In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 21/11/2014

h) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 aprile 1993, n. 121)
Regolamento sui requisiti dei bagni dei fieno

1)
Pubblicato nel B.U. 25 maggio 1993, n. 24.

Art. 1 (Origine e definizione)

(1)  La pratica dei bagni di fieno deriva da un'antica usanza introdotta e praticata dai contadini di montagna e consiste nell'utilizzo degli effetti ottenuti dalla fermentazione del fieno sulla persona.

(2)  Per i bagni di fieno devono essere utilizzati erba o fieno provenienti da prati alpini non concimati con fertilizzanti minerali né trattati con diserbanti, situati ad un'altitudine pari o superiore a 1500 metri sul livello del mare e situati ad una distanza minima di 150 metri da strade. Il fieno deve avere un contenuto minimo di cumarina di due milligrammi ogni cento grammi di sostanza secca.

(3)  Nel caso in cui vengono impiegate vasche dotate di termostato, il fieno o l'erba possono essere usati una sola volta.

Art. 2 (Locali e attrezzature)

(1)  Il bagno di fieno è praticato in strutture ricettive autorizzate in conformità alla normativa provinciale ed in particolare in esercizi agrituristici dotati almeno dei seguenti locali:

  • a)  un locale per il bagno di fieno,
  • b)  un locale per il rilassamento post-trattamento,
  • c)  due docce,
  • d)  due servizi igienici,
  • e)  due spogliatoi,
  • f)  un locale apposito per lo stoccaggio del fieno o dell' erba.

Art. 3 (Personale)

(1)  Per tutto il tempo necessario all'effettuazione del bagno, gli utenti vanno assistiti da personale opportunamente istruito.

(2) 2)

2)
L'art. 3, comma 1, è stato abrogato dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 27 giugno 2013, n. 18.

Art. 4 (Accesso degli utenti)

(1)  Eventuali controindicazioni devono essere portate a conoscenza degli utenti su apposita tabella esposta al pubblico, conforme al modello approvato dall'assessore provinciale alla sanità.

(2)  Per l'effettuazione del bagno di fieno, agli utenti deve essere fornito un apposito telo in fibra naturale.

(3)  I locali devono essere muniti di apposito presidio sanitario di pronto soccorso.

Art. 5 (Pubblicità)

(1)  La pubblicità dei bagni di fieno non può fare riferimento a benefici terapeutici e curativi.

Art. 6 (Vigilanza)

(1)  La vigilanza sull'esercizio di bagni di fieno e sui requisiti di cui al presente regolamento è esercitata dall'ufficiale sanitario del comune e dal personale del servizio per l'igiene e la sanità pubblica dell'unità sanitaria locale competente per territorio.

Art. 7 (Avvio delle attività)

(1)  Il legale rappresentante dell'azienda che intenda aprire un bagno di fieno deve dichiarare per iscritto l'intento di avviare l'attività al sindaco del comune competente per territorio, allegando la seguente documentazione:

  • a)  planimetria dei locali nei quali si effettuano i bagni e descrizione delle relative attrezzature;
  • b)  relazione sulle modalità di effettuazione del bagno ed indicazione del personale preposto all' attività di assistenza al bagno;
  • c)  dichiarazione di attenersi alla normativa che regolamenta il settore;
  • d)  indicazione della zona di provenienza del fieno o dell' erba neccessari all'attività;
  • e)  3)

(2)  Il sindaco trasmette copia della dichiarazione di cui al comma 1) all'ufficio provinciale competente in materia di igiene e sanità pubblica e alla Ripartizione provinciale Agricoltura. Il sindaco verifica l'esistenza dei presupposti dell'attività.

(3)  Nel caso in cui i locali destinati ai bagni di fieno non posseggano ancora l'idoneità sanitaria, il sindaco richiede il parere all'ufficiale sanitario. Il sindaco può altresì avvalersi dell'Ispettorato all'agricoltura per l'accertamento della qualità del fieno utilizzato.

(4)  Nel caso in cui manchino uno o più presupposti di cui al comma 2), il sindaco entro quindici giorni dalla data di inoltro della dichiarazione ne fa comunicazione all'interessato. Trascorsi quindici giorni dall'inoltro della dichiarazione senza che pervenga alcuna comunicazione da parte del sindaco, l'interessato può avviare l'attività. Il sindaco può sospendere successivamente l'attività, nel caso in cui difettino i presupposti di cui al presente regolamento.

3)
La lettera e) dell'art. 7 comma 1, è stata abrogata dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 27 giugno 2013, n. 18.

Art. 8 (Responsabilità)

(1)  Il titolare dell'azienda è responsabile della corretta applicazione del presente regolamento.

Il presente decreto sarà inviato alla Corte dei Conti per la registrazione e pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionA Servizio sanitario
ActionActionB Medicina preventiva-assistenza sanitaria
ActionActionC Igiene
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 14 agosto 1963, n. 11
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 24 dicembre 1975, n. 55
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 23 maggio 1977, n. 22
ActionActionc) LEGGE PROVINCIALE 12 agosto 1982, n. 28
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 20 gennaio 1984, n. 2
ActionActione) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 novembre 1988, n. 29
ActionActionf) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 novembre 1989, n. 29 
ActionActiong) Legge provinciale13 gennaio 1992, n. 1 
ActionActionh) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE12
ActionActionArt. 1 (Origine e definizione)
ActionActionArt. 2 (Locali e attrezzature)
ActionActionArt. 3 (Personale)
ActionActionArt. 4 (Accesso degli utenti)
ActionActionArt. 5 (Pubblicità)
ActionActionArt. 6 (Vigilanza)
ActionActionArt. 7 (Avvio delle attività)
ActionActionArt. 8 (Responsabilità)
ActionActioni) LEGGE PROVINCIALE 28 ottobre 1994, n. 10 —
ActionActionj) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 10 febbraio 1998, n. 4 —
ActionActionk) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 22 luglio 1998, n. 19
ActionActionl) Legge provinciale 3 luglio 2006, n. 6
ActionActionm) Decreto del Presidente della Provincia 15 maggio 2007, n. 33
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 13 giugno 2007, n. 37
ActionActiono) Legge provinciale 19 gennaio 2012, n. 1
ActionActionp) Decreto del Presidente della Provincia 17 dicembre 2012, n. 46
ActionActionD Piano sanitario provinciale
ActionActionE Salute mentale
ActionActionF Accordi di lavoro
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico