In vigore al

RICERCA:

Aufgrund von Wartungsarbeiten steht der Dienst am 24. Oktober 2019 von 00:00 Uhr bis 02:00 Uhr nicht zur Verfügung.

Il giorno 24 ottobre 2019 il servizio non sará disponibile dalle ore 00:00 alle ore 02:00 per manutenzione.

Ultima edizione

T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 218 del 28.05.2003
Atto amministrativo - principio tempus regit actum e jus superveniens - contributi per impianti idroelettrici - termine del procedimento

Sentenza del 28 maggio 2003, n. 218; – Pres. Mosna, Est. Rossi Dordi
 
Il principio giuridico del “tempus regit actum”, secondo cui gli atti e provvedimenti devono essere formati nel rispetto della normativa vigente al momento della loro emanazione, è un principio generale nel campo amministrativo, valido anche nel caso di ritardo nell'emissione del provvedimento. Rimane peraltro ferma la non applicabilità dello jus superveniens qualora, dopo la notifica di una sentenza del Giudice amministrativo di annullamento di un provvedimento di diniego, la Pubblica Amministrazione debba rinnovare il provvedimento stesso in riferimento alla originaria domanda, nel qual caso è applicabile la normativa vigente alla data in cui è stata effettuata la notifica (cfr. Cons. Stato Ad. Plen. 8 gennaio 1986 n. 1).
 
Il principio del divieto di applicazione analogica di leggi penali e speciali di cui all'art. 14 delle preleggi al codice civile – secondo cui le leggi penali e quelle che fanno eccezione a regole generali o ad altre leggi non si applicano oltre i casi e tempi in esse considerati – è valido anche nel campo del diritto amministrativo e non ha alcuna connessione con gli effetti che comporta l'abrogazione di una legge, la quale non può considerarsi un'eccezione ad una regola generale, ma costituisce un fatto che incide sulla vigenza della legge stessa.
 
Nel procedimento diretto alla concessione di un contributo per la costruzione di un impianto idroelettrico di cui all'art. 8 LP 19 febbraio 1993 n. 4 e s.m., va applicato l'art. 4 co. 4 LP 22 ottobre 1993 n. 17, in virtù del quale, per i casi in cui nessuna norma disponga al riguardo, il termine di conclusione del procedimento è di trenta giorni decorrenti dalla data di messa in mora dell'Amministrazione a mezzo di diffida.
 
E' manifestamente infondata, in relazione agli artt. 116 e 117 Cost. e agli artt. 4, 5, 8 dello Statuto di autonomia, la questione di legittimità costituzionale dell'art. 4 co. 4 LP 22 ottobre 1993 n. 17, là dove è posta a carico della parte interessata l'onere della diffida all'Amministrazione di concludere il procedimento entro il termine di trenta giorni. Invero, la diffida prevista dal legislatore provinciale ha funzione di tipo sollecitatorio, analogamente alla funzione meramente acceleratoria che ha il termine dettato dalla corrispondente norma statale (art. 2 L. n. 241/90), termine che – tranne i soli casi in cui il procedimento deve sfociare in un provvedimento sanzionatorio – assume carattere ordinatorio tutte le volte in cui il decorso del termine di trenta giorni non può comunque determinare la perdita del potere di provvedere da parte dell'Amministrazione, con conseguente legittimità anche del provvedimento tardivamente adottato.
 
E' manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 23 LP 29 agosto 2000 n. 13 (che modifica l'art. 8 LP 19 febbraio 1993 n. 4), per contrasto con gli artt. 4, 5, 6, 8, 9 dello Statuto di autonomia, non avendo pretesamene la Provincia di Bolzano competenza legislativa specifica, ma solo indiretta e riflessa, nel settore della contribuzione per impianti idroelettrici. La Corte Costituzionale, invece, con sentenze n. 483/1991 e n. 244/1992, ha avuto modo di affermare chiaramente la competenza della Provincia autonoma di Bolzano a regolamentare, in via del tutto autonoma, il settore della contribuzione in materia energetica.
 
E' manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale della LP 29 agosto 2000 n. 13 per disparità di trattamento, in quanto tale normativa avrebbe eliminato solo il contributo per gli impianti idroelettrici mentre avrebbe confermato tutti gli altri interventi previsti negli altri settori. Per contro, il legislatore provinciale ha eliminato detto contributo in base alle risultanze scientifiche trascritte nel Piano energetico provinciale (approvato con delibera GP 29 aprile 1996 n. 1837) per cui non si può parlare né di disparità di trattamento né di irragionevolezza. E' pienamente giustificata, infatti, sul piano normativo, la differenziazione del trattamento degli impianti elettrici prettamente commerciali da quello riservato agli altri interventi, che, essendo utili anche alla collettività, sono ritenuti meritevoli di incentivazione pubblica (come ad es. gli impianti per l'utilizzo di fonti rinnovabili o alternative, finalizzati al risparmio energetico).
indice
ActionActionVerfassungsrechtliche Bestimmungen
ActionActionLandesgesetzgebung
ActionActionBeschlüsse der Landesregierung
ActionActionUrteile Verfassungsgerichtshof
ActionActionUrteile Verwaltungsgericht
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 31 del 31.01.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 34 del 31.01.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 35 del 03.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 39 del 05.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 40 del 05.02.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 41 vom 10.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 48 del 12.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 51 del 12.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 52 del 14.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 62 del 20.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 66 del 28.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 76 del 10.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 77 del 11.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 95 del 17.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 96 del 17.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 107 del 17.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 123 del 02.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 133 del 08.04.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 150 vom 24.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 158 del 28.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 165 del 30.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 166 del 30.04.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 172 vom 05.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 176 del 07.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 189 del 14.05.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 194 vom 15.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 210 del 20.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 213 del 20.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 215 del 23.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 218 del 28.05.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 259 vom 07.06.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 251 vom 16.06.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 263 del 19.06.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 280 vom 26.06.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 297 del 04.07.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 298 del 04.07.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 306 del 14.07.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil N. 342 del 19.08.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 366 del 29.08.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 388 del 11.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 399 del 17.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 403 del 17.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 411 del 27.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 416 del 29.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 426 del 01.10.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 429 del 01.10.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 461 del 20.11.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 474 vom 24.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 474 del 24.11.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 475 vom 24.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 495 del 27.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 502 del 29.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 509 del 04.12.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 517 del 10.12.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 557 del 30.12.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 375 del 01.09.2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1989
ActionActionChronologisches inhaltsverzeichnis