In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 21/11/2014

Delibera N. 1036 del 31.03.2003
Criteri e modalità per la concessione e la liquidazione di contributi ai sensi dell'art. 54, comma 3 della legge provinciale 18 giugno 2002, n. 8 - Disposizioni sulle acque

Allegato

Fissazione dei criteri e modalità per la concessione e la liquidazione di contributi ai sensi dell'art. 54, comma 3 della Legge provinciale 18 giugno 2002, n. 8 - Disposizioni sulle acque

Premessa
Poichè l'O.N.U. ha dichiarato l'anno 2003 "l'anno internationale dell'acqua" nell'anno 2003 vengono erogati contributi per impianti per la raccolta e l'utilizzo delle acque meteoriche per sensibilizzare la popolazione al risparmio delle risorse idriche.
 

1. Beneficiari

Enti pubblici e privati non esercenti attività produttive.
 

2. Opere finanziabili

a) Impianti per la raccolta e l'utilizzo delle acque meteoriche: vengono finanziate solo le parti dell'impianto per l'accumulo (serbatoi), la filtrazione (filtri), il pompaggio con sistemi di regolazione (pompe) e gli accessori necessari compresa l'installazione. Sono escluse le tubazioni di adduzione e distribuzione nonché i costi per i lavori accessori come lavori di scavo e reinterro, sistemazione del terreno, ecc. La capacità del serbatoio dovrà essere scelta in rapporto alla superficie allacciata (ad es. tetto) e del fabbisogno di acqua.

I costi di progettazione e l'IVA non vengono presi in considerazione.
 
3. Procedura e priorità
Le domande devono essere presentate in carta da bollo all'Ufficio tutela ambiente, via Amba Alagi 35, Bolzano.
Le domande possono essere presentate in ogni momento, ma comunque prima dell'inizio dell'iniziativa.
La domanda deve essere corredata dalla seguente documentazione:

preventivo di spesa;

scheda tecnica sottoscritta dal richiedente;

autorizzazione del comune oppure dichiarazione del comune che un'autorizzazione non è necessaria;

Per gli interventi di cui al punto 2 a) oltre 10.000 € l'ufficio può richiedere ulteriori documenti per la valutazione (come ad esempio progetto, relazione tecnica, schema di funzionamento dell'impianto, ecc.).

L'esame delle domande viene svolta dall'Ufficio amministrativo tutela ambiente. Se necessario viene richiesto l'intervento dell'Ufficio tutela acque per una valutazione tecnica.
Domande incomplete per le quali la documentazione mancante non viene presentata entro il termine di 30 giorni non verranno prese in considerazione ed archiviate.
L'esame delle domande si svolge in ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento dei fondi previsti dalla Giunta provinciale nel programma di cui alla deliberazione 2 settembre 2002, n. 3154.
Domande di contributo, che prevedono una spesa inferiore a 1.500 Euro non vengono ammesse.
 

4. Ammontare dei contributi

Finanziamento fino al 30 % dei costi ritenuti ammissibili.
 

5. Cumulabilità dei contributi

I contributi di cui all'art. 54, comma 3 della legge provinciale n. 8/2002 sono cumulabili con quelli concessi dallo Stato o con altre provvidenze provinciali nella misura massima di cui al punto 4.
 
6. Liquidazione dei contributi
La liquidazione dei contributi avviene dietro presentazione di fatture in originale, che devono recare una data posteriore alla data di presentazione della domanda di contributo.
 
7. Controlli
L'ufficio amministrativo tutela ambiente effettuerà controlli a campione ad almeno il 6% delle iniziative finanziate. Le iniziative finanziate da controllare verranno estratte a sorte tra tutti i contributi liquidati nell'anno precedente. Il sorteggio verrà effettuato da una commissione composta dal direttore di ripartizione, dal direttore d'ufficio e da un impiegata dell'ufficio amministrativo tutela ambiente. Se necessario l'ufficio potrà avvalersi della collaborazione di altri uffici dell'Agenzia per l'ambiente. I controlli potranno avere luogo tramite appositi sopraluoghi o tramite richiesta di specifica documentazione.
indice