combustibili liquidi e gassosi

fino a 35 kW

fino a 350 kW per ogni ulteriore kW

351 kW

oltre 351 kW per ogni ulteriore kW

Classe di residenza A
18,92 €
0,08 €
45,26 €
0,07 €

Classe di residenza B
22,77 €
0,10 €
54,32 €
0,08 €

6. Riscaldamenti e focolari adibiti alla produzione di acqua calda alimentati da combustibili solidi

fino a 35 kW

fino a 350 kW per ogni ulteriore kW

351 kW

oltre 351 kW per ogni ulteriore kW

Classe di residenza A
22,70 €
0,10 €
54,31 €
0,08 €

Classe di residenza B
27,33 €
0,12 €
65,19 €
0,10 €

7. Controllo dei fumi di scarico

Combustibile gassoso o liquido
35,43 €

Combustibile solido
44,41 €

8. Tariffa oraria

Maestro artigiano - lavorante artigiano
31,75 €

Apprendista
15,14 €

B) Applicazione delle tariffe

  1. Le tariffe per la pulitura e la revisione si riferiscono alle seguenti classi di residenza:
    1. la classe di residenza A concerne tutti gli edifici in zone edificate continue in tutti i comuni dell'Alto Adige;
    2. la classe di residenza B concerne tutti gli edifici che distano oltre un chilometro da zone edificate continue.
  2. Una zona si intende edificata continua quando vi insistono più di 15 edifici, a condizione che la distanza tra gli stessi non superi i 100 metri.
  3. Per tutti i servizi svolti al di fuori dei turni di spazzatura e nei giorni domenicali e festivi, nonché in orario serale e notturno, dalle ore 20.00 serali alle ore 6.00 del mattino, si applica una maggiorazione del 100 per cento.
  4. In caso di rifiuto del lavoro di spazzatura o di revisione, regolarmente annunciato dallo o dalla spazzacamino, si applica una maggiorazione del 30 per cento in occasione del nuovo intervento fissato.
  5. Se, previo accordo con l’utente, l'intervento di pulitura e revisione riguarda solo parti dell’impianto di combustione, si applica una maggiorazione del 30 per cento.
  6. Per le prestazioni non espressamente indicate nelle tariffe si applica la tariffa oraria.
  7. Le tariffe sono tariffe massime e possono essere ridotte a discrezione. Sono considerate al netto dell'imposta sul valore aggiunto.
  8. Ogni tre anni il tariffario è aggiornato in base all'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati nel Comune di Bolzano, calcolato dall'Istituto Nazionale di Statistica.

 

C) Le tariffe in dettaglio

  1. Le tariffe di cui alla lettera a), punto 1.1, sono applicate indipendentemente dalla lunghezza del camino e si differenziano unicamente in ragione della sezione interna.
  2. Le tariffe di cui alla lettera a), punto 1.2, e le tariffe di cui alla lettera b), punto 1, sono calcolate in ragione della relativa sezione interna, in base ad un prezzo per metro. La lunghezza del camino è misurata dallo sbocco del camino fino al piede dello stesso, indipendentemente dall'altezza della congiunzione con il focolare. Fino a 50 centimetri di lunghezza si arrotonda per difetto, a partire da 51 centimetri si arrotonda per eccesso al metro successivo.
  3. Le tariffe di cui alle lettere a) e b), punto 2, sono calcolate in base alla lunghezza e alla sezione degli elementi. Fino a 50 centimetri si arrotonda per difetto, a partire da 51 centimetri si arrotonda per eccesso al metro successivo.
  4. Le tariffe di cui alle lettere a) e b), punto 3, sono calcolate in base alla larghezza del focolare, misurata da bordo esterno a bordo esterno.
  5. Le tariffe di cui alle lettere a) e b), punto 4, valgono per ogni singola stufa, indipendentemente dalla grandezza, fatta eccezione per le stufe in muratura, nelle quali le capsule di pulizia sono murate.
  6. La tariffa di cui alle lettere a) e b), punto 7, si riferisce al controllo dei fumi di scarico.
  7. Per ogni successiva frazione di mezz'ora iniziata si applica la tariffa oraria di cui alle lettere a) e b), punto 8.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionA Provvidenze per l' artigianato
ActionActionB Ordinamento dell' artigianato
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 19 settembre 1991, n. 21
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 24 agosto 1995, n. 40
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 4 maggio 2000, n. 19 —
ActionActiond) Legge provinciale 25 febbraio 2008, n. 1
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009 , n. 27
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 25 marzo 2013, n. 8
ActionActionArt. 1 (Modifiche del , recante “Regolamento di esecuzione relativo all'ordinamento dell'artigianato”)
ActionActionArt. 2 (Norma transitoria)
ActionActionArt. 3 (Clausola d'urgenza)
ActionActionAllegato A (articolo 1, comma 23)
ActionActionAllegato B (articolo 1, comma 24)
ActionActionAllegato C (articolo 1, comma 25)
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 7 aprile 2017, n. 13
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico