In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 21/11/2014

T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 48 del 12.02.2003
Procedimento per aggiudicazione di appalto pubblico - impugnabilità del verbale commissione tecnica - poteri della commissione tecnica - acquiescenza di un atto amministrativo - ricorso giurisdizionale avverso atto preparatorio immediatamente lesivo - appalti pubblici: giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo - risarcimento del danno per perdita di chance

Sentenza del 12 febbraio 2003, n. 48; Pres. Widmair, Est. Mosna
 
Il verbale di valutazione della commissione tecnica è atto endoprocedimentale, che, come tale, non necessita di impugnazione autonoma, come invece l'atto conclusivo del procedimento, che è da individuarsi nell'aggiudicazione.
 
Nelle procedure di aggiudicazione di appalti di forniture deve riconoscersi alla commissione tecnica un potere di introdurre elementi di specificazione e prevedere sottovoci delle categorie principali già definite negli atti di gara, ove ciò occorra per una più esatta valutazione delle offerte. L'esercizio di questo potere-dovere, peraltro, è soggetto ad un limite temporale ben preciso, che coincide – al fine di evitare possibili lesioni del principio della par condicio – con il momento dell'apertura delle buste contenenti le offerte: ciò anche se, al momento dell'introduzione dei c.d. sottocriteri, le buste contenenti le offerte economiche non fossero state ancora aperte, essendo sufficiente l'avvenuta apertura di quelle contenenti le offerte tecniche.
 
L'acquiescenza ad un provvedimento amministrativo sussiste solo in presenza di atti o comportamenti univoci posti liberamente in essere dal destinatario dell'atto, che dimostri la chiara ed irrefutabile volontà dello stesso di accettarne gli effetti e l'operatività. Da ciò discende che è da escludersi l'acquiescenza per mera presunzione.
 
L'impugnazione di un atto preparatorio, che abbia lesività immediata, deve essere seguita dal gravame contro l'atto conclusivo del procedimento, a meno che tra i due atti vi sia un rapporto di presupposizione con consequenzialità immediata, diretta e necessaria, nel senso che l'atto successivo si pone come inevitabile conseguenza di quello precedente, perché non vi sono nuove ed ulteriori valutazioni di interessi, nè del destinatario dell'atto presupposto, nè di altri soggetti.
 
L'attribuzione al Giudice amministrativo, in sede di giurisdizione esclusiva, delle controversie relative alle “procedure di aggiudicazione, affidamento ed esecuzione di servizi pubblici e forniture” di cui all'art. 4 L. 21 luglio 2000 n. 205, implica che il medesimo possa e debba valutare la validità del contratto successivo all'aggiudicazione, quando quest'ultima venga annullata. Invero, poiché il Giudice amministrativo è competente a giudicare tutti gli atti del procedimento mirante alla conclusione del contratto con il soggetto vincitore della gara, rientra nella sua giurisdizione anche l'esame della sorte di detto contratto, sotto il profilo del controllo della validità del consenso dell'Amministrazione, posto che questo è il risultato di una procedura viziata. Tale soluzione appare coerente con il principio della giurisdizione esclusiva nella materia di cui si tratta, principio che risponde anche all'esigenza di tutela delle parti attuata da un unico organo giudicante. Resta peraltro ferma l'esclusione della cognizione del Giudice amministrativo delle controversie relative all'esecuzione del contratto, che attengono unicamente allo svolgimento del rapporto tra l'Amministrazione e l'aggiudicatario.
 
L'invalidità del contratto conseguente all'annullamento in sede giurisdizionale dell'aggiudicazione, si configura come nullità, con effetti assai simili alla caducazione automatica del contratto, per il venir meno degli atti che ne costituiscono il necessario presupposto.
 
Il risarcimento del danno che, ai sensi della L. n. 205/2000, il Tribunale Amministrativo Regionale può disporre a tutela del ricorrente, è costituito, in via principale, dalla reintegrazione in forma specifica e solo in via degradata, ove la stessa non sia possibile o comunque eccessivamente onerosa per l'Amministrazione, dal risarcimento per equivalente, in conformità all'art. 2058 c.c.
 
In materia di procedure per l'aggiudicazione di appalti pubblici, l'applicazione della reintegrazione in forma specifica presuppone la certezza che, se l'Amministrazione non fosse incorsa nell'illegittimità censurata dal ricorrente, l'appalto avrebbe dovuto essere necessariamente aggiudicato allo stesso. Ove sia invece certo che l'Amministrazione, a seguito di nuove valutazioni tecniche, debba adottare una rideterminazione sull'esito della gara, la domanda di risarcimento fondata sulla mancata aggiudicazione va tuttavia presa in esame in relazione alla perdita della possibilità di conseguire il risultato utile invocato con l'annullamento dell'attività illegittima dell'Amministrazione, cioè la c.d. perdita di chance.
 
La risarcibilità del danno a titolo di perdita di chance è subordinata all'esistenza dei presupposti ex art. 2043 c.c. e precisamente alla condotta colposa dell'Amministrazione e al nesso causale tra questa e il danno. Qualora il danno non possa essere esattamente provato nel suo ammontare, esso va liquidato ai sensi dell'art. 1226 c.c., assumendo come parametro di valutazione il danno complessivamente considerato per la mancata aggiudicazione, diminuito di un coefficiente di riduzione proporzionato al grado di probabilità teorica di conseguirla. Tale coefficiente va stabilito in via equitativa dal Giudice, in rapporto all'ampiezza dei poteri discrezionali che residuano alla commissione tecnica dopo l'annullamento dei provvedimenti di gara.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 31 del 31.01.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 34 del 31.01.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 35 del 03.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 39 del 05.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 40 del 05.02.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 41 vom 10.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 48 del 12.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 51 del 12.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 52 del 14.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 62 del 20.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 66 del 28.02.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 76 del 10.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 77 del 11.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 95 del 17.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 96 del 17.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 107 del 17.03.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 123 del 02.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 133 del 08.04.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 150 vom 24.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 158 del 28.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 165 del 30.04.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 166 del 30.04.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 172 vom 05.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 176 del 07.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 189 del 14.05.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 194 vom 15.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 210 del 20.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 213 del 20.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 215 del 23.05.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 218 del 28.05.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 259 vom 07.06.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 251 vom 16.06.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 263 del 19.06.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 280 vom 26.06.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 297 del 04.07.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 298 del 04.07.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 306 del 14.07.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil N. 342 del 19.08.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 366 del 29.08.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 388 del 11.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 399 del 17.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 403 del 17.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 411 del 27.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 416 del 29.09.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 426 del 01.10.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 429 del 01.10.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 461 del 20.11.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 474 vom 24.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 474 del 24.11.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 475 vom 24.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 495 del 27.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 502 del 29.11.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 509 del 04.12.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 517 del 10.12.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 557 del 30.12.2003
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 375 del 01.09.2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1989
ActionActionIndice cronologico