In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 21/11/2014

a) LEGGE PROVINCIALE 14 agosto 1963, n. 111)
Ordinamento speciale del Laboratorio provinciale di igiene e profilassi2

1)

Pubblicata nel B.U. 24 settembre 1963, n. 39.

CAPO I
Ordinamento e funzioni del Laboratorio

Art. 1

(1) Il Laboratorio di igiene e profilassi ha la sua sede in Bolzano ed è condotto secondo le apposite norme contenute nel Testo unico delle leggi sanitarie e nel regolamento generale approvato col R.D. 16 gennaio 1927, n. 155, nonché secondo le norme del presente ordinamento speciale.

Art. 2-3.   2)

2)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 4-17.   3)

3)

Riportati al n. XIV - C/a.

CAPO II
Personale tecnico, di preparazione, amministrativo e ausiliario del Laboratorio

Art. 18-23.   2)

2)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 24

(1) L'Amministrazione istituisce corsi di aggiornamento e di perfezionamento del personale tecnico, di preparazione e di vigilanza e agevola la partecipazione del predetto personale a corsi analoghi istituiti presso università o altri istituti pubblici specializzati (esigenze di servizio permettendo).

Art. 25-30.   2)

2)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 31

(1) Le funzioni di direttore, coadiutore e assistente del Laboratorio sono incompatibili con quelle di ufficiale sanitario, di capo degli uffici municipali di igiene e di medico condotto.

Art. 32

(1) Al personale del Laboratorio è vietato:

  • a)  applicarsi, direttamente o indirettamente, per proprio od altrui conto, a qualsiasi commercio o industria soggetti a vigilanza igienica;
  • b)  attendere, direttamente o indirettamente, per proprio o altrui conto, al funzionamento o alla gestione di Laboratori di analisi chimiche o batteriologiche;
  • c)  eseguire nella sezione cui è addetto, per proprio conto, analisi e ricerche di interesse privato;
  • d)  comunicare i risultati e le conclusioni delle analisi e delle perizie a persone estranee.

Art. 33   4)

4)

Abrogato dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 34   5)

5)

Abrogato dall'art. 9 della L.P. 31 luglio 1967, n. 11.

Art. 35   4)

4)

Abrogato dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 36

(1)  4)

(2) Agli applicati spetta provvedere all'accettazione e alla registrazione dei campioni, alla trascrizione e trasmissione dei referti, alla compilazione delle statistiche, alla tenuta degli atti e registri amministrativi e ad ogni altra funzione inerente l'ufficio.

4)

Abrogato dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 37-38.   2)

2)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 39-40.   5)

5)

Abrogato dall'art. 9 della L.P. 31 luglio 1967, n. 11.

CAPO III
Personale di vigilanza

Art. 41-44.   2)

2)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 45

(1) Per l'esercizio delle funzioni di cui all'articolo precedente sono attribuite ai vigili sanitari le facoltà spettanti per legge alle guardie giurate.

(2) Essi entrano in funzione dopo aver prestato giuramento dinanzi al Pretore e sono muniti di una tessera di riconoscimento rilasciata dal Presidente della giunta provinciale.

Art. 46

(1) I vigili sanitari, se constatano contravvenzioni alle leggi, ai regolamenti o alle ordinanze sanitarie, sono tenuti a redigere il relativo verbale e a trasmetterlo alle autorità competenti per materia.

(2) Le sostanze e gli oggetti in relazione ai quali si constata la contravvenzione saranno, se necessario, sottoposti a sequestro preventivo, chiusi e sigillati con firma del vigile e del contravventore.

(3) Se questi si rifiuti di firmare, ne sarà fatta menzione nel verbale.

Art. 47

(1) Il servizio dei vigili sanitari presso le singole sezioni è coordinato dal capo della ripartizione competente; questi compila il rapporto informativo sui vigili sanitari di cui al precedente articolo 20, sentito il parere dei direttori di sezione, ed esercita, altresì, la competenza attribuita ai capi servizio dall'articolo 77 della legge provinciale 3 luglio 1959, n. 6.

(2) Il Medico provinciale può disporre, previa intesa con i direttori di sezione, dell'opera dei vigili sanitari per i servizi di vigilanza sanitaria di competenza statale.

Art. 48   5)

5)

Abrogato dall'art. 9 della L.P. 31 luglio 1967, n. 11.

CAPO IV
Trattamento economico del personale

Art. 49-50.   2)

2)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 51

(1) Per il collocamento a riposo e il trattamento di quiescenza del personale del Laboratorio valgono le norme di cui all'articolo 119 della legge provinciale 3 luglio 1959, n. 6, e successive modifiche, ferma restando la applicazione dell'articolo 90, ultimo comma, del Testo unico delle leggi sanitarie per il personale tecnico della sezione medico-micrografica.

(2) La Provincia integra il trattamento di quiescenza in forma di pensione corrisposta al personale medico iscritto presso la Cassa pensioni sanitari fino alla misura prevista dalla Cassa pensioni dipendenti enti locali per il personale ivi iscritto con uguale anzianità di iscrizione. 6)

6)

Il comma 2 è stato aggiunto dall'art. 51 della L.P. 21 febbraio 1972, n. 4.

Art. 52

(1) I proventi da analisi e da esami fatti nell'interesse dei privati, a sensi del precedente articolo 12, sono destinati alla gestione del Laboratorio, (detratto il 50% che va devoluto mensilmente a favore del personale tecnico, del personale di preparazione, del personale amministrativo e di quello ausiliario del Laboratorio.)

(2) (3)  7)

7)

Implicitamente abrogati dall'art. 7 della L.P. 12 luglio 1974, n. 2.

CAPO V
Norme finali e transitorie

Art. 53

(1) Per quanto non è contemplato nel presente regolamento valgono le norme contenute nel Testo unico delle leggi sanitarie, approvato con R.D. 27 luglio 1934, n. 1265, nel regolamento generale per i laboratori provinciali, approvato con R.D. 16 gennaio 1927, n. 155, nell'ordinamento degli uffici e del personale della Provincia, approvato con legge provinciale 3 luglio 1959, n. 6, e successive modifiche.

Art. 54-58.   2)

2)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 59

(1) Con l'entrata in vigore della presente legge è abrogato il regolamento del Laboratorio di igiene e profilassi, attualmente in vigore, nonché i successivi provvedimenti emanati sull'ordinamento del Laboratorio.

Art. 60   5)

5)

Abrogato dall'art. 9 della L.P. 31 luglio 1967, n. 11.

Art. 61   4)

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

4)

Abrogato dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Ruolo speciale del personale del Laboratorio provinciale di igiene e profilassi 8)

8)

Sostituito dalla tabella B) allegata alla L.P. 21 febbraio 1972, n. 4.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionA Struttura dirigenziale
ActionActionB Disposizioni speciali concernenti servizi di settore
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 14 agosto 1963, n. 11
ActionActionOrdinamento e funzioni del Laboratorio
ActionActionPersonale tecnico, di preparazione, amministrativo e ausiliario del Laboratorio
ActionActionPersonale di vigilanza
ActionActionTrattamento economico del personale
ActionActionNorme finali e transitorie
ActionActiona) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 20 novembre 1968, n. 67
ActionActionb) LEGGE PROVINCIALE 29 aprile 1975, n. 22
ActionActionc) Legge provinciale 26 maggio 1976, n. 18
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 24 marzo 1977, n. 11
ActionActione) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 giugno 1978, n. 10
ActionActionf) LEGGE PROVINCIALE 30 giugno 1983, n. 20
ActionActiong) LEGGE PROVINCIALE 9 agosto 1988, n. 27
ActionActionh) LEGGE PROVINCIALE 27 ottobre 1988, n. 41
ActionActioni) Legge provinciale 19 dicembre 1995, n. 26 
ActionActionj) LEGGE PROVINCIALE 4 maggio 1988, n. 15
ActionActionj) Legge provinciale 22 maggio 1996, n. 12
ActionActionk) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 6 giugno 2001, n. 31
ActionActionl) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 5 marzo 2004, n. 8
ActionActionC Assunzione in servizio e profili professionali
ActionActionD Disposizioni generali sullo stato giuridico dei dipendenti provinciali
ActionActionE Contratti collettivi
ActionActionF Dotazioni organiche e ruoli
ActionActionG Divise di servizio
ActionActionH Cessazione dal servizio e relative provvidenze
ActionActionI Trasferimento di personale di altri enti
ActionActionJ Giunta provinciale
ActionActionK Consiglio provinciale
ActionActionL Procedimento amministrativo
ActionActionM Referendum ed elezione del Consiglio provinciale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico