In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 27/05/2016

Delibera N. 3322 del 24.09.2001
Rimborso delle spese di ostetricia sostenute per il parto a domicilio - Linee guida ed assegnazioni alle Aziende Sanitarie (modificata con delibera N. 4746 del 28.12.2001, delibera N. 4708 del 05.12.2005, delibera 4287 del 10.12.2007 e con delibera N. 4562 del 01.12.2008)

...omissis...

1. Di determinare in 516,46 Euro il rimborso parziale per l'anno 2009 per le spese sostenute per i parti a domicilio.

2. Di approvare l'allegato A che è parte integrante della presente deliberazione, che determina le condizioni secondo cui effettuare i rimborsi.

3. Di autorizzare l´Ufficio distretti sanitari ad effettuare il rimborso alle Aziende Sanitarie secondo le linee guida, di cui all'allegato A.

4. Di impegnare l´importo di Lire 80.000.000.- sul capitolo 52406 del bilancio provinciale 2001.

5. Di assegnare alle Aziende Sanitarie per il rimborso delle spese di ostetricia sostenute per il parto a domicilio, i seguenti importi:

Azienda Sanitaria di     Importo

Bolzano     36.000.000.-

Merano     20.800.000.-

Bressanone     11.200.000.-

Brunico     12.000.000.-

Totale     80.000.000.-

6. Di rimborsare le spese sostenute per i parti a domicilio avvenuti nel periodo dal 4 aprile 2001 alla data di pubblicazione della presente deliberazione, se le richieste di rimborso verranno presentate entro novanta giorni dalla stessa.

7. Di pubblicare la presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino Alto Adige.

 
Allegato

LINEE GUIDA

I rimborsi delle spese di ostetricia sostenute per il parto a domicilio, di cui al comma 3 dell’art. 21 della Legge provinciale 18 agosto 1988, n. 33, vengono effettuati come segue:

1. L'Azienda Sanitaria rimborsa parzialmente le spese effettivamente sostenute e regolarmente documentate per il parto a domicilio, limitatamente all'importo che la Giunta Provinciale stabilisce annualmente.

2. Il rimborso verrà erogato subordinatamente alla verifica che:

*     la richiedente sia residente in provincia di Bolzano iscritta al Servizio Sanitario Provinciale;

*     l'ostetrica presenti una dichiarazione, secondo lo schema di seguito riportato, che il parto sia avvenuto a domicilio;

*     le prestazioni siano rese da operatori privati professionalmente idonei ad erogare l'assistenza sanitaria ostetrica;

*     le domande siano presentate entro 90 giorni dal parto, secondo lo schema di seguito riportato;

*     siano state osservate le direttive di cui alle deliberazioni della Giunta Provinciale n. 7002 del 25.11.1991, n. 2808 del 5.7.1999 e n. 2796 del 27.8.2001.

3. Entro il mese di giugno di ogni anno i responsabili delle Ripartizioni Prestazioni delle Aziende Sanitarie faranno pervenire all'Ufficio Distretti Sanitari la richiesta di rimborso dei costi sostenuti per i parti a domicilio avvenuti nell'anno precedente, con l'indicazione del numero esatto delle persone beneficiarie, rispettandone anonimato e privacy.

4. L'Ufficio Distretti Sanitari effettuerà il pagamento nel limite degli importi assegnati con deliberazione della Giunta Provinciale annualmente.

5. Nel caso in cui un'Azienda Sanitaria non utilizzi interamente i fondi a sua disposizione, il rimanente importo potrà essere utilizzato dalle altre Aziende Sanitarie, qualora venissero presentate richieste di rimborso pari ad un importo maggiore rispetto a quanto assegnato con deliberazione della Giunta Provinciale.

6. L’Ufficio Distretti Sanitari si riserva di controllare nelle rispettive Aziende Sanitarie l’effettivo numero dei beneficiari.

 
 

Antrag um teilweise Rückvergütung von Hausgeburten an den Sanitätsbetrieb ……………………

Richiesta di rimborso parziale delle spese per parto a domicilio all'Azienda Sanitaria di …………………….

Unterfertigte      
     ,
geboren am      ,
in      ,
wohnhaft in      
     ,
Personalausweis für Krankenbetreuung
Nr. ……………………………………………….

erklärt,

dass ich am      
zuhause ein Neugeborenes namens     ,
.     ,
geboren habe und  von der freiberuflichen Hebamme      
     
assistiert wurde.

La sottoscritta      
     ,
nata il      ,
a      ,
residente a      
     ,
tessera personale per l'assistenza sanitaria            n. ……………………………,

dichiara

di aver partorito a domicilio, in data      
il/la neonato/a di nome     ,
.....     
e di essere stata assistita dall’ostetrica libero-professionista      
     .

Es wird hiermit um die Rückvergütung laut Artikel 21, Absatz 3, des Landesgesetzes vom 18. August 1988, Nr. 33 angesucht.

Con la presente chiede il rimborso ai sensi dell’articolo 21, comma 3, della legge provinciale 18 agosto 1988, n. 33.

Ich bitte, den Betrag auf folgendes Bankkonto zu überweisen:

Si prega di versare l’importo sul seguente conto:

Kontoinhaber / intestatario del conto:

ABI

CAB

Bank / Banca

K/K Nr.
n. c.c.

Unterschrift

Firma

Datum

Data

Anlage: beglichene Rechnung der Hebamme

Allegato: fattura saldata dell’ostetrica


Erklärung der Hebamme

Dichiarazione dell’ostetrica

Ich Unterfertigte      
     ,
freiberufliche Hebamme,

erkläre hiermit,

dass das Neugeborene namens      
     ,
am .........................................zuhause geboren wurde.

La sottoscritta      
     ,
ostetrica libero-professionista,

dichiara

che il/la bambino/a di nome      
     ,
è nato/a domicilio in data..................................................

Weiters bestätige ich, dass die Untersuchungen gemäß Punkt D.7 der mit Beschlüsse der Landesregierung Nr. 2808 vom 5. Juli 1999 und Nr. 2796 vom 27. August 2001 genehmigten Richtlinien durchgeführt wurden.

Dichiaro inoltre che sono stati effettuati gli esami di cui al punto D.7 delle direttive approvate dalla Giunta Provinciale con le deliberazioni n. 2808 del 5 luglio 1999 e n. 2796 del 27 agosto 2001.

Anmerkungen der Hebamme      
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

Osservazioni dell’ostetrica      
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

Datum

Data

Stempel und Unterschrift

Timbro e firma