In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera N. 4038 del 31.10.2005
Disciplinare della certificazione volontaria genetico-sanitaria del materiale di propagazione vegetale delle piante da frutto

Allegato
 

1. Finalità e soggetti

1. La certificazione di cui al comma 1 dell'articolo 6 della legge provinciale 23 marzo 1981, n. 8, e seguenti modifiche, persegue lo scopo di offrire al settore della produzione di frutta la massima garanzia d'identità genetica e dello stato sanitario dei vegetali del settore vivaistico.
2. Le aziende vivaistiche autorizzate ai sensi dell'articolo 5 della legge provinciale 23 marzo 1981, n. 8, e seguenti modifiche ed aventi il centro aziendale vivaistico produttivo sul territorio provinciale possono richiedere la certificazione per i propri campi di piante madri e per i vivai situati nel territorio provinciale al Servizio fitosanitario provinciale presso la ripartizione Agricoltura.
 

2. Definizioni

Ai fini dell'applicazione del presente disciplinare sono adottate le seguenti definizioni:
prebase: materiale di moltiplicazione prodotto da piante madri costituite per filiazione diretta dalla fonte primaria o dall'accessione;
base: materiale di moltiplicazione prodotto da piante madri costituite per filiazione diretta da piante madri di categoria prebase;
certificato: materiale di moltiplicazione prodotto da piante costituite per filiazione diretta da piante madri di categoria base;
centro aziendale: unità produttiva autonoma stabilmente costituita presso la quale sono tenuti i registri ed i documenti previsti dai manuali delle singole specie;
certificazione: procedura tecnico-legislativa cui viene sottoposto il materiale di propagazione per l'accertamento ed il mantenimento dello stato sanitario e della corrispondenza varietale o clonale stabilita dai manuali di produzione delle singole specie;
manuale di produzione: documento contenente le modalità di svolgimento delle attività di produzione e di controllo dei materiali di moltiplicazione nel sistema provinciale di certificazione;
virus controllato (vt): materiale esente da virus, viroidi, fitoplasmi ed altri organismi nocivi specifici di particolare importanza economica, come specificamente indicato dai manuali di produzione delle singole specie;
virus esente (vf): materiale esente da virus, viroidi, fitoplasmi ed altri organismi nocivi noti per la specie considerata come specificamente indicato dai manuali di produzione delle singole specie;
vivaio: luogo ove si effettua la coltivazione delle piante secondo quanto previsto dai manuali di produzione delle singole specie.
 

3. Fasi della certificazione

1. Il processo di certificazione si articola nelle seguenti fasi:
a) la conservazione del materiale di prebase, che si svolge nel Centro di Conservazione per la  Premoltiplicazione gestito dal Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale di Laimburg;
b) la premoltiplicazione del materiale di base, che si attua nel Centro di Premoltiplicazione gestito dal Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale di Laimburg;
c) la moltiplicazione del materiale certificato, che si attua nei campi di piante madri per marze  portainnesti;
d) nei vivai per le piante certificate destinate alla produzione frutticola.
 

4. Manuali di produzione

Le norme tecniche da applicare alle fasi della certificazione sono contenute, distinte per specie o gruppi di specie da frutta, in appositi manuali di produzione disposti dal direttore di ripartizione Agricoltura su proposta del Servizio fitosanitario provinciale.
 
 

5. Compiti dell'organo certificante

Ai fini della certificazione al Servizio fitosanitario provinciale compete:
a) la verifica dell'idoneità dei centri di conservazione, premoltiplicazione e moltiplicazione nonchè il loro riconoscimento;
b) il controllo sul materiale presente nei centri di conservazione, premoltiplicazione, moltiplicazione e nei vivai;
c) il controllo tecnico-amministrativo di tutte le fasi della certificazione, compreso il controllo dei materiali pronti per la cessione;
d) il rilascio degli attestati di certificazione;
e) l'emanazione di misure contingenti in materia fitosanitaria;
f)      il riconoscimento di materiali di propagazione prodotti sulla base di schemi di certificazione di altri organismi.
 

6. Etichettatura

1. Il Servizio fitosanitario provinciale dopo aver svolto i previsti controlli autorizza per ciascuna tipologia di materiale di cui al punto 2 l'apposizione di un'etichetta conformemente alle modalità stabilite nel relativo manuale di produzione di cui al punto 4.
2. Il materiale di propagazione prodotto, approvato secondo quanto previsto nel comma 1, viene contrassegnato tramite etichetta quale materiale certificato “virusesente (v.f.)” o “viruscontrollato (v.t.)” accompagnato dalla menzione della varietà e del clone.
3. La tipologia dell'etichetta di cui all'articolo 6, comma 2 della legge provinciale 23 marzo 1981, n. 8 e seguenti modifiche è disposta dal direttore del Servizio fitosanitario provinciale.
 

7. Tariffario

Gli oneri relativi all'attività di certificazione del materiale di propagazione, svolta dal Servizio fitosanitario provinciale, sono a carico dei richiedenti e disposti nella misura seguente:
- 2,40 euro per 100 astoni certificati;
- 0,15 euro per 50 portainnesti certificati;
- 100,00 euro per singola ispezione ai fini del rilascio di un attestato di certificazione.
 
 

8. Disposizioni transitorie

1. I materiali di propagazione, fino al termine del loro ciclo biologico in atto, e le strutture riconosciuti e rispettivamente autorizzati ai sensi della normativa provinciale vigente al momento dell'approvazione del presente disciplinare rimangono tali.
2. Fino all'applicazione della certificazione nazionale di cui al decreto ministeriale 24 luglio 2003 il presente disciplinare si applica per i materiali di propagazione di cui al precedente comma 1. in deroga ai requisiti territoriali.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction Delibera 24 gennaio 2005, n. 102
ActionAction Delibera 31 gennaio 2005, n. 208
ActionAction Delibera N. 311 del 14.02.2005
ActionAction Delibera N. 342 del 14.02.2005
ActionAction Delibera N. 637 del 07.03.2005
ActionAction Delibera N. 842 del 21.03.2005
ActionAction Delibera N. 848 del 21.03.2005
ActionAction Delibera 4 aprile 2005, n. 1072
ActionAction Delibera N. 1270 del 18.04.2005
ActionAction Delibera N. 1303 del 26.04.2005
ActionAction Delibera N. 1317 del 26.04.2005
ActionAction Delibera N. 1533 del 09.05.2005
ActionAction Delibera N. 1626 del 17.05.2005
ActionAction Delibera N. 1705 del 17.05.2005
ActionAction Delibera N. 1749 del 23.05.2005
ActionAction Delibera N. 1884 del 30.05.2005
ActionAction Delibera N. 1999 del 06.06.2005
ActionAction Delibera N. 2039 del 13.06.2005
ActionAction Delibera N. 2225 del 20.06.2005
ActionAction Delibera N. 2260 del 20.06.2005
ActionAction Delibera N. 2297 del 27.06.2005
ActionAction Delibera 25 luglio 2005, n. 2634
ActionAction Delibera N. 2691 del 25.07.2005
ActionAction Delibera N. 2750 del 10.08.2005
ActionAction Delibera N. 2912 del 10.08.2005
ActionAction Delibera N. 3300 del 12.09.2005
ActionAction Delibera N. 3351 del 12.09.2005
ActionAction Delibera N. 3553 del 26.09.2005
ActionAction Delibera N. 3618 del 03.10.2005
ActionAction Delibera 3 ottobre 2005, n. 3647
ActionAction Delibera 3 ottobre 2005, n. 3652
ActionAction Delibera N. 3733 del 10.10.2005
ActionAction Delibera N. 3793 del 10.10.2005
ActionAction Delibera N. 3988 del 24.10.2005
ActionAction Delibera N. 4038 del 31.10.2005
ActionAction Delibera N. 4039 del 31.10.2005
ActionAction Delibera N. 4707 del 05.12.2005
ActionAction Delibera N. 4753 del 12.12.2005
ActionAction Delibera N. 4897 del 19.12.2005
ActionAction Delibera N. 5035 del 30.12.2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico