In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 21/11/2014

Delibera N. 531 del 01.03.2004
Modalità dei controlli a campione sulla liquidazione di agevolazioni economiche nei settori della caccia e della pesca

…omissis…

 

1) I controlli ai sensi dell'articolo 2, terzo comma, della L.P. 22 ottobre 1993, n. 17, non trovano applicazione con riguardo agli interventi di cui agli artt. 37 e 38 della L.P. 17 luglio 1987, n. 14, in quanto sia l'ammontare dei danni da selvaggina alle colture agricolo-forestali ed al bestiame quale base per l'indennizzo sia il funzionamento degli impianti antiselvaggina sovvenzionati vengono accertati sempre rispettivamente da dipendenti provinciali e da guardie giurate particolari. Inoltre i controlli in questione non trovano applicazione per le attività volte  al miglioramento del patrimonio ittico ed eseguite tramite  semine la cui realizzazione è sempre  verificata  da apposito verbale redatto da un pubblico ufficiale.

2) Nei casi indicati nel precedente punto 1) controlli a campione non sono necessari, in quanto le verifiche tecniche amministrative già garantite sono da ritenersi efficaci, pertinenti, funzionali ed esaurienti.

3) In caso di contributi per la realizzazione e gestione rispettivamente di centri di recupero dell'avifauna e di pescicolture nonché di altri sussidi nel settore ittico-venatorio ogni secondo anno vengono eseguiti controlli a campione  nella misura minima del 6% delle iniziative agevolate e comunque sempre su almeno un beneficiario.

4) Un gruppo di lavoro composto dal direttore di ripartizione e da due dipendenti dell'ufficio caccia e pesca ogni secondo anno, secondo il principio di casualità, effettua una estrazione a campione fra le istanze di contributo di cui al punto 3) ammesse a finanziamento nel relativo biennio  e da sottoporre a controllo.

5) I controlli amministrativi e sul luogo sono eseguiti da funzionari dell'ufficio caccia e pesca. Ove ritiene necessario tale ufficio può avvalersi di guardie giurate addette alla vigilanza ittica e venatoria.

6) Il presente provvedimento viene pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione.