In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

h) Decreto del Presidente della Provincia 1 febbraio 2013, n. 41)
Regolamento di esecuzione sull'imposta comunale di soggiorno

1)
Pubblicato nel B.U. 5 febbraio 2013, n. 6.

Art. 1 (Ambito di applicazione) 

(1) Il presente regolamento disciplina le modalità e le procedure per l’applicazione dell’imposta comunale di soggiorno in attuazione dell’articolo 1 della legge provinciale 16 maggio 2012, n. 9, recante “Finanziamento in materia di turismo”, di seguito denominata legge provinciale.

(2) L’imposta comunale di soggiorno si applica in tutti i comuni della provincia di Bolzano.

(3) Per motivi di marketing, l’imposta comunale di soggiorno può essere anche denominata in breve “Ortstaxe”, “imposta di soggiorno” e “local tax”. 2)

2)
L'art. 1, comma 3, è stato aggiunto dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28.

Art. 2 (Titolare dell’imposta)

(1) È titolare dell’imposta il comune nel quale è ubicato l’esercizio ricettivo di cui all’articolo 1, comma 2, della legge provinciale nel quale avviene il pernottamento.

Art. 3 (Potestà regolamentare dei comuni)

(1) I comuni disciplinano con regolamento:

  1. la misura dell’imposta comunale di soggiorno;
  2. le modalità di trasmissione dei dati necessari;
  3. le modalità di versamento dell’imposta;
  4. il procedimento di controllo del rispetto dei criteri di qualità, come da accordo tra l’amministrazione provinciale ed il Consorzio dei comuni.

Art. 4 (Soggetti passivi)

(1) L’imposta comunale di soggiorno è dovuta dai soggetti che pernottano negli esercizi ricettivi di cui all’articolo 1, comma 2, della legge provinciale, situati nel territorio della provincia di Bolzano.

(2) Il gestore dell’esercizio ricettivo riscuote l’imposta comunale di soggiorno per ogni persona e per ogni notte di soggiorno. 3)

3)
L'art. 4, comma 2, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 2, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28.

Art. 5 (Sostituti di imposta)

(1) Sono sostituti d’imposta, con diritto di rivalsa nei confronti del soggetto passivo, i gestori degli esercizi ricettivi di cui all’articolo 1, comma 2, della legge provinciale, i quali sono tenuti a:

  1. riscuotere l’imposta comunale di soggiorno dai soggetti passivi;
  2. presentare le dichiarazioni richieste dai comuni;
  3. riversare al comune competente le somme dovute. 4)
4)
La lettera c) dell'art. 5, comma 1, è stata così sostituita dall'art. 1, comma 3, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28.

Art. 6 (Assegnazione del gettito dell’imposta)

(1)  Ai sensi dell’articolo 1, comma 4, della legge provinciale, il 25 per cento del gettito dell’imposta comunale di soggiorno di cui all’articolo 8, comma 1/bis, del presente regolamento viene assegnato all’Azienda speciale “Innovation Development Marketing Südtirol/Alto Adige” (IDM), quale organizzazione provinciale competente per la promozione turistica, che inoltra la quota alla competente sede distaccata per l’attività di marketing di destinazione.

(2)  La restante quota del gettito totale dell’imposta comunale di soggiorno viene assegnata alle organizzazioni turistiche iscritte nell’elenco provinciale delle organizzazioni turistiche ai sensi della legge provinciale 19 settembre 2017, n. 15, a condizione che siano rispettati i criteri di qualità stabiliti dalla Giunta provinciale e che venga dimostrata la quota di autofinanziamento di 0,45 euro per pernottamento, riferita all’anno precedente.

(3)  In caso di parziale o mancato raggiungimento della quota di autofinanziamento di 0,45 euro per pernottamento, l’assegnazione del gettito dell’imposta comunale di soggiorno alle organizzazioni turistiche avviene come segue:

  1. da 0,35 euro fino a importi inferiori a 0,45 euro: 70% della restante quota del gettito dell’imposta comunale di soggiorno;
  2. da 0,25 euro fino a importi inferiori a 0,35 euro: 50% della restante quota del gettito dell’imposta comunale di soggiorno;
  3. per importi inferiori a 0,25 euro: 0% della restante quota del gettito dell’imposta comunale di soggiorno.

(4)  La quota di autofinanziamento è determinata sulla base della media dei pernottamenti degli ultimi tre anni turistici, secondo i dati dell’Istituto provinciale di statistica (ASTAT).

(5)  Per le organizzazioni turistiche operanti in zone di competenza in cui almeno il 10 % dei pernottamenti viene generato in esercizi che non sono soci dell’organizzazione stessa, l’autofinanziamento è calcolato in base al numero di pernottamenti generati dagli esercizi associati nell’anno di riferimento. Per ottenere l’assegnazione dell’importo previsto del gettito dell’imposta comunale di soggiorno, le suddette organizzazioni dovranno dimostrare una quota di autofinanziamento maggiorata di 0,05 euro rispetto agli importi di cui ai commi 2 e 3.

(6)  Si ascrivono all’autofinanziamento:

  1. le quote sociali annue;
  2. i contributi obbligatori;
  3. i contributi da sponsoring;
  4. i contributi da marketing di membri e partner;
  5. le entrate da inserzioni e pubblicità da parte di membri;
  6. l’utile/il guadagno netto da Guest Card, contratti di locazione e d’affitto, gestione di impianti o strutture;
  7. offerte e donazioni.

(7)  La ripartizione provinciale competente in materia di turismo comunica ai comuni, entro il 15 febbraio dell’anno successivo a quello di competenza, il parziale o mancato raggiungimento della quota di autofinanziamento, affinché questi riducano o sospendano i riversamenti.

(8)  Gli importi della restante quota del gettito dell’imposta comunale di soggiorno non riversati per mancato o parziale raggiungimento della quota di autofinanziamento possono essere assegnati all’IDM per l’attività di marketing di destinazione. 5) 

5)
L'art. 6, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.

Art. 7 (Esenzioni)

(1)Sono esenti dal pagamento dell’imposta comunale di soggiorno:

  1. i minori fino al compimento del 14° anno di età;
  2. il personale che pernotta nell’esercizio presso cui presta servizio;
  3. le persone che pernottano in esercizi ricettivi a seguito di eventi naturali calamitosi;
  4. le persone che frequentano tirocini obbligatori di istituti di formazione pubblici della Provincia o partecipano a progetti didattici degli stessi;
  5. le persone che risiedono nel comune e soggiornano temporaneamente in un esercizio a causa di problemi abitativi. 6)
6)
L'art. 7 è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 15 gennaio 2015, n. 2.

Art. 8 (Determinazione dell’imposta comunale di soggiorno)

(1) L’imposta comunale di soggiorno è determinata, ai sensi dell’articolo 1, comma 1, della legge provinciale per ogni pernottamento nella misura di:

  1. euro 1,30 per gli esercizi ricettivi di cui all’articolo 5 della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58 con la classificazione di quattro stelle, quattro stelle “superior” e cinque stelle;
  2. euro 1,00 per gli esercizi ricettivi di cui all’articolo 5 della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58 con la classificazione di tre stelle e tre stelle “superior”;
  3. euro 0,70 per tutti gli altri esercizi ricettivi di cui all’articolo 1, comma 2, della legge provinciale 16 maggio 2012, n. 9.

(1/bis) Con decorrenza dal 1° gennaio 2018 l’imposta comunale di soggiorno di cui al comma 1 è determinata per ogni pernottamento nella misura di:

  1. euro 1,60 per gli esercizi ricettivi di cui all’articolo 5 della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58, con la classificazione di quattro stelle, quattro stelle “superior” e cinque stelle;
  2. euro 1,20 per gli esercizi ricettivi di cui all’articolo 5 della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58, con la classificazione di tre stelle e tre stelle “superior”;
  3. euro 0,85 per tutti gli altri esercizi ricettivi di cui all’articolo 1, comma 2, della legge provinciale. 7)

(2)Il comune può aumentare, con deliberazione del consiglio comunale, l’imposta comunale di soggiorno, in via generale o per particolari progetti, fino a un importo massimo di 2,50 euro, previo parere dell’organizzazione turistica territorialmente competente iscritta nell’apposito elenco provinciale. L’aumento riguarda tutti gli esercizi ricettivi di cui all’articolo 1, comma 2, della legge provinciale e si applica in genere in misura proporzionale. In questo caso l’importo dell’aumento è arrotondato per eccesso ai 10 centesimi. Per servizi e iniziative che interessano tutte le categorie ricettive, l’aumento può essere anche della stessa misura per tutte le categorie ricettive. L’intero gettito derivante dall’aumento è assegnato all’organizzazione turistica territorialmente competente, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 6. 8)

(2/bis) 2/bis. L’aumento di cui al comma 2 si intende addizionale agli importi dell’imposta comunale di soggiorno di cui ai commi 1 e 1/bis. 9)

(3) L’aumento dell’imposta va deliberato entro il 30 giugno e si applica a decorrere dal 1° gennaio del secondo anno successivo.

(4) Gli importi dell’imposta comunale di soggiorno stabiliti dal comune sono riscossi senza arrotondamento. 10)

7)
L'art. 8, comma 1/bis, è stato inserito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 26 maggio 2016, n. 15.
8)
L'art. 8, comma 2, è stato prima sostituito dall'art. 1, comma 7, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28, poi dall'art. 1, comma 2, del D.P.P. 26 maggio 2016, n. 15, ed infine dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.
9)
L'art. 8, comma 2/bis, è stato inserito dall'art. 1, comma 3, del D.P.P. 26 maggio 2016, n. 15.
10)
L'art. 8, comma 4, è stato aggiunto dall'art. 1, comma 8, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28.

Art. 9 (Obbligo di dichiarazione)

(1) Entro 15 giorni dalla fine di ogni mese il sostituto d’imposta comunica al comune il numero dei pernottamenti e i casi di esenzione relativi al mese precedente.

Art. 10 (Termine di versamento)

(1) L’imposta comunale di soggiorno è determinata nella misura di cui all’Art. 4, comma 2 del presente regolamento ed è corrisposta l’ultimo giorno di permanenza del soggetto passivo nell’esercizio ricettivo.

Art. 11 (Termine di riversamento)

(1)Contestualmente alla presentazione della dichiarazione di cui all’articolo 9, i sostituti d’imposta riversano al comune competente le somme riscosse nel mese precedente.11)

(2) 12)

(3)Entro i 15 giorni successivi alla scadenza del termine per il versamento delle somme da parte degli esercizi ricettivi, il comune provvede a riversare gli importi incassati all’organizzazione turistica territorialmente competente e all’IDM per l’inoltro alla sede distaccata competente. 13)

11)
L'art. 11, comma 1, è stato prima sostituito dall'art. 1, comma 9, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28, e poi dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 15 gennaio 2015, n. 2.
12)
L'art. 11, comma 2, è stato abrogato dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.
13)
L'art. 11, comma 3, è stato così sostituito dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.

Art. 12 (Controlli)

(1) Il comune è competente per il procedimento di controllo del rispetto dei criteri di qualità stabiliti dalla Giunta provinciale.

(2) Se un’organizzazione turistica opera sul territorio di più comuni, per il procedimento di controllo è competente il comune nel quale detta organizzazione ha la sua sede principale. 14)

(3)  Se i sostituti d’imposta, la Provincia o i comuni non presentano reclami in forma scritta presso il comune competente per il controllo e se non vengono accertate irregolarità, i criteri di qualità si intendono rispettati, a condizione che le organizzazioni turistiche abbiano depositato annualmente in via telematica presso i comuni competenti e presso la ripartizione provinciale competente in materia di turismo la seguente documentazione:

  1. entro il 30 novembre, il programma delle attività e una copia del bilancio di previsione dell’esercizio finanziario successivo;
  2. entro il 30 giugno, una copia del conto consuntivo dell’anno finanziario precedente e della relazione sulle attività con un rendiconto sull’impiego delle entrate pubbliche. 15)

(3/bis) Entro il 31 gennaio di ogni anno le organizzazioni turistiche depositano in via telematica presso la ripartizione provinciale competente in materia di turismo, una dichiarazione sull’importo dell’autofinanziamento relativo all’anno precedente. 16)

(4) La ripartizione provinciale competente in materia di turismo e tutti i comuni competenti possono effettuare in ogni momento controlli sul corretto impiego dei fondi pubblici e sul rispetto dei criteri di qualità.

(5)La ripartizione provinciale competente in materia di turismo effettua annualmente controlli a campione su almeno il sei per cento delle organizzazioni turistiche esistenti al 1° gennaio. 17)

(6) Eventuali irregolarità sono segnalate ai comuni, che possono decurtare le assegnazioni dei fondi derivanti dall’imposta comunale di soggiorno.

14)
L'art. 12, comma 2, è stato così sostituito dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.
15)
L'art. 12, comma 3, è stato così sostituito dall'art. 4, comma 2, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.
16)
L'art. 12, comma 3/bis, è stato inserito dall'art. 4, comma 3, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.
17)
L'art. 12, comma 5, è stato così sostituito dall'art. 4, comma 4, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.

Art. 13 (Rimborsi)

(1)Il rimborso delle somme indebitamente versate a titolo di imposta comunale di soggiorno deve essere richiesto dai sostituti d’imposta oppure dai soggetti passivi entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto alla restituzione.

(2) L’importo erroneamente versato in eccedenza può essere recuperato anche mediante compensazione con i pagamenti dell’imposta da effettuarsi alle scadenze successive. 18)

18)
L'art. 13 è stato così sostituito dall'art. 5, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.

Art. 13/bis (Norme transitorie)

(1) La ripartizione e l’assegnazione dell’imposta comunale di soggiorno riscossa a partire dal 1° gennaio 2018 avviene ai sensi dell’articolo 6 del presente regolamento.

(2) Le entrate dell’imposta comunale di soggiorno relative agli anni di competenza 2014, 2015, 2016 e 2017, riscosse fino al 30 aprile 2018, sono ripartite tra le associazioni turistiche e i consorzi turistici ai sensi delle norme vigenti per ciascun anno di competenza. Dopo tale data gli importi originariamente previsti per i consorzi turistici sono assegnati all’IDM.

(3) La quota di autofinanziamento riferita all’anno 2017 è stabilita nella misura fissa di 0,15 euro per pernottamento. 19)

19)
L'art. 13/bis, è stato inserito dall'art. 6, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1. Vedi anche l'art. 8, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2018, n. 1.

Art. 14 (Entrata in vigore)

(1) Il presente regolamento di esecuzione entra in vigore il 1° gennaio 2014, fatto salvo quanto disposto al comma 2. 20)

(2) In prima applicazione il comune può deliberare l’aumento dell’imposta entro il 30 novembre 2013, con decorrenza dal 1° gennaio 2015. 21)

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

20)
L'art. 14, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 12, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28.
21)
L'art. 14, comma 2, è stato aggiunto dall'art. 1, comma 13, del D.P.P. 2 ottobre 2013, n. 28.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionA Partecipazioni provinciali
ActionActionB Tributi provinciali
ActionActiona) Legge provinciale 16 dicembre 1994, n. 12
ActionActionb) Legge provinciale 13 marzo 1995, n. 5 (1)
ActionActionc) Legge provinciale 13 febbraio 1997, n. 3
ActionActiond) Legge provinciale 11 agosto 1998, n. 9
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 4 aprile 2002, n. 10 —
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 25 agosto 2005, n. 39
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 29 giugno 2011 , n. 24
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 1 febbraio 2013, n. 4
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione) 
ActionActionArt. 2 (Titolare dell’imposta)
ActionActionArt. 3 (Potestà regolamentare dei comuni)
ActionActionArt. 4 (Soggetti passivi)
ActionActionArt. 5 (Sostituti di imposta)
ActionActionArt. 6 (Assegnazione del gettito dell’imposta)
ActionActionArt. 7 (Esenzioni)
ActionActionArt. 8 (Determinazione dell’imposta comunale di soggiorno)
ActionActionArt. 9 (Obbligo di dichiarazione)
ActionActionArt. 10 (Termine di versamento)
ActionActionArt. 11 (Termine di riversamento)
ActionActionArt. 12 (Controlli)
ActionActionArt. 13 (Rimborsi)
ActionActionArt. 13/bis (Norme transitorie)
ActionActionArt. 14 (Entrata in vigore)
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 4 gennaio 2018, n. 1
ActionActionC Finanze locali
ActionActionD Bilancio provinciale
ActionActionE - Debito fuori bilancio
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico